E' spesso possibile che, per motivi di varia natura, il lavoratore si trovi a dover porre fine a un rapporto di lavoro. Capita che sia il datore di lavoro ad effettuare il licenziamento che può riguardare un singolo lavoratore oppure più di uno; nell'ultimo caso si parla di licenziamento collettivo, che si verifica soprattutto nelle situazioni in cui un'azienda si trova in particolari periodi di difficoltà economiche o produttive.

Può essere anche il lavoratore stesso a decidere di lasciare il posto di lavoro per andare a lavorare presso un datore di lavoro che magari gli offre condizioni salariali più vantaggiose rispetto alle precedenti o per altri motivi di carattere pratico e/o personale; il dipendente in questo caso dovrà presentare la sua lettera di dimissioni.

Quando un rapporto lavorativo finisce è necessario sempre dare il dovuto preavviso, sia che si tratti di licenziamento sia che ci si trovi di fronte ad un caso di dimissioni. Ai sensi dell'articolo 2120 del Codice Civile è inoltre obbligatorio effettuare il calcolo e il dovuto pagamento del TFR, acronimo del Trattamento di fine rapporto, detto anche liquidazione o buonuscita.

TFR e licenziamenti

La parola è l'acronimo del trattamento di fine rapporto, definito anche come buona uscita o liquidazione, e rappresenta la somma di denaro che il datore di lavoro deve elargire al suo ex dipendente quando il rapporto di lavoro tra i due, per cause varie, giunge al termine.

Ai sensi dell'articolo 2120 del Codice Civile, che delinea le modalità del trattamento di fine rapporto stesso, va erogato in qualunque circostanza e qualunque sia la causa della cessazione del rapporto di lavoro. Va infatti elargito sia nei casi di dimissioni che nei casi di licenziamento individuale o collettivo.

Come si calcola il TFR

L'ammontare del trattamento viene definito in base all'accumulo di ore e giorni lavorativi maturati durante tutto il periodo di lavoro stesso.

Il calcolo del TFR è dunque uguale, ma mai superiore, all'ammontare della retribuzione che spetta al lavoratore per l'anno in questione divisa per 13,5. L'importo è ridotto nei casi di frazioni di mese uguali o superiori a 15 giorni. Se vuoi approfondire ti consigliamo la lettura del testo Il trattamento di fine rapporto. Artt. 2120-2122

Opzioni di destinazione del TFR lavoro

Ai fini dell'accumulo e dell'ammontare del TFR finale, il lavoratore può destinare lo stesso a fini pensionistici, in modo tale che esso vada ad aggiungersi a un fondo pensione, costituendo una previdenza complementare.

L'ex dipendente può in alternativa lasciarlo maturare all'interno dell'azienda stessa e riscuoterlo quando si verificherà la cessazione dell'attività lavorativa.

Come riscuotere il TFR

Nei casi di fine rapporto di lavoro, il lavoratore può riscuotere la somma in modi diversi. Può decidere di esigerlo tutto o riscattare una quota o tutta la somma presso il fondo previdenziale.

Il dipendente può anche decidere il trasferire la forma previdenziale precedente a un'altra complementare e che può servirgli anche per un eventuale futuro lavoro. Può infine decidere di bloccare la posizione che ha accumulato durante gli anni senza esigere una contribuzione aggiuntiva.

Vincoli fra TFR e cessione del quinto

Coloro che hanno fatto richiesta di prestito tramite cessione del quinto dalla busta paga, si vedono vincolare per l'intera durata del contratto il proprio trattamento di fine rapporto. Si tratta proprio dell'unica garanzia sul prestito, necessaria per fare in modo che la società finanziaria o istituto di credito possano avere una base solida da cui raccogliere le rate di rimborso nei peggiori casi possibile, ovvero per il licenziamento del dipendente o per altri motivi più gravi. In questo modo, la banca o chi per lei riesce a tutelare i propri interessi.

