Le ultime statistiche parlano di una crescita vigorosa delle donne che vogliono intraprendere questo cammino e attuare i propri progetti. Non è un caso che si sono moltiplicate iniziative e corsi e che le percentuali siano in forte ascesa soprattutto al Sud, segno che le donne vogliono essere protagoniste in un mondo che ha visto sorgere e diventare famosi solo personalità al maschile. Se le istituzioni sapranno cogliere questo cambiamento, a giovarne sarà l’intera Italia. Ecco perchè sono state stanziati anche molti soldi diretti alle agevolazioni per l'imprenditoria femminile.

Importi erogati: In Europa, dalla Lombardia alla Puglia, ecco le cifre. 

Per ciò che concerne il contributo in denaro per l’investimento in servizi reali la misura delle agevolazioni per l'imprenditoria femminile è pari al 30% nelle aree non svantaggiate e al 40% nelle aree territoriali svantaggiate.

Un fenomeno in aumento in ogni regione. Per i dettagli contatta anche la camera di commercio

In un periodo come quello attuale segnato dalla crisi economica del lavoro ci sono quindi da registrare dei fenomeni in positivo e uno di questi riguarda l'investimento e a crescita dell’imprenditoria rosa.

Gli ultimi dati pubblicati infatti parlano di un aumento concentrato prevalentemente nelle regioni centro-meridionali, dove in Abruzzo, Molise e Basilicata si supera addirittura la percentuale del 25%. Il Presidente di Unioncamere ha salutato con felicità questo trend positivo dichiarando che ci sono molte donne vogliose di entrare in questo mercato con progetti affascinanti. La speranza è che le istituzioni diano una mano per sostenere queste imprese, da contestualizzarle nel periodo attuale di stagnazione che vedrebbe di conseguenza un rilancio del settore economico. Un buon inizio è dato dalle agevolazioni per l'imprenditoria femminile.

Presentare la domanda per le agevolazioni per l'imprenditoria femminile

Sono molte agevolazioni per l'imprenditoria femminile riguardanti il lavoro in società: una realtà pulsante e vivace per il mercato dell’economia italiana. I prestiti a fondo perduto per le donne si moltiplicano, quindi occorre orientarsi tra le proposte per sapere come sceglierli e per quali finalità.

Tra le agevolazioni per l'imprenditoria femminile riguardanti il lavoro contemplate oltre ai prestiti di denaro a fondo perduto si ricordano anche le agevolazioni per le start-up di impresa, i prestiti a tasso “0”, le garanzie creditizie, gli sgravi fiscali, gli interventi in capitali di rischio. A monte, per l’ottenimento di qualsiasi forma agevolativa per una nuova azienda si necessita di:

  • Uno studio di fattibilità;
  • Lo studio di un business plan;
  • Lo studio dell'individuazione il bando adatto rispetto all’attività che si intende svolgere sul mercato;
  • Presentare la domanda correttamente e scrupolosamente compilata con tutta la documentazione relativa da allegare.

La presentazione della domanda per le agevolazioni per l'imprenditoria femminile è la fase più delicata: il contenuto del business plan deve essere ben scritto, vincente e convincente soprattutto se si tratta di una nuova tipologia di impresa. Ogni bando ha le sue peculiarità e richieste specifiche, per cui non si può generalizzare su procedure mutevoli. Inoltre, bisogna avere ben chiaro in mente cosa intende la legge per impresa femminile e quali sono i requisiti per accedere in genere ai finanziamenti. La legge n. 21 del 25 febbraio 1992 determina che un’attività imprenditoriale femminile per essere tale deve prevedere che l’imprenditrice nel caso delle ditte individuali o la maggioranza della compagine societaria sia costituita, appunto, da donne (al 60%). Nelle società di capitali, i due terzi del capitale della società deve essere apportato dalle donne e che il consiglio di amministrazione sia per due terzi composto da donne. Tali caratteristiche devono permanere per 5 anni successivi dalla presentazione della domanda per il denaro.

Agevolazioni per l'imprenditoria femminile

La ricerca dei bandi si effettua tramite portali dedicati che raggruppano le opportunità in base al settore di attività, requisiti di età o ente promotore. I principali portali da consultare e monitorare alla ricerca di bandi, finanziamenti e agevolazioni per l'imprenditoria femminile sono:

  • Unioncamere, l’ente che governa la rete delle camere di commercio;
  • Invitalia, l’agenzia per lo sviluppo del settore dell’imprenditoria.

