La riforma d'insegnamento voluta dal Ministro Gelmini, prevede i Tirocini Formativi Attivi (TFA), utili a ottenere l'abilitazione all'insegnamento, che sarà a numero chiuso accedendovi mediante un concorso nazionale. Scopriamo cosa sono attraverso questo approfondimento.

Il tirocinio formativo attivo è un corso di preparazione all'insegnamento della durata di un anno che, dopo un esame finale, permette di conseguire il titolo di abilitazione all'insegnamento in una delle classi previste. I tirocini sono designati presso le facoltà e le istituzioni AFAM; per le classi di insegnamento della scuola secondaria, l'accesso è stabilito dal MIUR.

Il tirocinio formativo attivo prevede tali attività:

  • insegnamenti di scienze dell'educazione;
  • uno stage presso le scuole, sotto la guida di un insegnantetutor, con una fase osservativa e una fase di insegnamento attivo;
  • insegnamenti di didattiche disciplinari.

I requisiti per l'accesso ai TFA, tramite bando

  • Una laurea del vecchio ordinamento riconosciuta dal decreto ministeriale 39/98 e gli eventuali esami richiesti per avere accesso all'insegnamento,
  • Una laurea del nuovo ordinamento specialistica o magistrale riconosciuta dal decreto ministeriale 22/2005 e degli eventuali crediti formativi per poter avere accesso all'insegnamento,
  • Il diploma Isef, già valido per l'accesso all'insegnamento di educazione fisica e i TFA di Scienze Motorie

Da notare bene:

  • Chi entro l'anno 2010/2011 era in possesso di una laurea prevista ma non dei crediti formativi necessari, potrà acquisirli in un secondo momento e accedere ai tirocini formativi attivi successivamente,
  • Chi nell'anno 2010/2011 era iscritto a uno dei percorsi di laurea previsti, potrà partecipare alle prove di accesso per il TFA quando avrà guadagnato i requisiti necessari
  • Sono ammessi ai tirocini anche i cosiddetti “SSIS congelati”, ovvero i soggetti di cui all'articolo 15, comma 17 del decreto.

Per accedere ai corsi sono previste prove preliminari

Queste saranno costituite da: un test preliminare realizzato dal Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca; una prova scritta creata dall'università sede dell'esame; una prova orale. Nel primo test, si chiede la conoscenza di base delle materie oggetto della propria futura professione di insegnante e un'ottima competenza linguistica italiana.

Il testo scritto è invece completamente tarato sulla materia che si vuole insegnare, con un profondo livello di conoscenza. Per materie scientifiche, ad esempio, è possibile una prova in laboratorio. Lo stesso dicasi per la prova orale, che rispecchia la materie oggetto delle proprie attenzioni e può richiedere prove pratiche (nel caso, ad esempio, di Musica).

Come si svolge il tirocinio abilitante: ecco le norme per l'iscrizione

Questi percorsi sono quindi corsi di formazione che, nelle intenzioni, devono preparare all'insegnamento. Per accedervi, una volta maturati i requisiti, occorre fare domanda di ammissione a una delle università italiane, visto che è questo l'ente preposto alla sua organizzazione.

I tirocini abilitano all'insegnamento della scuola secondaria di primo e secondo grado.
Hanno durata annuale – ovvero 60 CFU, dove 19 (475 ore) di tirocinio a scuola. La frequenza al corso è obbligatoria ed è incompatibile con l'iscrizione a qualsiasi altro dottorato o corso finalizzato all'acquisizione di crediti formativi (sia in Italia che all'estero).

Il TFA comprende quattro gruppi di attività (ecco quelle per insegnare):

  • insegnamento di scienze dell'educazione,
  • il percorso presso la scuola, cui si è già accennato. Questo viene svolto sotto la guida di un tutor e in collaborazione con un docente universitario. Comprende una fase osservativa e una di insegnamento attivo,
  • Insegnamento di didattiche disciplinari,
  • Laboratori pedagogico-didattici.

Alla fine dell'anno di formazione, si sostiene l'esame finale propedeutico all'abilitazione.

Tirocini formativi attivi

Se lo stage è obbligatorio, è meglio detto tirocinio o praticantato e indica una modalità di apprendimento e di inserimento nel mondo del lavoro. Il tirocinio formativo è un sistema utilizzato dalle aziende per assumere (dopo il periodo di inserimento attraverso lo stage) giovani neodiplomati o neolaureati.

Si tratta quindi della relazione instaurata tra un datore di lavoro e il soggetto (tirocinante) al fine di permettere a quest’ultimo di acquisire nozioni circa un’attività lavorativa, a scopi formativi o di orientamento professionale.

Il rapporto formativo non può essere rapportato al rapporto di lavoro subordinato poiché non include gli obblighi basilari del contratto di lavoro, ad esempio gli oneri retributivi o contributivi.

Norme che disciplinano il contratto (aggiornato al 2015): scadenze

La norma che disciplina i tirocini è la legge TREU, legge 196 del 1997, all’articolo 18 enuncia alcune modifiche importanti e chiarisce alcuni aspetti della disciplina relativo al tirocinio formativo.

La legge TREU si occupa:

  • dell’estensione dei soggetti promotori anche agli enti privati no- profit;
  • di definire i doveri burocratici dei soggetti promotori;
  • di inserire tra i soggetti anche i disoccupati e gli inoccupati;
  • di comprendere nuovi soggetti promotori come gli Uffici del Lavoro.

