Le ultime statistiche parlano di una crescita vigorosa delle donne che vogliono intraprendere questo cammino e attuare i propri progetti. Non è un caso che si sono moltiplicate iniziative e corsi e che le percentuali siano in forte ascesa soprattutto al Sud, segno che le donne vogliono essere protagoniste in un mondo che ha visto sorgere e diventare famosi solo personalità al maschile. Se le istituzioni sapranno cogliere questo cambiamento, a giovarne sarà l’intera Italia. Ecco perchè sono state stanziati anche molti soldi diretti alle agevolazioni per l'imprenditoria femminile.

Importi erogati: In Europa, dalla Lombardia alla Puglia, ecco le cifre. 

Per ciò che concerne il contributo in denaro per l’investimento in servizi reali la misura delle agevolazioni per l'imprenditoria femminile è pari al 30% nelle aree non svantaggiate e al 40% nelle aree territoriali svantaggiate.

Un fenomeno in aumento in ogni regione. Per i dettagli contatta anche la camera di commercio

In un periodo come quello attuale segnato dalla crisi economica del lavoro ci sono quindi da registrare dei fenomeni in positivo e uno di questi riguarda l'investimento e a crescita dell’imprenditoria rosa.

Gli ultimi dati pubblicati infatti parlano di un aumento concentrato prevalentemente nelle regioni centro-meridionali, dove in Abruzzo, Molise e Basilicata si supera addirittura la percentuale del 25%. Il Presidente di Unioncamere ha salutato con felicità questo trend positivo dichiarando che ci sono molte donne vogliose di entrare in questo mercato con progetti affascinanti. La speranza è che le istituzioni diano una mano per sostenere queste imprese, da contestualizzarle nel periodo attuale di stagnazione che vedrebbe di conseguenza un rilancio del settore economico. Un buon inizio è dato dalle agevolazioni per l'imprenditoria femminile.

Presentare la domanda per le agevolazioni per l'imprenditoria femminile

Sono molte agevolazioni per l'imprenditoria femminile riguardanti il lavoro in società: una realtà pulsante e vivace per il mercato dell’economia italiana. I prestiti a fondo perduto per le donne si moltiplicano, quindi occorre orientarsi tra le proposte per sapere come sceglierli e per quali finalità.

Tra le agevolazioni per l'imprenditoria femminile riguardanti il lavoro contemplate oltre ai prestiti di denaro a fondo perduto si ricordano anche le agevolazioni per le start-up di impresa, i prestiti a tasso “0”, le garanzie creditizie, gli sgravi fiscali, gli interventi in capitali di rischio. A monte, per l’ottenimento di qualsiasi forma agevolativa per una nuova azienda si necessita di:

  • Uno studio di fattibilità;
  • Lo studio di un business plan;
  • Lo studio dell'individuazione il bando adatto rispetto all’attività che si intende svolgere sul mercato;
  • Presentare la domanda correttamente e scrupolosamente compilata con tutta la documentazione relativa da allegare.

La presentazione della domanda per le agevolazioni per l'imprenditoria femminile è la fase più delicata: il contenuto del business plan deve essere ben scritto, vincente e convincente soprattutto se si tratta di una nuova tipologia di impresa. Ogni bando ha le sue peculiarità e richieste specifiche, per cui non si può generalizzare su procedure mutevoli. Inoltre, bisogna avere ben chiaro in mente cosa intende la legge per impresa femminile e quali sono i requisiti per accedere in genere ai finanziamenti. La legge n. 21 del 25 febbraio 1992 determina che un’attività imprenditoriale femminile per essere tale deve prevedere che l’imprenditrice nel caso delle ditte individuali o la maggioranza della compagine societaria sia costituita, appunto, da donne (al 60%). Nelle società di capitali, i due terzi del capitale della società deve essere apportato dalle donne e che il consiglio di amministrazione sia per due terzi composto da donne. Tali caratteristiche devono permanere per 5 anni successivi dalla presentazione della domanda per il denaro.

Agevolazioni per l'imprenditoria femminile

La ricerca dei bandi si effettua tramite portali dedicati che raggruppano le opportunità in base al settore di attività, requisiti di età o ente promotore. I principali portali da consultare e monitorare alla ricerca di bandi, finanziamenti e agevolazioni per l'imprenditoria femminile sono:

  • Unioncamere, l’ente che governa la rete delle camere di commercio;
  • Invitalia, l’agenzia per lo sviluppo del settore dell’imprenditoria.

