L’astensione obbligatoria è un diritto a tutela delle lavoratrici in “dolce attesa”. E’ un diritto della donna godere di questo lasso di tempo:

  • durante i 2 mesi precedenti la data presunta del parto,
  • nei 3 mesi successivi al parto.

Lavorare fino all'ottavo mese

L’articolo 12 della legge del 28 marzo 2000 stabilisce la possibilità per la futura mamma di decidere di lavorare fino all’ottavo mese di gravidanza. In tal caso il periodo di astensione obbligatoria sarà di un mese prima del parto e quattro mesi dopo la nascita del bimbo.

Quali documenti presentare per ottenere l'astensione?

Futura mamma lavoratrice: l'astensione obbligatoria

Prima di questo periodo, la futura mamma dovrà presentare agli uffici INPS e al datore di lavoro i seguenti documenti:

  • le domande per corrispondere l’indennità di maternità, complete della data di inizio dell’astensione obbligatoria, come viene previsto dall’articolo 15 della legge numero 1204/71 e le successive modifiche,
  • il certificato medico della gravidanza redatto sul modulo in dotazione alla ASL che indica, tra l’altro, il mese di gestazione (in data della visita) e la data presunta del parto.

Astensione obbligatoria in caso di parto prematuro

In caso di parto prematuro, la legge 53/2000 stabilisce che l’astensione obbligatoria debba comunque essere di 5 mesi. Quindi se la lavoratrice- mamma non ha goduto del periodo pre-parto di 2 mesi, potrà aggiungere ai tre mesi post-parto i giorni non goduti prima del parto, nel limite massimo di cinque mesi. In caso di parto prematuro la lavoratrice dovrà presentare il certificato attestante la data del parto entro un mese dal lieto evento. La flessibilità dell’astensione obbligatoria dal lavoro per la gestante può essere esercitata soltanto nel caso in cui sia un ginecologo del SSN e un medico competente per la salute nei luoghi di lavoro validino che tale scelta non pregiudichi la salute della gestante e del bambino.

Colf e padri

Questo diritto è riconosciuto anche alle lavoratrici a domicilio e alle colf. L’astensione obbligatoria post-parto è stata estesa anche al padre lavoratore nel caso in cui l’assistenza della madre al piccolo sia diventata impossibile per morte o grave infermità o nel caso il padre abbia l’affidamento esclusivo della prole.

Oltre a prevedere un periodo in cui obbligatoriamente la futura madre deve astenersi dal lavoro, la Costituzione Italiana tutela le donne specificando i lavori vietati o limitati in caso di gravidanza. Infatti, stando all'articolo 37, il lavoro può essere garantito solo se vengono consentite una serie di funzioni di tipo familiare e soprattutto che la mamma ed il suo bambino siano protetti e non vivano in una condizione di continuo pericolo.

I lavori più a rischio per le gravidanze

Viene vietato innanzitutto il lavoro notturno dalle ore 24 alle 6 per tutte quelle donne che hanno accertato il loro stato di gravidanza, fino a quando il bambino non compia i 12 mesi di vita.
Fra le varie tipologie di lavoro di cui è fatto divieto alle donne incinte, abbiamo quelli pericolosi, faticosi ed insalubri, elencati nell'allegato A del Decreto numero 151/2001. Fra questi rientrano ad esempio i lavori che richiedono di stare in piedi per un periodo superiore a metà dell'orario di lavoro, oppure di utilizzare utensili che siano in grado di vibrare, oppure lavorare in reparti particolari come quelli per le malattie mentali, infettive e nervose.

Anche lavorare sulle navi o come pilota oppure assistente di volo per quanto riguarda gli aerei.
Esiste anche un allegato B al suddetto Decreto, che proibisce alle donne incinte (e quindi solamente durante questo periodo di 9 mesi), di effettuare lavori che espongano a radiazioni o ad agenti particolari come quelli biologici e fisici. Anche l'esposizione ad agenti chimici è pressochè vietata, specie nel caso di lavori con il piombo o derivati dello stesso.
Naturalmente, viene fatto divieto alle donne incinta anche di effettuare lavori in luoghi sotterranei come le miniere.





Potrebbe interessarti

Riforma pensioni 2012: novità del calcolo contributivo

Immagine usata nell'articolo Riforma pensioni 2012: novità del calcolo contributivo

La riforma pensioni varata dal Governo Monti prevede che dal 1° gennaio 2012, le anzianità raggiunte dopo il 31 dicembre 2011 saranno calcolate con il sistema di calcolo contributivo.

