Con il termine di grafico si intende una figura professionale nota anche come graphic designer. In sostanza, un grafico si occupa del settore delle arti visive, ed il suo mestiere è quello di creare una serie di prodotti destinati alla comunicazione visiva, ovvero con l'obiettivo di comunicare un messaggio attraverso un mezzo che sia: la stampa, la pubblicazione cartacea, la pubblicazione elettronica.

Le offerte di lavoro per un grafico, dunque, richiedono persone competenti in materia di comunicazione per immagini: un grafico degno di questo nome deve sapere rendere gli elementi visivi di un determinato contesto altamente comunicativi e in grado di far arrivare il messaggio prefisso a destinazione.

Quali sono le caratteristiche per queste offerte?

Dunque, le aziende che pubblicano offerte di lavoro per un grafico, cercano un profilo che sia in grado di gestire la comunicazione: per questo si parla spesso di grafico pubblicitario, e rientrano in questa categoria anche esperti di architettura, fotografia, tipografia e web design. Infatti le principali società che pubblicano offerte di lavoro per un grafico sono agenzie pubblicitarie, case editrici, redazioni di giornali, riviste e web.

Una volta accettata l'offerta di lavoro, il grafico può essere integrato nell'azienda oppure collaborare come freelance.

Si tratta di un compito molto complesso, che porta il creativo a tener conto di numerosi parametri, fra i quali:

  • L’idea del prodotto da pubblicizzare
  • Il target
  • Gli strumenti da utilizzare
  • Il sistema culturale di riferimento

Per tale ragione, la formazione del pubblicitario è piuttosto vasta. Deve ovviamente conoscere gli strumenti del suo mestiere, che oggi si traducono in software altamente complessi come Photoshop ed utility informatiche di vario tipo (ad esempio, gli addons di Firefox o le estensioni di Chrome).

Una volta padroneggiati gli strumenti, per mantenere viva la sua scintilla creativa ma, al contempo, per matchare gli scopi della pubblicità, occorre che il grafico conosca i rudimenti di storia dell’arte (moderna e contemporanea), della semiotica, della geometria spaziale e operativa, delle teorie del colore e della scienza della visione e deve sapere di marketing e comunicazione multimediale.

Raramente, infatti, lavora da solo. Nella maggior parte dei casi è coadiuvato da copywriter o figure similari insieme alle quali struttura l’intera campagna pubblicitaria.
L’unità del messaggio, che dev’essere visibile anche in tutte le operazioni del grafico, è fondamentale.

Il graphic designer, però, oltre che operare in ambito pubblicitario può ampliare le prospettive di lavoro cercando lavoro presso giornali e riviste per l'impaginazione grafica di giornali e riviste, lavorare in ambito editoriale presso case editrici oppure direttamente sul web elaborando contenuti pubblicitari adatti ai formati e alle caratteristiche di internet.

Dove cercare le Offerte di lavoro per grafici migliori?

Se si ottiene una certificazione come grafico, è possibile trovare diverse offerte di lavoro sui portali online. Ad esempio, Indeed.com mette a disposizione una serie di annunci dedicati alla professione di grafico. Le offerte sono pubblicate suddivise per regione e sono a disposizione di tutti.

Un altro importante canale dove trovare le migliori offerte di lavoro come grafico pubblicitario è rappresentato da jobsjob.it. Ogni giorno su questo portale vengono pubblicate nuove opportunità rivolte ai grafici, destinate ad un pubblico proveniente da qualsiasi regione italiana.

Competenze del grafico pubblicitario

Per rispondere alle varie offerte di lavoro come grafico, il candidato deve comunque possedere una serie di competenze:

  • conoscere le principali teorie e tecniche relative alla comunicazione visiva, alla teoria della percezione e alla psicologia della forma
  • conoscere quelli che sono gli strumenti e le principali tecniche del disegno e della rappresentazione grafica
  • sapere tutto sui materiali occorrenti al mestiere
  • conoscere la storia e la cultura della progettazione grafica
  • essere esperto delle varie tecniche della grafica
  • conoscere le tecniche del colore e del suo utilizzo, le tecniche di stampa e di grafica editoriale, nonché quelle della fotografia
  • avere competenze relative gli aspetti teorico- scientifici e metodologici della disciplina

Dove pubblicare gli annunci

Offerte di lavoro per grafici

Sono sempre più numerosi i ragazzi che decidono di iscriversi ad un istituto grafico o che frequentano dei corsi professionali, dove imparare le tecniche e i trucchi del lavoro grafico. Dopo aver conseguito il diploma di scuola media superiore o aver terminato il corso, hanno tutti il desiderio di trovare un lavoro nell’ambiente grafico e quindi si mettono alla ricerca di un impiego.

