In ambito ospedaliero esistono diverse professionalità, dal “portantino” al medico chirurgo. Per lavorare nelle aziende ospedaliere pubbliche con contratto a tempo indeterminato è necessario superare un concorso pubblico bandito dall’azienda ospedaliera stessa per poter accedere alle graduatorie.

In attesa di un concorso si può accedere tramite avvisi o concorsi con soli titoli e per contratti a tempo determinato oppure tramite uffici di collocamento o agenzie interinali (sempre contratti a termine). Per lavorare in una struttura privata è sufficiente presentare domanda all’ufficio del personale purché si abbiano i requisiti posti per l’assunzione.

Infermiere, operatore socio-sanitario o assistente familiare?

Da diversi anni, le professioni ospedaliere e di assistenza sanitaria si sono moltiplicate e hanno assunto sfumature diverse l’una dall’altra, anche se a volte risulta facile “sconfinare” tra compiti e ruoli. Dal 1991, all’infermiere è stata affiancata una figura professionale di supporto – oggi nota con il nome di operatore socio-sanitario (OSS) – con compiti prettamente assistenziali.

Ma quali sono le principali differenze tra queste due professioni?

  • La formazione: all’infermiere è richiesto un diploma di scuola superiore (5 anni) e una laurea di primo livello in scienze infermieristiche (3 anni); mentre all’OSS è sufficiente un diploma di scuola media inferiore e un corso regionale di specializzazione della durata di un anno (con un minimo di 1000 ore suddivise in 200 ore di teoria, 250 di pratica, 100 di esercitazioni e 450 ore di tirocinio).
  • La normativa: la professione di infermiere è istituita per Decreto Ministeriale n.° 739 del 1994, mentre l’OSS nasce da un accordo stato regioni (Provvedimento del 22/02/2001).
  • Le mansioni: la professione dell’infermiere è definita per legge “intellettuale” e ricopre specifiche responsabilità. L’infermiere non è più solo di supporto al medico, ma risponde – anche penalmente – nei confronti del paziente e pertanto deve saper ben delegare i compiti ai suoi assistenti. L’operatore socio-sanitario, invece, ha mansioni meramente pratiche di cura dell’igiene e assistenza di base al paziente e risponde all’infermiere.

I corsi per diventare OSS sono gratuiti e regionali. Esistono anche corsi per OSS privati a pagamento, ma che non forniscono reali garanzie di assunzione ed una formazione appropriata come da protocollo. Gli OSS possono lavorare nei centri di assistenza agli anziani, svolgere servizi a domicilio di assistenza a degenti con difficoltà motorie, operare in ambito sociale oltreché sanitario, ma non svolgere lavori da assistente familiare (colf e servizi).

Quando e perché nasce la figura dell’operatore socio sanitario?

La storia dell’istituzione dell’OSS risale al 1969, in realtà, quando con DPR 128/69 viene istituita la figura dell’Ausiliario o Portantino con mansioni puramente esecutive (pulizia degli ambienti, trasporto materiali, prestazioni manuali). Nel 1979 con il CCNL si introduce la differenza tra “addetto esclusivamente alle mansioni di pulizia” e l’Ausiliario Socio-sanitario (ASS) inquadrato nel 1° livello retributivo.

Nel 1984 (DPR 348/83) l’ASS deve essere specializzato e conseguire un attestato previo corso di addestramento (3° livello retributivo). La svolta decisiva giunge nel 1991 (D.M, 295//91) quando si introduce la figura professionale dell’Operatore Tecnico addetto all’Assistenza (OTA) con mansioni ancora più specifiche e di supporto al personale infermieristico.

Dopo molti anni, con accordo Stato-Regioni del 22 febbraio 2001, si istituisce l’Operatore Socio Sanitario (OSS) evolutosi nel gennaio 2003 in Operatore Socio-Sanitario con formazione complementare in assistenza sanitaria (OSSS).
Perché nasce questa figura professionale? Inizialmente per sopperire ad una carenza di infermieri, attualmente – con l’evoluzione anche della professione infermieristica – l’OSS ha un ruolo collaborativo.

La retribuzione del lavoratori ospedalieri

Nell’ambito della sanità pubblica un infermiere con contratto a tempo indeterminato può guadagnare dai 2000 ai 2500€ mensili (accesso per concorso); mentre lo stipendio di un OSS oscilla tra i 900€ (nelle cooperative con contratti a tempo determinato) e i 1300€ mensili (in aziende ospedaliere pubbliche – accesso per concorso).

Come scegliere la professione ospedaliera

Se non si vuole diventare medici – dove il percorso formativo e le mansioni son ben chiare in base alle varie discipline e specializzazioni mediche -, ma si desidera rimanere nell’ambito assistenziale occorre conoscere bene le proprie aspirazioni in rapporto alle mansioni specifiche spettanti all’infermiere e quelle spettanti all’OSS.

Al ruolo dell’infermiere è delegata la responsabilità del processo assistenziale in tutte le sue fasi (individuazione dei bisogni del paziente, pianificazione, gestione e valutazione del suo intervento, attribuzione dei compiti al personale di supporto).
Nella prassi comune è dimostrato che in contesti ad alta complessità assistenziale, la presenza degli OSS è minima dal momento che le prestazioni sono altamente specialistiche. In questi contesti si predilige un alto numero di infermieri e un basso numero di OSS. Al contrario, nei contesti riabilitativi, nelle case di cura per anziani e in condizioni di assistenza minima, il numero degli OSS prevale su quello degli infermieri.





