La social card (o Carta Acquisti) prevede 40 euro al mese per un anno; funziona come una qualsiasi carta ricaricabile e viene ricaricata ogni due mesi di 80.00 euro, per un massimo di 480.00 euro.
 La domanda di ammissione alla classe di cittadini beneficiari può essere presentata direttamente alle poste.

Per avere informazioni sulla documentazione e la modulistica da presentare, si consigli di visitare o contattare il sito di Poste Italiane, dove sarà disponibili il modulo social card relativo.

Chi può beneficiare della carta acquisti?

La verifica dei beneficiari per la social card avviene tramite il modello Isee ( l’indicatore dello stato economico ); gli intestatari devono anche possedere una sola automobile e una sola abitazione. Non devono inoltre avere a proprio nome oltre il 25% di un secondo immobile.

I beneficiari che possono compilare il modulo per la Social Card saranno dunque:

  • Persone con un'età tra i 65 e i 69 anni e redditi e trattamenti pensionistici fino a 6.235,35 euro all’anno:
    • con età pari o superiore a 70 anni
    • proprietari (da soli o insieme al coniuge) di una sola casa di abitazione;
  • Famiglie con figli sotto i tre anni, cittadini e residenti in Italia (nel caso di più figli sotto i tre anni, gli accrediti si sommano):
    • proprietari e di una sola casa di abitazione;
    • titolari di una sola utenza elettrica ad uso domestico;
    • titolari di una sola utenza elettrica ad uso non domestico;
    • titolari di due utenze del gas;
    • proprietarie di al massimo due autoveicoli;
    • con un indicatore ISEE della situazione economica complessiva fino a 6.235,35 euro

La nuova forma di agevolazione

Immagine esemplificativa presente nell'articolo Modulo Social Card: tutte le informazioni in un approfondimento dedicato

Si tratta di una nuova forma di agevolazione per quelle famiglie che vertono in condizioni difficili, in disagio economico e lavorativo.
La social card di ultima generazione sarà messa a disposizione di soli 370mila cittadini: parte infatti tramite una sperimentazione ha avrà luogo, da primavera, in 12 comuni ovvero: Milano, Torino, Venezia, Verona, Genova, Bologna, Firenze, Roma, Napoli, Catania e Palemo.

Compilare il modulo e requisiti per accedere al servizio

Innanzitutto occorre sottolineare come il destinatario della carta sia l'intero nucleo famigliare e non il singolo.
La famiglia può essere composta da due elementi a crescere, ma dev'essere sempre presente un minore.

Ogni comune, poi, impone diversi requisiti patrimoniali da rispettare. Chi ha i requisiti può richiedere presso un Ufficio Postale abilitato la carta acquisti.
Questa dà diritto a una cifra mensile che va dai 231€ al mese per nuclei familiari di due persone a 404€ per famiglie composte da padre, madre e tre o più figli.

Bonus Gas

Il Bonus Gas prevede uno sconto annuo del 15% circa sulla bolletta del gas.  

Bonus elettrico per chi possiede la carta

Il 25 ottobre 2010, l’AEEG (Autorità per l’Energia ed il Gas), ha fatto presente che i possessori di social card, avranno da subito diritto al bonus automatico sulla bolletta della luce.

Il bonus verrà rinnovato automaticamente di anno in anno, a meno che l’INPS non faccia richiesta di cessazione; è differenziato in base al numero di persone residenti e viene aggiornato entro il mese di dicembre di ogni anno con l’obiettivo di garantire un risparmio, pari a circa il 20%, sulla spesa presunta, di una famiglia-tipo, per l’anno successivo.

Come richiedere la Social Card

Il modulo di domanda e le istruzioni per la compilazione si possono scaricare dal sito di Poste Italiane e la si presenta presso qualsiasi ufficio postale. Compilato il modulo in ogni sua parte, lo si consegna e nell’arco di due mesi circa – se l’esito è positivo – si riceve una comunicazione via lettera presso l’indirizzo indicato sulla domanda in cui l’ufficio postale invita il richiedente a recarvisi per ritirare la social card. Anche nel caso in cui la domanda venga rigettata, si riceverà comunicazione, ma – in questo caso, dall’INPS con le motivazioni del rigetto.

gestione della card è molto semplice e intuitiva. È possibile controllare il saldo in molti modi (sms, online o telefonicamente), oppure ogni volta che si effettua una spesa (per i beni consentiti) al supermercato o in farmacia o quando si paga una bolletta, la ricevuta dello scontrino riporta sempre il saldo rimanente e quello speso.

In caso di problemi o cattivo funzionamento della carta o per assistenza è possibile contattare il numero verde sia dell’INPS che della carta:

  • Numero verde INPS: 803.164 (per chi chiama con cellulare il numero da contattare è 06164164 a pagamento e la spesa dipende dal piano tariffario del chiamante);
  • Numero verde della card. 800.666.888 solo da telefono fisso.

