L’agenzia di comunicazione è anche definita centro media ed è un intermediario tra impresa e media ed ha il compito di ideare, ottimizzare e monitorare il media planning dell’impresa o dell’istituzione.

Il lavoro dell’agenzia di questo tipo è complesso e segue il processo di comunicazione di un’azienda o di un’istituzione durante tutte le sue fasi.

La strategia delle agenzie di comunicazione

Il cliente infatti è seguito a partire dalla fase di strategia nella quale si definisce e si identifica, attraverso l’analisi di mercato, il target di riferimento; allo scopo di stabilire i mezzi di comunicazione più efficaci per il target. Al contempo essa si occupa di analizzare diversi mezzi di comunicazione e valutare l’audience e i presunti obiettivi dei singoli veicoli.

Una campagna di comunicazione, infatti, è efficace solo e soltanto se raggiunge il target del prodotto di cui sta parlando. Non è corretto inviare il messaggio a tutti i destinatari possibili perché, se è sostenibile la possibilità che questo raggiunga anche milioni di persone (si pensi ad una pubblicità in televisione: viene vista da una moltitudine di utenti), non è assolutamente garantito il passaggio da “ricevente del messaggio” ad “acquirente del prodotto”. Una corretta strategia punta, al contrario, ad un tasso di conversione più vicino al 100% possibile.

È per questo che il lavoro del Centro Media è diviso in due fasi - una di analisi e una creativa – ed entrambe sono perfettamente complementari per questa ragione: la fase di studio stabilisce qual è il target e i media di riferimento, quella creativa, invece, come sfruttare le loro connessioni nel migliore dei modi.

Una campagna pubblicitaria parte, infatti, da un brief che è un documento che sintetizza le richieste del cliente dell'agenzia e trae nel prime conclusioni dopo una prima ricerca di mercato. Questo documento viene valutato dall'art director – la figura che si occupa della parte grafica del messaggio – e al copywriter – colui che si occupa della formulazione in parole dello stesso – che collaborano al fine di creare una pubblicità che rispecchi tutte queste premesse.
Il progetto viene valutato dal cliente, modificato e poi dato in mano ai media planner. Tramite loro, il Centro Media si occupa poi di contattare le concessionarie pubblicitarie per definire la campagna contrattando gli spazi, il posizionamento, la rotazione, il numero di uscite e i costi. Solo successivamente, dopo un’ulteriore approvazione da parte del cliente, si passa alla prenotazione dei mezzi.

La specializzazione del centro media è il contatto, per l'appunto, con i mezzi di comunicazione. Scegliere il giusto mezzo è difficile e richiede una perfetta conoscenza sia del brief sia del mercato di riferimento. Oggi più dell'80% degli investimenti pubblicitari vengono dedicati alla televisione. Tuttavia, accanto a questo colosso, si stanno iniziando a muovere grossi introiti verso il mondo web. Ma non a tutte le aziende conviene puntare sul web, come a non tutte conviene puntare sulla televisione: ogni prodotto, ogni azienda, ogni fase ha le sue differenti esigenze.

Il ruolo dell'agenzia dopo il lancio della campagna

L’agenzia continua il suo compito anche quando la campagna pubblicitaria è on air, attraverso la fase di monitoraggio. Quest’ultima consiste principalmente nel verificare che i modi, i tempi ed i risultati della campagna corrispondano a quanto pianificato a monte con la concessionaria pubblicitaria. Inoltre l’agenzia di comunicazione si occupa della gestione del processo amministrativo con gli editori/concessionarie (fatturazione, sconti, pagamenti, ecc...).

L’agenzia di comunicazione fissa gli obiettivi di una campagna pubblicitaria legati ad un singolo prodotto/servizio che sono:

  • stimolare l’acquisto in modo da aumentare le vendite di un singolo prodotto o di una classe di prodotti simili;
  • la sincronizzazione della domanda o dell’offerta;
  • far conoscere un nuovo prodotto/servizio, un punto vendita o un prezzo;

Obiettivi del marketing

Gli obiettivi pubblicitari di una campagna bsata sul brand promossa dall’agenzia di comunicazione sono legati alla brand awareness dell’impresa (o dell’istituzione) e possono aver lo scopo di:

  • far conoscere l’organizzazione o il suo marchio;
  • accreditare l’organizzazione o un marchio;
  • annunciare una novità aziendale;
  • esprimere posizioni aziendali o correggere opinioni pubbliche.

Come lavorare in un centro media

Iniziamo subito col dire che la concorrenza in questo mondo è feroce: esistono moltissimi ragazzi laureati e con esperienza che tentano ogni giorno di accedere a questo mondo.
Il tipo di laurea conta poco, visto che quello che serve è saper fare il proprio lavoro.
Se si volesse individuare il candidato ideale, si dovrebbe partire da un laureato o in Scienze della Comunicazione (ma in un corso concretamente interessante, rivolto ai new media) oppure in un corso di carattere più tecnico.