Potrebbe interessarti

Pace Fiscale 2019 e condono: ecco come funzionerà

Immagine esemplificativa che rimanda alla pace fiscale

Il condono fiscale rappresenta un dispositivo di legge che si fissa l’obiettivo di andare a sanare dei comportamenti irregolari o illeciti dei contribuenti e, in particolare, riguarda gli errori fatti nelle dichiarazioni dei redditi.

Leggi tutto...

Pensione sociale: oggi sostituita dall'assegno

Immagine esemplificativa dell'assistente sociale grazie alla quale si potrà ottenere la pensione sociale

La pensione sociale corrispondeva all’impegno dello Stato di garantire un sostegno economico ai cittadini che necessitavano di mezzi concreti per la sopravvivenza. Non richiedeva requisiti assicurativi o contributivi. La pensione è stata riconosciuta (in base ai requisiti) ai cittadini che ne hanno fatto domanda entro il 1995.

Leggi tutto...

Contratto a progetto: le caratteristiche

firmare un contratto a progetto

Il contratto a progetto (co.co.pro.) sono anche detti contratti di collaborazione per programma e sono una tipologia di contratto di lavoro disciplinata dal D. Lgs. n. 276/2003, c.d. Legge Biagi. I co.co.pro. definiscono il lavoratore non come un dipendente, ma un collaboratore autonomo.

Leggi tutto...

Compilazione della busta paga: gli elementi da indicare sul cedolino

Nella compilazione della busta paga, l’intestazione dei dati dell’azienda e l’intestazione dei dati del lavoratore, la posizione INPS e la posizione INAIL, dovranno essere riportati nella parte superiore o testa del documento.

Leggi tutto...

Esclusione per gli studi di settore

Gli studi di settore sono strumenti statistici realizzati in funzione dei diversi fattori economici riguardanti l’attività di alcune categorie di lavoratori autonomi. 

Leggi tutto...

Offerta del giorno su Amazon

I più condivisi

Parliamo di Flat Tax: ecco che cos’è e come funziona!

La Flat Tax rappresenta un sistema fiscale che è caratterizzato da una, non progressiva, aliquota fissa. Essa trova applicazione in una proposta contenuta nel contratto di Governo fra M5s e Lega ed include due aliquote, di cui del 15 e del 20% per quanto riguarda i redditi da lavoro di persone fisiche, famiglie e Partite IVA; ed una, invece, fissa destinata alle imprese che reinvestono i loro utili del 15 + 5%. Inoltre, è previsto un sistema di detrazioni e deduzioni atto a garantire la progressività delle imposte.

Leggi tutto...

Buonuscita per il licenziamento: chi ne ha diritto?

Definita anche “trattamento di fine rapporto” (o TFR), la buonuscita per il licenziamento è una retribuzione alla quale ha diritto il lavoratore dipendente alla fine della prestazione lavorativa, a prescindere dalla sua ragione.

Leggi tutto...

Ccnl chimici: il contratto di lavoro per il settore chimico-farmaeutico

Il Ccnl per i chimici – contratto collettivo nazionale del lavoro per il settore chimico-farmaceutico – è presente in Italia per ogni categoria lavorativa e aiuta a delineare i rapporti di lavoro tra il datore e il lavoratore stesso, nonché le dinamiche legate alle attività da svolgere con annesse modalità contrattuali e di retribuzione.

Leggi tutto...

Ufficio di collocamento a Milano: iscrizione al centro per l'impiego

Il centro per l'impiego (CPI) è l'ufficio pubblico con cui le Province si gestiscono, controllano il mercato del lavoro al livello locale. Eroga e promuove, inoltre, offerte lavorative delle aziende pubbliche e private, mettendo in contatto domanda e offerta in un mercato sempre più ramificato e complesso.

Leggi tutto...

Lavoro cameriere: tutto ciò che c'è da sapere

Se non avete paura di turni piuttosto lunghi e vi piace stare in mezzo alla confusione e alla gente, allora troverete di vostro gradimento l'articolo che presentiamo oggi.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Offerte di lavoro Marche: sai come trovarle?

in cerca di lavoro nella marche

Ampliamo la nostra sezione dedicata alle offerte di lavoro sul territorio nazionale, regione per regione. In questa pagina suggeriamo alcuni dei link utili per chi è interessato alle offerte di lavoro Marche.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Licenziamento per giusta causa: quali sono gli estremi?

Immagine esemplificativa di licenzoamento per giusta causa

L’articolo 2119 del Codice Civile dice che il licenziamento per giusta causa avviene quando mancano i presupposti per la continuazione del rapporto di lavoro.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Lavoro interinale: normativa e giurisprudenza

contratto di lavoro interinale

Le Agenzie per il lavoro sono imprese private dedicate alla somministrazione di lavoro interinale, ovvero prestazioni lavorative di carattere temporaneo. Questa tipologia è stata introdotta in Italia nel 1977; la normativa per il lavoro interinale ha subito svariate modifiche sino alla cosiddetta Legge Biagi . La L. 30/2003, inoltre, è quella che autorizza proprio queste agenzie.

Leggi tutto...
Go to Top