Il lavoro del designer, alla lettera “progettista”, consiste nella realizzazione dal punto di vista della progettazione, di determinati artefatti utili per un utilizzo domestico, lavorativo, ecc. In Italia, dunque, chi lavora in ambito di design è una figura professionale con una serie di competenze specialistiche in grado di qualificarlo dal punto di vista della capacità e dell'attitudine alla progettazione di oggetti, principalmente per interni.

Siti internet utili per trovare lavoro come designer

Vero è che non ci dobbiamo preoccupare perché, a sentire il premier Monti non corriamo più il rischio di entrare in un ufficio e restarci per sempre. Tuttavia, l’ufficio che ci prenda va per prima cosa trovato. In tale direzione ci viene in aiuto la tecnologia che, per mezzo dei siti internet, ci permette di facilitare le ricerche e di trovare in un tempo decisamente minore tutte quelle offerte di lavoro che, una volta, si trovavano o per sentito dire, o girando per mille edicole e mille riviste di annunci.

Addio quindi alle vecchie riviste di annunci: internet ormai le ha sbaragliate grazie al costo quasi nullo delle inserzioni e alle infinite, maggiori, possibilità di diffusione che la rete può raggiungere. Tra i siti italiani più noti nel campo delle offerte di lavoro, abbiamo sicuramente trovolavoro (dependance del corriere della sera), jobisjob, carrerjet, infojobs e innumerevoli altre sottopagine di siti maggiormente noti per altro.

In quali regioni sono richiesti grafici e designer

lavorare nel mondo del design

Gli operatori specializzati nella grafica possono trovare una più alta concentrazione di offerte di lavoro nel loro specifico settore soprattutto nelle zone di Roma e di Milano, con concentrazione di richieste minore, ma comunque presente, nei centri di Torino, Verona, Modena, Padova, Firenze, Lucca e Vicenza. Offerte quasi nulle nel Mezzogiorno, con l’unica eccezione di Napoli.

Le offerte di lavoro nel campo del design richiedono, naturalmente, competenze specializzate nei vari programmi di montaggio fotografico e video (Photoshop, illustrator, indesign) e, più o meno indirettamente, quindi, il diploma delle scuole superiori per il grafico-pubblicitario.

Mentre le offerte di lavoro milanesi sono in qualche modo un pochino più “stabili” e spesso legate al mondo televisivo o della moda, quelle di Roma hanno pertinenza maggiore sugli eventi di tipo fieristico: richiedono dunque collaborazioni più o meno occasionali (per quanto scandite da frequenze fisse di almeno una volta a settimana, in media) e spesso una maggiore capacità di adattamento e velocità nel lavoro.

Requisiti per le offerte di lavoro design

Chi propone offerte di lavoro nel campo del design, ricerca dunque figure professionali abili nella progettazione di artefatti destinati a diverse tipologie di utilizzo, a seconda della specializzazione del soggetto. Infatti, possono accedere alle offerte di lavoro design coloro che hanno seguito dei corsi universitari di Laurea, ricevendo dunque una formazione apposita e la qualifica di Dottore in disegno industriale, appartenente alla classe 42, delle Lauree in teorie e metodi del disegno industriale - e 103/S Classe delle Lauree Specialistiche in teorie e metodi del disegno industriale.

Oltre alla Laurea, esistono altri percorsi privati di formazione alla professione di designer, gestiti da appositi enti che certificano le competenze in modo che possano valere in caso di offerte di lavoro dedicate a chi si occupa di design.

Caratteristiche lavoro design

Proprio quello del digitale è, tra l’altro, un settore assai fortunato, continuamente alla ricerca di ampliamenti e pieno di offerte di lavoro. Gli amanti della grafica questo lo sanno bene, in quanto vengono utilizzati da tutti e per gli scopi più diversi. Dal lavoro sui codici html alla realizzazione di una copertina per un libro, sono innumerevoli gli enti e le persone che necessitano l’apporto degli esperti di grafica, ai quali vengono fatte spesso offerte di lavoro solitamente a progetto.

Le offerte di lavoro per il design possono dunque suddividersi a seconda del percorso formativo scelto durante gli studi. Principalmente le offerte di lavoro sono rivolte al design industriale e al design della comunicazione.

  1. Le offerte di lavoro per il design industriale sono rivolte a chi ha scelto come oggetto della progettazione i beni di consumo ed i servizi, come utensili o oggetti per casa e arredamento, mezzi di trasporto, apparecchi dedicati all'illuminazione, packaging dei prodotti e accessori di moda.
  2. Le offerte di lavoro per il design della comunicazione, invece, sono destinate ai professionisti della comunicazione visiva, ovvero a chi si occupa della segnaletica di luoghi pubblici come musei, ospedali; a chi si occupa di prodotti editoriali; a chi si occupa di comunicazione sociale, servizi interattivi e multimediali, prodotti digitali o siti web.