La garanzia che si applica su di esso vale naturalmente fino al termine del rapporto di prestito, prevista dal contratto effettuato con la finanziaria. Se il dipendente dovesse richiedere anticipi sul tfr durante il periodo, il datore di lavoro è obbligato a rifiutare il versamento degli stessi. Tutte queste misure cautelari sono fondamentali per evitare situazioni di adempimento. Nel caso di morte del dipendente, l'azione sul tfr viene meno in quanto in fase di stipula del prestito entra in gioco anche una assicurazione sulla vita di chi ha fatto richiesta.
Per questo motivo, nel momento in cui viene fatta la domanda di finanziamento tramite cessione, il tfr diventa il principale strumento per favorire l'esito positivo della trattativa: più alta sarà la somma che si è riusciti a mettere da parte, e maggiore sarà la somma che può venire concessa dall'istituto che finanzia.

Qualora la somma del tfr sia abbastanza cospicua, e supera la copertura necessaria ad estinguere il prestito, sarà possibile richiedere al datore di lavoro un anticipo, al netto della parte da restituire.

Termini di pagamento del TFR

Il pagamento del TFR, trattamento di fine rapporto è dunque obbligatorio ed è costituito dall'ammontare del denaro accumulato durante gli anni lavorativi, calcolato mediante somma di ogni anno di lavoro a un valore equivalente alla retribuzione dell'anno in corso divisa per un coefficiente pari a 13.5.

Il pagamento del TFR deve essere elargito obbligatoriamente al lavoratore non appena si verifica la cessazione del rapporto di lavoro stesso rispettando inoltre i termini previsti dai Contratti Collettivi Nazionali di categoria.

Il pagamento del TFR per il settore terziario ha ad esempio come termine 30 giorni dalla fine del rapporto lavorativo, mentre quello relativo alla categoria del commercio prevede la corresponsione entro 45 giorni.

Mancato pagamento TFR

Nei casi di mancato pagamento del TFR il datore di lavoro dovrà prima possibile elargire la somma che spetta all'ex dipendente con l'aggiunta di tutti gli interessi calcolati fino al momento dell'effettivo pagamento.

Quando non è stato effettuato il pagamento del TFR, il lavoratore ha diritto ad inoltrare una lettera di sollecito ai fini del pagamento stesso; nel caso in cui il datore di lavoro non paghi il TFR si potrà successivamente procedere ad azioni legali vere e proprie.

È stato infine istituito il Fondo di garanzia per il trattamento di fine rapporto che si sostituisce al datore di lavoro nei casi di impossibilità e mancato pagamento del TFR; i pagamenti vengono effettuati entro 60 giorni dall'invio della richiesta da parte del lavoratore.



Potrebbe interessarti

Ufficio di collocamento a Milano: iscrizione al centro per l'impiego

Il centro per l'impiego (CPI) è l'ufficio pubblico con cui le Province si gestiscono, controllano il mercato del lavoro al livello locale. Eroga e promuove, inoltre, offerte lavorative delle aziende pubbliche e private, mettendo in contatto domanda e offerta in un mercato sempre più ramificato e complesso.

Leggi tutto...

Master/Diploma di Specializzazione Biennale: scopri i Master ICOTEA

La laurea oggi è diventato un titolo non sufficiente quando  si ha la necessità di acquisire competenze e conoscenze nuove in qualsiasi settore. Per far fronte a questa esigenza, quindi, si è resa necessaria la creazione dei Master, ovvero un percorso formativo post-laurea, solitamente connesso ad una o più materie specifiche,  col fine di trattare e approfondire tematiche della stessa.

Leggi tutto...

Lettera di accompagnamento al curriculum: sai come scriverla?

lettera di accompagnamento

La lettera di accompagnamento del curriculum è un documento che viene inviato in allegato, o addirittura precede, il CV. In un mercato del lavoro che si fa sempre più competitivo e nel quale i titoli di studio iniziano ad essere inflazionati, attirare l’interesse del perito selettore con una nota personale può significare la differenza tra un colloquio positivo ed uno negativo.