La Social Card straordinaria

La card è destinata a due tipologie di utenti: gli over 65 e i genitori singoli o sposati ma con bambini di età inferiore a tre anni. È stata, tuttavia, pensata una card straordinaria per i disoccupati che nei contenuti e nelle modalità di richiesta e utilizzo è simile alla Social Card standard e può rappresentare un valido aiuto in momenti difficili di crisi economica particolare e generale.

Come fare il rinnovo della carta sociale

La social card non ha scadenza perché è correlata alla propria situazione reddituale. Infatti, nel momento in cui decadono le condizioni e i requisiti per averne diritto, non si ha più diritto all’utilizzo. Per esempio, se al momento della richiesta la condizione era di genitore single disoccupato, nel momento in cui si trova lavoro si perde il diritto al bonus di 40 € e l’INPS non provvede alla ricarica mensile. Sostanzialmente, il rinnovo dipende dalla dichiarazione ISEE. Quindi, la “scadenza” bimestrale è relativa poiché bisogna sempre fornire ogni due mesi l’aggiornamento dello stato ISEE che attesti il permanere dei requisiti necessari. Ogni due mesi, l’INPS dovrebbe inviare, infatti, una lettera con la richiesta di aggiornamento per rinnovare o meno l’erogazione del bonus.

Potrebbe interessarti

Come calcolare la pensione INPS: i criteri e l'estratto conto personale

Immagine esemplificativa di assistente sociale per calcolo pensione inps

Il calcolo pensione INPS si fa in base all'anzianità contributiva e all'età pensionabile dal lavoratore maturata al 31 dicembre 1995. I criteri per determinare la pensione INPS può essere: contributivo, retributivo o misto. Alla base di questi tre sistemi di calcolo vi è il numero di anni di contributi versati fino al 1995 e cioè più o meno di 18 anni o alcuna anzianità contributiva.

Ammortizzatore sociale: tutto sulla riforma che ha cambiato l'Italia

 ammortizzatore sociale

Per ammortizzatore sociale si intendono le misure volte al sostegno economico dei lavoratori che hanno perso il posto di lavoro. Si tratta di strumenti a cui le aziende ricorrono in momenti di crisi per provvedere al riordino e riorganizzazione della propria struttura e per ridimensionare il costo del lavoro.

Quota 100 per la Pensione: tutto sul progetto rilanciato dal M5s

Imagine esemplificativa che rimanda alla quota 100

Con il termine Quota 100 si intende la proposta diretta ad anticipare l'età pensionabile dei lavoratori che sono regolarmente iscritti ai fondi di previdenza che gestisce l'assicurazione generale obbligatoria, ovvero l’AGO; alle gestioni speciali dei lavoratori autonomi, alla gestione separata per i fondi sostitutivi e per quelli esclusivi dell'assicurazione generale obbligatoria. 

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

I più condivisi

Marcatura industriale: quali sono le sue applicazioni?

Marcatura industriale

La marcatura industriale è un sistema di identificazione univoca dei prodotti e dei componenti industriali. Questa tecnologia è fondamentale per l'industria meccanica italiana d'eccellenza. Le tipologie di marcatura industriale sono diverse ma la più innovativa e performante sul mercato attuale è sicuramente la marcatura laser.

Contributi in conto esercizio: ecco tutti i dettagli sull'argomento

contributi in conto esercizio

I contributi in conto esercizio sono erogati per facilitare i costi di gestione (personale, pubblicità, viaggi, locazioni immobiliari, oneri finanziari, ecc.), che le imprese devono sostenere per far fronte di un determinato progetto.

Requisiti per il Reddito di cittadinanza: eccoli elencati in modo chiaro

La gioia di ottenere il reddito di cittadinanza

Il reddito di cittadinanza è uno strumento di sostegno economico a favore delle famiglie che hanno il reddito inferiore alla soglia di povertà. Queste famiglie, si vedranno integrare il reddito dovuto con una specifica somma che permetterà di arrivare fino alla cifra prestabilita checambia a seconda del numero di componenti del proprio nucleo familiare.

Leggi anche...

Concorso interno: vediamo di cosa si tratta e come affrontarlo

immagine per concorso interno

La ricerca di un lavoro è spesso lunga e difficile. È necessario infatti munirsi di tanta pazienza e di buona volontà in primis per mettersi a cercare l'offerta di lavoro più adatta alle proprie competenze e agli studi precedentemente acquisiti.

Leggi anche...

Voucher lavoro occasionale: scopriamo come funzionano

giovani e lavori occasionali

In questi ultimi anni, a causa della Jobs Act attuata dal Governo Renzi, si sente sempre più spesso parlare dei cosidetti voucher lavoro occasionale, chiamati anche buoni, un particolare sistema di compenso delle prestazioni di lavoro occasionale, ossia tutte quelle attività che non superano i 7.000 euro netti nella durata dell’intero anno solare.