Con la legge n.98 del 26 luglio 2010, anche i parasubordinati, gli autonomi occasionali, i lavoratori con contratti co.co.co. e gli associati in partecipazione, possono richiedere la pensione all'Inps; che ha creato gestioni separate (Legge 8 agosto 1995 n. 335) apposite per regolare tali categorie di lavoratori.

Per l'ottenimento della pensione per parasubordinati e autonomi, il lavoratore dovrà iscriversi a alle Gestioni separate, possedere il requisito di anzianità richiesto (65 per gli uomini e 60 per donne) e aver versato almeno 5 anni di contributi.

Età necessaria per richiedere la pensione minima per parasubordinati e autonomi

È eventualmente possibile riscattare la pensione se si dispone di 35 anni di contributi, con età non inferiore ai 60 anni, per i contributi versati sino al 2010, ai 61, per quelli che arrivano al 2013, ai 62 per quelli fino al 2014.

Altra variante possibile, ai fini dell'ottenimento della pensione per parasubordinati e autonomi, e l'aver raggiunto i 40 anni contributivi.

Contributi da versare per richiedere la pensione

I contributi che andranno versati per l'ottenimento della pensione per parasubordinati e autonomi sono calcolati in base al reddito Irpef e si differenziano in base al tipo di lavoratore e di contratto.

  • I professionisti si vedranno addebitare i contributi interamente a loro carico, mentre i collaboratori dovranno pagarli, mediante modello F24, entro il 16 del mese successivo alla riscossione della paga lavorativa.
  • I lavoratori che non sono iscritti aforme previdenziali obbligatoria dovranno pagare un terzo dei contributi e i restanti due terzi saranno di competenza dell'azienda; il contributo totale è del 26,72% e include un 0,72% per eventuali prestazioni altre quali assegni familiari, di disoccupazione o maternità.
  • I possessori di pensione diretta e chi è iscritto a enti previdenziali dovrà infine versare una contribuzione pari al 16%.

Pensione all'estero: chi ne ha diritto?

Anche un italiano che si trasferisce all'estero può riscuotere la pensione. Quando un pensionato si stabilisce fuori dal territorio italiano, può infatti beneficiare degli stessi diritti che aveva precedentemente in Italia.

In merito alla riscossione della pensione all'estero, il Nostro Paese ha inoltre firmato alcune convenzioni internazionali, soprattutto con alcuni stati stranieri con un alto tasso d'incidenza di italiani al suo interno.

In quali Paesi è possibile riscuotere la pensione all'estero

Per un italiano è possibile riscuotere la pensione all'estero nei Paesi dell'Unione Europea (Austria, Belgio, Danimarca, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Lussemburgo, Paesi Bassi, Portogallo, Regno Unito, Spagna, Svezia, Cipro, Estonia, Lettonia, Lituania, Malta, Polonia, Repubblica Ceca, Slovacchia, Slovenia, Ungheria).

Si può percepire la pensione anche in Svizzera, Novergia, Austria, Liechtenstein, Islanda, e nei paesi extra-europei quali: Stati Uniti d'America, Argentina, Australia, Brasile, Canada, Isole di Capo Verde, Jersey e Isole del Canale, Isole di Man, Croazia, Slovenia, Bosnia Erzegovina, Macedonia, Repubblica Federale di Jugoslavia, Principato di Monaco, Repubblica di San Marino, Tunisia, Uruguay, Venezuela, Svizzera, Tunisia.

Come sommare i diversi periodi di lavoro all'estero: le decorrenze

Per il conseguimento della pensione all'estero è anche possibile sommare i periodi di lavoro nel paese straniero di nuova residenza a quelli italiani, calcolando i contributi versati in entrambi i paesi.

Il pensionato che si trasferisce in uno stato straniero può altresì decidere se continuare a riscuotere la sua pensione in Italia o andare nel luogo in cui si è stabilito.





Potrebbe interessarti

Contratto a progetto e maternità

Il rapporto di lavoro sancito da un contratto a progetto è sospeso nel caso di malattia o infortunio del lavoratore o durante la gravidanza attraverso l’aspettativa per maternità. 

Leggi tutto...

Come presentarsi ai colloqui di lavoro? Non solo consigli sull'abbigliamento!

Che avvenga per email o per telefono, la prima comunicazione con l'azienda costituisce il primissimo momento della valutazione del candidato. È opportuno, durante queste comunicazioni, essere esaustivi e non dimenticare tutti i dati relativi a contatti e dati anagrafici.

Leggi tutto...

