Il regime fiscale agevolato riconosciuto ai possessori di Partita IVA è anche detto forfettino.

In questa pagina illustreremo le agevolazioni riconosciute da tale regime fiscale. Vi ricordiamo di consultare la pagina: Partita IVA: Regime fiscale agevolato per conoscere le caratteristiche e i requisiti per richiedere il regime fiscale detto “forfettino”.

Tassazione ridotta del forfettino

Il regime fiscale prevede il “non pagamento” dell’IRPEF e delle imposte relative addizionali (comunali e regionali), che sono sostituite dall’imposta sostitutiva pari al 10% del reddito conseguito (al netto delle spese e dei costi). Latassazione ridotta del 10% è calcolata sulla normale dichiarazione annuale dei redditi ed il versamento dell’imposta sostitutiva dell’IRPEF si effettua tramite modello F24 con il codice tributo 4025.

Versamento IVA in unica soluzione grazie al nuovo regime

Il regime fiscale agevolato (forfettino) si applica solo all’IRPEF, mentre è obbligatorio versare le altre imposte in modo regolare. Per quanto riguarda il versamento IVA, questo può essere corrisposto al momento della dichiarazione annuale dei redditi. 

Rendere più semplici gli obblighi contabili

Il regime fiscale forfettino relativo alle nuove attività esonera i contribuenti dalla registrazione e tenuta delle scritture contabili rilevanti ai fini delle imposte dirette sul reddito delle persone fisiche (IRPEF), dell’imposta regionale sulle attività produttive (Irap) e dell’imposta sul valore aggiunto (Iva).
Rimane comunque obbligatorio emettere e conservare i documenti quali fatture, ricevute e scontrini fiscali.

Altre caratteristiche del regime forfettino

Il sostituto d’imposta che paga ricavi o compensi all’impresa o professionista che gode del regime fiscale agevolato per nuove attività non deve assoggettare a ritenuta d’acconto gli importi pagati. A tal fine i contribuenti devono rilasciare una dichiarazione dalla quale risulti che il loro reddito è soggetto ad imposta sostitutiva.

Il Servizio di Tutoraggio da parte dell’Agenzia delle Entrate è gratuito e facoltativo consiste nel diritto del soggetto contribuente di essere assistito gratuitamente dall’Ufficio dell’Agenzia delle Entrate territorialmente competente negli adempimenti fiscali formali (ad esempio: compilazione dell’UNICO, liquidazione dei tributi, ecc.). Per richiedere l’assistenza del tutoraggio è necessario:

- presentare istanza d’assistenza e tutoraggio;
- richiedere il PIN e la password d’accesso;
- installare il relativo software;
- inviare periodicamente e costantemente alcuni dati fiscali all’Agenzia delle Entrate (tutor);
- seguire le indicazioni e compilare i modelli indicati dal tutor.

Tra i vantaggi dei richiedenti il tutoraggio c'è anche la concessione di un credito d’imposta. Tale concessione è relativa all’acquisto di apparecchiature informatiche necessarie al contribuente per comunicare con il servizio di tutor. Il credito d’imposta, per l’acquisto di computer, modem e stampante, è pari al 40% del loro costo, con un massimale di € 309,87.

Partite Iva: cosa cambia nel 2014

Con il varo dell’ultimo decreto promosso dal Presidente del Consiglio Renzi sono cambiate alcune regole per quanto riguarda il versamento delle imposte a partire dal prossimo 1 ottobre. Si potrà decidere se effettuare il pagamento tramite l’apposito modello “F24 web” oppure il versamento attraverso intermediari abilitati. L’F24 potrà essere presentato in forma cartacea per cifre superiori ai 1000 euro. Con questa riforma, quindi, diventa obbligatorio l’uso di servizi telematici propri dell’Agenzia delle Entrate: escluse alcune eccezioni, dunque, non si potranno più presentare modelli attraverso gli sportelli della Posta, della Banca o di Equitalia.

L’esercito delle Partite Iva

Molte volte si è sentito parlare in televisione o leggere sui giornali questa definizione: l’esercito delle Partite Iva. Una frase che trova riscontri nella realtà visto che nel giugno 2014 sono state aperte quasi 30mila partite Iva, di cui una su tre a sistema agevolato, ossia beneficiando del regime dei minimi con la tassazione al 5%. La differenza con il regime ordinario si fa sentire pesantemente in termini di soldi che andrebbero via in tasse e il dato di giugno, con il 37% delle persone che ha scelto il sistema agevolato, supera addirittura la media del 35% riscontrata in tutto l’anno precedente, ossia il 2013. Il Decreto del 2011 era stato fatto apposta per andare incontri a giovani professionisti che entravano nel mercato del lavoro ma questa misura è stata scelta anche da coloro che si sono ritrovati senza lavoro per essere stati licenziati dalla loro azienda oppure dai pensionati che vogliono guadagnare qualche soldo in più rispetto al loro assegno. Ovviamente ci sono delle condizioni, come la soglia massima di guadagno fissata a 30 mila euro annui e il fatto di non aver lavorato in altre aziende con Partita Iva negli ultimi tre anni. Sul futuro pesano tuttavia due quesiti: visto che questo sistema agevolato ha la durata di cinque anni, scaduto questo termine bisognerà vedere quale sarà la scelta delle persone interessate. Come detto prima, il passaggio all’ordinario non è semplice sotto il punto di vista contabile perchè richiede più tasse da versare. L’altro interrogativo, forse quello più preoccupante, è la prossima riforma del settore fiscale che potrebbe portare modifiche sostanziose a chi ha agevolato finora dell’aliquota del 5%.

