La durata del contratto tempo determinato non può superare i 36 mesi. 

Possiamo rinnovare il contratto a tempo determinato?

Possono essere assunti con contratto a tempo determinato le seguenti figure professionali di settore: i dirigenti, gli iscritti a liste di mobilità, i disabili, e i lavoratori del turismo. 

Scopriamo i dettagli in materia di assunzioni per i vari settori

Una copia del contratto deve essere consegnata al lavoratore entro cinque giorni dall'inizio del rapporto di lavoro.
È consentita l'assunzione a termine anche di quadri dirigenziali, purché la durata del contratto a tempo determinato non superi i cinque anni. Non possono essere previsti limiti che siano conclusi:

  • per una durata non superiore ai 7 mesi;
  • nella fase di avvio di nuove attività;
  • per ragioni di carattere sostitutivo;
  • per l'intensificazione dell'attività lavorativa in alcuni periodi;
  • nel settore dello spettacolo;
  • per l'esecuzione di un'opera o di un servizio definiti o predeterminati nel tempo;
  • al termine di un periodo di tirocinio;
  • per l'assunzione di lavoratori di età superiore a 55 anni

La durata del contratto a tempo determinato nei dettagli per ogni figura professionale

La durata massima di un eventuale contratto a tempo determinato viene apposta sul contratto stabilito tra il datore di lavoro e il dipendente. In ogni caso, la durata massima di questa tipologia contrattuale è fissata in 12 mesi, termine fissato dal decreto legge 87/2018 diventato la legge 96/2018. Questa durata di un anno può essere alzata fino a 24 mesi soltanto qualora ci siano condizioni specifiche:

  • esigenze straordinarie;
  • la necessità di sostituire un altro dipendente;
  • l’esigenza di incrementare temporaneamente l’attività lavorativa ordinaria.

Nel caso in cui, invece, si intenda rinnovare il contratto, tra il primo e il secondo rinnovo devono essere rispettate delle tempistiche ben precise, a meno che non si voglia rischiare di incorrere in multe molto pesanti.
Questi intervalli di tempo sono i seguenti:

  • 10 giorni se il primo contratto durava meno di 6 mesi;
  • 20 giorni se il primo contratto durava più di 6 mesi.

Inoltre, il datore di lavoro deve necessariamente rispettare un limite degli assunti a tempo determinato, che corrisponde a una certa soglia percentuale calcolata sul resto dei lavoratori a tempo indeterminato, pena sanzioni economiche, stabilite dal Decreto Legge 34/2014. I contratti a tempo determinato che possono essere stipulati in un’azienda sul mercato, quindi, non può superare il 20% delle figure professionali assunti a tempo indeterminato nel corso dell’anno di assunzione. Naturalmente questa soglia non vale nel caso di assunzioni mirate a sostituzioni, contratti stagionali e collettivi e in altre circostanze specifiche stabilite dalla medesima normativa di riferimento.

Una volta che il contratto a tempo determinato scade cosa succede? Potrebbe risolversi definitivamente oppure trasformarsi in un’assunzionevera e propria. Ad esempio, se una volta scaduto il contratto il lavoratore continua a lavorare per altri 30 giorni – se il suo contratto durava meno di 6 mesi – o per altri 50 giorni – se il contratto durava più di 60 giorni – il datore di lavoro dovrà pagare al dipendente una maggiorazione per ogni giorno in più in cui il rapporto lavorativo è effettivamente proseguito di una percentuale stabilita. I giorni fino al decimo dalla scadenza del contratto prevedono una maggiorazione retributiva del 20% e quelli ulteriori fino al 40%.

Se poi, questo limite temporale dei 30 o 50 giorni viene ulteriormente superato, il contratto a tempo determinato si trasforma di legge in un rapporto di lavoro a tempo indeterminato a tutti gli effetti. È bene sapere, inoltre, che la proroga si può mettere in atto fino a un massimo di quattro volte, dalla quinta proroga il contratto diventa automaticamente a tempo indeterminato.

Ipotesi in cui non è permesso stipulare l'accordo: leggi del mercato del lavoro

contratto a tempo determinato

Negli ultimi anni i contratti a tempo determinato si sono ampiamente diffusi ed è per questo che la legge ha dovuto analizzare e regolamentare questo tipo di accordo tra le parti in maniera tale che entrambe risultino tutelate in ogni situazione, dalla più semplice alla più complessa.
Una cosa importante da sapere, sia che siate dalla parte di chi assume, sia di chi viene assunto, è che vi sono situazioni in cui la legge vieta assolutamente che venga stipulato un contratto a tempo determinato in relazione sia alle esigenze che riguardano la tutela del mercato del lavoro, sia alla necessità di evitare comportamenti scorretti da parte del datore di lavoro.
Le situazioni cui facciamo riferimento ovvero quelle in cui non è ammesso l’inserimento del termine nel contrattosono le seguenti:

  • Qualora ci si trovi davanti a lavoratori che esercitano il diritto di sciopero;
  • Quando ci si riferisce ad unità produttive in cui, nei sei mesi precedenti, sono stati effettuati dei licenziamenti collettivi che hanno riguardato lavoratori con le stesse mansioni cui fa riferimento il contratto a tempo determinato, a meno che questo tipo di contratto non sia stato scelto allo scopo di provvedere all’assunzione di lavoratori iscritti nelle liste di mobilità, all’assunzione di lavoratori non presenti o pure abbia una durata iniziale inferiore o uguale ai tre mesi;
  • Quando si ha a che fare con datori di lavoro che non sono stati in grado di valutare i rischi relativi alla salute e alla sicurezza dei lavoratori, sottovalutando le norme relative a questo campo.