Tipologie di agevolazioni per l'imprenditoria femminile: fondi dell'Europa

Agevolazioni per l'imprenditoria femminile

Oltre ai prestiti a fondo perduto e ai bandi, esistono diverse forme di agevolazioni per l'imprenditoria femminile per una nuova azienda:

  • Imprese a tasso “zero”: agevolazione istituita con D. Lgs n. 185 del 2000 a favore dell’imprenditoria giovanile ed estesa alle donne e senza limiti di età.
  • Smart & Start: agevolazione prevista esclusivamente per le start up a contenuto innovativo iscritte al Registro delle Imprese. Lo strumento è stato introdotto a gennaio 2020;
  • Fondo di garanzia per PMI rosa: lo Stato si fa garante per le imprese femminili nella richiesta di finanziamenti fino alla copertura dell’80% delle spese sul finanziamento totale.
  • Programma “Resto al Sud”: rivolto a quanti (uomini e donne) under 46 desiderano creare una nuova azienda nelle Regioni del Sud Italia (Abruzzo, Molise, Basilicata, Campania, Calabria, Puglia, Sicilia e Sardegna).
  • Progetto ABI: l’Unione delle Banche Italiane offre prestiti a condizioni agevolate a sostegno delle imprese “rosa”. Il progetto è in piedi dal 2014.
  • Programma “Imprenditrici Oggi”: realizzato dal Ministero delle Pari Opportunità, i finanziamenti sono garantiti dallo Stato fino all’80% a condizioni agevolate da parte degli istituti bancari.
  • soldi dell'Europa per PMI.
  • Crowfunding: uno strumento che rientra nella finanza agevolata e che permette l'opportunità di una raccolta di soldi necessari per realizzare un’idea imprenditoriale. Ci si iscrive a una piattaforma adibita, si presenta il progetto che dovrà essere approvato dai moderatori della piattaforma e qualora sia accettato, lo si presenta sulla piattaforma e gli investitori interessati all'investimento possono decidere di finanziarlo.

Potrebbe interessarti

Come presentarsi ad un colloquio di lavoro? Occhio all'abbigliamento

come presentarsi ad un colloquio

Che avvenga per email o per telefono, la prima comunicazione con l'azienda costituisce il primissimo momento della valutazione del candidato. È opportuno, durante queste comunicazioni, essere esaustivi e non dimenticare tutti i dati relativi a contatti e dati anagrafici.

Colloquio motivazionale: vi sveliamo il segreto per affrontarlo!

Immagine per colloquio motivazionale

Dopo aver inviato centinaia di curriculum (per i più fortunati solo decine), è possibile che qualche azienda decida di contattarci per un colloquio motivazionale. E’ importante seguire delle piccole linee guida che possono sembrare banali per qualcuno, ma che per i tipi più ansiosi è meglio tenere a mente.

Reddito riparametrato (equivalente): come si calcola

In periodo di iscrizione all'università, molti studenti sentono parlare la prima volta di reddito riparametrato, o detto reddito equivalente. Ma di cosa si tratta?

I più condivisi

Nido aziendale: vi sveliamo quali sono i vantaggi di questi Asili

Nido aziendali: vi sveliamo quali sono i vantaggi di questi Asili

Anche nella nostra società "moderna", nella coppia la cura dei figli è affidata quasi sempre alla madre, che si trova costretta a scegliere un lavoro part-time o a rinunciare al proprio lavoro fuori casa. Per tali ragioni, sempre più spesso, le neo-mamme affidano la propria prole a nonni, famigliari o amici. Anche se a volte con non poche preoccupazioni.Durante la propria assenza, una mamma vorrebbe lasciare il proprio figlio in strutture gestite da personale specializzato particolarmente attento all’aspetto pedagogico e al rapporto con i genitori.

Ricerca per singolo codice tributo: i modelli di versamento F23 e F24

immagine per ricerca per singolo codice tributo

In questa pagina cercheremo di fornirvi tante più informazioni possibili circa la ricerca per singolo codice tributo da inserire nei modelli di versamento F23 e F24. Per dichiarare e pagare le imposte e le tasse, il contribuente infatti deve identificarle attraverso il codice tributo.

Stipendio col contratto di apprendistato: tutte le formule possibili

Immagine d'esempio usata nell'articolo Lo stipendio con un contratto di apprendistato: tutte le formule possibili

Secondo la legge italiana, ovvero secondo il Testo Unico sull’Apprendistato (decreto legislativo 167/2011), il contratto di apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato per giovani. Si tratta quindi una forma contrattuale propedeutica, nelle intenzioni, all’assunzione. 

Leggi anche...

Creazione del Curriculum? Ti aiutano gli esperti di OnlineCV!

come scrivere un curriculum vitae

I selezionatori e gli HR impiegano in media solo 7 secondi per valutare un curriculum vitae; durante questi sette secondi, ciò che serve perché il Curriculum possa essere preso in considerazione è che metta subito in evidenza i dati e le informazioni salienti: anagrafica, contatti, esperienza e competenze linguistiche o informatiche, hobby e interessi. La creazione del Curriculum richiede anche la capacità di interpretare le esigenze dell’azienda presso cui ci si sta proponendo e di far combaciare le proprie competenze con quelle che sono le necessità di un’azienda che assume.

Leggi anche...

Finanziamenti europei a fondo perduto: come orientarsi

finanziamenti europei a fondo perduto

La prima cosa da chiarire parlando di finanziamenti europei è che l’Europa eroga fondi in base alle esigenze territoriali inoltrate dai singoli stati membri divisi nelle loro amministrazioni regionali, provinciali, comunali. La gestione dei fondi è sia diretta (bandi di gara pubblicati sulla GUCE – Gazzetta Ufficiale Commissione europea) o indiretta (attraverso enti degli Stati Membri). I finanziamenti a fondo perduto non sono quasi mai erogati nella loro totalità.