In caso di parto prematuro, la legge 53/2000 stabilisce che l’astensione obbligatoria dalle attività lavorative debba comunque essere di 5 mesi. Quindi se la lavoratrice-mamma non ha goduto del periodo pre-parto di 2 mesi, potrà aggiungere ai tre mesi post-parto i giorni non goduti prima del parto, nel limite massimo di cinque mesi. In caso di parto prematuro la lavoratrice dovrà presentare il certificato attestante la data del parto entro un mese dal lieto evento.

 E’ un diritto della donna godere di questo lasso di tempo:

  • durante i 2 mesi precedenti la data presunta del parto,
  • nei 3 mesi successivi al parto.

Lavorare fino all'ottavo mese

In tal caso il periodo di astensione obbligatoria dalle attività lavorativesarà di un mese prima del parto e quattro mesi di maternità dopo la nascita del bimbo.

Quali documenti presentare al datore di lavoro per ottenerla?

Prima di questo periodo, la futura mamma dovrà presentare agli uffici INPS e al datore di lavoro i seguenti documenti:

  • le domande per corrispondere l’indennità di maternità, complete della data di inizio dell’astensione obbligatoria dalle attività lavorative, come viene previsto dall’articolo 15 della legge numero 1204/71 e le successive modifiche,
  • il certificato medico della gravidanza redatto sul modulo in dotazione alla ASL che indica, tra l’altro, il mese di gestazione (in data della visita) e la data presunta del parto.

Astensione obbligatoria in caso di parto prematuro

In caso di parto prematuro, la legge 53/2000 stabilisce che l’astensione obbligatoria debba comunque essere di 5 mesi. Quindi se la lavoratrice-mamma non ha goduto del periodo pre-parto di 2 mesi, potrà aggiungere ai tre mesi di maternità post-parto i giorni non goduti prima del parto, nel limite massimo di cinque mesi. In caso di parto prematuro la lavoratrice dovrà presentare il certificato attestante la data del parto entro un mese dal lieto evento. La flessibilità dell’astensione obbligatoria dal lavoro per la gestante può essere esercitata soltanto nel caso in cui sia un ginecologo del SSN e un medico competente per la salute nei luoghi di lavoro validino che tale scelta non pregiudichi la salute della gestante e del bambino.

Colf e padri

Oltre a prevedere un periodo in cui obbligatoriamente la futura madre deve astenersi dal lavoro, la Costituzione Italiana tutela le donne specificando al datore di lavoro l'impiego vietato o limitato in caso di gravidanza. Infatti, stando all'articolo 37, l'impiego può essere garantito solo se vengono consentite una serie di funzioni di tipo familiare e soprattutto che la mamma ed il suo bambino siano protetti e non vivano in una condizione di continuo pericolo.

Gli impieghi più a rischio per le gravidanze

 

L'astensione obbligatoria vale innanzitutto il lavoro notturno dalle ore 24 alle 6 per tutte quelle donne che hanno accertato il loro stato di gravidanza, fino a quando il bambino non compia i 12 mesi di vita.
Fra le varie tipologie di lavoro di cui è fatto divieto alle donne incinte, abbiamo quelli pericolosi, faticosi ed insalubri, elencati nell'allegato A del Decreto numero 151/2001. Fra questi rientrano ad esempio i lavori che richiedono di stare in piedi per un periodo superiore a metà dell'orario di lavoro, oppure di utilizzare utensili che siano in grado di vibrare, oppure lavorare in reparti particolari come quelli per le malattie mentali, infettive e nervose.

astensione obbligatoria

Anche lavorare sulle navi o come pilota oppure assistente di volo per quanto riguarda gli aerei.
Esiste anche un allegato B al suddetto Decreto, che proibisce alle donne incinte (e quindi solamente durante questo periodo di 9 mesi), di effettuare lavori che espongano a radiazioni o ad agenti particolari come quelli biologici e fisici. Anche l'esposizione ad agenti chimici è pressochè vietata, specie nel caso di lavori con il piombo o derivati dello stesso.
Naturalmente, viene fatto divieto alle donne incinta anche di effettuare lavori in luoghi sotterranei come le miniere.

Astensione obbligatoria per i papà: ecco come funziona e chi può richiederla

L’astensione obbligatoria dalle attività lavorative è un diritto delle mamme e funziona esattamente come lo abbiamo descritto fino a qui, ma una domanda potrebbe sorgere spontanea e in realtà appare sempre più diffusa negli ultimi anni, tanto che nel 2021 ha portato ad un aumento dei giorni disponibili per il congedo parentale obbligatorio per i neopapà.
Sempre più uomini, una volta diventati padri vorrebbero a disposizione un periodo di congedo parentale dal lavoro che gli permetta di stare vicino al nascituro e alla propria compagna, ma purtroppo, ancora oggi, la strada sembra essere lontana.
Tutti noi sappiamo quante ingiustizie si ritrovano ad affrontare le donne in ambito lavorativo durante la gravidanza e il post parto, ingiustizie che l’astensione obbligatoria dalle attività lavorative non riesce sempre a bilanciare, soprattutto per il tempo a disposizione e per le condizioni di ritorno.
Ma se l’astensione obbligatoria dalle attività lavorative delle neomamme non funziona perfettamente, quella dei neopapà sembra essere lontana anni luce.
Ad oggi, infatti, sono solo 10 i giorni messi a disposizione degli uomini e che possono essere richiesti entro 5 mesi dalla nascita, dall’adozione o dall’affidamento del bambino. Le modalità di astensione obbligatoria dalle attività lavorative rimangono le stesse del 2020, ma con tre giorni in più, per un totale di dieci giorni di astensione dal lavoro retribuiti interamente.