Obiettivi del percorso formativo

L’obiettivo è quello formativo attraverso il quale il tirocinante vive un’esperienza lavorativa pratica e da questa impara. Il tirocinante è un “ospite” perciò è necessario che si adatti alle regole dell'impresa che lo ospita, rispettandone le regole di igiene, sicurezza e salute sui luoghi di lavoro.



Potrebbe interessarti

Testo Legge Biagi: la piaga dei contratti a progetto

testo di legge biagi

La legge 30, nota anche come Legge Biagi in riferimento ad uno dei giuslavoristi che hanno contribuito alla sua stesura, è stata promulgata nel febbraio del 2003, e si occupa di Delega al Governo in materia di occupazione e mercato del lavoro.

Leggi tutto...

Pensione parasubordinati e autonomi

Con la legge n.98 del 26 luglio 2010, anche i parasubordinati, gli autonomi occasionali, i lavoratori con contratti co.co.co. e gli associati in partecipazione, possono richiedere la pensione all'Inps; che ha creato gestioni separate (Legge 8 agosto 1995 n. 335) apposite per regolare tali categorie di lavoratori.

Leggi tutto...

Livello CCNL: tutto quello che devi sapere!

Ciascun CCNLsi basa su l’accordo di diversi soggetti in merito a determinate materie. In base al livello del CCNL vengono prese decisioni diverse, ma significative per la contrattazione stessa.

Leggi tutto...

Pensione di cittadinanza: scopriamo che cos’è e come funziona

Con la vittoria del Movimento 5 stelle alle elezioni politiche che si sono svolte il 04 marzo 2018 si è affacciata sempre di più la possibilità di richiedere la pensione di cittadinanza 2019.

Leggi tutto...

Laurea in Scienze della Mediazione Linguistica: uno sbocco verso il futuro

In un’epoca sempre più caratterizzato dalla multiculturalità, la conoscenza delle lingue straniere diventa sempre più una prerogativa imprescindibile per l’accesso nel mondo del lavoro.

Leggi tutto...

Offerta del giorno su Amazon

I più condivisi

Ecco la verità sul Condono 2019

Per coloro che sono impegnati in un contenzioso di natura tributaria o fiscale con lo Stato italiano, negli ultimi mesi si è affacciata la possibilità di poterlo chiudere in maniera definitiva e senza considerevoli esborsi di natura economica. Infatti, le autorità governative, all'interno della prevista Legge di Bilancio 2019, hanno predisposto il Decreto Legge 119/2018, la cosiddetta "Pace Fiscale", cioè una sorta di condono nel 2019 e che, tra le altre cose, consentirà anche, almeno in teoria, ulteriori entrate allo Stato.

Leggi tutto...

Calcolo della tredicesima

Il calcolo della tredicesima si effettua a dicembre, tenendo in considerazione la retribuzione prevista per quel mese. Nel caso in cui il contratto di lavoro sia stato rescisso (dal datore di lavoro o dal dipendete non importa), viene considerato l’importo dello stipendio percepito l’ultimo mese di lavoro.

Leggi tutto...

Livelli ccnl commercio: conosci i dettagli?

i livelli della ccnl commercio

Il Contratto Collettivo Nazionale Commercio e Servizi, suddivide le categorie di lavoratori in diversi livelli, differenziati in base alle competenze e alle qualifiche degli stessi. La classificazione del personale delle imprese commerciali è dunque strutturata in sette livelli.

Leggi tutto...

La vertenza: quando e come promuoverla con l'aiuto dei sindacati

La vertenza di lavoro è anche detta denuncia di controversia di lavoro ed è l’iniziativa che intraprende il lavoratore per veder riconosciuti i propri diritti qualora il datore di lavoro non li rispetti (es: mobbing).

Leggi tutto...

Lavoro Cuoco: le mansioni, i requisiti e le offerte di lavoro online

Non si tratta di un lavoro in cui si svolge semplicemente un'attività...il cuoco è anche un pò un'artista che colpisce i commensali tra combinazioni speciali di gusti e una straordinaria mes en place.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Lavoro interinale: normativa e giurisprudenza

contratto di lavoro interinale

Le Agenzie per il lavoro sono imprese private dedicate alla somministrazione di lavoro interinale, ovvero prestazioni lavorative di carattere temporaneo. Questa tipologia è stata introdotta in Italia nel 1977; la normativa per il lavoro interinale ha subito svariate modifiche sino alla cosiddetta Legge Biagi . La L. 30/2003, inoltre, è quella che autorizza proprio queste agenzie.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Ditta individuale: vantaggi e svantaggi

Sono molti quelli che decidono di mettersi in proprio, aprendo un negozio o un'attività. Il modo migliore e semplice per farlo è quello di creare una ditta individuale. La ditta individuale si verifica quando il soggetto giuridico, che non intende associarsi ad altri individui, è una persona fisica che risponde da sé alla gestione dell'impresa anche nei casi di mancanze della stessa.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Licenziamento a tempo indeterminato: conosci i casi e le procedure per attivarlo?

Prima di parlare del licenziamento a tempo indeterminato è necessario ricordare che il contratto a tempo indeterminato è disciplinato dall'art. 2094 del Codice Civile che, all’Art. 2094, definisce questo tipo di lavoratore come “prestatore di lavoro subordinato chi si obbliga mediante retribuzione a collaborare nell'impresa, prestando il proprio lavoro intellettuale o manuale alle dipendenze e sotto la direzione dell'imprenditore”.

Leggi tutto...
Go to Top