Potrebbe interessarti

Lettera di licenziamento: indicazioni ed esempi da seguire

Lettera di licenziamento: indicazioni ed esempi da seguire

Il decreto legge n°112 del 25 giugno 2008 sancisce che non è più necessario dare le dimissioni online, il lavoratore deve solo comunicare le dimissioni attraverso una lettera di licenziamento scritta e rispettare i termini di preavviso (dopo aver concordato il TFR con il proprio datore di lavoro).

Requisiti per aprire un asilo nido: conosci le normative al riguardo?

aprire un asilo nido

Aprire un asilo nido? Oggi l'iter burocratico per aprire quest'attività è abbastanza chiaro e significa l'inizio di una attività imprenditoriale a tutti gli effetti. In primis è bene considerare la domanda per tale tipo di servizio. Oggi in Italia si registrano più di 3000 asili nido pubblici, oltre alcune centinaia di strutture per l'infanzia convenzionate; ciò nonostante sono numerosi i bimbi sotto ai 3 anni esclusi dalla graduatoria dagli asili nido pubblici.

Come fare una busta paga: gli elementi da indicare sul cedolino

immagine esemplificativa di come fare una busta paga

Se volete sapere come fare una busta paga, sappiate che l’intestazione dei dati dell’azienda e l’intestazione dei dati del lavoratore, la posizione INPS e la posizione INAIL, dovranno essere riportati nella parte superiore o testa del documento.

Master in Lingue e Master Digital: scopri la nuova offerta ICOTEA

scrizione ad un master in lingue

Il mondo del lavoro è sempre più complesso. Per questo motivo, diventa necessario farsi trovare pronti con una preparazione adeguata e, soprattutto mirata alle nuove esigenze del mercato.

Come scegliere un master: una guida per trovare il più adatto!

Come scegliere un master? Considerata la durata e il costo di un master, scegliere quello sbagliato può significare perdere tempo e denaro.

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

Contenuti correlati 

I più condivisi

Calcola la rivalutazione del TFR: quando è prevista e come calcolarla

Scopri tutto sul tfr

Capita spesso che per motivi di vario genere si verifichi la fine del rapporto di lavoro; le cause della conclusione di un percorso lavorativo e della decisione, da parte del datore di lavoro o del lavoratore stesso, di recidere il contratto possono essere tante.

Colloquio motivazionale: vi sveliamo il segreto per affrontarlo!

Immagine per colloquio motivazionale

Dopo aver inviato centinaia di curriculum (per i più fortunati solo decine), è possibile che qualche azienda decida di contattarci per un colloquio motivazionale. E’ importante seguire delle piccole linee guida che possono sembrare banali per qualcuno, ma che per i tipi più ansiosi è meglio tenere a mente.

Ispettorato del lavoro a Roma: ecco l'indirizzo e le funzioni

Ispettorato del lavoro a Roma

Il compito del Servizio Ispezione del Lavoro della Direzione Territoriale del Lavoro di Roma (ex ispettorato del lavoro di Roma) è anche quello di verificare, intervenire su eventuali violazioni in campo lavorativo e svolgere attività di conciliazione e consulenza.

Che cos'è il Job sharing? Scopriamolo assieme

Il termine Job Sharing indica un tipo di contratto di lavoro atipico caratterizzato dalla condivisione dell'attività lavorativa tra due o più soggetti; questi ultimi infatti si suddividono le fasce lavorative di un impiego full time.

Il calcolo per la ritenuta d'acconto: una guida completa

Lavorare come hostess richiede il pagamento attraverso ritenuta d'acconto

Cosa deve utilizzare un lavoratore dipendente per dichiarare le sue ritenute fiscali? Quali sono i moduli che deve presentare? Per il diritto tributario italiano, e quindi in area fiscale, il termine ritenuta d'acconto identifica una trattenuta fatta dallo Stato su un compenso assoggettato a tassazione, che viene corrisposto dal sostituto di imposta verso un altro soggetto, chiamato percipiente. Ecco una guida dettagliata sul metodo per calcolare e dichiarare la ritenuta d'acconto.

Leggi anche...

Lettera di licenziamento: indicazioni ed esempi da seguire

Lettera di licenziamento: indicazioni ed esempi da seguire

Il decreto legge n°112 del 25 giugno 2008 sancisce che non è più necessario dare le dimissioni online, il lavoratore deve solo comunicare le dimissioni attraverso una lettera di licenziamento scritta e rispettare i termini di preavviso (dopo aver concordato il TFR con il proprio datore di lavoro).

Leggi tutto...

Leggi anche...

Legge sull'imprenditoria giovanile: scopri gli incentivi per te!

giovani imprenditori

La legge 95/95 per l’imprenditoria giovanile prevede finanziamenti per i giovani ragazzi che hanno un’idea imprenditoriale, ma non hanno attuarla per mancanza di fondi.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Voucher lavoro occasionale: scopriamo come funzionano

giovani e lavori occasionali

In questi ultimi anni, a causa della Jobs Act attuata dal Governo Renzi, si sente sempre più spesso parlare dei cosidetti voucher lavoro occasionale, chiamati anche buoni, un particolare sistema di compenso delle prestazioni di lavoro occasionale, ossia tutte quelle attività che non superano i 7.000 euro netti nella durata dell’intero anno solare.

Leggi tutto...
Go to Top