Il congedo per la maternità è obbligatorio per una serie di categorie di lavoratori dipendenti: occupate, lavoratrici a domicilio, colf, lavoratrici sospese, badanti, agricole, ecc. Tutte queste categorie di persone in possesso di determinati requisiti, possono compilare il modulo per la domanda di congedo per maternità e dunque avere la possibilità di accedere una serie di diritti, comprendenti l'indennità che possa sostituire il pagamento della normale retribuzione. Per correttezza puntualizziamo che esiste anche il congedo di paternità.

Requisiti per il congedo di maternità obbligatorio

Prima di compilare la richiesta per il congedo per maternità, bisogna verificare di essere in possesso di determinati requisiti. Ovviamente, secondo quanto previsto dall'art. 17 L. n. 1204 del 1971, è necessario che la futura mamma abbia stipulato un rapporto di lavoro che prevede la retribuzione attraverso un salario.

la domanda per il congedo di maternità obbligatoria

Casi particolari di congedo

Esistono poi una serie di casi particolari relativi soprattutto al periodo di partenza del pagamento degli indennizzi e a quello di termine, che di norma vanno dai 2 mesi precedenti alla data prevista del parto, fino a 7 mesi successivi alla data stessa.

Come compilare la domanda di congedo per le mamme?

Prima di compilare il modulo per la maternità obbligatoria, è bene conoscere cosa bisogna presentare agli uffici dell'INPS. Naturalmente, il modulo va compilato inserendo i dati anagrafici di chi effettua la domanda, e a seguire la seguente documentazione

Burocrazia a parte, diventare mamme sarà una delle più belle esperienze che vivrete. Nei lunghi 9 mesi di attesa vi consigliamo un libro pratico e divertente allo stesso tempo che vi farà svagare la mente:

Fac simile Modello

LA SOTTOSCRITTA CHIEDE

di fruire del congedo di maternità (astensione obbligatoria dal lavoro) per il previsto periodo e della relativa indennità


LA SOTTOSCRITTA DICHIARA

di essere titolare di un valido rapporto di lavoro

dal ________ Ditta _____________________________ via ____________________________________ n. _______
Città ________________________________________ matricola aziendale _________________________________
dal ________ Ditta _____________________________ via ____________________________________ n. _______
Città ________________________________________ matricola aziendale _________________________________

di essere licenziata (o dimissionaria) dal ___________

di essere utilizzata (compilare anche rigo precedente) in A.S.U.(Attività socialmente utile)/A.P.U. (Attività di pubblica
utilità) dal ___________ al ___________ (se licenziata anteriormente, compilare anche la voce precedente)

di essere sospesa dal ___________

Settore di attività:

  • Industria, Artigianato,o Terziario o Servizi (già Commercio), Credito, Assicurazioni, Servizi tributari appaltati
  • Servizi domestici e familiari
  • Cooperative (socia lavoratrice)
  • Lavoro a domicilio
  • Spettacolo a tempo indeterminato
  • Spettacolo a tempo determinato o a prestazione o a giornata, ecc.
  • Agricoltura, con contratto a tempo indeterminato
  • Agricoltura, con contratto a tempo determinato con iscrizione negli elenchi dei lavoratori agricoli del Comune di
  • __________________________ nell’anno __________ per gg. ________
  • Altro (indicare) ______________________________

con qualifica di:

  • Operaia
  • Impiegata
  • Apprendista

di essere/non essere parente (figlia, sorella, nipote) o affine (nuora o cognata) o moglie del datore di lavoro indicare il rapporto di parentela o affinità ____________________

che, pur abitando stabilmente all’indirizzo indicato al quadro A, la “residenza anagrafica” risulta nel Comune di _____________________ CAP ________ Prov. ________ Via __________________________________

Le novità introdotte dal decreto 80 per la nostra busta paga

Il Decreto Legislativo n. 80 del 15 Giugno 2015, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 144 del 24 Giugno 2015, S.O. n. 34, prevede norme che riguardano prettamente i tempi di vita e lavoro per le tutele genitoriali; è stato modificato l’articolo 32 del Testo Unico che riguarda appunto maternità e paternità e il congedo parentale.

Tale decreto prevede che le novità, siano esclusive per l’anno in corso (2015), preannunciando che sarà possibile un entrata in vigore delle vecchie norme già a partire dal 2016, salvo un possibile intervento finanziario necessario a coprire i costi riguardo la Cassa Integrazione (art. 42). Sostanziali novità ci sono anche per il cosidetto congedo di paternità, compreso il divieto del lavoro notturno per i genitori sia adottivi che affidatari.

