Il congedo per la maternità è obbligatorio per una serie di categorie di lavoratori dipendenti: occupate, lavoratrici a domicilio, colf, lavoratrici sospese, badanti, agricole, ecc. Tutte queste categorie di persone in possesso di determinati requisiti, possono compilare il modulo per la domanda di congedo per maternità e dunque avere la possibilità di accedere una serie di diritti, comprendenti l'indennità che possa sostituire il pagamento della normale retribuzione. Per correttezza puntualizziamo che esiste anche il congedo di paternità.

Requisiti per il congedo di maternità obbligatorio

Prima di compilare la richiesta per il congedo per maternità, bisogna verificare di essere in possesso di determinati requisiti. Ovviamente, secondo quanto previsto dall'art. 17 L. n. 1204 del 1971, è necessario che la futura mamma abbia stipulato un rapporto di lavoro che prevede la retribuzione attraverso un salario.

la domanda per il congedo di maternità obbligatoria

Casi particolari di congedo

Esistono poi una serie di casi particolari relativi soprattutto al periodo di partenza del pagamento degli indennizzi e a quello di termine, che di norma vanno dai 2 mesi precedenti alla data prevista del parto, fino a 7 mesi successivi alla data stessa.

Come compilare la domanda di congedo per le mamme?

Prima di compilare il modulo per la maternità obbligatoria, è bene conoscere cosa bisogna presentare agli uffici dell'INPS. Naturalmente, il modulo va compilato inserendo i dati anagrafici di chi effettua la domanda, e a seguire la seguente documentazione

Burocrazia a parte, diventare mamme sarà una delle più belle esperienze che vivrete. Nei lunghi 9 mesi di attesa vi consigliamo un libro pratico e divertente allo stesso tempo che vi farà svagare la mente:

Fac simile Modello

LA SOTTOSCRITTA CHIEDE

di fruire del congedo di maternità (astensione obbligatoria dal lavoro) per il previsto periodo e della relativa indennità


LA SOTTOSCRITTA DICHIARA

di essere titolare di un valido rapporto di lavoro

dal ________ Ditta _____________________________ via ____________________________________ n. _______
Città ________________________________________ matricola aziendale _________________________________
dal ________ Ditta _____________________________ via ____________________________________ n. _______
Città ________________________________________ matricola aziendale _________________________________

di essere licenziata (o dimissionaria) dal ___________

di essere utilizzata (compilare anche rigo precedente) in A.S.U.(Attività socialmente utile)/A.P.U. (Attività di pubblica
utilità) dal ___________ al ___________ (se licenziata anteriormente, compilare anche la voce precedente)

di essere sospesa dal ___________

Settore di attività:

  • Industria, Artigianato,o Terziario o Servizi (già Commercio), Credito, Assicurazioni, Servizi tributari appaltati
  • Servizi domestici e familiari
  • Cooperative (socia lavoratrice)
  • Lavoro a domicilio
  • Spettacolo a tempo indeterminato
  • Spettacolo a tempo determinato o a prestazione o a giornata, ecc.
  • Agricoltura, con contratto a tempo indeterminato
  • Agricoltura, con contratto a tempo determinato con iscrizione negli elenchi dei lavoratori agricoli del Comune di
  • __________________________ nell’anno __________ per gg. ________
  • Altro (indicare) ______________________________

con qualifica di:

  • Operaia
  • Impiegata
  • Apprendista

di essere/non essere parente (figlia, sorella, nipote) o affine (nuora o cognata) o moglie del datore di lavoro indicare il rapporto di parentela o affinità ____________________

che, pur abitando stabilmente all’indirizzo indicato al quadro A, la “residenza anagrafica” risulta nel Comune di _____________________ CAP ________ Prov. ________ Via __________________________________

Le novità introdotte dal decreto 80 per la nostra busta paga

Il Decreto Legislativo n. 80 del 15 Giugno 2015, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 144 del 24 Giugno 2015, S.O. n. 34, prevede norme che riguardano prettamente i tempi di vita e lavoro per le tutele genitoriali; è stato modificato l’articolo 32 del Testo Unico che riguarda appunto maternità e paternità e il congedo parentale.

Tale decreto prevede che le novità, siano esclusive per l’anno in corso (2015), preannunciando che sarà possibile un entrata in vigore delle vecchie norme già a partire dal 2016, salvo un possibile intervento finanziario necessario a coprire i costi riguardo la Cassa Integrazione (art. 42). Sostanziali novità ci sono anche per il cosidetto congedo di paternità, compreso il divieto del lavoro notturno per i genitori sia adottivi che affidatari.

