Il regime fiscale agevolato riconosciuto ai possessori di Partita IVA è anche detto forfettino.

In questa pagina illustreremo le agevolazioni riconosciute da tale regime fiscale. Vi ricordiamo di consultare la pagina: Partita IVA: Regime fiscale agevolato per conoscere le caratteristiche e i requisiti per richiedere il regime fiscale detto “forfettino”.

Tassazione ridotta del forfettino

Il regime fiscale prevede il “non pagamento” dell’IRPEF e delle imposte relative addizionali (comunali e regionali), che sono sostituite dall’imposta sostitutiva pari al 10% del reddito conseguito (al netto delle spese e dei costi). Latassazione ridotta del 10% è calcolata sulla normale dichiarazione annuale dei redditi ed il versamento dell’imposta sostitutiva dell’IRPEF si effettua tramite modello F24 con il codice tributo 4025.

Per approfondire le tematiche contenute in questo articolo consigliamo l'acquisto (su Amazon) e la lettura del seguente testo: Manuale di sopravvivenza per il popolo delle partite Iva

Versamento IVA in unica soluzione grazie al nuovo regime

Il regime fiscale agevolato (forfettino) si applica solo all’IRPEF, mentre è obbligatorio versare le altre imposte in modo regolare. Per quanto riguarda il versamento IVA, questo può essere corrisposto al momento della dichiarazione annuale dei redditi.

 

 

Rendere più semplici gli obblighi contabili

Il regime fiscale forfettino relativo alle nuove attività esonera i contribuenti dalla registrazione e tenuta delle scritture contabili rilevanti ai fini delle imposte dirette sul reddito delle persone fisiche (IRPEF), dell’imposta regionale sulle attività produttive (Irap) e dell’imposta sul valore aggiunto (Iva).
Rimane comunque obbligatorio emettere e conservare i documenti quali fatture, ricevute e scontrini fiscali.

Altre caratteristiche del regime forfettino

Il sostituto d’imposta che paga ricavi o compensi all’impresa o professionista che gode del regime fiscale agevolato per nuove attività non deve assoggettare a ritenuta d’acconto gli importi pagati. A tal fine i contribuenti devono rilasciare una dichiarazione dalla quale risulti che il loro reddito è soggetto ad imposta sostitutiva.

Il Servizio di Tutoraggio da parte dell’Agenzia delle Entrate è gratuito e facoltativo consiste nel diritto del soggetto contribuente di essere assistito gratuitamente dall’Ufficio dell’Agenzia delle Entrate territorialmente competente negli adempimenti fiscali formali (ad esempio: compilazione dell’UNICO, liquidazione dei tributi, ecc.). Per richiedere l’assistenza del tutoraggio è necessario:

- presentare istanza d’assistenza e tutoraggio;
- richiedere il PIN e la password d’accesso;
- installare il relativo software;
- inviare periodicamente e costantemente alcuni dati fiscali all’Agenzia delle Entrate (tutor);
- seguire le indicazioni e compilare i modelli indicati dal tutor.

Tra i vantaggi dei richiedenti il tutoraggio c'è anche la concessione di un credito d’imposta. Tale concessione è relativa all’acquisto di apparecchiature informatiche necessarie al contribuente per comunicare con il servizio di tutor. Il credito d’imposta, per l’acquisto di computer, modem e stampante, è pari al 40% del loro costo, con un massimale di € 309,87.

Partite Iva: cosa cambia nel 2014

Con il varo dell’ultimo decreto promosso dal Presidente del Consiglio Renzi sono cambiate alcune regole per quanto riguarda il versamento delle imposte a partire dal prossimo 1 ottobre. Si potrà decidere se effettuare il pagamento tramite l’apposito modello “F24 web” oppure il versamento attraverso intermediari abilitati. L’F24 potrà essere presentato in forma cartacea per cifre superiori ai 1000 euro. Con questa riforma, quindi, diventa obbligatorio l’uso di servizi telematici propri dell’Agenzia delle Entrate: escluse alcune eccezioni, dunque, non si potranno più presentare modelli attraverso gli sportelli della Posta, della Banca o di Equitalia.

L’esercito delle Partite Iva

Molte volte si è sentito parlare in televisione o leggere sui giornali questa definizione: l’esercito delle Partite Iva. Una frase che trova riscontri nella realtà visto che nel giugno 2014 sono state aperte quasi 30mila partite Iva, di cui una su tre a sistema agevolato, ossia beneficiando del regime dei minimi con la tassazione al 5%. La differenza con il regime ordinario si fa sentire pesantemente in termini di soldi che andrebbero via in tasse e il dato di giugno, con il 37% delle persone che ha scelto il sistema agevolato, supera addirittura la media del 35% riscontrata in tutto l’anno precedente, ossia il 2013. Il Decreto del 2011 era stato fatto apposta per andare incontri a giovani professionisti che entravano nel mercato del lavoro ma questa misura è stata scelta anche da coloro che si sono ritrovati senza lavoro per essere stati licenziati dalla loro azienda oppure dai pensionati che vogliono guadagnare qualche soldo in più rispetto al loro assegno. Ovviamente ci sono delle condizioni, come la soglia massima di guadagno fissata a 30 mila euro annui e il fatto di non aver lavorato in altre aziende con Partita Iva negli ultimi tre anni. Sul futuro pesano tuttavia due quesiti: visto che questo sistema agevolato ha la durata di cinque anni, scaduto questo termine bisognerà vedere quale sarà la scelta delle persone interessate. Come detto prima, il passaggio all’ordinario non è semplice sotto il punto di vista contabile perchè richiede più tasse da versare. L’altro interrogativo, forse quello più preoccupante, è la prossima riforma del settore fiscale che potrebbe portare modifiche sostanziose a chi ha agevolato finora dell’aliquota del 5%.





