La pensione contributiva è andata a modificare il calcolo dei versamenti, considerando non più la media degli ultimi ma la totalità di quelli effettuati, dal primo all'ultimo. Il contributivo non è valido per tutti i lavoratori, poiché la legge distingue tra quanti debbano ricorrevi, i casi in cui si possa mantenere la formula precedente e quelli che usufruiscono di un sistema misto:

  • il nuovo tipo di conteggio viene applicato a quei lavoratori che non abbiano incominciato l'attività lavorativa prima del 1 Gennaio 1996;
  • a quanti non avessero versato un minimo di 18 anni di contributi entro il 31 Dicembre 1995, viene applicato un metodo di calcolo parzialmente contributivo (il cosiddetto sistema misto);
  • infine, ai contribuenti con almeno 18 anni di versamenti (sempre entro l'ultimo giorno del '95), è stata data la possibilità di scegliere tra la contributiva e quella retributiva.

E dopo la riforma Fornero (anche per i liberi professionisti non è semplice)

Il ministro Fornero ha introdotto alcuni cambiamenti radicali nella pensione contributiva, obbligando tutti i pensionati, anche quelli esclusi dalla riforma Dini, a passare a questa formula.
Il calcolo della pensione contributiva viene effettuato considerando:

  • tutti i versamenti pagati dal contribuente e dalla società;
  • le quote vengono valutate annualmente e moltiplicate secondo un coefficiente (che tiene in considerazione l'età e l'aspettativa di vita del contribuente);
  • si aggiungono determinati bonus e malus in base all'anno in cui si è andati in pensione.

Il coefficiente di conversione (o moltiplicatore) di quanti abbiano un'età compresa tra i 65 e i 70 anni è disciplinato dall'articolo 24 (comma 16) della legge; grazie a queste formule matematiche vengono quindi rivalutati i versamenti e trasformati nella somma che corrisponde alla pensione contributiva, in relazione all'età del soggetto interessato.

Il calcolo della pensione contributiva ha portato il sistema pensionistico italiano a diminuire la differenza tra i contributi effettivamente versati e quanto percepito dall'individuo una volta finito di lavorare.

Tale squilibrio in favore dei pensionati ha portato negli anni la collettività a pagare cifre sempre più alte per mantenere la sua popolazione di anziani, tanto che si è resa necessaria la legge 335/1995 (riforma Dini) per arginare questa falla economica.

La nuova riforma del ministro Fornero ha condotto ad un ulteriore giro di vite: se il passaggio dal sistema retributivo a quello contributivo aveva visto un certo numero di lavoratori beneficiare della possibilità del mantenere il vecchio sistema, da adesso la nuova formula è obbligatoria per tutti.

Come calcolare la pensione contributiva in maniera gratuita: ecco una breve simulazione online

Calcolo della pensione contributiva: chi ne ha diritto? A quale età?

Mentre il vecchio sistema retributivo andava a considerare la media dei versamenti degli ultimi 5 – 10 anni, il calcolo della pensione contributiva prende in esame la totalità delle mensilità erogate durante l'intera vita lavorativa del soggetto.
La cifra finale che ritira il pensionato è determinata in relazione a:

  • i contributi pagati dal soggetto e dalla società;
  • la valutazione eseguita annualmente e la moltiplicazione in relazione ad uno specifico coefficiente, che considera sia l'età del pensionato che la sua aspettativa di vita);
  • eventuali decrementi o incrementi dovuti al numero di anni di lavoro che si sono svolti prima di andare in pensione.

Sono appunto le formule utilizzate nel moltiplicatore a stabilire l'importo che la società versa a chi ha finito di lavorare, con un'attenzione particolare all'età del soggetto.
Per coloro che sono andati in pensione nel periodo della riforma Dini, con un'età compresa tra i 65 e 70 anni, vedono il loro coefficiente disciplinato dal comma 16 dell'articolo 24 della legge relativa.

L'innalzamento dell'età pensionabile (forze dell'ordine, artigiani, commercianti e architetti, agenti di commercio)

Il calcolo della pensione contributiva non è l'unica novità, in quanto il primo Gennaio 2012 ha visto l'innalzamento dell'età pensionabile: prima di questa data infatti, si erano considerati i 65 anni come termine per tutte le categorie di lavoratori.

