Quando si lavora a contatto con altre persone e/o alle dipendenze di un datore di lavoro, possono verificarsi delle situazioni sgradevoli per alcuni lavoratori. Potrebbe infatti verificarsi il cosiddetto fenomeno di mobbing, termine che deriva dall'inglese to mob.

Quando nasce l'attenzione verso il fenomeno

E' un termine nato durante gli anni 70 dalla mente di Konrad Lorenz: lo studioso aveva l’obiettivo di identificare e catalogare tutta una serie di atteggiamenti particolari (e così diversi tra loro) all’interno di un’unica macro categoria. Sono diverse le statistiche che cercano di identificare questo tipo di problema. Secondo alcuni studi internazionali, in Inghilterra quasi il 16% dei dipendenti ha subito episodi di mobbing nella propria vita lavorativa, mentre in Italia, ci si attesta attorno al 5%.

Non può essere realmente considerato una patologia, ma ne può essere la causa scatenante, soprattutto del cosiddetto “disturbo d’adattamento”, ovvero una progressiva incapacità della persona a reagire in situazione di carattere stressogeno, con attacchi di panico, annebbiamento della vista e tachicardia.

Cos'è il mobbing: entriamo nel nodo del problema

E' uno dei problemi sociali più comuni negli ambienti di lavoro: può identificare un insieme di atteggiamenti violenti che prendono di mira un singolo all’interno di un ambiente ostile, sia da parte di superiori sia da parte di colleghi. E' infatti un fenomeno molto frequente che si presenta con offese da parte di altri lavoratori ai danni di un singolo; le angherie possono essere soprattutto di natura psicologica, ma, nei casi più gravi, possono scoppiare anche in veri e propri maltrattamenti ed umiliazioni di natura fisica. Scaturisce soprattutto a causa di fenomeni di competitività estrema tra lavoratori (per antipatie o gelosie) e perché alcuni lavoratori intendono in questo modo far perdere il lavoro ad un singolo individuo.

Le dinamiche e i tipi di mobbing variano in base ai soggetti che attuano lo stesso, datori di lavoro, lavoratori di uno stesso livello o di livello superiore, ma anche a specifici fenomeni di strategia aziendale, volti ad eliminare un lavoratore privilegiato.

Tutelarsi e difendersi dal mobbing: la denuncia. Come dimostrare i torti subiti?

Immagine d'esempio usata nell'articolo Mobbing sul lavoro: impara a combatterlo

Per tutelarsi, la prima cosa da fare è quella di lottare e di non lasciarsi prendere dallo sconforto e da stati di depressione. Per porre fine al mobbing? E' da evitare l'idea di dimettersi; potrebbe invece essere utile staccare, prendendosi dei periodi di ferie o di malattia non eccessivamente lunghi. Evitare dunque di cedere subito alle offese subite. Per alcuni potrebbero essere consigliati dei momenti di sospensione del lavoro prendendo dei periodi di ferie o di malattia non molto lunghi; sono assolutamente da evitare invece le dimissioni. La cosa più importante da fare in caso di mobbing è infine quella di denunciarlo, affidandovi a un buon avvocato e a una procedura legale prima e successivamente, se è il caso, penale.

Come constrastarlo: esiste un telefono verde? E per il risarcimento?

Può essere infine denunciato, avviando una procedura legale di natura civile e nei casi più gravi anche penale. È necessario riuscire a raccogliere delle prove che provino mobbing stesso, come registrazioni e resoconti dettagliati. Molto utile è anche avere dei colleghi dalla propria parte che abbiano intenzione di testimoniare in vostro favore. È dunque fondamentale procurarsi:

  • prove scritte che attestino il mobbing, da protocollare e spedire tramite raccomandata A.R.
  • colleghi che vogliano testimoniare a vostro favore
  • registrazioni e resoconti di tutte le vessazioni subite

Se hai deciso di lasciare il tuo posto di lavoro allora ti consigliamo di leggere i nostri approfondimenti su come scrivere un curriculum vitae e su come presentare la lettera di dimissioni.

Sentenza per reato del 3 luglio 2013 n. 28603. Ecco cosa dice la giurisprudenza

Con questa sentenza la Cassazione ha dato vita ad una tipologia più morbida di mobbing, lo straining. Di cosa stiamo parlando? Di una situazione di stress forzato sul posto di lavoro. Il mal capitato in questo caso subirebbe un'azione negativo nell'ambito del suo ambiente lavorativo. La forma negativa dovrebbe avere un carattere stressante e caratterizzarsi per una durata pressoché costante.

