Un lavoro molto interessante e remunerativo, che richiede elevate capacità organizzative, è legato alla gestione delle risorse umane. Un ruolo, quest’ultimo, che richiede diverse capacità manageriali e comunicative e che può aprire importanti sbocchi di carriera legati al ruolo e soprattutto alla retribuzione. Di seguito spiegheremo nel dettaglio tutte le informazioni relative a questa funzione, dagli studi da intraprendere alle esperienze formative da fare per chi è desideroso di lavorare in questo settore in futuro.

Cosa s'intende con gestione delle risorse umane?

L'etimologia del termine risorse umane, raggruppa tutti i lavoratori alle dipendenze di un'azienda e la sua gestione comporta un controllo e una selezione del personale stesso da inserire nell'impresa.

La gestione delle risorse umane (dall'inglese Human Resource Management) implica dunque la conduzione e l'amministrazione dei dipendenti che operano all'interno di un'azienda.

Come entrare nel settore manageriale

Per trovare un lavoro in questo campo serve sicuramente una laurea che può essere conseguita in:

  • Economia Aziendale
  • Psicologia
  • Statistica
  • Ingegneria gestionale
  • Giurisprudenza
  • Materie umanistiche

Ma a questa dev'essere correlato un master specifico nel settore e, ovviamente, una anche minima esperienza lavorativa. Si consiglia, infatti, di svolgere sempre uno stage durante gli anni accademici.

Lo stage è uno dei pochi strumenti d'accesso al settore. Solitamente sono le grandi aziende che aprono candidature in questo settore, visto che sono quasi esclusivamente queste che possono permettersi un apparato completo delle risorse umane: le imprese più piccole usano rivolgersi alle agenzia per il lavoro, rendendo anche queste un ottimo interlocutore per un giovane che voglia lavorare in questo settore. Molto importante può risultare anche il titolo di studio derivante dalla frequentazione di un Master o di un corso di specializzazione post-laurea. Più rilevante ai fini dell’entrata in questo settore è l’apprendimento definito “on the job” e l’esperienza accumulata.

Le figure professionali

Il lavoro implica numerose e differenti professionalità, ognuna con un compito specifico. Esistono addetti alle risorse umane che lavorano all'interno dell'azienda – occupandosi anche degli aspetti contrattuali e di gestione delle risorse – e coloro che lavorano fuori, alle fiere, ai meeting, per i quali l'aspetto comunicativo è fondamentale. Sicuramente è necessaria anche una figura più tecnica che sappia gestire i vari sistemi informatici che si utilizzano, rendendo il profilo dell'addetto alle risorse umane piuttosto complesso e sfaccettato. Chi ricopre tale ruolo deve possedere tutta una serie di caratteristiche che elencheremo di seguito:

  • conoscenza dell’organizzazione aziendale e finalità delle persone che si gestiscono
  • motivare il personale attraverso una serie di tecniche che possano portare a una maggiore partecipazione del personale stesso
  • avere competenze manageriali
  • avere competenze comunicative per un’ottima comunicazione efficace: lavorare in team, empatia, ascolto attivo, trovare le giuste soluzioni, capacità di negoziare e di relazionarsi con le più diverse entità.

Stage in questo settore

Oltre al possesso di una laurea, è inoltre preferibile conseguire anche un master in gestione delle risorse umane e andare alla ricerca di stage aziendali che richiedano questa figura professionale. L'inserimento lavorativo effettivo, infatti, avviene spesso dopo che il candidato ha svolto un periodo di stage non retribuito all'interno dell'azienda.

Coloro che intendono lavorare nel settore risorse umane devono dunque avere molta esperienza, scolastica e lavorativa, e devono possedere titoli professionali altamente qualificati e idonei a questo tipo di lavoro. Le richieste di lavoro per questo ambito sembrano aumentate nell’ultimo periodo, sia per quanto riguarda il settore pubblico che privato. Questo perchè è cambiata la concezione di fondo riservata ai dipendenti, ritenuti non un peso da sostenere ma come una ricchezza da valorizzare nella miglior maniera possibile. Anche se è un mestiere per ambo i sessi, c’è una prevalenza femminile per i ruoli occupati in questo ambito.

Competenze richieste

Le competenze fondamentali per lavorare nella gestione delle risorse umane sono:

  • la conoscenza di argomenti di natura economica e giuridica;
  • la padronanza di una o più lingue;
  • buone doti relazionali e di valutazione.

Il settore delle risorse umane offre infine anche numerose possibilità di lavorare all'estero, ad esempio a Bruxelles all'interno delle istituzioni legate alla Comunità Europea.

