Nel panorama lavorativo italiano ci sono ancora oggi poche prospettive per i giovani, soprattutto in alcune zone del paese e in alcuni settori commerciali. Sono molti i ragazzi, con età inferiore ai 35 anni, che avviano un’impresa individuale, lavorando come collaboratori non assunti per aziende di varia tipologia. In alcuni settori questo tipo di “contratto” è molto diffuso, soprattutto in ambito legale, in edilizia e nelle ditte di trasporti. Le leggi italiane sono particolarmente favorevoli per chi apre una partita IVA giovani, vediamo le condizioni.

L’apertura della Partita IVA consente, al titolare, di avviare un’attività in proprio. L’attribuzione di un numero di Partita IVA infatti permette di fatturare i lavori svolti e di pagare le tasse come imprenditore e non come lavoratore dipendente. In Italia chiunque guadagni, con il suo lavoro autonomo, cifre superiori ai 5.000 euro ha l’obbligo di aprire una Partita IVA. Per farlo non si deve spendere nulla, basta compilare la modulistica disponibile presso gli uffici dell’Agenzia delle Entrate, ma anche sul sito internet del Registro delle Imprese. In pratica è sufficiente connettersi al sito per avviare la propria impresa, il tutto in modo del tutto gratuito. Volendo è anche possibile recarsi presso un commercialista, in modo da avere un costante controllo di tutti gli adempimenti, che riguardano principalmente i versamenti da fare a favore di Enti pubblici, come ad esempio l’INPS.

Lo Stato e le norme fiscali prevedono un regime fiscale agevolato per i soggetti (persone fisiche ed imprese familiari) che aprono la partita IVA (previa domanda alla camera di commercio) per avviare una nuova attività o per svolgere un lavoro autonomo (liberi professionisti).

I vantaggi del regime fiscale agevolato sono economici

Al soggetto con Partita IVA sono riconosciuti:

  • un notevole risparmio economico relativo alle tasse,
  • una semplificazione degli obblighi e delle procedure fiscali.

Più nel dettaglio il regime fiscale per i soggetti con partita IVA agevolata è applicato ai primi tre anni di attività e prevede il “non pagamento” dell’IRPEF e delle imposte relative addizionali (comunali e regionali), che sono sostituite dall’imposta sostitutiva pari al 10% del reddito conseguito (ricavi meno costi).

Per accedere al regime fiscale agevolato il contribuente deve comunicarne la scelta all’Agenzia delle Entrate presentando il modello scaricabile in formato .doc e formato .pdf dal sito dell'Agenzia delle Entrate:

  • in sede di presentazione della dichiarazione d’inizio attività (quella di richiesta partita IVA),
  • entro 30 giorni dalla data di presentazione della sopracitata dichiarazione,
  • entro 30 giorni dall’inizio del periodo d’imposta (per i due periodi d’imposta successivi a quello d’inizio).

Per approfondire le tematiche contenute in questo articolo consigliamo l'acquisto (su Amazon) e la lettura del seguente testo: Manuale di sopravvivenza per il popolo delle partite Iva

La scelta del regime fiscale agevolato vincola il soggetto con partita IVA per almeno un periodo d’imposta (1 anno) e può essere revocata, con la medesima procedura seguita per accedervi, dandone comunicazione ad un Ufficio locale dell’Agenzia delle Entrate.

I requisiti per ottenere il regime fiscale agevolato sono:

  1. Il richiedente deve essere una persona fisica che intende intraprendere un’attività imprenditoriale (ditta individuale) o un’attività di lavoro autonomo (professionista).
  2. E’ ammesso il beneficio anche per le imprese familiari, cioè le ditte individuali in cui collaborano i familiari e dove il “capofamiglia” imprenditore detiene almeno il 51% degli utili.
  3. I compensi (per i professionisti) o i ricavi (per le imprese) annuali non devono superare un determinato ammontare:
    • € 30.987,41 per i lavoratori autonomi;
    • € 30.987,41 per le imprese che hanno per oggetto la prestazione di servizi ovvero 61.974,83 euro per le imprese aventi per oggetto altre attività.

Quando decadono i termini

In particolare, in caso tali importi siano superati, è prevista la decadenza del regime fiscale agevolato e la tassazione ordinaria del reddito:

  • dall’anno successivo, se i limiti sono superati, ma non oltre il 50%;
  • dallo stesso anno d’imposta, se i limiti di cui sopra sono superati di oltre il 50%.
  1. L’attività imprenditoriale e lavorativa che si intraprende deve essere nuova. Per tali ragioni il contribuente non deve aver esercitato negli ultimi tre anni attività artistica, professionale o d’impresa, neppure in forma associata o familiare; né l’attività da esercitare deve costituire il proseguimento di un’altra attività svolta precedentemente in forma di lavoro dipendente o autonomo.
  2. È obbligatorio adempiere a tutti gli obblighi previdenziali(iscrizione all’INPS), assicurativi (INAIL) e amministrativi (licenze, autorizzazioni, ecc…).

La partita IVA per i giovani

In effetti il concetto di Partita VIA per i giovani non è totalmente corretto, i termini adeguati sono infatti “Regime dei Minimi”. Si tratta di un particolare regime fiscale, cui possono aderire diverse categorie sociali, tra cui i giovani con età inferiore ai 35 anni, che non abbiano aperto una partita IVA nei 3 anni precedenti.

