Il lavoratore sia in un settore privato, sia in un settore pubblico si può assentare dal lavoro avendo diritto a dei permessi di lavoro, retribuiti regolarmente, in specifiche situazioni.

I permessi retribuiti possono essere concessi per le situazioni legate a gravi infermità del coniuge, anche legalmente separato, o nei casi di lutto; il permesso retribuito consta di tre giorni nell'arco di un anno.

I giorni devono essere utilizzati nell'arco di 7 giorni successivi all'avvenimento del lutto o all'accertamento dell'infermità grave, il conteggio esclude i giorni festivi e non lavorativi.

Oltre questo termine il permesso retribuito non viene consentito.

Per il pubblico impiego è prevista una maggior tutela in quanto si possono richiedere i 3 giorni di permesso per ogni evento luttuoso.

In questo caso vengono conteggiati come giorni consecutivi di calendario comprensivi, quindi, di festivi e non lavorativi.

Come si richiede un permesso retribuito

Per ottenere il permesso retribuito è necessario comunicare per tempo le motivazioni che spingono a tale richiesta, documentandole in modo appropriato e corredandole di eventuale certificazione o autocertificazione concessa dalle autorità comunali di competenza. Bisognerà inoltre comunicare la cosa al Responsabile della Struttura e stabilire con esso le dinamiche del permesso.

L'accordo andrà stilato in forma scritta e dovrà contenere le ore di permesso retribuito stabilite e i giorni di verifica nei casi di infermità; il controllo avviene mediante consegna al datore di lavoro del carteggio medico.

Gli obblighi del datore di lavoro

Entro cinque giorni dal primo di congedo retribuito, il datore di lavoro deve obbligatoriamente inviare una comunicazione alla Direzione provinciale del lavoro - Servizio ispezione del lavoro, contenente i nomi dei suoi dipendenti in permesso.

Il lavoratore, pubblico e privato, ha diritto al permesso retribuito nell'eventualità di decesso o infermità di:

  • un familiare fino al secondo grado, come fratello, sorella, nonno, nipote in quanto figli di un proprio figlio, anche se non vive insieme al lavoratore, qualsiasi componente della famiglia anagrafica del lavoratore;
  • per le famiglie di fatto, un individuo appartenente a livello anagrafico al nucleo familiare;
  • marito o moglie, anche divorziati o separati.

Giorni entro cui usufruirne

Permessi per lutto

E' necessario usufruire del permesso retribuito entro sette giorni dal decesso e non andranno calcolati in esso i giorni non lavorativi e festivi.

Se l'infermità del parente o del coniuge cessa, il lavoratore dovrà riprendere a svolgere le sue regolari mansioni.

Le altre tipologie: il permesso per lutto

Oltre ai permessi retribuiti di cui abbiamo fatto menzione finora, ovvero per lutto o infermità grave, i lavoratori possono richiedere a pieno diritto l'astensione pagata dal servizio anche in altre situazioni.

Per quanto riguarda le situazioni familiari, esistono una serie di permessi di cui è possibile godere: innanzitutto, quelli spettanti in caso di matrimonio. Comprendendo il giorno dedicato alla cerimonia, spettano ai lavoratori 15 giorni di ferie retribuite, da spendere durante l'anno solare di riferimento della data del matrimonio. Naturalmente sono giorni di ferie che non vanno ad intaccare il monte accumulato in precedenza e possono essere anche considerati anche per l'anzianità di servizio.

Oltre al matrimonio, è possibile chiedere permessi speciali in caso di nascita, adozione o affidamento dei figli. Questo diritto non è appannaggio delle sole donne ma anche dei papà. Altri casi possibili sono legati a motivi personali e familiari ritenuti abbastanza gravi non tanto da chi vuole beneficiarne, ma sopratutto dall'ufficio del Personale di riferimento. I giorni previsti per questi casi particolari sono 3 all'anno, e possono essere comunque convertiti in 18 ore, sempre da scalare durante l'anno di riferimento.