Carriera e stipendi

Chi intraprende questa carriera lavorativa può vedere dei benefici sul lungo termine per quanto riguarda nuovi incarichi: da questo ruolo infatti si può passare a responsabile del personale di una specifica area che poi potrà essere più estesa fino a diventare direttore del personale. Di solito questo ruolo viene ricoperto da un dipendente ma può anche accadere che sia un consulente esterno (soprattutto nei settori pubblici) o che sia un libero professionista. Per quanto riguarda invece gli stipendi, si può partire da un salario che varia da 28mila a 36mila euro lordi quando si è neoassunti ma andando avanti con gli scatti di carriera si arriva anche ai 120mila euro annui come Direttore delle risorse umane.





Potrebbe interessarti

Calcolo età pensionabile: scopri gli strumenti necessari

La pensione sembra oramai un miraggio per milioni di lavoratori italiani. Per i giovani, invece parlare di pensione fra poco sarà alquanto anacronostico: se il lavoro un utopia, parlare di pensione equivale a parlare di metafisica.

Il congedo matrimoniale per l'INPS: conosci questo diritto?

ottenere il congedo matrimoniale

La legge prevede che in occasione del matrimonio, alcune categorie di lavoratori, abbiano diritto al congedo matrimoniale e dell’assegno ad esso relativo. Il congedo matrimoniale corrisponde ad un periodo di astensione al lavoro di 15 giorni consecutivi che non possono essere goduti durante il periodo delle ferie o nel preavviso del licenziamento.

Pensione d'invalidità: scopri chi ne ha diritto e per quali importi

La legge n. 222 del 12 giugno 1984, entrata in vigore il 1° luglio dello stesso anno, ha istituito il diritto alla pensione d’invalidità.

La retribuzione del contratto di apprendistato: tutte le formule possibili

Secondo la legge italiana, ovvero secondo il Testo Unico sull’Apprendistato (decreto legislativo 167/2011), il contratto di apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e all’occupazione dei giovani. Si tratta quindi una forma contrattuale propedeutica, nelle intenzioni, all’assunzione. 

Trattenute in busta paga: vediamo dove finiscono i nostri soldi!

Ogni lavoratore che ha la fortuna di percepire la busta paga, deve però considerare che la stessa prevede anche delle trattenute da parte del datore di lavoro, che daranno, come risultato finale, la paga netta che il lavoratore percepirà.

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

Offerta del giorno su Amazon

I più condivisi

Il contratto a intermittenza: in cosa consiste questo contratto?

tipologia di contratto ad intermittenza

Il contratto di lavoro a intermittenza (detto anche “a chiamata” oppure “job on call”) è regolamentato dagli articoli 33-40 del decreto legislativo 276/03 modificato in parte dalla legge 92/2012. Il lavoratore si presta a offrire le proprie prestazioni per periodi specifici e stabiliti durante la settimana, il mese o l'anno, dedicandosi ad attività di natura saltuaria.

Quali sono le applicazioni della marcatura industriale?

La marcatura industriale è un sistema di identificazione univoca dei prodotti e dei componenti industriali. Questa tecnologia è fondamentale per l'industria meccanica italiana d'eccellenza. Le tipologie di marcatura industriale sono diverse ma la più innovativa e performante sul mercato attuale è sicuramente la marcatura laser.

Disoccupazione: requisiti ridotti

Si definisce disoccupazione, la condizione in cui si trovi un soggetto in età di lavoro che non sia una forza attiva nel mondo del lavoro.

I 20 anni di ICOTEA: le ultime novità

Acquisire esperienza nel settore della formazione online è un traguardo tanto impegnativo quanto importante. Con l’espansione dell’offerta in ambito FAD (Formazione a Distanza) non è facile trovare un ente che conosca a fondo il know how e sappia andare incontro alle esigenze degli studenti 2.0, individui che hanno voglia di studiare, non tempo da perdere.

Aspettativa maternità: caratteristiche e novità per farne richiesta

L’aspettativa per maternità consiste in un periodo di tre mesi di aspettativa aziendale dal lavoro di cui la madre lavoratrice può fruire per assistere il figlio fino ai 3 anni di età.

Tasse università a Firenze: quando, come e dove pagarle

Ecco una guida per chi desidera avere informazioni generali circa le tasse università a Firenze e nelle altre università italiane. E’ bene specificare che ogni ateneo e facoltà utilizza degli iter differenti per il pagamento delle rette universitarie. In linea generale però, le università pubbliche seguono le indicazioni riportate di seguito in questa pagina.

Leggi tutto...

Modello per il curriculum vitae: come compilarlo passo passo?

come compilare il curriculum vitae

Il curriculum vitae è composto solitamente da più sezioni le quali non differiscono poi di molto tra il formato tradizionale, quello europeo o lo schema europass (che mostreremo più avanti nel corso del nostro approfonimento).

Leggi tutto...
Go to Top