Questo tipo di scelta consente di godere di un regime economico particolarmente vantaggioso: l’aliquota per il pagamento dell’IRPEF è unica, stabilita al 5%; non è necessario tenere registri fiscali dell’impresa; non è necessario pagare l’IRAP e alcuni altri balzelli di tipo locale; il contribuente ha uno sconto sull’aliquota INPS, che è fissata al 24%. In pratica questo tipo di regime fiscale consente ad un giovane di avviare un’attività rapidamente, risparmiando ampiamente sugli adempimenti fiscali e sulle spese per le tasse. Il regime dura un certo lasso di tempo e non può essere confermato per le aziende che hanno un fatturato massimo che supera i 30.000 euro, che salgono a 50.000 per le imprese che operano in ambito commerciale.

Principali vantaggi

L’imprenditore che deve avviare una nuova impresa trae enorme giovamento dal regime dei minimi, in quanto non è costretto a pagare imposte particolarmente elevate. Questo consente, in prima battuta, di investire tutto ciò che si guadagna nella propria impresa, favorendone così un corretto avviamento. Il problema principale che affligge le imprese appena avviate è infatti correlato ai guadagni, soprattutto nei primi mesi di attività. La possibilità di non dover spendere cifre eccessive per le tasse consente ai giovani di avviare la propria impresa con maggiori possibilità di successo.





Potrebbe interessarti


Preavviso delle dimissioni per il tempo determinato

preavviso delle dimissioni

Il preavviso è il tempo, successivo alla data in cui il lavoratore ha presentato le dimissioni, in cui il dipendente continua a svolgere la propria attività lavorativa.

Leggi tutto...

Riforma del lavoro: la storia degli ultimi interventi

Immagine esemplificativa di un contratto dopo la riforma del lavoro

Il Governo Monti ha presentato, dopo delle riunioni con partiti e associazioni sindacali, la sua riforma per il lavoro. Si prevedono modifiche per l’articolo 18, ammortizzatori sociali, contratti di lavoro e cassa integrazione.

Leggi tutto...

Cos’è e come funziona il Pin INPS online

Pin per le pensioni on line

Il Pin INPS Online è un codice personale di identificazione con il quale il cittadino può accedere telematicamente ai servizi online dell’INPS. Per ottenere il codice PIN occorre seguire una procedura che trasforma il PIN ordinario e in PIN dispositivo. Cosa significa? Approfondisci la lettura per saperne di più.

Leggi tutto...

Trattenute in busta paga: vediamo dove finiscono i nostri soldi!

Ogni lavoratore che ha la fortuna di percepire la busta paga, deve però considerare che la stessa prevede anche delle trattenute da parte del datore di lavoro, che daranno, come risultato finale, la paga netta che il lavoratore percepirà.

Leggi tutto...

Età pensionabile: i nuovi requisiti e criteri della riforma

uomini in età pensionabile

Riportiamo le modifiche dell'età pensionabile derivanti dalla riforma pensionistica e i nuovi limiti e requisiti per presentare la domanda.

Leggi tutto...

Offerta del giorno su Amazon

I più condivisi


Come scegliere un master: una guida per trovare il più adatto!

Come scegliere un master? Considerata la durata e il costo di un master, scegliere quello sbagliato può significare perdere tempo e denaro.

Leggi tutto...

Calcolo della tredicesima per la badante

Coloro che svolgono lavori domestici, come le colf e le badanti devono essere regolarizzate, soprattutto se provenienti da Paesi esteri, per poter esercitare tale professione senza problemi.

Leggi tutto...

Permesso di lavoro: tipologie e richieste

Per motivi di diversa natura, il lavoratore è spesso costretto a richiedere dei determinati periodi di assenza dal lavoro, al di fuori delle ferie stabilite e che gli spettato. Questo tipo di astensioni dall’attività lavorativa vengono chiamati permessi lavoro.

Leggi tutto...

Il patto di prova: orientamento della giurisprudenza

Immagine di patto di prova

Il patto di prova è il F precedente al vero e proprio inizio del contratto di lavoro. In questo periodo entrambe le parti hanno la possibilità di recedere dal contratto. 

Leggi tutto...

Pensione di cittadinanza: scopriamo che cos’è e come funziona

La pensione di cittadinanza

Con la recente vittoria del Movimento 5 stelle nelle elezioni politiche che ci sono state il 04 marzo 2018 si è affacciata sempre di più la possibilità di richiedere la pensione di cittadinanza 2019.

Leggi tutto...

Leggi anche...


Finanziamenti della Regione Lazio: progetti per le imprese locali

finanziamenti per la regione lazio

La Regione Lazio attraverso enti e società opera per lo sviluppo economico del territorio. Così come le altre Regioni, la Regione Lazio promuove bandi, progetti e finanziamenti che incentivino l'imprenditoria locale. 

Leggi tutto...

Leggi anche...


Contratto di stage: una guida davvero completa

Con il termine “stage in azienda” si indica un’esperienza lavorativa svolta all’interno di un’azienda con obiettivo formativo. Lo stage in azienda consente allo stagista di essere inserito in una realtà aziendale che gli permetterà di apprendere maggiormente e più facilmente.

Leggi tutto...

Leggi anche...


Regime fiscale “forfettino”: tutti i vantaggi!

 

Il regime fiscale agevolato riconosciuto ai possessori di Partita IVA è anche detto forfettino.

Leggi tutto...
Go to Top