Dall'inizio del nuovo anno raggiungono la pensione i dipendenti e gli autonomi che abbiano compiuto i 66 anni.
Fanno eccezione, ma con modificazioni graduali mirate al raggiungimento della parità tra i sessi, le donne del settore privato, autonomo e indipendente.

Sistema contributivo e cassa forense

Per il calcolo della pensione contributiva bisogna quantificare la retribuzione annua (lavoro dipendente) o il reddito annuo (lavoro autonomo o parasubordinato); calcolare i contributi relativi a ogni annualità lavorativa in base a un’aliquota specifica (33% per il lavoro dipendente; 20% per il lavoro autonomo; variabile annualmente per la gestione separata); sommare i contributi annuali, rivalutati in base al tasso annuo di capitalizzazione (vd. Istat), per ottenere il montante individuale; applicare al montante individuale un coefficiente di trasformazione diverso a seconda dell’età del lavoratore al momento in cui va in pensione (vd. tabella INPS)

Sistema retributivo del pensionamento (donna e uomo)

et pensione

Il calcolo col sistema retributivo si basa sul totale dei contributi versati (fino a un’anzianità massima di 40 anni di contributi), sulla media delle retribuzioni o redditi pensionabili degli ultimi anni di vita lavorativa (rivalutati in base agli indici annuali Istat), sull’aliquota di rendimento del 2% annuo calcolata su retribuzioni o redditi entro un certo limite d’importo stabilito annualmente. L’aliquota di rendimento diminuisce nel caso di retribuzioni o redditi superiori a detto importo.

Il sistema misto nel calcolo della pensione

Il calcolo della pensione col sistema misto si effettua col criterio retributivo per i contributi maturati al 31 dicembre 1995 e col criterio contributivo per l’anzianità maturata a partire dal 1° gennaio 1996. Se si hanno 15 anni di contributi, di cui minimo 5 anni sono maturati successivamente al 1995, si può optare per il calcolo basato unicamente sul sistema contributivo. Chi ha diritto al calcolo solo col criterio retributivo non può esercitare tale opzione.

Scopri quando andrai in pensione! Età pensionabile (valido anche per il mondo della scuola)

Negli ultimi anni si è diffusa la mentalità, anche un po' per scherzo, che andare pensione, in particolare per gli under 40, sia una vera e propria utopia: possiamo avere una sorta di proiezione di quella che sarà l'età pensionabile sfruttando come al solito il web, che mette a disposizione una serie di strumenti per provare a fare il calcolo di questo dato sfruttando alcuni dati del soggetto in cerca di informazioni.

Il sito di Repubblica, nella sezione dedicata al lavoro, offre un sistema interattivo per calcolare la pensione: è necessario inserire una serie di dati come:

  • anno di nascita e anzianità lavorativa
  • reddito annuo percepito
  • sesso
  • la previsione di carriera
  • il tipo di inquadramento lavorativo

Per avere una previsione abbastanza in linea con quella che sarà la realtà più plausibile, è necessario inserire il reddito al netto delle tasse e dei contributi; il calcolo effettuato da questo genere di programmi si riferisce a dei parametri standard come l’inflazione attesa, considerata pari al 2%; una riduzione attesa durante il corso degli anni che va a scontare i requisiti relativi all’età anagrafica del soggetto e ai vari coefficienti necessari alla conversione; il riferimento alla crescita del PIL considerato di valore pari al 1,5%.

Il calcolo della pensione contributiva nel 2021

pensioneeee

Negli ultimi anni, il calcolo della pensione contributiva e quindi la quota di questa ha continuato ad essere sempre più ridotta, a causa dell'aggiornamento periodico dei coefficienti di trasformazione del montante contributivo, che determina il pagamento mensile spettante a qualsiasi pensionato italiano. Ed anche nel biennio 2021-2022, il calo della "rivalutazione" del cosiddetto montante contributivo, a cui abbiamo accennato precedentemente, comporterá un certo ridimensionamento della pensione di diversi cittadini.