Con il decreto 80 si estende la tutela riservata ai genitori per quel che riguarda maternità e paternità con lo scopo e l’obiettivo di tutelare i genitori e favorire la giusta conciliazione dei tempi di vita e del lavoro, applicando le normi esistenti anche ai lavoratori autonomi e a quelli parasubordinati, cercando quindi di rendere le tutele universali e più in linea con le ultime pronunce derivanti dalla Corte Costituzionale.

Di seguito dunque, le novità introdotte grazie al decreto 80:

  • Tra i primi, il congedo parentale può essere richiesto fino ai 12 anni di età del bambino, a differenza della precedente norma che prevedeva il congedo fino all’ottavo anno di vita.
  • Il lavoratore può scegliere la fruizione se giornaliera od oraria del congedo parentale, anche se manca una disciplina collettiva di un qualsiasi livello.
  • I tempi relativi alla comunicazione per quanto riguarda la richiesta della fruizione del congedo parentale sono ridotti, il preavviso al datore di lavoro deve essere dato almeno cinque giorni prima e non più quindici come lo prevedevano le vecchie norme. Il tempo di preavviso può essere ridotto a due giorni se viene chiesta la fruizione oraria.
  • Il congedo parentale e il diritto a ricevere un indennità del 30% sulla retribuzione ha un limite elevato ai 6 anni del bambino, quindi non più a 3; inoltre, dai 6 anni ai 12 anni, tale congedo non ha nessun tipo di retribuzione; per le categorie di lavoratori con un reddito particolarmente basso è prevista una retribuzione del 30% fino agli 8 anni di età del bambino.
  • il congedo di maternità può essere tranquillamente sospeso nel momento in cui il bambino viene ricoverato purché venga presentato un certificato medico idoneo alla ripresa delle attività.
  • se a causa di un parto prematuro l’astensione obbligatoria e non goduta potrò essere usufruita dalla madre anche dopo il parto, anche oltre i 5 mesi previsti dalla legge.
  • l’indennità di maternità viene data anche alle lavoratrici che risultano licenziate per colpa grave integrante giusta causa di risoluzione del rapporto di lavoro.

E’ bene specificare che le dimissioni volontarie del genitore, durante il primo anno del bambino, non prevedono nessun tipo di preavviso nei confronti del datore di lavoro.

Novità relative all’affidamento: opinioni al riguardo

Tutte le novità predisposte dal decreto 80 ovviamente sono rivolte anche ai genitori adottivi; per questa tematica, quindi le adozioni internazionali, sono state introdotte anche altre novità come ad esempio la possibilità da parte del padre di richiedere un congedo non retribuito nonostante la madre non abbia un lavoro, per permettere di partecipare alle fasi di procedura di adozioni, anche per quelle che si devono svolgere in paesi esteri.

Un altra novità riguarda l’orario di lavoro notturno, che non sarà più obbligatorio per padri e madri adottivi o affidatari nell’arco di tempo che và dai primi tre anni in cui il bambino fà ingresso nella nuova famiglia.

E per i lavoratori parasubordinati o autonomi? Come è stato trattato l’argomento di affido e di adozione? Vediamo di seguito come è stata affrontata la tematica:

  • la maternità sarà usufruibile anche dalle mamme libere professionisti dai cinque mesi, nel caso di adozione, ai tre mesi in caso di un affidamento.
  • Coloro che risultano essere iscritte alla Gestione Separata INPS, possono chiedere tranquillamente l’indennità di maternità dalla durata di cinque mesi a partire dal giorno in cui il bambino farà ingresso nella famiglia; questo può essere richiesto anche dal padre ma solo in caso di abbandono da parte della madre, in caso di morte o di grave infermità (congedo di paternità).

Insomma, il decreto 80 ha portato con se sostanziali novità relative alla maternità e alla paternità, con la speranza che siano attive anche nell’anno successivo (2016)





Potrebbe interessarti

Licenza tabaccheria: come fare per aprirla?

Quanti desiderino gestire una tabaccheria hanno bisogno della relativa licenza; grazie a questo certificato sarà quindi possibile svolgere un mestiere sicuramente ben retribuito e dotato di una notevole indipendenza.

Leggi tutto...