Potrebbe interessarti

Busta paga badante: regolarizza l'assistente domestica!

La figura della badante si occupa di fornire assistenza presso il domicilio degli anziani; molto utilizzata in Italia, gode di regolare inquadramento. Prima di soffermarci ad analizzare gli elementi che costituiscono la busta paga della badante, approfondiremo alcune notizie circa questa risorsa così preziosa per la società odierna.

Leggi tutto...

Come scrivere un autocertificazione e i casi in cui utilizzarla

La dichiarazione sostitutiva di certificazione può essere necessaria anche nel campo lavorativo.

Leggi tutto...

Contratto nazionale edilizia: retribuzione e ferie

contratto nazionale edilizia

Il CCNL relativo ai lavoratori edili è stato rinnovato . Vediamo in sintesi quali sono le caratteristiche principali relative al contratto nazionale di questo settore, nato dall'accordo fra ANCE, Feneal UIL, Filca CISL e Fillea CIGL. Ogni triennio è prevista chiaramente una nuova riformulazione, per cui si rimanda al triennio in questione per verificare tutti gli aggiornamenti del caso.

Leggi tutto...

Modello curriculum tedesco: per chi cerca lavoro in Germania

bandiera tedescaCome scrivere un curriculum? Quanti di voi si pongono questa domanda? Non è difficile scrivere un curriculum vitae se si tengono a mente delle semplici regole di base, la difficoltà sta nel saper comunicare di essere la persona ideale per la posizione ricercata, esprimere il proprio interesse e far emergere le proprie competenze attraverso un foglio. Scrivere un buon curriculum, questo è difficile.

Leggi tutto...

Lavoro congruo: le norme a favore dei lavoratori

La circolare del ministero del lavoro nr. 39 del 19 novembre 2010 esige, mediante l'articolo 19 del decreto legge 185/2008, l'obbligo per il lavoratore che percepisce una prestazione di sostegno al reddito di dichiararsi disponibile a una nuova attività, nota anche come lavoro congruo, oppure a un percorso di riqualificazione professionale, per percepire gli incentivi statali.

Leggi tutto...

I più condivisi

Abilitazione all'Insegnamento alla scuola secondaria: dalla SSIS al TFA

Come scegliere un master di abilitazione insegnamento scuola secondaria

E' ormai un dato certo il passaggio del testimone dell'abilitazione all'insegnamento da SISS al TFA: si parla dei tirocini formativi attivi, ovvero il corso che va ad abilitare l'insegnamento nelle scuole di 1 e 2 grado. Il tirocinio annulla definitivamente le Scuole di Specializzazione dell'Insegnamento Secondario, non più funzionanti dall'anno di corso 2008/2009.

Leggi tutto...

Contratto cococo: ancora conviene?

Il contratto di collaborazione coordinata e continuativa (Co.Co.Co) esiste ancora oppure no? A seguito dell'entrata in vigore del D.Lgs 276/03, c.d. riforma Biagi, dal 24 ottobre 2003 non è più possibile, salvo alcune eccezioni, instaurare rapporti di collaborazione coordinata e continuativa se non sono riconducibili ad un progetto, programma di lavoro o fase di esso.

Leggi tutto...

Modello curriculum tedesco: per chi cerca lavoro in Germania

bandiera tedescaCome scrivere un curriculum? Quanti di voi si pongono questa domanda? Non è difficile scrivere un curriculum vitae se si tengono a mente delle semplici regole di base, la difficoltà sta nel saper comunicare di essere la persona ideale per la posizione ricercata, esprimere il proprio interesse e far emergere le proprie competenze attraverso un foglio. Scrivere un buon curriculum, questo è difficile.

Leggi tutto...

Finestre Pensioni: le nuove norme introdotte

finestre di pensione

La riscossione della pensione è una delle cose più importanti per un lavoratore, soprattutto per vivere, anche dopo la fine del periodo di lavoro, comodamente.

Leggi tutto...

Lavoro ripartito: diritti e doveri

Il contratto di lavoro ripartito, anche detto Job Sharing, è stato introdotto dalla Riforma Biagi ed è disciplinato dal D. Lgs. n. 276/2003, art. 41 – 45. Con un contratto di lavoro ripartito si intende quello nel quale due lavoratori si impegnano ad adempiere solidalmente ad un'unica e identica obbligazione lavorativa.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Come realizzare i biglietti da visita personalizzati

Quando ci si dedica alla progettazione e alla realizzazione di biglietti da visita personalizzati, è molto importante puntare sulla professionalità del risultato, perché anche il più banale errore rischia di disorientare e ingannare i destinatari di quei biglietti. Al giorno d'oggi è davvero semplice provvedere alla stampa dei biglietti in completa autonomia grazie alle tipografie online, ma è fondamentale essere attenti e meticolosi per non incappare in gravi sbagli. 

Leggi tutto...

Leggi anche...

Taglio del cune fiscale

taglio del cune fiscale

Il cuneo fiscale, parlando ovviamente di lavoro, analizza gli effetti delle tasse che gravano sui lavoratori e sull'occupazione in generale. Viene rappresentato da un indicatore percentuale che corrisponde al rapporto tra le tasse appunto che gravano sui dipendenti e il costo del lavoro complessivo.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Guardiano del faro: un mestiere romantico e ancora oggi tanto ambito

Essere il guardiano del faro, un sogno romantico per molti, una professione che non può essere svolta senza passione e dedizione da chi svolge questo mestiere.

Leggi tutto...
Go to Top