Come presentarsi ai colloqui di lavoro? Non solo consigli sull'abbigliamento!

Che avvenga per email o per telefono, la prima comunicazione con l'azienda costituisce il primissimo momento della valutazione del candidato. È opportuno, durante queste comunicazioni, essere esaustivi e non dimenticare tutti i dati relativi a contatti e dati anagrafici.

Manovra anti-coronavirus: ecco le norme del decreto a sostegno dell'Italia

La manovra anti-corona virus è stata approvata oggi a seguito di un’importante riunione del Consiglio dei Ministri. È stata infatti finalmente approvato il decreto denominato "Cura Italia". In esso sono contenute le norme a sostegno dell’Italia e le misure economiche necessarie a rispondere all'emergenza dovuta al coronavirus.

Modulistica Inpdap: vediamo come accedere facilmente a tutti i documenti

Immagine esemplificativa che riguarda l'articolo Modulistica Inpdap: vediamo tutti i documenti

L'Inpdap svolge il suo lavoro affiancandosi anche ad enti come l' ENPDEP, ENPAS, INADEL e le casse pensionistiche e gestendo tutto quello che riguarda le dinamiche creditizie, previdenziali e sociali dei suoi iscritti.

Contratto a progetto: malattia e infortunio

Nei contratti a progetto, in caso di malattia o infortunio la temporanea sospensione del rapporto di lavoro non implica la proroga del contratto, il co.co.pro. comunque termina alla scadenza stabilita.

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

I più condivisi

Come fare una busta paga: gli elementi da indicare sul cedolino

immagine esemplificativa di come fare una busta paga

Se volete sapere come fare una busta paga, sappiate che l’intestazione dei dati dell’azienda e l’intestazione dei dati del lavoratore, la posizione INPS e la posizione INAIL, dovranno essere riportati nella parte superiore o testa del documento.

Redditi diversi: normativa e caratteristiche qui in Italia

Immagine usata per illustrare l'articolo Redditi diversi: normativa e caratteristiche

Il TUIR è il Testo Unico delle Imposte sui Redditi, emanato con il D.P.R. 22 dicembre 1986, n. 917 e successive modifiche. Il TUIR comprende gli articoli tra il 67 e il 71 dedicati alla voce Redditi Diversi.

Reddito riparametrato (equivalente): come si calcola

In periodo di iscrizione all'università, molti studenti sentono parlare la prima volta di reddito riparametrato, o detto reddito equivalente. Ma di cosa si tratta?

Taglio del cuneo fiscale: ecco in cosa consiste davvero

taglio del cune fiscale

Il cuneo fiscale, parlando ovviamente di lavoro, analizza gli effetti delle tasse che gravano sui lavoratori e sull'occupazione in generale. Viene rappresentato da un indicatore percentuale che corrisponde al rapporto tra le tasse appunto che gravano sui dipendenti e il costo del lavoro complessivo.

Cosa è il demansionamento professionale?

demansionamento professionaleL'articolo 2103 c.c. definisce il significato del termine "demansionamento"; accezione che, chiariamo subito, deve essere, da una parte interpretata in modo elastico e dall'altra deve in modo imprescindibile garantire i diritti del lavoratore. Vediamo più nel dettaglio cosa si intende con il termine demansionamento professionale, con l'approfondimento che proponiamo oggi.

Leggi anche...

Concorsi per invalidi civili: tutte le possibilità elencate

Immagine esemplificativa che riguarda l'articolo Concorsi per invalidi civili: tutte le possibilità elencate in questo approfondimento!

Oggi parliamo di concorsi per invalidi civili. Per categorie protette si intende una condizione di diritto riconosciuta dal legislatore ai lavoratori disabili e altri (orfani, vedove, etc). Oltre che l’obbligo di assunzione per queste categorie di lavoratori presso aziende pubbliche e private, vi sono anche delle quote riservate per la partecipazione ai concorsi, nonché concorsi specifici.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Guardiano del faro: un mestiere romantico e ancora oggi tanto ambito

Immagine esemplificativa della professione di guardiano del faro

Essere guardiano del faro è un sogno romantico per molte persone, si tratta di una professione che non si può svolgere senza la giusta passione da parte di chi è interessato a questo mestiere.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Master e laurea: primo o secondo livello?

Oggi la formazione post universitaria è curata da enti ed aziende pubbliche e private. La varietà dell’offerta dei master postlaurea può rendere più difficile la scelta.

Leggi tutto...
Go to Top