Di cosa si occupa chi lavora nel design

Nuove figure professionali si affacciano sempre di più nel mondo del lavoro e molte si inseriscono nel più ampio campo legato alla progettazione: il lavoro nel Design accoglie molti di questi spunti. Soprattutto Tanti sono poi i lavori creativi, quelli cioè che uniscono le competenze tecniche relative alla progettazione stessa con idee originali e originali.

Basti pensare in tal senso ai grafici pubblicitari, agli architetti; entrambi infatti fondono spesso le loro spiccate doti creative con le specifiche competenze tecniche e teoriche acquisite durante lunghi percorsi di studio. Altra tipologia lavorativa che viene svolta sia sul versante della creatività che della tecnica è sicuramente il lavoro nell'ambito del design.

Il termine deriva dall'inglese e raccoglie tutte quelle quelle professioni che lavorano nell'ambito della progettazione, della realizzazione dunque di un oggetto o di un'idea, e anche del disegno industriale.

Nell'ultimo caso si parla infatti più propriamente di design industriale, un modo per accorpare in un solo termine le caratteristiche estetiche e tecniche di chi esercita tale professione. Il termine viene inoltre associato alle caratteristiche artistiche ed estetiche del prodotto stesso che si va a realizzare.

Quali sono le professionalità del designer per interni e/o per esterni?

  • Designer di automobili. Questa professionalità è rivolta ai laureati in ingegneria ed è specializzata nella progettazione d'auto. È una figura abbastanza diffusa in Italia, dove il settore automotive funziona ed ha la particolarità di unire più competenze: quelle tecnico-scientifiche relative a tutto il vastissimo sapere delle auto e quelle stilistiche.

    Esistono molte opportunità per intraprendere questa carriera e molte di queste passano per master o corsi di specializzazione: si consiglia, ad esempio, di controllare periodicamente il sito dell'Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia che da alcuni anni ospita un master di qualità sull'argomento.
  • Interior designer. Si parla qui dell'arredatore di interni, una figura dove l'aspetto creativo è assolutamente preponderante. Il percorso di studi inizia già al liceo, dove è opportuno scegliere il liceo artistico o l'accademia delle belle arti. All'università, poi, è consigliato intraprendere la facoltà di architettura.
    All'interno della quale, una volta conseguita la triennale, è possibile scegliere corsi di specializzazione o master per l'arredamento di interni. In alternativa, esistono ottimi corsi organizzati da istituti privati (come l'Istituto Europeo di Design). La carriera prevede una ripida curva di apprendimento: è fondamentale fare esperienza ma, soprattutto, farsi un nome visto che il passaparola nell'ambiente è molto importante.
  • Fashion designer. I marchi di moda italiani sono sempre sinonimo di qualità e successo all'estero: è per questo che questa è una professionalità sulla quale conviene puntare. Esistono corsi universitari ad hoc, dopo i quali è necessario entrare in un'agenzia ed apprendere le basi. Occorre davvero un'insana dote di creatività, ma questa professionalità non si spende solo nello stilista: le figure sono numerose, come il product manager o il trends hunter.
  • Cake designer. Il cake design è l'addetto alla decorazione di torte e pasticcini, capace di creare diorami e sculture di altissima qualità con zuccheri e paste. Non deve per forza essere un pasticcere, ma deve avere una conoscenza di base degli ingredienti che si utilizzano. E' possibile seguire un corso organizzato da associazioni ed enti come l'Associazione Italiana Cake Designer.

Requisiti per lavorare nel mondo del design

Il professionista del settore deve possedere una laurea per diventarlo a pieno titolo; in Italia c'è infatti la laurea in Disegno industriale appartenente alla classe 42, delle Lauree in teorie e metodi del disegno industriale - e 103/S Classe delle Lauree Specialistiche in teorie e metodi del disegno industriale. É poi possibile seguire corsi e scuole private sia in Italia che all'estero.

Le Università pubbliche italiane dove è possibile conseguire tale laurea sono le seguenti: Politecnico di Milano e di Torino, lo IUAV, La Facoltà di Architettura di Aversa “Luigi Vanvitelli”, la Ludovico Quaroni di Roma, Ferrara, Ascoli Piceno, Palermo, gli Istituti superiori per le industrie artistiche (ISIA) di Roma, Faenza, Firenze e Urbino.

Non esistono albi professionali per quelli che vengono definiti “artigiani”; e però possibile iscriversi ai Periti industriali laureati. I profili di questo tipo fanno inoltre riferimento unicamente all'Associazione per il Disegno Industriale (ADI) e all'Associazione italiana progettazione per la comunicazione visiva (AIAP).