Leggi tutto...

Quota 100: tutto sul progetto rilanciato dal M5s

Con il termine Quota 100 si intende la proposta diretta ad anticipare l'età pensionabile dei lavoratori che sono regolarmente iscritti ai fondi di previdenza che gestisce l'assicurazione generale obbligatoria, ovvero l’AGO; alle gestioni speciali dei lavoratori autonomi, alla gestione separata per i fondi sostitutivi e per quelli esclusivi dell'assicurazione generale obbligatoria. 

Leggi tutto...

Concorsi statali, pubblici e regionali: una guida davvero completa che non puoi perdere!

cercare concorsi pubblici

In quanti ambiscono un lavoro nel settore pubblico? Perché il tanto ambito posto fisso oggigiorno è così importante per la tranquillità lavorativa? I concorsi statali - pubblici rappresentano per molti un’occasione per accedere lavorativamente nella P.A e guadagnarsi così un contratto a tempo indeterminato.

Leggi tutto...

I più condivisi

Lavoro cameriere: tutto ciò che c'è da sapere

Se non avete paura di turni piuttosto lunghi e vi piace stare in mezzo alla confusione e alla gente, allora troverete di vostro gradimento l'articolo che presentiamo oggi.

Leggi tutto...

Corsi per la sicurezza sul lavoro: perché frequentarli?

I corsi per la sicurezza sul lavoro vengono proposti in tutta Italia da tantissime organizzazione e da enti sparsi sul nostro territorio: ogni percorso formativo è, solitamente, caratterizzato da una parte teorica e da un apprendimento pratico, fondamentale per comprendere alla perfezione manovre e strategie necessarie per preservare sicurezza e salute sul luogo di lavoro. La formazione si conclude, poi, con dei test di verifica, superati i quali è possibile ottenere delle importanti qualifiche, degli attestati da inserire come risorsa nel proprio curriculum!

Leggi tutto...

Ditta individuale: vantaggi e svantaggi

Sono molti quelli che decidono di mettersi in proprio, aprendo un negozio o un'attività. Il modo migliore e semplice per farlo è quello di creare una ditta individuale. La ditta individuale si verifica quando il soggetto giuridico, che non intende associarsi ad altri individui, è una persona fisica che risponde da sé alla gestione dell'impresa anche nei casi di mancanze della stessa.

Leggi tutto...

Come entrare nell’Esercito italiano

Quando si valuta di intraprendere la carriera militare, bisogna prendere in considerazione alcuni aspetti fondamentali affinché il nostro percorso sia dei più accurati e idonei possibile. Del resto ne va del proprio futuro e non si può improvvisare niente o lasciare nulla al caso.

Leggi tutto...

Enel Green Power: lavoro possibile?

Numerosi studi condotti dall' Istituti di Economia e Politica dell'energia e dell'Ambiente dell'Università Bocconi, è emerso che grazie all'avvento della filosofia della Green Economy, sono numerose le nuove aziende green che si stanno costituendo

Leggi tutto...

Leggi anche...

Lavoro tempo indeterminato: tutto su contratti e licenziamenti

La ricerca di un posto di lavoro è sempre complicata. È necessario valutare diversi fattori, quali attitudini personali e percorso di formazione di colui che lo sta cercando. È inoltre importante conoscere a fondo i tipi di contratto presenti in Italia al fine di evitare errori.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Riforma del lavoro: la storia degli ultimi interventi

Il Governo Monti ha presentato, dopo delle lunghe riunioni con partiti e associazioni sindacali, la propria riforma per il lavoro. Sono previste modifiche per l’articolo 18, ammortizzatori sociali, contratti di lavoro e cassa integrazione.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Livello CCNL: tutto quello che devi sapere!

Ciascun CCNLsi basa su l’accordo di diversi soggetti in merito a determinate materie. In base al livello del CCNL vengono prese decisioni diverse, ma significative per la contrattazione stessa.

Leggi tutto...
Go to Top