Come abbiamo detto, i coefficienti di trasformazione sono un fattore numerico che si applica ai contributi versati da un soggetto durante la sua vita lavorativa e permettono il calcolo della pensione contributiva spettante. Tali coefficienti, aggiornati ogni triennio, tendono sia a variare in base all'etá del lavoratore al momento della richiesta della pensione e sia a crescere man mano che tale etá anagrafica sia avanzata. Adesso, il Ministero del Lavoro con decreto ministeriale nº147/2020 ha effettuato l'ultimo aggiornamento, al ribasso, di tali coefficienti.

Il calcolo della pensione contributiva, dopo il taglio dei coefficienti di trasformazione, vede una diminuzione dell'assegno spettante per coloro che si ritireranno dal lavoro tra il 1º Gennaio 2021 ed il 31 Dicembre 2022, rispetto a coloro che ne sono usciti entro il 31 Dicembre 2020. A livello numerico, la riduzione è di circa lo 0,5%, tuttavia, rispetto alle pensioni di un decennio fa, il calo si attesta sul 12%. In termini monetari, la perdita di un neopensionato nel 2021 è di circa 6-9 Euro al mese, rispetto alla busta paga di un pensionato nel 2020.

In pratica, ciascun lavoratore in questi anni, facendo un calcolo della pensione contributiva, si è vista ridotta la quota di questa spettante, rispetto ai suoi colleghi ritiratisi precedentemente. Dall'altro lato, invece, ha visto invece favorita o comunque piú agevolata la permanenza sul lavoro, grazie a coefficienti di trasformazione piú alti nel caso si fosse ritirato con un'etá anagrafica maggiore. A livello numerico, infatti, si passa da un coefficiente di 4,186 (nel biennio 2021-22) per un soggetto di 57 anni ad uno di 6,466% per un lavoratore di ben 71 anni.

Potrebbe interessarti

Scienze della Mediazione Linguistica: uno sbocco verso il futuro

Scienze della Mediazione Linguistica

In un’epoca sempre più caratterizzato dalla multiculturalità, la conoscenza delle lingue straniere diventa sempre più una prerogativa imprescindibile per l’accesso nel mondo del lavoro.

Previdenza sociale: quali e quanti soggetti deve tutelare?

previdenza sociale

Il conseguimento di una buona pensione è un aspetto importante e molto considerato da tutti i lavoratori italiani. Per tutelare il lavoratore in materia di pensione e invalidità; esiste infatti la previdenza sociale.

Permesso di lavoro: tipologie e richieste

Per motivi di diversa natura, il lavoratore è spesso costretto a richiedere dei determinati periodi di assenza dal lavoro, al di fuori delle ferie stabilite e che gli spettato. Questo tipo di astensioni dall’attività lavorativa vengono chiamati permessi lavoro.

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

I più condivisi

Calcolo della busta paga: a mano o con i software online?

Calcolo della busta paga

La busta paga è un prospetto economico che il datore di lavoro si preoccupa di fornire al proprio dipendente e che comprende l’importo al netto, percepito in un determinato periodo di lavoro.

Lettera di dimissioni: modulo ed iter da seguire

persona intenta a scrivere una lettera di dimissioni

Da qualche anno è entrato in vigore un decreto Interministeriale relativo alle procedure per presentare le dimissioni volontarie. 

Orario di lavoro notturno: quali sono i termini del tuo contratto?

CCNLOrario di lavoro notturno

L’ammontare settimanale delle ore di lavoro, compreso di eventuali straordinari, non dovrebbe superare le 48 ore. Ogni settimana devono essere previste almeno 24 ore di riposo. Nell’arco dell’anno, al lavoratore dipendente, spettano di diritto circa quattro settimane di ferie.

Leggi anche...

Turni di lavoro e di riposo settimanale: ecco il piano d'Impresa

turni di lavoro

Il riposo giornaliero, in base a tale decreto legislativo, consiste nel diritto del lavoratore a 11 ore di riposo consecutivo ogni 24 ore, ad eccezione:

Leggi anche...

Disoccupazione e requisiti ridotti: di cosa si parla esattamente?

Disoccupazione e requisiti ridotti

Si definisce disoccupazione, la condizione in cui si trovi un soggetto in età di lavoro che non sia una forza attiva nel mondo del lavoro.