Per lavoro, bisogna spesso spostarsi in una località diversa dalla sede della propria azienda; molte altre volte si cerca invece volutamente una vera e propria formula alternativa come quella della vacanza lavoro, diffusissima soprattutto tra i ragazzi che intendono andare all'estero per imparare una lingua (in Inghilterra o in Irlanda con l'inglese per esempio).

Soprattutto quest’ultimo aspetto assume molta importanza nella società di oggi: l’italiano non è la lingua principale negli scambi commerciali o comunicativi e conoscere l’inglese è diventato imprescindibile. In questo senso, impararlo direttamente sul luogo risulta decisivo per l’apprendimento e lo studio. Inglese e spagnolo risultano le lingue europee più parlate e la conoscenza di questi due idiomi permette dunque di arricchire il proprio Curriculum Vitae.

Caratteristiche della vacanza lavoro (in Europa o negli USA)

Nella vacanza lavoro si forniscono prestazioni lavorative all'estero in cambio del pagamento del viaggio e, in alcuni casi, anche dell'alloggio sul posto di lavoro (da sottolineare come, in ambito universitario, esistono numerose agenzie di viaggio che organizzano formule di questo tipo).

  • Il Portale Europeo per i Giovani lista una serie di utili siti per chi vuole viaggiare in maniera non convenzionale (anche per paesi situati nel Sud America come il Brasile o l'Argentina)
  • Anche il Governo del Canada mette a disposizione buoni programmi per andare a scoprire questo interessante paese
  • Lo stesso dicasi per la Nuova Zelanda che ha siglato con l'Italia il piano Working Holiday Scheme

I requisiti per le vacanze lavoro: le esperienze concrete

I programmi, a prescindere dall'ente o dallo stato organizzatore, condividono molti dei requisiti per inviare la domanda. Si consiglia, in ogni caso, di contattare il singolo ente preposto all'iniziativa.

  • Età compresa: 18-30 anni
  • Non viaggiare con bambini
  • Soddisfare i requisiti generali dell'immigrazione del paese di destinazione
  • Avere da parte una somma di denaro per eventuali spese (per il programma della Nuova Zelanda servono, ad esempio, 2170€)
  • Avere una copertura sanitaria
  • Aver prenotato il biglietto di ritorno in Italia o di andata per altra destinazione
  • Conoscere la lingua

La vacanza lavoro chiamata house sitting

Esiste anche un particolare tipo di vacanza lavoro chiamata house sitting, dove i proprietari di una villa offrono ospitalità per un breve periodo in cambio di alcuni lavori gratuiti (giardinaggio, cura animali o bambini, sorveglianza) durante il periodo di permanenza. E' molto importante organizzare la vacanza lavoro prima di partire, evitando di mettersi in viaggio se non si ha già un accordo firmato e affidandosi alle associazioni e alle agenzie specializzate.

Esempio concreto: vacanza lavoro in Australia

Se si digita vacanza lavoro su Google, uno dei primi risultati avrà come parola chiave Australia. Questo perchè il Paese del continente dell’Oceania sta diventando una meta molto ambita dagli italiani e non è un caso che negli ultimi anni si sia registrato un boom di presenze di nostri connazionali in Australia.

Stipendi molto più alti rispetto alla media, aspettative di vita di grande appeal unite alla crescente disoccupazione in Italia costringono molti giovani a partire per un viaggio che dura almeno un giorno verso l’altra parte del mondo. Tuttavia, le condizioni in Australia sono stringenti per gli sbarchi: prima di tutto è necessario fare il visto che avrà validità un anno.

Sono obbligatori in questo lasso di tempo almeno tre mesi in una factory grazie alla quale si potrà prorograre il visto di un altro anno. Scaduto il visto si è costretti a tornare nel Paese d’origine a meno che non ci sia uno sponsor che ci offra un posto di lavoro.

Non si può rimanere a vagabondare in Australia perchè le autorità tengono tutto in ordine e conoscono alla perfezione le persone che non possono più rimanere sul territorio per la scadenza del visto. Le opportunità di lavoro sono molteplici e anche un semplice cameriere guadagna molto di più rispetto al suo collega nel Bel Paese. Tuttavia, è giusto ricordare che non tutti trovano l’Eldorado della fortuna in Australia e alcuni sono costretti a tornare o non riescono a sfondare seguendo il proprio sogno di accumulare ricchezza.

Non solo Australia

Non c’è solo l’Australia nei pensieri dei giovani: la situazione stagnante in Italia costringe infatti tantissimi giovani ad emigrare all’estero per realizzarsi, in cerca di opportunità che nella nostra Penisola non esistono. Purtroppo si sta ritornando al concetto di emigrazione, della cosidetta fuga di cervelli. Germania, Stati Uniti (Florida e California in prima posizione tra le mete), diverse sono le mete ambite di chi è in possesso anche di un titolo di studio importante, come la laurea, o di dottorati di ricerca che però non trovano sbocco in Italia nel mondo del lavoro.





Potrebbe interessarti

Disoccupazione: requisiti ridotti

Si definisce disoccupazione, la condizione in cui si trovi un soggetto in età di lavoro che non sia una forza attiva nel mondo del lavoro.