Un esperto del genere può infine lavorare alle dipendenze di qualcuno o come libero professionista da solo o come socio in uno studio assieme ad altri e i settori di lavoro possono essere tra i più disparati.



Potrebbe interessarti

Modulo Social Card: tutte le informazioni

Per i cittadini che ne fanno domanda e che hanno i requisiti di legge (D.L. n. 112 del 2008) è disponibile una Carta Acquisti utilizzabile per il sostegno della spesa alimentare, sanitaria e il pagamento delle bollette della luce e del gas.

Leggi tutto...

Libretto Formativo del cittadino: scopriamo cos'è

Il Libretto Formativo del cittadino raccoglie e documenta le diverse esperienze di apprendimento e le competenze dei cittadini lavoratori, acquisite in ambito lavorativo e scolastico.

Leggi tutto...

Lettera di accompagnamento al curriculum: sai come scriverla?

lettera di accompagnamento

La lettera di accompagnamento del curriculum è un documento che viene inviato in allegato, o addirittura precede, il CV. In un mercato del lavoro che si fa sempre più competitivo e nel quale i titoli di studio iniziano ad essere inflazionati, attirare l’interesse del perito selettore con una nota personale può significare la differenza tra un colloquio positivo ed uno negativo.

Leggi tutto...

Il contratto collettivo nazionale per i pubblici servizi

Il Contratto Collettivo Nazionale del Lavoro dei Pubblici Servizi è un documento fondamentale che definisce i rapporti lavorativi tra datori di lavoro, lavoratori e categorie sindacali che operano in questo settore.

Leggi tutto...

Formazione permanente: perché è importante?

La formazione permanente (detta anche Lifelong learning) è l'insieme dei processi di apprendimento che si verificano dopo la prima fase di formazione scolastica, all'università o sul lavoro, atti ad arricchire le competenze, migliorando le qualifiche professionali.

Leggi tutto...

Offerta del giorno su Amazon

I più condivisi

Richiesta detrazioni figli e familiari a carico: come fare?

Nella dichiarazione dei redditi è possibile ottenere delle detrazioni per figli a carico. Il richiedente deve dichiarare annualmente i nominativi, con relativi codici fiscali, dei famigliari di cui richiede la detrazione.

Leggi tutto...

Lavoro Categorie Protette: chi ne ha diritto e le offerte online

Il tema del lavoro per le categorie protette è disciplinato dalla legge n. 68/1999. e rientra nelle dinamiche legate alla tutela del lavoratore. I lavoratori che rientrano in questa dimensione hanno più di 15 anni d'età e non hanno ancora raggiunto l'età pensionabile.

Leggi tutto...

Buonuscita per il licenziamento: chi ne ha diritto?

Definita anche “trattamento di fine rapporto” (o TFR), la buonuscita per il licenziamento è una retribuzione alla quale ha diritto il lavoratore dipendente alla fine della prestazione lavorativa, a prescindere dalla sua ragione.

Leggi tutto...

La lettera di referenze: impariamo a scriverla!

La lettera di referenze è richiesta dal lavoratore allo sciogliere del contratto ed è redatta dal ex datore di lavoro. E’ un diritto del collaboratore richiedere all’azienda per cui ha svolto l’attività lavorativa questo documento che testimoni la qualità del lavoro svolto e dia informazioni circa la condotta personale.

Leggi tutto...

Reddito di cittadinanza: come usufruirne?

Il reddito di cittadinanza è uno strumento di sostegno economico a favore delle famiglie che hanno il reddito inferiore alla soglia di povertà. Tali famiglie, vedranno integrarsi il reddito percepito con una determinata somma che consentirà di arrivare sino alla somma prestabilita che varia in base al numero di componenti del nucleo familiare.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Licenziamento a tempo indeterminato: conosci i casi e le procedure per attivarlo?

Prima di parlare del licenziamento a tempo indeterminato è necessario ricordare che il contratto a tempo indeterminato è disciplinato dall'art. 2094 del Codice Civile che, all’Art. 2094, definisce questo tipo di lavoratore come “prestatore di lavoro subordinato chi si obbliga mediante retribuzione a collaborare nell'impresa, prestando il proprio lavoro intellettuale o manuale alle dipendenze e sotto la direzione dell'imprenditore”.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Imprenditoria femminile e fondo perduto: quali sono le novità?

L’acuirsi della crisi economica e la mancanza di lavoro, hanno negli ultimi anni ingenerato un forte aumento dell’interesse dei cittadini italiani verso l’imprenditoria femminile e i finanziamenti a fondo perduto

Leggi tutto...

Leggi anche...

Il CCNL per l'industria: un approfondimento

La presenza di un Ccnl, ovvero di un Contratto collettivo nazionale del Lavoro e di settore, è fondamentale per regolare al meglio le dinamiche di lavoro e le direttive di una determinata categoria lavorativa.

Leggi tutto...
Go to Top