Straining

Perché si possa trattare di straining è indispensabile che ci sia dunque un gravissimo demansionamento (tanto per fare un esempio). La Corte di Cassazione lo ha stabilito con la sentenza n. 28603 del 03 luglio 2013. I giudici di legittimità affermano infatti che nelle grandi realtà societarie è complicato poter trovare il mobbing: questo non significa che non si possano trovare comunque altre forme denigratorie.

Come le aziende soddisfano i bisogni dei lavoratori

La motivazione è l’energia che impieghiamo per svolgere l’attività che ci occorre per soddisfare i nostri bisogni. Due autori hanno parlato di motivazione al lavoro: Maslow e Herzberg.

Maslow individua 5 tipi di bisogni (anni ’50), che potrebbero essere rappresentati come una piramide in cui ad ogni gradino corrisponde un bisogno. Alla base troviamo i bisogni fisiologici - primari e a salire troviamoil bisogno di sicurezza, di socialità e in cima l'autorealizzazione.

  • Per soddisfare i bisogni fisiologici l’azienda riconosce lo stipendio.
  • Per soddisfare i bisogni di sicurezza l'impresa deve soddisfare diversi aspetti di questa necessità. Esiste il bisogno di sicurezza fisica garantito dalle norme che evitino gli incidenti sul lavoro, è importante soddisfare il bisogno di sicurezza psicologica cioè la certezza di poter contare su un lavoro, uno stipendio stabile, continuativo, il lavoratore necessita anche di sicurezza di equità cioè ha il bosogno di ricevere un trattamento equo rispetto agli altri. L’azienda per soddisfare il bisogno di sicurezza, in tutte le sue sfaccettature, utilizza i contratti, il contesto fisico a norma, lo stile di direzione (comportamento del capo equo con tutti i dipendenti). Altro strumento importante è la presenza di regole, di strutture organizzative chiare (es. l’organigramma dà trasparenza) e di sistemi di gestione del personale.
  • Per soddisfare il bisogno di socialità. L’azienda deve essere attenta al layout (il contesto fisico) e può proporre attività extra-lavorative e corsi di formazione che permettano ai lavoratori di socializzare tra loro.
  • Per soddisfare il bisogno di sentirsi stimati dagli altri (capo e colleghi) e il bisogno di accrescere la propria autostima, l’azienda può proporre bonus e premi per riconoscere il buon lavoro di alcuni dipendenti. Oltre al riconoscimento, l’azienda può soddisfare il bisogno di stima del lavoratore assicurandogli possibilità di carriera. Il “contenuto della mansione” è la leva più importante che l’azienda può offrire per crescere l’autostima.
  • L’autorealizzazione si raggiunge quando fai ciò che puoi fare, in base alle tue potenzialità. L’autorealizzazione è l’utilizzazione del potenziale creativo dell’individuo per l’autoappagamento.

Obiettivi della teoria contingente di Maslow

Non è detto che i bisogni evidenziati da Maslow emergano tutti nello stesso modo ed in tutti gli individui. Si possono creare strutture gerarchiche con ordini diversi. La regola più importante del modello di Maslow è che un bisogno soddisfatto non è più motivante e per questo devono sempre emergere bisogni nuovi.

Teoria contingente di Herzberg

Sempre negli anni ‘50 Herzberg compie una grande ricerca intervistando dei lavoratori e chiedendo loro di esprimere le loro motivazioni. Egli divide in due categorie i fattori del lavoro:

  • fattori igienici. Fattori che devono essere presenti per garantire la non insoddisfazione del lavoratore, ma non creano motivazione. Es. il contesto fisico, contesto sociale, retribuzione, capo e l’organizzazione. Fattori che corrispondono al 1 e 2 gradino della piramide di Maslow
  • fattori motivanti. Fattori che portano alla nascita di motivazioni. Es. risultati, riconoscimenti, carriera e contenuto della mansione.

Nel contesto odierno, il comportamento/rapporto del capo ed in parte la retribuzione si sono spostati nei fattori motivazionali. La parte fissa della retribuzione rimane nei fattori igienici, la parte variabile (bonus, premi) è fonte dei bisogni motivazionali. Persone diverse possono essere più idonee ad una certa combinazione di fattori rispetto ad altre.





Potrebbe interessarti

Abilitazione all'Insegnamento alla scuola secondaria: dalla SSIS al TFA

Come scegliere un master di abilitazione insegnamento scuola secondaria

E' ormai un dato certo il passaggio del testimone dell'abilitazione all'insegnamento da SISS al TFA: si parla dei tirocini formativi attivi, ovvero il corso che va ad abilitare l'insegnamento nelle scuole di 1 e 2 grado. Il tirocinio annulla definitivamente le Scuole di Specializzazione dell'Insegnamento Secondario, non più funzionanti dall'anno di corso 2008/2009.

