In caso di parto prematuro, la legge 53/2000 stabilisce che l’astensione obbligatoria dalle attività lavorative debba comunque essere di 5 mesi. Quindi se la lavoratrice-mamma non ha goduto del periodo pre-parto di 2 mesi, potrà aggiungere ai tre mesi post-parto i giorni non goduti prima del parto, nel limite massimo di cinque mesi. In caso di parto prematuro la lavoratrice dovrà presentare il certificato attestante la data del parto entro un mese dal lieto evento.

 E’ un diritto della donna godere di questo lasso di tempo:

  • durante i 2 mesi precedenti la data presunta del parto,
  • nei 3 mesi successivi al parto.

Lavorare fino all'ottavo mese

In tal caso il periodo di astensione obbligatoria dalle attività lavorativesarà di un mese prima del parto e quattro mesi di maternità dopo la nascita del bimbo.

Quali documenti presentare al datore di lavoro per ottenerla?

Prima di questo periodo, la futura mamma dovrà presentare agli uffici INPS e al datore di lavoro i seguenti documenti:

  • le domande per corrispondere l’indennità di maternità, complete della data di inizio dell’astensione obbligatoria dalle attività lavorative, come viene previsto dall’articolo 15 della legge numero 1204/71 e le successive modifiche,
  • il certificato medico della gravidanza redatto sul modulo in dotazione alla ASL che indica, tra l’altro, il mese di gestazione (in data della visita) e la data presunta del parto.

Astensione obbligatoria in caso di parto prematuro

In caso di parto prematuro, la legge 53/2000 stabilisce che l’astensione obbligatoria debba comunque essere di 5 mesi. Quindi se la lavoratrice-mamma non ha goduto del periodo pre-parto di 2 mesi, potrà aggiungere ai tre mesi di maternità post-parto i giorni non goduti prima del parto, nel limite massimo di cinque mesi. In caso di parto prematuro la lavoratrice dovrà presentare il certificato attestante la data del parto entro un mese dal lieto evento. La flessibilità dell’astensione obbligatoria dal lavoro per la gestante può essere esercitata soltanto nel caso in cui sia un ginecologo del SSN e un medico competente per la salute nei luoghi di lavoro validino che tale scelta non pregiudichi la salute della gestante e del bambino.

Colf e padri

Oltre a prevedere un periodo in cui obbligatoriamente la futura madre deve astenersi dal lavoro, la Costituzione Italiana tutela le donne specificando al datore di lavoro l'impiego vietato o limitato in caso di gravidanza. Infatti, stando all'articolo 37, l'impiego può essere garantito solo se vengono consentite una serie di funzioni di tipo familiare e soprattutto che la mamma ed il suo bambino siano protetti e non vivano in una condizione di continuo pericolo.

Gli impieghi più a rischio per le gravidanze

 

L'astensione obbligatoria vale innanzitutto il lavoro notturno dalle ore 24 alle 6 per tutte quelle donne che hanno accertato il loro stato di gravidanza, fino a quando il bambino non compia i 12 mesi di vita.
Fra le varie tipologie di lavoro di cui è fatto divieto alle donne incinte, abbiamo quelli pericolosi, faticosi ed insalubri, elencati nell'allegato A del Decreto numero 151/2001. Fra questi rientrano ad esempio i lavori che richiedono di stare in piedi per un periodo superiore a metà dell'orario di lavoro, oppure di utilizzare utensili che siano in grado di vibrare, oppure lavorare in reparti particolari come quelli per le malattie mentali, infettive e nervose.

astensione obbligatoria

Anche lavorare sulle navi o come pilota oppure assistente di volo per quanto riguarda gli aerei.
Esiste anche un allegato B al suddetto Decreto, che proibisce alle donne incinte (e quindi solamente durante questo periodo di 9 mesi), di effettuare lavori che espongano a radiazioni o ad agenti particolari come quelli biologici e fisici. Anche l'esposizione ad agenti chimici è pressochè vietata, specie nel caso di lavori con il piombo o derivati dello stesso.
Naturalmente, viene fatto divieto alle donne incinta anche di effettuare lavori in luoghi sotterranei come le miniere.

Astensione obbligatoria per i papà: ecco come funziona e chi può richiederla

L’astensione obbligatoria dalle attività lavorative è un diritto delle mamme e funziona esattamente come lo abbiamo descritto fino a qui, ma una domanda potrebbe sorgere spontanea e in realtà appare sempre più diffusa negli ultimi anni, tanto che nel 2021 ha portato ad un aumento dei giorni disponibili per il congedo parentale obbligatorio per i neopapà.
Sempre più uomini, una volta diventati padri vorrebbero a disposizione un periodo di congedo parentale dal lavoro che gli permetta di stare vicino al nascituro e alla propria compagna, ma purtroppo, ancora oggi, la strada sembra essere lontana.
Tutti noi sappiamo quante ingiustizie si ritrovano ad affrontare le donne in ambito lavorativo durante la gravidanza e il post parto, ingiustizie che l’astensione obbligatoria dalle attività lavorative non riesce sempre a bilanciare, soprattutto per il tempo a disposizione e per le condizioni di ritorno.
Ma se l’astensione obbligatoria dalle attività lavorative delle neomamme non funziona perfettamente, quella dei neopapà sembra essere lontana anni luce.
Ad oggi, infatti, sono solo 10 i giorni messi a disposizione degli uomini e che possono essere richiesti entro 5 mesi dalla nascita, dall’adozione o dall’affidamento del bambino. Le modalità di astensione obbligatoria dalle attività lavorative rimangono le stesse del 2020, ma con tre giorni in più, per un totale di dieci giorni di astensione dal lavoro retribuiti interamente.

