Quando una lavoratrice è in stato interessante, oppure è riuscita ad avere in adozione o affidamento un bambino, può richiedere l'indennità di maternità. Sostanzialmente la neo mamma ha il diritto a una sostituzione della normale retribuzione durante il periodo in cui è non può recarsi a lavoro.

Può essere richiesta sia da cittadini italiani che stranieri a patto che sia confermata la maternità e che sia effettivamente iniziato il rapporto di lavoro.

Tutte le categorie di lavoratrici possono richiederla, a prescindere dal tipo di contratto di lavoro.

Chi paga l'indennità di maternità

Ci sono poi casi in cui è l'INPS in prima persona a pagare l'indennità di maternità. In particolare, viene pagata alle lavoratrici che hanno le seguenti caratteristiche:

  • disoccupate, cassintegrate o in mobilità con diritto alla prestazione previdenziale prevista;
  • disoccupate o sospese la cui gravidanza ha avuto inizio entro i 60 giorni dal termine o dalla sospensione del contratto di lavoro;
  • lavoratrici domestiche che abbiano maturato almeno 1 anno di contributi nel periodo dei due anni precedenti l'assenza obbligatoria, o almeno 6 mesi nell'anno precedente;
  • braccianti agricole che abbiano maturato almeno 51 giornate lavorative nel precedente anno rispetto all'assenza obbligatoria;
  • stagionali o lavoratrici del mondo dello spettacolo che abbiano prestazioni di lavoro saltuario, oppure un contratto a tempo determinato

A quanto ammonta la maternità INPS?

L'Inps effettua un calcolo rispetto alla situazione contrattuale della madre (o nel padre, perché è possibile che, a particolari condizioni, sia questi a ricevere l'indennità, ovvero: morte della madre, infermità, abbandono).
Si calcola la media della retribuzione giornaliera degli ultimi 30 giorni (considerando tutto i giorni indennizzabili). La cifra è generalmente parti all'80% di questa media. I Contratti collettivi possono variare quest'importo, raggiungendo in alcuni casi anche il 100%.

Quanto dura il periodo di maternità per cui vale l'indennità?

La possibilità di fruire di questo diritto dura per l'intero periodo di allontanamento dal lavoro, secondo quanto disposto dalla Direzione provinciale del Lavoro. Di norma si tratta di un periodo di 5 mesi a cavallo del parto.
In caso di adozione o affidamento, il periodo di indennità è di 3 mesi dal giorno in cui il bambino, che non deve aver superato i 6 anni, entra a far parte della famiglia. Questo nel caso di adozione nazionale.
Per una adozione internazionale, l'indennità vale anche se il bambino ha superato i 6 anni di età.

Presentare la domanda

La domanda per ricevere l'indennità di maternità va effettuata all'INPS, congiuntamente al datore di lavoro, nel periodo precedente all'astensione obbligatoria. Alla domanda va naturalmente allegato il certificato di gravidanza rilasciato dal ginecologo, necessari per ricavare il periodo di gestazione e la data indicativa del parto.

E se la madre è precaria?

La situazione descritta è molto comune: nel 2010 hanno richiesto l'indennità più di 7000 mamme precarie.
Le madri devono essere iscritte alla Gestione separata. Si tratta di un fondo previdenziale dell'Inps dedicato a coloro i quali raggiungono i 5000 € l'anno ma tramite contratti saltuari e di collaborazione (ovvero: i lavoratori precari).

In questo è l'Inps che paga totalmente questa somma dell'indennità, per richiedere la quale sono necessari tre contributi mensili nei dodici mesi che precedono la gravidanza il cui importo deve raggiungere i 14.334 €.
Il valore dipende da numerosi fattori, anche se di base condivide il valore dell'80% del reddito medio giornaliero.



Potrebbe interessarti

Busta paga badante: regolarizza l'assistente domestica!

La figura della badante si occupa di fornire assistenza presso il domicilio degli anziani; molto utilizzata in Italia, gode di regolare inquadramento. Prima di soffermarci ad analizzare gli elementi che costituiscono la busta paga della badante, approfondiremo alcune notizie circa questa risorsa così preziosa per la società odierna.

Leggi tutto...

Master in Lingue e Master Digital: scopri la nuova offerta ICOTEA

scrizione ad un master in lingue

Il mondo del lavoro è sempre più complesso. Per questo motivo, diventa necessario farsi trovare pronti con una preparazione adeguata e, soprattutto mirata alle nuove esigenze del mercato.