Infine è necessario comprendere che, nel caso in cui venga violato il divieto di contratto, questo si trasforma automaticamente in contratto a tempo indeterminato.

Un vantaggio: la precedenza nelle assunzioni in azienda per il contratto a tempo determinato

contratto a tempo determinato

Il lavoratore che presta attività presso la medesima azienda per un periodo che supera i sei mesi sotto un contratto a tempo determinato, secondo la legge ha diritto di precedenze nelle prossime assunzioni a tempo indeterminato che il datore di lavoro intende realizzare entro i dodici mesi successivi, naturalmente nella mansione già esercitata dal lavoratore.
Tale diritto di precedenza deve risultare espressamente all’interno del contratto a tempo determinato e può essere esercitato se e solo se il lavoratore metta per iscritto la propria volontà di essere assunto entro i sei mesi dalla data di termine del rapporto lavorativo, trascorso un anno dalla data di fine rapporto, scade il diritto di precedenza del lavoratore.

 

Potrebbe interessarti

Requisiti per aprire un asilo nido: conosci le normative al riguardo?

aprire un asilo nido

Aprire un asilo nido? Oggi l'iter burocratico per aprire quest'attività è abbastanza chiaro e significa l'inizio di una attività imprenditoriale a tutti gli effetti. In primis è bene considerare la domanda per tale tipo di servizio. Oggi in Italia si registrano più di 3000 asili nido pubblici, oltre alcune centinaia di strutture per l'infanzia convenzionate; ciò nonostante sono numerosi i bimbi sotto ai 3 anni esclusi dalla graduatoria dagli asili nido pubblici.

Permesso parentale: tutte le informazioni di cui hai bisogno

Permesso parentale

Il permesso parentale è un diritto che viene dato ad entrambi i genitori per ogni bimbo. Si tratta in definitiva della possibilità di astenersi dal lavoro.

Tirocini formativi attivi: scopri i requisiti e le prove di esame

Tirocini formativi attivi

La riforma d'insegnamento voluta dal Ministro Gelmini, prevede i Tirocini Formativi Attivi (TFA), utili a ottenere l'abilitazione all'insegnamento, che sarà a numero chiuso accedendovi mediante un concorso nazionale. Scopriamo cosa sono attraverso questo approfondimento.

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

I più condivisi

Lo stipendio di una Commessa: il contratto, la retribuzione, le offerte online

Lo stipendio di una Commessa

Il lavoro di commessa è sicuramente uno dei più difficili. Non serve una formazione di studi particolare per essere assunta, ma contano molto la personalità e la predisposizione ai rapporti interpersonali. Questo lavoro può diventare anche stagionale magari per determinati periodi dell’anno, come può essere sotto le feste natalizie o in periodi di saldi.

Noleggio auto a lungo termine per partita IVA: vantaggi e come funziona

auto-mercedes.jpg

La formula del noleggio auto a lungo termine, alternativa virtuosa sia all’acquisto di una vettura che al leasing, è sempre più apprezzata da un pubblico trasversale. Che è composto sia da privati che da aziende e professionisti titolari di una partita IVA. Questi ultimi in modo particolare possono beneficiare di una serie di opportunità (clicca qui), utili a supportare lo sviluppo armonico del business e a incrementare l’autorevolezza nei confronti dei diretti competitor. I tempi del contratto? In genere si va da un minimo di 24 a un massimo di 60 mesi.

Diventare pilota di linea in Italia: licenze, scuole e requisiti

diventare pilota di linea

Alzi la mano chi, almeno una volta, da piccolo non ha sognato di diventare pilota di linea! Certo, magari stregati da qualche film il nostro sogno si focalizzava sull'essere piloti di caccia militari, capaci di escursioni spericolate come quelle di Tom Cruise in "Top Gun", ma ora non sottilizziamo troppo: in fondo, che si tratti di diventare piloti di un F14 Tomcat, oppure di un aereo di linea come il tecnologico Boeing 787, il sogno è lo stesso, e avere l'abilità di pilotare un aereo è un desiderio umanissimo, visto che volare è da sempre una delle massime aspirazioni umane. 

Leggi anche...

Lavorare nel cinema: scopri tutte le opportunità!

Al giorno d'oggi sono tantissimi i giovani che desiderano lavorare nel mondo del cinema ed entrare a far parte di un giro che ha confidenza con la macchina cinematografica (a pieno titolo).

Leggi anche...

Cassa integrazione: ecco come funziona davvero. Scoprilo con noi

Immagine esemplificativa di soldi della cassa integrazione

La cassa integrazione è un intervento dello Stato richiesto dalle aziende o dalle società che hanno gravi difficoltà finanziare e si concede per un periodo di tempo limitato. Il fine della cassa integrazione è quello di aiutare il titolare dell'azienda a risanare la sua situazione economica, in maniera da evitare la chiusura dell’attività e una conseguente perdita del lavoro, di coloro che avevano impiego nell’azienda. Esistono 2 differenti tipi di cassa integrazione, l'ordinaria e la straordinaria.