Tipologie di agevolazioni per l'imprenditoria femminile: fondi dell'Europa

Agevolazioni per l'imprenditoria femminile

Oltre ai prestiti a fondo perduto e ai bandi, esistono diverse forme di agevolazioni per l'imprenditoria femminile per una nuova azienda:

  • Imprese a tasso “zero”: agevolazione istituita con D. Lgs n. 185 del 2000 a favore dell’imprenditoria giovanile ed estesa alle donne e senza limiti di età.
  • Smart & Start: agevolazione prevista esclusivamente per le start up a contenuto innovativo iscritte al Registro delle Imprese. Lo strumento è stato introdotto a gennaio 2020;
  • Fondo di garanzia per PMI rosa: lo Stato si fa garante per le imprese femminili nella richiesta di finanziamenti fino alla copertura dell’80% delle spese sul finanziamento totale.
  • Programma “Resto al Sud”: rivolto a quanti (uomini e donne) under 46 desiderano creare una nuova azienda nelle Regioni del Sud Italia (Abruzzo, Molise, Basilicata, Campania, Calabria, Puglia, Sicilia e Sardegna).
  • Progetto ABI: l’Unione delle Banche Italiane offre prestiti a condizioni agevolate a sostegno delle imprese “rosa”. Il progetto è in piedi dal 2014.
  • Programma “Imprenditrici Oggi”: realizzato dal Ministero delle Pari Opportunità, i finanziamenti sono garantiti dallo Stato fino all’80% a condizioni agevolate da parte degli istituti bancari.
  • soldi dell'Europa per PMI.
  • Crowfunding: uno strumento che rientra nella finanza agevolata e che permette l'opportunità di una raccolta di soldi necessari per realizzare un’idea imprenditoriale. Ci si iscrive a una piattaforma adibita, si presenta il progetto che dovrà essere approvato dai moderatori della piattaforma e qualora sia accettato, lo si presenta sulla piattaforma e gli investitori interessati all'investimento possono decidere di finanziarlo.

L'articolo è stato scritto dalla Redazione di ElaMedia Group

Potrebbe interessarti

Congedo matrimoniale per l'INPS: conosci questo diritto?

ottenere il congedo matrimoniale

La legge prevede che in occasione del matrimonio, alcune categorie di lavoratori, abbiano diritto al congedo matrimoniale e dell’assegno ad esso relativo. Il congedo matrimoniale corrisponde ad un periodo di astensione al lavoro di 15 giorni consecutivi che non possono essere goduti durante il periodo delle ferie o nel preavviso del licenziamento.

Autocandidatura: come proporre la propria candidatura di lavoro

come fornire un autocandidatura

L’era di internet permette diverse modalità di candidatura delle offerte di lavoro. Nel caso la propria candidatura sia in risposta ad un annuncio di lavoro è possibile inviare il proprio curriculum vitae e la lettera di accompagnamento via mail.

Tesi master universitario: struttura, obiettivi e contenuti

Si denomina Tesi o report, il dattiloscritto finale che va solitamente redatto alla fine di un master universitario. Il lavoro di una tesi richiede molto tempo, pazienza e ricerca accurata delle fonti.

I più condivisi

Accessori per l’ufficio: ecco gli indispensabili

Si dice che se si lavora stando seduti seduto ad una scrivania eccessivamente ordinata, molto probabilmente non si sta adempiendo al proprio lavoro. Ovviamente il caos sarà pre sinonimo di creatività, ma essere ordinati, soprattutto negli uffici, è veramente doveroso. In questi ambienti, infatti, spesso vengono gestite importanti pratiche, conservati dei documenti e vi si trovano moltissimi articoli di cancelleria.

Livelli per il CCNL del Turismo: tutte le informazioni di cui hai bisogno

Livelli per il CCNL del Turismo

Per i dipendenti delle aziende, per i dipendenti e soci delle cooperative esercenti attività nel settore del "turismo" (da 15 a 50 dipendenti o soci).

Lavorare nella moda, passione, stile e guadagno: ecco come fare

Per queste professionalità il percorso passa assolutamente attraverso corsi specifici, staccati dalle università, ma piuttosto nati da istituti e istituzioni diverse. Per citarne alcuni, il Polimoda di Firenze, l'Istituto Marangoni di Milano, l'Accademia Italiana di Arte, Moda e Design e, per finire, lo Ied. Molti dei corsi proposti offrono la possibilità di uno stage all'estero ma soprattutto conoscenze concrete e formative.

Leggi anche...

Offerte lavoro Friuli Venezia Giulia: tutte le occasioni!

cercare lavoro in friuli venezia giulia

Ampliamo la nostra sezione dedicata al lavoro sul territorio nazionale, regione per regione. In questa pagina suggeriamo alcuni dei link utili per chi cerca offerte lavoro Friuli Venezia Giulia. Innanzitutto è importante sapere che la ricerca del lavoro in Friuli Venezia Giulia è accompagnata da una interessante politica regionale. Infatti, la regione autonoma del Friuli Venezia Giulia, regola la politica del lavoro tramite la legge regionale n. 18/2005, che disciplina tutte le materie riguardanti il lavoro che rientrano nelle competenze della Regione.

Leggi anche...

Lavorare all’ONU, individua se sei un potenziale funzionario!

Intraprendere una carriera nelle organizzazioni internazionali è una scelta che richiede un notevole impegno, una forte motivazione, un carattere equilibrato e forte.