I siti dove trovare Offerte di lavoro per grafici

Grazie al crescente sviluppo e utilizzo del web, sono stati realizzati alcuni siti, dove è possibile pubblicare offerte di cerco lavoro grafico. Poter accedere a questi siti, significa risparmiare tempo e fatica e poter pubblicare gli annunci di cerco lavoro grafico, direttamente da casa. I siti dove è possibile trovare offerte di lavoro e pubblicare i propri annunci, forniscono ai visitatori le competenze che sono richieste per effettuare quel genere di attività lavorativa e informazioni sulla società che offre lavoro, in modo da potersi rendere subito conto delle credenziali di chi offre e cerca un impiego. Di seguito è presente un elenco di alcuni siti internet dove pubblicare le vostre offerte di cerco lavoro grafico.

  • Trovalavoro è un portale che è stato realizzato dal Corriere della Sera, nel quale poter inserire annunci di cerco lavoro grafico e trovare diverse offerte lavorative.
  • Monster è un sito internet nel quale è possibile leggere molte proposte di lavoro e pubblicare i propri annunci. Monster inoltre permette ai suoi visitatori di conoscere tutte le novità che riguardano il mondo del lavoro.
  • Brapido è un portale nel quale è possibile visionare più di 250.000 proposte di lavoro e mettersi in contatto con numerose agenzie interinali e società importanti e affidabili.
  • Bachecalavoro invece riassume le offerte di lavoro che sono presenti in altri siti.
  • Infojobs è un portale che ospita più di 50 mila offerte di lavoro e dove è possibile pubblicare i propri annunci di cerco lavoro grafico.
  • Lavoricreativi si focalizza sugli annunci per chi lavori nella comunicazione e, ovviamente, è un’ottima risorsa per aspiranti grafici.

Gli annunci solitamente richiedono certificazioni ed esperienza. Per tale ragione, si ribadisce l’importanza di frequentare corsi professionali (che solitamente producono una certificazione ufficiale) e di fare gavetta durante gli anni di studio. Gli stage sono un’ottima opzione in tal senso, perché permettono di lavorare in un contesto professionale accanto a grafici con esperienza.
Ma anche piccoli lavori su commissione, magari ricercati sul web, possono arricchire il proprio portfolio.

E’ importante ricordare l’importanza di avere redatto un curriculum vitae, che metta in evidenza le proprie competenze e conoscenze.

Consigli utili

Di seguito sono riportati alcuni consigli che possono essere utili a chi cerca un lavoro grafico.

  • Compilare un curriculum vitae che metta in luce i propri punti di forza.
  • Il giorno del colloquio lavorativo è importante cercare di indossare un abbigliamento sobrio e mantenere la calma.
  • Durante il colloquio è bene essere propositivi e sopratutto educati e cortesi.

Lavoro grafico pubblicitario: una professione creativa

Al giorno d'oggi anche in vista della crisi lavorativa ed economica che attanaglia l'Italia sono tanti i giovani che decidono di reinventarsi proprio a partire dal lavoro.

I lavori creativi in Italia stanno infatti aumentando a vista d'occhio e sono sempre maggiori le richieste da parte dei datori di lavoro di figure professionali capaci di usare la creatività a scopi lavorativi. Con l'avvento della televisione, del cinema e dell'informatica sono poi nate nuove tipologie di lavoro per far fronte alla continua richiesta di persone valide che sappiano lavorare al meglio anche in questi settori.

I campi di applicazione sono così vastissimi come tantissime sono le possibili attività lavorative tra le quali, ad esempio, la possibilità di lavorare nel mondo dello spettacolo e della moda. “Il medium è il messaggio” affermava McLuhan; da tale presupposto nasce anche una nuova figura professionale che è quella del grafico pubblicitario.

Lavoro grafico pubblicitario: il graphic designer

Il grafico pubblicitario, detto anche graphic designer, lavora principalmente nel settore delle arti visive (pubblicità, moda, cinema e spettacolo in generale) e si occupa, come dice il nome stesso, di design grafico.

Il grafico pubblicitario deve essere in grado in primis di creare una campagna di promozione e comunicazione di un prodotto efficace e che attiri l'attenzione di chi la guarda. Il suo maggiore campo di applicazione e diffusione è legato alla visione e alla capacità di fornire un messaggio al pubblico chiaro, funzionale ed efficace.

Il graphic designer sfrutta materiale stampato oppure diffonde e lavora sul messaggio attraverso strumenti informatici. Egli può avere anche un ruolo di punta e di comando a livello progettuale, assumendo la direzione della realizzazione stessa del prodotto, dal punto di vista artistico.

Il grafico pubblicitario deve avere una preparazione precedente qualificata e deve aver frequentato corsi di laurea mirati come quelli in Architettura o i corsi promossi dallo IED (Istituto Europeo di Design). Il grafico pubblicitario può infatti essere un architetto, un web designer, un tipografo, un esperto della comunicazione e anche un fotografo professionista.

Il graphic designer può operare come freeelance oppure lavorare per agenzie pubblicitarie; dedicarsi all'impaginazione grafica di giornali e riviste; lavorare in ambito editoriale presso case editrici oppure direttamente sul web elaborando contenuti pubblicitari adatti ai formati e alle caratteristiche di internet.