La particolarità di questo mondo è infatti l'amplissimo ventaglio di skill che vengono richieste e che possono variare moltissimo da figura professionale a figura professionale. Per l'account, ovvero colui che gestisce il rapporto coi clienti, servono capacità relazionali e amministrative; per il grafico servono skill creative e l'utilizzo di programmi specifici; per il copywriter serve una buona cultura ed esperienza nella redazione di contenuto e così via.

Quanto collega i vari percorsi è l'esperienza. Per lavorare nell'ambito della Comunicazione è necessario maturare sin da subito quanta più esperienza possibile. È consigliabile, quindi, muoversi anche durante gli anni universitari, partecipando o promuovendo progetti editoriali su più fronti (quotidiani, riviste, siti web).Occorre poi specializzarsi in un campo, che sia la grafica o la scrittura; i social network o i media tradizionali.
È giusto dire che all'inizio la retribuzione sarà molto bassa, poco proporzionale al carico di lavoro: la gavetta nel settore è lunga e difficile.

Non tutte le città sono poi inclini a questo tipo di attività. È possibile trovare lavoro soprattutto nelle metropoli, ma ci sono intere aree – come il Sud, ad esempio – dove la comunicazione ha ancora un ruolo residuale, se si escludono i grandi gruppi o le istituzioni pubbliche. Un ultimo consiglio: scrivete un buon curriculum e continuate ad aggiornarvi.

Potrebbe interessarti

Concorso per Docenti: come partecipare e quali sono i requisiti

Stretta di mano dopo un concorso docenti 2018

Secondo quanto stabilito nel D. Lgs. n. 59/2017, gli aspiranti docenti di scuola secondaria devono sostenere un concorso che verrà bandito per il 2018. Per accedere, si richiedono 24 CFU ( i Crediti Formativi Universitari) nelle materie antropo-psico-pedagogiche e in metodologia e tecnologia didattica.

Ecocert INPS: ecco cos'è l'estratto conto contributivo

Ecocert INPS

Prima di riscuotere la rata della pensione, è bene controllare il suo ammontare e quello che eventualmente non quadra in merito. Un lavoratore ha la possibilità di valutare la propria posizione previdenziale servendosi dell'estratto conto contributivo.

Portale Mepa: cos'é e come funziona, una breve guida

spiegazione del portale mepa

Le pubbliche amministrazioni per poter funzionare a dovere devono ovviamente sapersi organizzare in modo strutturato, ordinato ma soprattutto in modo esauriente. I servizi che sono offerti dalle varie PA sono tantissimi ed essi si basano sulla semplice compravendita: la popolazione chiede una prestazione, un bene o un servizio e la pubblica amministrazione, mediante terzi, elargisce il tutto. 

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

I più condivisi

Art. 18 dello Statuto dei lavoratori: vi spieghiamo le modifiche

Art. 18 dello Statuto dei lavoratori

Continua il dibattito fra Governo e Parti Sociali in merito alle modifiche previste all'articolo 18 dello Statuto dei Lavoratori. Andiamo ad approfondire il tema legate a questo punto controverso.

Lavorare nella moda: passione, stile e guadagno. Ecco come

Per queste professionalità il percorso passa assolutamente attraverso corsi specifici, staccati dalle università, ma piuttosto nati da istituti e istituzioni diverse. Per citarne alcuni, il Polimoda di Firenze, l'Istituto Marangoni di Milano, l'Accademia Italiana di Arte, Moda e Design e, per finire, lo Ied. Molti dei corsi proposti offrono la possibilità di uno stage all'estero ma soprattutto conoscenze concrete e formative.

Calcola la rivalutazione del TFR: quando è prevista e come calcolarla

Scopri tutto sul tfr

Capita spesso che per motivi di vario genere si verifichi la fine del rapporto di lavoro; le cause della conclusione di un percorso lavorativo e della decisione, da parte del datore di lavoro o del lavoratore stesso, di recidere il contratto possono essere tante.

Leggi anche...

Apertura di una Partita IVA: ecco gli step obbligatori e "opzionali"

apertura di una partita iva

Chi decide di aprire la partita IVA deve considerarla né un costo né un ricavo poiché a livello fiscale i titolari di possono compensare l’imposta a debito e quella a credito.

Leggi anche...

Creare un ufficio in casa: alcuni consigli su mobili di design

Forse già lo conoscevamo o forse ci stiamo avvicinando allo smart working solo in questo periodo, resta il fatto che se il lavoro da casa sta per noi diventando una realtà sempre più tangibile, forse è meglio adeguarsi in fretta e modificare qualcosa all'interno di casa nostra per renderci il compito più semplice, comodo e proficuo.

Leggi anche...

Albo dei Mediatori Creditizi: scopri quali sono i requisiti per accedervi

Il compito dei mediatori creditizi è quello di mettere in contatto istituti di credito, come le banche e gli intermediari finanziari, con il cliente sia esso persona fisica o giuridica. Solitamente l’utente si rivolge ai mediatori creditizi al fine di ricevere un aiuto per ottenere un finanziamento, un prestito o un mutuo.