L'Ammortizzatore sociale: tutto sulla riforma che cambia l'Italia

Immagine esemplificativa di ammortizzatore sociale

Secondo quanto previsto dall'attuale Governo, i nuovi ammortizzatori sociali entreranno a regime non più nel 2015, ma molto più probabilmente la transizione sarà effettuata a partire dal 2017. Attualmente, il sistema di ammortizzatori sociali, all'analisi del Governo per la riforma, mostra una serie di disomogeneità fra i vari settori del lavoro, per quanto riguarda la tutela e le tipologie contrattuali.

Dichiarazione Red per i contributi agevolati alla pensione

dichiarazione red

Esistono alcune agevolazioni pensionistiche, quali gli assegni familiari, la pensione minima, di reversibilità o invalidità, che necessitano di determinati requisiti per essere ottenute.

Flat Tax: come funziona realmente questo sistema fiscale?

flat tax calcolo

La Flat Tax rappresenta un sistema fiscale che è caratterizzato da una, non progressiva, aliquota fissa. Essa trova applicazione in una proposta contenuta nel contratto di Governo fra M5s e Lega ed include due aliquote, di cui del 15 e del 20% per quanto riguarda i redditi da lavoro di persone fisiche, famiglie e Partite IVA; ed una, invece, fissa destinata alle imprese che reinvestono i loro utili del 15 + 5%. Inoltre, è previsto un sistema di detrazioni e deduzioni atto a garantire la progressività delle imposte.

Il contratto Co.co.pro.: tutte le caratteristiche

Il contratto co.co.pro. è nato dalla Legge Biaggi come sostituzione del contratto di collaborazione coordinata e continuativa (altrimenti detto co.co.co.).

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

I più condivisi

Master e laurea: primo o secondo livello?

Oggi la formazione post universitaria è curata da enti ed aziende pubbliche e private. La varietà dell’offerta dei master postlaurea può rendere più difficile la scelta.

Tesi master universitario: struttura, obiettivi e contenuti

Si denomina Tesi o report, il dattiloscritto finale che va solitamente redatto alla fine di un master universitario. Il lavoro di una tesi richiede molto tempo, pazienza e ricerca accurata delle fonti.

Lavorare nel mondo della musica: guadagna per mezzo della tua passione!

il sogno di lavorare con la musica

Non tutti siamo nati per essere degli impiegati o per fare gli operai. C'è chi ha un'indole di artista e desidera lavorare nel settore musica- danza. Oggi il mercato del lavoro è complesso a prescindere dal settore, ma chi è spinto da una grande passione “sopporta” più facilmente la gavetta e il periodo di formazione.

Diritti del lavoratore: un approfondimento da non perdere

Immagine esemplificativa per l'articolo Diritti del lavoratore: un approfondimento da non perdere

L'articolo 37 della Costituzione tutela e protegge l'impiego delle donne e dei minori (che abbiano compiuto 15 anni) ericonosce paritàdi lavoro e di retribuzione per uomini e donne. All'articolo 38 sono stabilite le norme per la previdenza e assistenza e per le assicurazioni obbligatorie, mentre all'articolo 39 è affermato il diritto della libertà dell’organizzazione e dell’attività sindacale. In ultimo l'articolo 40 definisce il principio del diritto di sciopero dei lavoratori.

Curriculum vitae: esempio pratico. Ecco come compilarlo passo passo

come compilare il curriculum vitae

Il curriculum vitae è composto solitamente da più sezioni le quali non differiscono poi di molto tra il formato tradizionale, quello europeo o lo schema europass (che mostreremo più avanti nel corso del nostro approfonimento).

Leggi anche...

Incubatore d'impresa: supporto per nuovi imprenditori

Immagine di incubatore di impresa

L’incubatore d’impresa comprende lo spazio fisico nel quale sono offerti diversi beni o servizi a delle neo imprese locali.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Facoltà di Scienze Umanistiche: quali sono gli sbocchi lavorativi?

Immagine esemplificativa utilizzata all'interno dell'articolo Facoltà di Scienze Umanistiche

La Facoltà di Scienze Umanistiche mira ad offrire una formazione umanistica aggiornata con l’ausilio delle metodologie più moderne, con l'intenzione di condurre gli studenti ad attivare un occhio critico per guardare il mondo contemporaneo in tutta la sua complessità e in tutte le sue metamorfosi.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Come fare una busta paga: gli elementi da indicare sul cedolino

immagine esemplificativa di come fare una busta paga

Se volete sapere come fare una busta paga, sappiate che l’intestazione dei dati dell’azienda e l’intestazione dei dati del lavoratore, la posizione INPS e la posizione INAIL, dovranno essere riportati nella parte superiore o testa del documento.

Leggi tutto...
Go to Top