astensione obbligatoria
Tale congedo, occorre specificare, è operativo, allo stato attuale, per i dipendenti privati e i giorni a disposizione possono essere fruiti sia durante l’astensione obbligatoria dalle attività lavorative della madre oppure successivamente in maniera non continuativa.
Per fare domanda occorre seguire la guida dell’INPS dell’11 marzo 2021 e quindi: se l’indennità viene pagata dal datore di lavoro allora il periodo di tempo in cui si vuole usufruire del congedo devono essere dichiarate con almeno due settimane d’anticipo.
Qualora voleste, ad esempio, ottenere il permesso durante il giorno del parto e i giorni immediatamente successivi allora questi vengono calcolati in base alla data presunta del parto.
Se invece è l’INPS a pagare, allora sarà necessario presentare la domanda attraverso i canali dedicati direttamente all’Istituto.
Come potrete intuire la strada da fare è ancora tanta, soprattutto per quelle famiglie in cui entrambi i genitori devono lavorare per poter portare avanti la famiglia e, come è facile notare, anche questi elementi influiscono pesantemente sulla possibilità di fare figli per i giovani di oggi.

L'articolo è stato scritto dalla Redazione di ElaMedia Group

Potrebbe interessarti

Tempi per la liquidazione del TFR: termini e omissioni

Tempi per la liquidazione del TFR

E' spesso possibile che, per motivi di varia natura, il lavoratore si trovi a dover mettere fine a un rapporto di lavoro. Succede che il datore di lavoro effettui il licenziamento che va a riguardare il singolo lavoratore o più di uno; in questo ultimo caso si dice licenziamento collettivo, il quale si verifica specialmente nelle situazioni in cui un'azienda vive particolari periodi di difficoltà di carattere economico o produttivo.

Esclusione dagli studi di settore: approfondiamo l'argomento

immagine per esclusione studi di settore

Gli studi di settore sono strumenti statistici realizzati in funzione dei diversi fattori economici riguardanti l’attività di alcune categorie di lavoratori autonomi. 

Contratto di lavoro a tempo indeterminato: tutto sull'argomento

contratto di lavoro a tempo indeterminato

Esistono infatti diverse forme di contratti di lavoro. C’è quello a tempo determinato, quello di collaborazione occasionale e il Co.Co.pro. Il più ambito tra le tipologie di contratti lavorativi però, nonché quello solitamente più utilizzato dai datori di lavoro, è sicuramente il contratto di lavoro a tempo indeterminato.

I più condivisi

Rivalutazione del TFR: quando è prevista e come calcolarla

Scopri tutto sul tfr

Capita spesso che per motivi di vario genere si verifichi la fine del rapporto di lavoro; le cause della conclusione di un percorso lavorativo e della decisione, da parte del datore di lavoro o del lavoratore stesso, di recidere il contratto possono essere tante.

Medicina del Lavoro: cos’è e di cosa si occupa

medicina del lavoro

La medicina del lavoro è un ambito medico che si interessa e si rivolge alla prevenzione, diagnosi e cura delle patologie derivanti dalle attività lavorative; come evidenziato da Soterikon.it la medicina del lavoro si specializza nell’individuazione dei sintomi e delle malattie causate dall’esposizione dei lavoratori a determinati fattori di rischio: dagli agenti chimici, fisici, biologici ai fattori psico-sociali e lo stress lavorativo.

Finestre Pensioni: le nuove norme introdotte e le modalità di attuazione

finestre pensione

La riscossione della pensione rappresenta una fra le cose maggiormente importanti per il lavoratore, specialmente per vivere, dopo la fine del periodo di lavoro, una vita comoda.

Leggi anche...

Lavorare nella comunicazione: le evoluzioni, gli obiettivi e gli strumenti

Tutti i soggetti partecipanti al mercato comunicano. La comunicazione è di per sé un fattore di costo ma le imprese e anche le organizzazioni no profit decidono di comunicare: per questa ragione trovare un lavoro nella comunicazione può rivelarsi una scelta efficace a patto che si seguano delle linee guida sicure.

Leggi anche...

Calcolo della pensione Inpdap: come farlo e come richiederla?

calcolo pensione inpdap

Calcolo della pensione Inpdap? Dalla riforma sul sistema previdenziale italiano, pure l'Inpdap si è conformata alla differenziazione fra la previdenza obbligatoria e la previdenza complementare.

Ti diamo il benvenuto. Chiediamo il tuo consenso per utilizzare i tuoi dati personali per annunci e contenuti personalizzati, valutazione degli annunci e del contenuto, osservazioni del pubblico e sviluppo di prodotti. Archiviare e/o accedere a informazioni su un dispositivo. I tuoi dati personali verranno elaborati da fornitori terzi e le informazioni raccolte dal tuo dispositivo (come cookie, identificatori univoci e altri dati del dispositivo) possono essere condivise con questi ultimi, da loro visualizzate e memorizzate, oppure essere usate nello specifico da questo sito o questa app. Alcuni fornitori potrebbero trattare i tuoi dati personali sulla base dell'interesse legittimo, al quale puoi opporti gestendo le tue opzioni qui sotto. Cerca nella parte inferiore di questa pagina o nelle nostre norme sulla privacy un link che ti permette di ritirare il consenso.