Leggi tutto...

CCNL Artigianato: un approfondimento che non ti puoi perdere

Il Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro (CCNL) è riservato a tutti i tipi di lavoratori delle aziende appartenenti ai settori legati al commercio e al terziario.

Leggi tutto...

ICOTEA: la formazione innovativa in risposta al mondo del lavoro

Inserirsi nel mondo del lavoro oggi non è facile. Per essere assunti il diploma di laurea sembra non bastare più, ma occorrono sempre più esperienze e competenze extra scolastiche che formino una figura professionale versatile e adattabile a diversi contesti lavorativi.

Leggi tutto...

Tredicesima mensilità: come si calcola (in base alla tassazione)

calcolare il pagamento della tredicesima

La tredicesima mensilità nasce con il con il CCNL, ovvero il contratto collettivo nazionale di lavoro 5 agosto 1937 e nel 1960, con il Decreto Presidente della Repubblica n. 1070, è diventato un diritto di tutti i lavoratori dipendenti, sia con contratto a tempo indeterminato che a tempo determinato.

Leggi tutto...

Licenziamento a tempo indeterminato: conosci i casi e le procedure per attivarlo?

Prima di parlare del licenziamento a tempo indeterminato è necessario ricordare che il contratto a tempo indeterminato è disciplinato dall'art. 2094 del Codice Civile che, all’Art. 2094, definisce questo tipo di lavoratore come “prestatore di lavoro subordinato chi si obbliga mediante retribuzione a collaborare nell'impresa, prestando il proprio lavoro intellettuale o manuale alle dipendenze e sotto la direzione dell'imprenditore”.

Leggi tutto...

Offerta del giorno su Amazon

I più condivisi

Mobilità dei lavoratori: disciplina e normative

La mobilità è disciplinata dalla legge 223/91 e rappresenta un particolare tipo di allontanamento dall'attività lavorativa che riguarda un gruppo di lavoratori. La Riforma Fornero, tuttavia, prevede una modifica della normativa: dal 2016, quest'istituto sarà sostituito dall'Assicurazione Sociale per l'Impiego (Aspi) che tenta di livellare tutte le distinzioni fra i vari livelli di tutela sul lavoro.

Leggi tutto...

Concorsi Polizia di Stato 2019: Bando per 80 Commissari, tutti i dettagli

Entrare nelle forze dell'ordine ed indossare una divisa rappresenta il sogno di diversi giovani, sia uomini che donne. Per molti, servire il proprio Paese in questa maniera non solo permette di adempiere al proprio dovere di cittadino, ma anche fornire il proprio contributo alla sicurezza delle persone, soprattutto quelle più deboli e vulnerabili. Un senso civico che porta diversi soggetti in divisa a rischiare ogni giorno la propria vita per il bene comune.

Leggi tutto...

La lettera di referenze: impariamo a scriverla!

La lettera di referenze è richiesta dal lavoratore allo sciogliere del contratto ed è redatta dal ex datore di lavoro. E’ un diritto del collaboratore richiedere all’azienda per cui ha svolto l’attività lavorativa questo documento che testimoni la qualità del lavoro svolto e dia informazioni circa la condotta personale.

Leggi tutto...

Green jobs: lavorare nella Green Economy

green job lavorare per l'ambiente

Il fenomeno della green economy, ovvero dell'economia verde, sta apportando delle modifiche nelle tecniche produttive di beni e servizi e nel mercato del lavoro.

Leggi tutto...

Mancato pagamento dello stipendio: come comportarci?

Uno dei motivi principali di conflitto fra azienda/datore di lavoro e lavoratore è sicuramente la mancata retribuzione, ovvero il mancato pagamento dello stipendio mensile o l'eventuale ritardo dello stesso Secondo il diritto del lavoro, è pacifico che il datore di lavoro, secondo quanto stabilito dal contratto, debba corrispondere a fine mese o quando indicato dal contratto stesso, lo stipendio concordato. Se vuoi avere delle delucidazioni sul calcolo del tuo stipendio netto leggi l'articolo che abbiamo preparato per te: clicca qui.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Lavoro come estetista: scopri come intraprendere la carriera!

In un periodo di contingenza economica come quello in cui ci stiamo vivendo, c’è un mestiere che sembra non conoscere crisi: la professione di estetista. Le ragioni di questa tendenza possono essere molteplici, tra cui si possono citare il parallelo successo di tutte le attività legate al benessere e alla cura del corpo.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Gestione stabilimento balneare

Con l'arrivo dell'estate, sono molti, soprattutto giovani, che decidono di affidarsi ai lavori stagionali per guadagnare qualcosa almeno durante il periodo estivo. Un lavoro molto richiesto e interessante è infatti quello della gestione di uno stabilimento balneare.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Borsa lavoro Bolzano: offerte in Alto Adige

Ampliamo la nostra sezione dedicata alle offerte di lavoro sul territorio nazionale, regione per regione. In questa pagina suggeriamo alcuni dei link utili per chi è interessato alle offerte di lavoro in Alto Adige.

Leggi tutto...
Go to Top