Leggi tutto...

Calcolo età pensionabile: scopri gli strumenti necessari

La pensione sembra oramai un miraggio per milioni di lavoratori italiani. Per i giovani, invece parlare di pensione fra poco sarà alquanto anacronostico: se il lavoro un utopia, parlare di pensione equivale a parlare di metafisica.

Leggi tutto...

Previdenza sociale: quali soggetti deve tutelare

Il conseguimento di una buona pensione è un aspetto importante e molto considerato da tutti i lavoratori italiani. Per tutelare il lavoratore in materia di pensione e invalidità; esiste infatti la previdenza sociale.

Leggi tutto...

Preavviso dimissioni: numero di giorni e casi particolari

Quando il rapporto di lavoro si interrompe per volontà del lavoratore questi deve rassegnare le proprie dimissioni, con il dovuto preavviso, compilando un'apposita lettera (per approfondire il discorso sulla lettera in questione c'è anche un buon testo su Amazon che ci sentiamo di raccomandarvi). Le dimissioni hanno effetto dal momento in cui il datore di lavoro ne viene a conoscenza (non è richiesta l’accettazione). 

Leggi tutto...

Offerta del giorno su Amazon

I più condivisi

Lavoro ripartito: diritti e doveri

Il contratto di lavoro ripartito, anche detto Job Sharing, è stato introdotto dalla Riforma Biagi ed è disciplinato dal D. Lgs. n. 276/2003, art. 41 – 45. Con un contratto di lavoro ripartito si intende quello nel quale due lavoratori si impegnano ad adempiere solidalmente ad un'unica e identica obbligazione lavorativa.

Leggi tutto...

L'Ammortizzatore sociale: tutto sulla riforma che cambia l'Italia

Immagine esemplificativa di ammortizzatore sociale

Secondo quanto previsto dall'attuale Governo, i nuovi ammortizzatori sociali entreranno a regime non più nel 2015, ma molto più probabilmente la transizione sarà effettuata a partire dal 2017. Attualmente, il sistema di ammortizzatori sociali, all'analisi del Governo per la riforma, mostra una serie di disomogeneità fra i vari settori del lavoro, per quanto riguarda la tutela e le tipologie contrattuali.

Leggi tutto...

RSPP: Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione

La sigla RSPP designa il Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione. Tale figura professionale è un esperto in tema sicurezza.

Leggi tutto...

Lavoro per infermieri: ecco le diverse possibilità

Lavorare nell'area infermieristica coincide con le figure professionali del campo sanitario: le mansioni in questo campo sono diverse, ma tutte puntano all'assistenza del malato.

Leggi tutto...

Telelavoro da casa: tipologie, classificazioni e vantaggi

telelavoro da casa

Il telelavoro da casa è oggi sempre più diffuso grazie ai nuovi mezzi telematici ed informatici, che consentono di lavorare dalla propria abitazione o da qualsiasi altro posto superando i limiti fisici e logistici dell'azienda.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Guida alla Nuova Tabella delle Pensioni

la nuova tabella per le pensioni

Il Decreto “Salva Italia” ha portato ad una sostanziale riforma di tutto il sistema della previdenza italiana. Il passaggio finale dal sistema retributivo al contributivo e l’innalzamento dell’età pensionabile hanno portato ad un rifacimento della tabella delle pensioni, che vede il tentativo di diminuire il divario tra i contributi versati e le mensilità ritirate da chi ha smesso di lavorare, di pari passo con un inasprimento delle condizioni per concludere la sua vita lavorativa.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Scadenza della dichiarazione dei redditi

Le date per la scadenza della dichiarazione dei redditi differiscono nei termini a seconda di quale documento si intenda presentare; vedremo a seguire quali siano queste date e in che modo vadano consegnati il Modello 730 (e 730-1) e il Modello Unico, specificando fin da subito che ogni anno possono essere suscettibili di deroghe e posticipazioni previste solo all'ultimo momento in base ad esigenze specifiche.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Lavorare all’ONU, individua se sei un potenziale funzionario!

Intraprendere una carriera nelle organizzazioni internazionali è una scelta che richiede un notevole impegno, una forte motivazione, un carattere equilibrato e forte.

Leggi tutto...
Go to Top