Gli incentivi ai dipendenti aiutano a tenere alta la motivazione nel posto di lavoro, che rappresenta  uno fra i fattori determinanti per il buon successo di un progetto e di una impresa; per questo motivo, in questi ultimi anni, stiamo assistendo ad un incremento di questa pratica da parte di numerose aziende, che ne hanno capito l'importanza.

La visione imprenditoriale è finalmente mutata, e sempre più attività riconoscono l'uomo come l'elemento che ha bisogno di maggiore tutela all'interno dell'ambiente lavorativo. Negli ultimi mesi, in Italia sta tornando di moda il concetto del merito legato ad un aumento della produttività di cui andrebbe a beneficiarne il dipendente, premiato per la sua capacità nel posto di lavoro.

Perché premiare i lavoratori con dei benefit

Per fare in modo che la produttività aumenti, molte imprese hanno trovato necessario migliorare la vita lavorativa del proprio personale, studiando una serie di incentivi di nuova generazione. Si tratta di una serie di pacchetti che forniscono vantaggi non solo ai lavoratori stessi, ma anche alle aziende. Infatti l'azienda può pianificare degli interventi sugli incentivi ai dipendenti mirati, controllandone anche il peso sul budget interno e verificandone il reale successo.

I vantaggi nel dare gli incentivi ai dipendenti

Immagine esemplificativa di benefit aziendali

Grazie a questa serie di incentivi, il lavoratore sarà maggiormente stimolato: da una parte non ci saranno più problemi di malcontenti nei confronti della dirigenza, dall'altro la produttività ne guadagna. Ad esempio, l'azienda Airbnb offre ai propri dipendenti una serie di incentivi che consistono in un buono pari a 2mila dollari da utilizzare per le attività turistiche.
ncentivi messi a disposizione da questa azienda, oltre a veri e propri premi produzione, esistono anche dei particolari "permessi" come ad esempio la possibilità di portare gli animali in ufficio, o frequentare gratuitamente un corso yoga.

Gli incentivi ai dipendenti delle aziende più affermate

Altri esempi interessanti di incentivi da parte delle aziende, vengono dalla mitica Johnson & Johnson che offre un servizio di manutenzione dell'automobile e porta ai dipendenti la spesa a casa. Ask.com, invece, offre incentivi molto graditi: si tratta di un piano ferie molto tollerante, dando la possibilità, entro naturalmente certi limiti, di godere le vacanze nel periodo ritenuto più opportuno dai dipendenti.

Le strategie più affermate

La Miller ha un piano di incentivi molto particolare: nelle aree dell'edificio esistono erogatori che permettono di rifornirsi gratuitamente di ben 13 diverse tipologie di birra alla spina. Le multinazionali informatiche come Google, Facebook, Dropbox, danno a disposizione aree per giocare e fare sport, musica in filodiffusione, e bonus che vanno ai neo-genitori. Inoltre le mense sono a carico dell'azienda.

Sul piano dei regali a impiegati, clienti e partner commerciali, sono numerose le aziende, come la Apple, che prevedono convenzioni particolari in questo settore, tanto da averne fatto un vero e proprio business.

I profitti derivati dagli incentivi

Grazie a questa politica di incentivi ai dipendenti, le aziende vedono i profitti aumentare proprio grazie a un trattamento privilegiato che i lavoratori sentono di ricevere durante la giornata trascorsa per favorire il successo dell'impresa.

Il caso di Roma: il salario accessorio

Gli incentivi ai dipendenti si possono tradurre anche nella parola chiave salario accessorio, che soprattutto a Roma ha innescato molte polemiche. Il Sindaco Marino ha intavolato una trattativa con le parti sindacali per ridiscutere il contratto eliminando quegli emolumenti a pioggia che stridevano con il raggiungimento di taluni obiettivi. Il Mef, Ministero dell’Economia e delle Finanze, già si era fatto sentire con le precedenti amministrazioni capitoline per risolvere questa delicata questione che sembra aver trovato un felice epilogo. La trattativa tra Comune di Roma e sindacati sembra aver preso la via giusta per quanto riguarda gli stipendi dei dipendenti comunali. Sarà aggiornato il contratto per quanto concerne la parte accessoria, legata sempre più ad obiettivi e reali miglioramenti della produttività. Il Comune di Roma ha ribadito che non saranno tagliati gli stipendi dei dipendenti e che il fondo sarà composto da 148 milioni di euro per l’anno 2014. Si stanno vagliando diverse strade per migliorare la produttività: orario più flessibile per aumentare i servizi ai cittadini, aumento di tre ore per le maestre e più presenza in strada dei vigili urbani (a discapito dell’attività negli uffici). Il Comune di Roma punta a trovare un accordo con i sindacati seguendo questo percorso altrimenti continuerà il suo cammino da solo.