Esclusione per gli studi di settore

Gli studi di settore sono strumenti statistici realizzati in funzione dei diversi fattori economici riguardanti l’attività di alcune categorie di lavoratori autonomi. 

Leggi tutto...

Facoltà di Scienze Umanistiche

La Facoltà di Scienze Umanistiche mira ad offrire una formazione umanistica aggiornata con l’ausilio delle metodologie più moderne, con l'intenzione di condurre gli studenti ad attivare un occhio critico per guardare il mondo contemporaneo in tutta la sua complessità e in tutte le sue metamorfosi.

Leggi tutto...

Il contratto collettivo nazionale per i pubblici servizi

Il Contratto Collettivo Nazionale del Lavoro dei Pubblici Servizi è un documento fondamentale che definisce i rapporti lavorativi tra datori di lavoro, lavoratori e categorie sindacali che operano in questo settore.

Leggi tutto...

Master in Lingue e Master Digital: scopri la nuova offerta ICOTEA

scrizione ad un master in lingue

Il mondo del lavoro è sempre più complesso. Per questo motivo, diventa necessario farsi trovare pronti con una preparazione adeguata e, soprattutto mirata alle nuove esigenze del mercato.

Leggi tutto...

I più condivisi

Imprenditoria femminile e fondo perduto: quali sono le novità?

L’acuirsi della crisi economica e la mancanza di lavoro, hanno negli ultimi anni ingenerato un forte aumento dell’interesse dei cittadini italiani verso l’imprenditoria femminile e i finanziamenti a fondo perduto

Leggi tutto...

Come presentarsi ai colloqui di lavoro? Non solo consigli sull'abbigliamento!

Che avvenga per email o per telefono, la prima comunicazione con l'azienda costituisce il primissimo momento della valutazione del candidato. È opportuno, durante queste comunicazioni, essere esaustivi e non dimenticare tutti i dati relativi a contatti e dati anagrafici.

Leggi tutto...

Autorizzazione trattamento dati personali: dichiarazione liberatoria nel curriculum

Chi intende trovare lavoro sa benissimo che bisogna seguire un iter canonico molto importante ai fini dell'assunzione stessa. Come fare un curriculum vitae, quindi, diventa un’abilità essenziale nel mercato degli annunci. Tutti i datori di lavoro, sia che si decida di entrare nel settore pubblico oppure in ambito privato, richiedono infatti un curriculum dettagliato al candidato e possibile futuro lavoratore. 

Leggi tutto...

Aspettativa maternità: caratteristiche e novità per farne richiesta

L’aspettativa per maternità consiste in un periodo di tre mesi di aspettativa aziendale dal lavoro di cui la madre lavoratrice può fruire per assistere il figlio fino ai 3 anni di età.

Leggi tutto...

Interdizione anticipata per maternità: quanto ne sai?

quando si rimane incinta si puo richiedere l'interdizione anticipata per maternità

La lavoratrice madre ha per legge diritto ad essere tutelata durante la gravidanza e i primi anni di vita del bambino. Per la tutela della sua salute non può eseguire lavori pericolosi dall’inizio della gravidanza e fino al settimo mese di età del figlio, né lavori notturni (dalle 24 alle 6).

Leggi tutto...

Leggi anche...

Requisiti per lavorare in banca

Per coloro che sognano il posto fisso, il lavoro in banca è sicuramente un' opportunità imperdibile; sono infatti numerose le aziende del settore che in Italia vanno alla ricerca di nuovo personale.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Malattia Inps: come fare la domanda

fare domanda per la malattia

La domanda di malattia all'Inps può essere richiesta nei casi di malattie che possono limitare le capacità lavorative. I soggetti che possono presentare la domanda di indennità di malattia Inps sono gli operai e gli impiegati del settore terziario e che lavorano nel settore industriale, apprendisti, lavoratori sospesi dal lavoro, lavoratori assunti a tempo determinato o indeterminato. 

Leggi tutto...

Leggi anche...

Concorsi statali, pubblici e regionali: una guida davvero completa che non puoi perdere!

cercare concorsi pubblici

In quanti ambiscono un lavoro nel settore pubblico? Perché il tanto ambito posto fisso oggigiorno è così importante per la tranquillità lavorativa? I concorsi statali - pubblici rappresentano per molti un’occasione per accedere lavorativamente nella P.A e guadagnarsi così un contratto a tempo indeterminato.

Leggi tutto...
Go to Top