La richiesta di assentarsi dal posto di lavoro, senza però perdere la possibilità di accumulare le ferie o comunque la paga piena relativa a quel giorno, può anche essere legata ad un dovere civico importante, ovvero la donazione del sangue o del midollo osseo. La durata prevista dipende dal tipo di intervento, dalle modalità di prelievo e di controllo, e anche dal tempo previsto per la perfetta riabilitazione del soggetto.

Un'ultima tipologia è quello ottenuto in caso di concorsi o esami da parte del dipendente, che naturalmente dovrà dimostrare all'ufficio del personale, attraverso apposita documentazione, l'avvenuta partecipazione alla prova o all'evento particolare. In tutto l'anno, i giorni che possono essere richiesti dal lavoratore sono un massimo di 8. Questo può succedere nel caso di persone che stanno frequentando l'università mentre lavorano, oppure devono sostenere esami di diverso spessore.

Potrebbe interessarti

Vacanze studio Inpdap: scopri come parteciparvi!

Grazie alle vacanze studio Inps (ex Inpdap), aumentano di anno in anno i ragazzi che si recano all'estero in soggiorni rivolti all'apprendimento di una lingua specifica o all'acquisizione di particolari competenze tecnico-teoriche.

Diventare partner ICOTEA: scopri tutti i vantaggi

Acquista sempre più importanza la formazione. Oggi ancora di più e riguarda sia coloro i quali sono alla ricerca di un lavoro che, soprattutto i lavoratori, dipendenti o liberi professionisti che vogliono accrescere le proprie competenze.

Licenza per tabacchi: consigli su come aprire questa attività?

immagine per licenza per tabacchi

Quanti desiderino richiedere una licenza per tabacchi si ha necessità di questo certificato grazie al quale sarà quindi possibile svolgere un mestiere sicuramente ben retribuito e dotato di una notevole indipendenza.

I più condivisi

Nuovi impieghi “ecosostenibili” per professionisti: l'evoluzione del mercato

L'ecosostenibilità e in generale le energie rinnovabili sono un tema molto caldo sia da un punto di vista ideologico sia lavorativo. Le figure professionali che vengono assorbite oggi in questo settore sono molto più varie rispetto al passato e richiedono competenze sempre più specifiche.

Congedo matrimoniale per l'INPS: conosci questo diritto?

ottenere il congedo matrimoniale

La legge prevede che in occasione del matrimonio, alcune categorie di lavoratori, abbiano diritto al congedo matrimoniale e dell’assegno ad esso relativo. Il congedo matrimoniale corrisponde ad un periodo di astensione al lavoro di 15 giorni consecutivi che non possono essere goduti durante il periodo delle ferie o nel preavviso del licenziamento.

Metodologia ABA: ecco in cosa consiste e come perfezionarsi

Perfezionarsi nella metodologia aba

Il corso di perfezionamento di Metodologia ABA, erogato da ICOTEA, ha come obiettivo quello di approfondire e fornire gli strumenti per l’applicazione di tale metodo in vari contesti sociali, educativi e di sviluppo. Il metodo ABA è composto da tecniche che si basano sull’uso dei principi relativi alla Scienza del Comportamento con il fine di cambiare delle condotte non proprio adeguate o di imparare nuove abilità.

Leggi anche...

Lavorare nella comunicazione: le evoluzioni, gli obiettivi e gli strumenti

lavorare nella comunicazione

Tutti i soggetti partecipanti al mercato comunicano. La comunicazione è di per sé un fattore di costo ma le imprese e anche le organizzazioni no profit decidono di comunicare: per questa ragione trovare un lavoro nella comunicazione può rivelarsi una scelta efficace a patto che si seguano delle linee guida sicure.

Leggi anche...

Tipi di contratti di lavoro: vediamo in quest'articolo quali sono!

immagine esemplificativa di tipi di contratto di lavoro

I tipi di contratti di lavoro sono vari ma la definizione di contratto è una sola, ovvero si tratta di un negozio giuridico. quindi “una manifestazione di volontà destinata a produrre effetti giuridici ammessi dall’ordinamento giuridico”.