Gli incentivi e il merito

La tematica degli incentivi può chiamare in causa il capitolo del merito, che recentemente sta tornando alla ribalta. E’ vero che spesso alcuni esponenti politici hanno abusato di questo termine in un Paese dove il merito è stato surclassato dalla chiamata diretta, dall’assunzione per raccomandazione e dall’importanza di avere “amicizie” o “canali giusti” per avere un lavoro. Il concetto del merito è stato ribadito con forza dal Premier Renzi che ha illustrato la recente riforma della scuola, che punterebbe a valorizzare il merito degli insegnanti a discapito degli scatti di anzianità. Il premio al merito equivarrebbe in questo progetto a una busta paga più alta per i docenti. La speranza è che dopo le parole seguano i fatti: il merito deve essere un caposaldo del sistema lavoro, per evitare storture e premiare davvero chi è capace, onesto e ha voglia di lavorare.

Potrebbe interessarti

Ispettorato del lavoro a Roma: ecco l'indirizzo e le funzioni

Ispettorato del lavoro a Roma

Il compito del Servizio Ispezione del Lavoro della Direzione Territoriale del Lavoro di Roma (ex ispettorato del lavoro di Roma) è anche quello di verificare, intervenire su eventuali violazioni in campo lavorativo e svolgere attività di conciliazione e consulenza.

Contratto a tempo determinato: informazioni su durata e proroga

Immagine d'esempio usata nell'articolo Il contratto a tempo determinato: durata e proroga

Tra le cose da valutare quando si cerca un lavoro, è importante in primis informarsi sulla miriade di contratti di lavoro possibili e previsti dalla Legge italiana, al fine di conoscere e sapere cosa si andrà a firmare e se la tipologia contrattuale sia la più consona alle proprie esigenze.

Pensione sociale: requisiti. Come funziona il tutto?

Immagine esemplificativa dell'assistente sociale grazie alla quale si potrà ottenere la pensione sociale

La pensione sociale corrispondeva all’impegno dello Stato di garantire un sostegno economico ai cittadini che necessitavano di mezzi concreti per la sopravvivenza. Non richiedeva requisiti assicurativi o contributivi. La pensione è stata riconosciuta (in base ai requisiti) ai cittadini che ne hanno fatto domanda entro il 1995.

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

I più condivisi

Pensione per parasubordinati e autonomi: vediamo a chi spetta

Pensione parasubordinati e autonomi: vediamo a chi spetta

Con la legge n.98 del 26 luglio 2010, anche i parasubordinati, gli autonomi occasionali, i lavoratori con contratti co.co.co. e gli associati in partecipazione, possono richiedere la pensione all'Inps; che ha creato gestioni separate (Legge 8 agosto 1995 n. 335) apposite per regolare tali categorie di lavoratori.

Nuovi impieghi “ecosostenibili” per professionisti: l'evoluzione del mercato

L'ecosostenibilità e in generale le energie rinnovabili sono un tema molto caldo sia da un punto di vista ideologico sia lavorativo. Le figure professionali che vengono assorbite oggi in questo settore sono molto più varie rispetto al passato e richiedono competenze sempre più specifiche.

Metodologia ABA: ecco in cosa consiste e come perfezionarsi

Perfezionarsi nella metodologia aba

Il corso di perfezionamento di Metodologia ABA, erogato da ICOTEA, ha come obiettivo quello di approfondire e fornire gli strumenti per l’applicazione di tale metodo in vari contesti sociali, educativi e di sviluppo. Il metodo ABA è composto da tecniche che si basano sull’uso dei principi relativi alla Scienza del Comportamento con il fine di cambiare delle condotte non proprio adeguate o di imparare nuove abilità.

Leggi anche...

Calcolo ISEE online: ecco come procedere per non sbagliare

Calcolo ISEE online

L’acronimo ISEE significa "Indicatore di Situazione Economica Equivalente". Con il calcolo ISEE si definisce la condizione economica di un singolo o di un nucleo familiare. 

Leggi anche...

Edux: per implementare le competenze linguistiche

formazione

Implementare le competenze linguistiche è fondamentale per avere delle migliori chance nella ricerca del lavoro non solo, avere un cv vincente non può prescindere dalla conoscenza di una o più lingue straniere: per questo motivo Education First, nota ai più come EF, da anni operante nel settore della formazione linguistica dalle vacanze studio all’anno all’estero, sabato 16 gennaio a partire dalle ore 9 organizza la prima fiera digitale dedicata al comparto.

Leggi anche...

Licenziamento per il contratto a tempo indeterminato

Immagine usata per illustrare l'articolo Licenziamento per il contratto a tempo indeterminato: conosci i casi e le procedure?

Prima di parlare del licenziamento a tempo indeterminato è necessario ricordare che il contratto a tempo indeterminato è disciplinato dall'art. 2094 del Codice Civile che, all’Art. 2094.