Con il decreto 80 si estende la tutela riservata ai genitori per quel che riguarda maternità e paternità con lo scopo e l’obiettivo di tutelare i genitori e favorire la giusta conciliazione dei tempi di vita e del lavoro, applicando le normi esistenti anche ai lavoratori autonomi e a quelli parasubordinati, cercando quindi di rendere le tutele universali e più in linea con le ultime pronunce derivanti dalla Corte Costituzionale.

Di seguito dunque, le novità introdotte grazie al decreto 80:

  • Tra i primi, il congedo parentale può essere richiesto fino ai 12 anni di età del bambino, a differenza della precedente norma che prevedeva il congedo fino all’ottavo anno di vita.
  • Il lavoratore può scegliere la fruizione se giornaliera od oraria del congedo parentale, anche se manca una disciplina collettiva di un qualsiasi livello.
  • I tempi relativi alla comunicazione per quanto riguarda la richiesta della fruizione del congedo parentale sono ridotti, il preavviso al datore di lavoro deve essere dato almeno cinque giorni prima e non più quindici come lo prevedevano le vecchie norme. Il tempo di preavviso può essere ridotto a due giorni se viene chiesta la fruizione oraria.
  • Il congedo parentale e il diritto a ricevere un indennità del 30% sulla retribuzione ha un limite elevato ai 6 anni del bambino, quindi non più a 3; inoltre, dai 6 anni ai 12 anni, tale congedo non ha nessun tipo di retribuzione; per le categorie di lavoratori con un reddito particolarmente basso è prevista una retribuzione del 30% fino agli 8 anni di età del bambino.
  • il congedo di maternità può essere tranquillamente sospeso nel momento in cui il bambino viene ricoverato purché venga presentato un certificato medico idoneo alla ripresa delle attività.
  • se a causa di un parto prematuro l’astensione obbligatoria e non goduta potrò essere usufruita dalla madre anche dopo il parto, anche oltre i 5 mesi previsti dalla legge.
  • l’indennità di maternità viene data anche alle lavoratrici che risultano licenziate per colpa grave integrante giusta causa di risoluzione del rapporto di lavoro.

E’ bene specificare che le dimissioni volontarie del genitore, durante il primo anno del bambino, non prevedono nessun tipo di preavviso nei confronti del datore di lavoro.

Novità relative all’affidamento: opinioni al riguardo

Tutte le novità predisposte dal decreto 80 ovviamente sono rivolte anche ai genitori adottivi; per questa tematica, quindi le adozioni internazionali, sono state introdotte anche altre novità come ad esempio la possibilità da parte del padre di richiedere un congedo non retribuito nonostante la madre non abbia un lavoro, per permettere di partecipare alle fasi di procedura di adozioni, anche per quelle che si devono svolgere in paesi esteri.

Un altra novità riguarda l’orario di lavoro notturno, che non sarà più obbligatorio per padri e madri adottivi o affidatari nell’arco di tempo che và dai primi tre anni in cui il bambino fà ingresso nella nuova famiglia.

E per i lavoratori parasubordinati o autonomi? Come è stato trattato l’argomento di affido e di adozione? Vediamo di seguito come è stata affrontata la tematica:

  • la maternità sarà usufruibile anche dalle mamme libere professionisti dai cinque mesi, nel caso di adozione, ai tre mesi in caso di un affidamento.
  • Coloro che risultano essere iscritte alla Gestione Separata INPS, possono chiedere tranquillamente l’indennità di maternità dalla durata di cinque mesi a partire dal giorno in cui il bambino farà ingresso nella famiglia; questo può essere richiesto anche dal padre ma solo in caso di abbandono da parte della madre, in caso di morte o di grave infermità (congedo di paternità).

Insomma, il decreto 80 ha portato con se sostanziali novità relative alla maternità e alla paternità, con la speranza che siano attive anche nell’anno successivo (2016)





Potrebbe interessarti

Il contratto Co.co.pro.: tutte le caratteristiche

Il contratto co.co.pro. è nato dalla Legge Biaggi come sostituzione del contratto di collaborazione coordinata e continuativa (altrimenti detto co.co.co.).

Tirocini formativi attivi: scopri i requisiti e le prove di esame

ragazzi pronti per il tirocinio

La riforma d'insegnamento voluta dal Ministro Gelmini, prevede i Tirocini Formativi Attivi (TFA), utili a ottenere l'abilitazione all'insegnamento, che sarà a numero chiuso accedendovi mediante un concorso nazionale. Scopriamo cosa sono attraverso questo approfondimento.