Parliamo di Flat Tax: ecco che cos’è e come funziona!

La Flat Tax rappresenta un sistema fiscale che è caratterizzato da una, non progressiva, aliquota fissa. Essa trova applicazione in una proposta contenuta nel contratto di Governo fra M5s e Lega ed include due aliquote, di cui del 15 e del 20% per quanto riguarda i redditi da lavoro di persone fisiche, famiglie e Partite IVA; ed una, invece, fissa destinata alle imprese che reinvestono i loro utili del 15 + 5%. Inoltre, è previsto un sistema di detrazioni e deduzioni atto a garantire la progressività delle imposte.

Leggi tutto...

Tredicesima mensilità: come si calcola (in base alla tassazione)

calcolare il pagamento della tredicesima

La tredicesima mensilità nasce con il con il CCNL, ovvero il contratto collettivo nazionale di lavoro 5 agosto 1937 e nel 1960, con il Decreto Presidente della Repubblica n. 1070, è diventato un diritto di tutti i lavoratori dipendenti, sia con contratto a tempo indeterminato che a tempo determinato.

Leggi tutto...

Contributi da riscatto: tutte le informazioni!

Il sistema previdenziale italiano prevede che ai fini pensionistici sia possibile coprire, mediante i contributi da riscatto, a proprie spese, dei periodi di studio, lavoro, inattività non soggetti a obbligo assicurativo.

Leggi tutto...

Offerta del giorno su Amazon

I più condivisi

Tredicesima in maternità: quando maturano le condizioni?

Più volte abbiamo proposto pagine di approfondimento per la tredicesima mensilità. Come calcolarne l'importo? A chi spetta? Quando andrebbe corrisposta? In questa pagina abbiamo cercato di inserire tutte le informazioni principali e i link per approfondimenti specifici. Ecco la guida completa alla Tredicesima.
Leggi tutto...

Lavoro nutrizionista: l'esperto del dimagrimento

Quando si intraprende una dieta è bene non fare di testa propria, affidandosi a regimi alimentari dietetici fai da te, ma rivolgersi a un bravo nutrizionista.

Leggi tutto...

Busta paga Inail: il prospetto indispensabile per i lavoratori

La busta paga Inail è un documento necessario per tutti i dipendenti, che attesta la retribuzione netta e lorda del lavoratore e serve per verificare lo stipendio percepito e la sua congruità con quanto stabilito nel contratto di lavoro.

Leggi tutto...

Pensione alle casalinghe: come ottenerla?

mamma e casalinga

In data 1 gennaio 1997 è stato realizzato uno speciale fondo di previdenza per tutti coloro che svolgono delle attività di cura di familiari e non ricevono un compenso economico, ad esempio le casalinghe che dedicano gran parte delle giornata alla cura della casa e della propria famiglia. E’ importante sapere che possono registrarsi a questo fondo di previdenza anche gli uomini, i requisiti che tutti devono possedere sono legati all’età, che può variare dai 15 ai 65 anni.

Leggi tutto...

Aliquota tassazione TFR: caratteristiche, imposte

Bisogna sottolineare che la tassazione e l'aliquota sul TFR è differente rispetto ad altre forme di pagamento, come ad esempio quello di natura retributiva ordinaria. La grande novità è il progetto del Governo Renzi che vuole trasferire questa somma all’interno della busta paga mensile: una misura che serve ad incentivare i consumi, dando più soldi freschi ai cittadini, vessati da una crisi economica che ha fortemente ridotto le spese e di conseguenza la crescita generale in Italia.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Lavoro baby sitter: i compiti, la selezione, il contratto e lo stipendio

Il lavoro di baby sitter è forse sottovalutato. La "tata" è colei che si occupa dei nostri piccoli quando siamo fuori casa. Un mestiere del genere, un tempo tanto importante, oggi sembra essere diventato un'occupazione (preferita dalle giovani) per ottenere un pò di denaro ed avere un lavoro part-time.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Redditi diversi: normativa e caratteristiche

Il TUIR è il Testo Unico delle Imposte sui Redditi, emanato con il D.P.R. 22 dicembre 1986, n. 917 e successive modifiche. Il TUIR comprende gli articoli tra il 67 e il 71 dedicati alla voce Redditi Diversi.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Calcolo della tredicesima per la badante

Coloro che svolgono lavori domestici, come le colf e le badanti devono essere regolarizzate, soprattutto se provenienti da Paesi esteri, per poter esercitare tale professione senza problemi.

Leggi tutto...
Go to Top