astensione obbligatoria
Tale congedo, occorre specificare, è operativo, allo stato attuale, per i dipendenti privati e i giorni a disposizione possono essere fruiti sia durante l’astensione obbligatoria dalle attività lavorative della madre oppure successivamente in maniera non continuativa.
Per fare domanda occorre seguire la guida dell’INPS dell’11 marzo 2021 e quindi: se l’indennità viene pagata dal datore di lavoro allora il periodo di tempo in cui si vuole usufruire del congedo devono essere dichiarate con almeno due settimane d’anticipo.
Qualora voleste, ad esempio, ottenere il permesso durante il giorno del parto e i giorni immediatamente successivi allora questi vengono calcolati in base alla data presunta del parto.
Se invece è l’INPS a pagare, allora sarà necessario presentare la domanda attraverso i canali dedicati direttamente all’Istituto.
Come potrete intuire la strada da fare è ancora tanta, soprattutto per quelle famiglie in cui entrambi i genitori devono lavorare per poter portare avanti la famiglia e, come è facile notare, anche questi elementi influiscono pesantemente sulla possibilità di fare figli per i giovani di oggi.

Potrebbe interessarti

Pensione alle casalinghe: come ottenerla?

mamma e casalinga

In data 1 gennaio 1997 è stato realizzato uno speciale fondo di previdenza per tutti coloro che svolgono delle attività di cura di familiari e non ricevono un compenso economico, ad esempio le casalinghe che dedicano gran parte delle giornata alla cura della casa e della propria famiglia. E’ importante sapere che possono registrarsi a questo fondo di previdenza anche gli uomini, i requisiti che tutti devono possedere sono legati all’età, che può variare dai 15 ai 65 anni.

Domande colloquio: quali aspettarsi dal selezionatore

Durante un incontro motivazionale, l’esaminatore tende a fare numerosissime domande al suo interlocutore. A volte ci si chiede se alcune siano domande per un colloquio di lavoro? Non si tratta di conoscere la vostra vita privata o cose banali, l’obiettivo è quello di far emergere dalle domande la personalità oltre al profilo del candidato.

Formazione permanente: perché è così importante?

Formazione permanente

La formazione permanente (detta anche Lifelong learning) è l'insieme dei processi di apprendimento che si verificano dopo la prima fase di formazione scolastica, all'università o sul lavoro, atti ad arricchire le competenze, migliorando le qualifiche professionali.

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

I più condivisi

Trovare lavoro in Sardegna: ecco i contatti e i siti giusti!

come trovare lavoro in sardegna

Ampliamo la nostra sezione dedicata alle offerte di lavoro sul territorio nazionale, regione per regione. In questa pagina suggeriamo alcuni dei link utili per chi è interessato alle offerte di lavoro nella regione Sardegna.

Enel Green Power: lavoro possibile? Vediamo dove e come

Immagine d'esempio usata nell'articolo Enel Green Power: lavoro possibile? Vediamo dove e come

Numerosi studi condotti dall'Istituti di Economia e Politica dell'energia e dell'Ambiente dell'Università Bocconi, è emerso che grazie all'avvento della filosofia della Green Economy, sono numerose le nuove aziende green che si stanno costituendo

Calcolo della busta paga: a mano o con i software online?

Calcolo della busta paga

La busta paga è un prospetto economico che il datore di lavoro si preoccupa di fornire al proprio dipendente e che comprende l’importo al netto, percepito in un determinato periodo di lavoro.

Leggi anche...

Contratto a intermittenza: in cosa consiste esattamente?

tipologia di contratto ad intermittenza

Il contratto a intermittenza (detto anche “a chiamata” oppure “job on call”) è regolamentato dagli articoli 33-40 del decreto legislativo 276/03 modificato in parte dalla legge 92/2012. Il lavoratore si presta a offrire le proprie prestazioni per periodi specifici e stabiliti durante la settimana, il mese o l'anno, dedicandosi ad attività di natura saltuaria.

Leggi anche...

Lavorare in un'agenzia immobiliare: cosa bisogna conoscere?

lavorare in un agenzia immobiliare

Lavorare nel settore immobiliare fa gola a molti, soprattutto perché le prospettive di guadagno sono molto alte.La figura più richiesta nel lavoro immobiliare è senz'altro l'agente, ovvero colui che fa da intermediario nello scambio di beni immobili privati o pubblici.