Il futuro della professione nelle app per tablet

Nel mondo dei media, un graphic designer non può sottovalutare le potenzialità di lavorare con le immagini per i nuovi media (tablet, iphone, iPad, e-book). Così come il mondo dell’editoria si sta evolvendo sul digitale, anche i grafici dovranno lavorare e adattarsi ai nuovi strumenti della comunicazione e rivolgere lo sguardo non solo all’Italia, ma anche all’estero perché le immagini non hanno lingua e dimostrare la propria abilità con i giochi di luce e la creatività potenzialmente non ha confini.

Per lavorare con i new media è bene collaborare con un programmatore informatico e un altro esperto della comunicazione, vale a dire creare un team di freelance per trovare soluzioni innovative e creative attraverso il confronto e le competenze diverse.
Forse, il futuro dei grafici è nella specializzazione “estrema” del ruolo, come il “cromista”, colui che “corregge” il colore, si tratta di un ruolo di nicchia, ma molto richiesto per le produzioni editoriali di alto livello come i libri d’arte o da collezione.
Per chi è già impaginatore editoriale, vale la pena formarsi e informarsi sull’impaginazione digitale dei tablet ed evolversi nel ruolo.

Potrebbe interessarti

Nullità e annullabilità di un contratto di lavoro: sai come muoverti?

Nullità e annullabilità

Un contratto è invalido quando presenta anomalie, alterazioni, vizi di rilevante gravità, al punto che le parti non sono costrette a rispettare il regolamento che esse hanno dato a quel contratto ai propri rapporti reciproci.

Come diventare avvocato: ecco come funziona la pratica legale forense

Come diventare avvocato

Una volta laureato, il praticante deve iscriversi al Consiglio dell'Ordine degli Avvocati del tribunale di residenza. Questo primo step per iniziare la pratica legale è legato alla presentazione di alcuni documenti (certificato di nascita, residenza, cittadinanza, ecc..) fotografie, titoli di studio e quant'altro richiesto dall'Ordine degli Avvocati del territorio. 

Pensione per parasubordinati e autonomi: vediamo a chi spetta

Pensione parasubordinati e autonomi: vediamo a chi spetta

Con la legge n.98 del 26 luglio 2010, anche i parasubordinati, gli autonomi occasionali, i lavoratori con contratti co.co.co. e gli associati in partecipazione, possono richiedere la pensione all'Inps; che ha creato gestioni separate (Legge 8 agosto 1995 n. 335) apposite per regolare tali categorie di lavoratori.

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

I più condivisi

Cassa integrazione: ecco come funziona davvero. Scoprilo con noi

Immagine esemplificativa di soldi della cassa integrazione

La cassa integrazione è un intervento dello Stato richiesto dalle aziende o dalle società che hanno gravi difficoltà finanziare e si concede per un periodo di tempo limitato. Il fine della cassa integrazione è quello di aiutare il titolare dell'azienda a risanare la sua situazione economica, in maniera da evitare la chiusura dell’attività e una conseguente perdita del lavoro, di coloro che avevano impiego nell’azienda. Esistono 2 differenti tipi di cassa integrazione, l'ordinaria e la straordinaria.

Assegno di maternità: informazioni e requisiti per farne richiesta

Immagine d'esempio usata nell'articolo Assegno di maternità: informazioni e requisiti per farne richiesta

La Maternità è il momento in cui forse la burocrazia è l'ultimo dei pensieri, eppure è necessario pensare anche a quello. Probabilmente per alleggerire questi momenti una buona lettura potrebbe essere la soluzione! Ecco per i le nostre lettrici un consiglio per rendere i mesi della gravidanza più confortanti:

Diventare imprenditore agricolo: ecco come ottenere la qualifica

immagine esemplificativa su diventare imprenditore agricolo

Per il Codice Civile (ai sensi dell’art. 2135 C.C., come modificato dal D. Lgs. 228/2001), può diventare imprenditore agricolo chi esercita una o più delle seguenti attività: coltivazione del fondo; selvicoltura; allevamento di animali; attività dirette alla manipolazione, conservazione, trasformazione, commercializzazione e valorizzazione del territorio.

Leggi anche...

Tesi master universitario: struttura, obiettivi e contenuti

Si denomina Tesi o report, il dattiloscritto finale che va solitamente redatto alla fine di un master universitario. Il lavoro di una tesi richiede molto tempo, pazienza e ricerca accurata delle fonti.

Leggi anche...

Licenziamento per il contratto a tempo indeterminato

Immagine usata per illustrare l'articolo Licenziamento per il contratto a tempo indeterminato: conosci i casi e le procedure?

Prima di parlare del licenziamento a tempo indeterminato è necessario ricordare che il contratto a tempo indeterminato è disciplinato dall'art. 2094 del Codice Civile che, all’Art. 2094.

Leggi anche...

Globalizzazione economica: elemento positivo o negativo?

Globalizzazione economica

Anche le dinamiche lavorative e i rapporti di lavoro stessi sono ormai cambiati vertiginosamente, per stare al passo con i tempi. Uno dei fattori sicuramente dominanti in questo periodo di grossi cambiamenti a livello globale è sicuramente la globalizzazione economica, che porta ad un aumento repentino degli scambi e delle fusioni economiche tra tutte le Nazioni del Mondo.