Abilitazione all'Insegnamento alla scuola secondaria: dalla SSIS al TFA

Come scegliere un master di abilitazione insegnamento scuola secondaria

E' ormai un dato certo il passaggio del testimone dell'abilitazione all'insegnamento da SISS al TFA: si parla dei tirocini formativi attivi, ovvero il corso che va ad abilitare l'insegnamento nelle scuole di 1 e 2 grado. Il tirocinio annulla definitivamente le Scuole di Specializzazione dell'Insegnamento Secondario, non più funzionanti dall'anno di corso 2008/2009.

Scopri la carta ILA e come ottenerla!

La carta ILA (Individual Learning Account) è una carta di credito formativa prepagata nata per finanziare la formazione professionale. La carta è un buono utile a finanziare un iter formativo mirato e adatto alle esigenze e alle aspirazioni professionali di chi la richiede.

Perfezionarsi nella metodologia ABA

Perfezionarsi nella metodologia aba

Il corso di perfezionamento di Metodologia ABA, erogato da ICOTEA, ha come obiettivo quello di approfondire e fornire gli strumenti per l’applicazione di tale metodo in vari contesti sociali, educativi e di sviluppo. Il metodo ABA è composto da tecniche che si basano sull’uso dei principi relativi alla Scienza del Comportamento con il fine di cambiare delle condotte non proprio adeguate o di imparare nuove abilità.

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

I più condivisi

Nido aziendali: vi sveliamo quali sono i vantaggi di questi Asili

Nido aziendali: vi sveliamo quali sono i vantaggi di questi Asili

Anche nella nostra società "moderna", nella coppia la cura dei figli è affidata quasi sempre alla madre, che si trova costretta a scegliere un lavoro part-time o a rinunciare al proprio lavoro fuori casa. Per tali ragioni, sempre più spesso, le neo-mamme affidano la propria prole a nonni, famigliari o amici. Anche se a volte con non poche preoccupazioni.Durante la propria assenza, una mamma vorrebbe lasciare il proprio figlio in strutture gestite da personale specializzato particolarmente attento all’aspetto pedagogico e al rapporto con i genitori.

Outplacement individuale: conosci questo strumento di supporto al lavoro?

L'outplacement è il servizio offerto da alcune imprese autorizzate che si occupano della ricollocazione professionale dei dipendenti usciti da una azienda. Si tratta quindi di uno strumento moderno di supporto per il dipendente nel passaggio da un'azienda all'altra.

Ape Social: l’anticipo pensionistico a carico dello Stato

Imagine sull'anticipo pensionistico

La Pensione, come tutti noi ben sappiamo, è l’insieme di contributi che abbiamo versato nel corso dei decenni che ci vengono riconosciuti in parte e ci permettono nella vecchiaia di avere un sussidio economico per continuare ad avere uno stile di vita quanto meno dignitoso. 

Licenziamento per giusta causa: quali sono gli estremi?

Immagine esemplificativa di licenzoamento per giusta causa

L’articolo 2119 del Codice Civile dice che il licenziamento per giusta causa avviene quando mancano i presupposti per la continuazione del rapporto di lavoro.

Invalidità mentale INPS: scopri chi ha diritto a questa pensione

Immagine usata nell'articolo Pensione d'invalidità mentale: scopri chi ne ha diritto e per quali importi

La legge n. 222 del 12 giugno 1984, entrata in vigore il 1° luglio dello stesso anno, ha istituito il diritto alla pensione d’invalidità.

Leggi anche...

Lavoro congruo: scopriamo insieme le norme a favore dei lavoratori

La circolare del ministero del lavoro nr. 39 del 19 novembre 2010 esige, mediante l'articolo 19 del decreto legge 185/2008, l'obbligo per il lavoratore che percepisce una prestazione di sostegno al reddito di dichiararsi disponibile a una nuova attività, nota anche come lavoro congruo, oppure a un percorso di riqualificazione professionale, per percepire gli incentivi statali.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Incubatore d'impresa: supporto per nuovi imprenditori

Immagine di incubatore di impresa

L’incubatore d’impresa comprende lo spazio fisico nel quale sono offerti diversi beni o servizi a delle neo imprese locali.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Aprire asilo nido: conosci le normative al riguardo?

aprire un asilo nido

Aprire un asilo nido? Oggi l'iter burocratico per aprire quest'attività è abbastanza chiaro e significa l'inizio di una attività imprenditoriale a tutti gli effetti. In primis è bene considerare la domanda per tale tipo di servizio. Oggi in Italia si registrano più di 3000 asili nido pubblici, oltre alcune centinaia di strutture per l'infanzia convenzionate; ciò nonostante sono numerosi i bimbi sotto ai 3 anni esclusi dalla graduatoria dagli asili nido pubblici.

Leggi tutto...
Go to Top