I selezionatori e gli HR impiegano in media solo 7 secondi per valutare un curriculum vitae; durante questi sette secondi, ciò che serve perché il Curriculum possa essere preso in considerazione è che metta subito in evidenza i dati e le informazioni salienti: anagrafica, contatti, esperienza e competenze linguistiche o informatiche, hobby e interessi. La creazione del Curriculum richiede anche la capacità di interpretare le esigenze dell’azienda presso cui ci si sta proponendo e di far combaciare le proprie competenze con quelle che sono le necessità di un’azienda che assume.

L’importanza di scrivere bene un curriculum

Lo stesso curriculum vitae non è adatto per tutti gli annunci di lavoro o per aziende diverse tra loro pur se cercano lo stesso profilo o ricercano le stesse mansioni: un curriculum quindi andrebbe adattato a ciascun annuncio pur mantenendo le informazioni coerenti e corrette. È possibile redigere on line o scaricare diversi formati di CV tramite piattaforme dedicate. La piattaforma OnlineCV oltre a mettere a disposizione diversi formati curriculari offre anche consigli pratici sulla compilazione, illustra le tecniche e fornisce indicazioni su come scrivere una lettera di presentazione. Ecco alcuni dei consigli che è possibile trovare su questa piattaforma:

  • Personalizzare il CV: un errore molto comune è quello di presentare un CV in modo piatto e generico, valido per tutte le occasioni. In realtà, è opportuno modificare e valorizzare le proprie mansioni rispetto alle varie ipotesi di lavoro.
  • Il linguaggio: ciò che può esser rilevante per sé o per un’azienda potrebbe non esserlo per altri selezionatori o altre aziende per cui è importante saper comunicare tramite il curriculum ciò che conta, enfatizzando in volta in volta gli aspetti salienti utilizzando il linguaggio e la forma più corretta e adatta.
  • Focalizzare: finalizzare e focalizzare le informazioni centrali per aprire le porte di un colloquio è la strategia migliore per rendere interessante un contenuto.

Un curriculum vitae efficace deve, in sostanza, essere personalizzato rispetto all’interlocutore, valorizzato in base alla posizione per cui ci si candida, schematico e facile da leggere, sintetico e che possa essere contenuto in una o al massimo due pagine (più lungo solo nei casi di esperienze complesse o lunga esperienza di alto profilo), chiaro e puntuale nel sottolineare le competenze e le esperienze maturate.

Uno schema libero su cui impostare un CV deve prevedere alcune informazioni inderogabili e obbligatorie come i dati anagrafici, la posizione ricercata o l’area professionale di interesse, le competenze acquisite e le esperienze professionali, l’istruzione, la conoscenza delle lingue e dell’informatica, le eventuali abilitazioni professionali. Informazioni facoltative (ma dipende se funzionali all’ottenimento di un colloquio) possono riguardare gli hobby, gli interessi, lo sport praticato, le pubblicazioni, le referenze, la fotografia. In conclusione non deve mancare la liberatoria per la legge sulla privacy e l’indicazione della propria disponibilità a trasferte e trasferimenti.

I giovani alle prime esperienze sono invitati a inserire in ordine cronologico prima gli studi e poi eventuali esperienze lavorative brevi, occasionali o part-time. Oltre allo schema libero, è possibile impostare il proprio CV sul modello standard europeo che è riconosciuto ufficialmente in tutti i paesi europei.

Europass: il curriculum europeo cos’è?

come scrivere un curriculum vitae

Il curriculum europeo è un formato standard elaborato con l’obiettivo di uniformare i modelli curriculari per essere accettati e riconosciuti in tutti i paesi europei.

La caratteristica di questo formato, però, è quello di essere molto articolato e ricco di informazioni da inserire: è meno schematico dei comuni modelli di CV, ma consente di riportare in modo approfondito la descrizione del titolo di studio, delle esperienze e competenze lavorative, delle competenze sociali e capacità comunicative e relazionali.

In ambito della mobilità internazionale, il curriculum europeo serve a comparare e riconoscere i titoli di studio a parità di candidati con le stesse capacità professionali e di favorire la lettura in modo univoco e comprensibile in tutti i paesi europei.

L’Europass nasce nel 1998 in seguito alla decisione della Commissione europea di fornire un modello di trasparenza nell’indicazione delle qualifiche professionali e con lo scopo di abbattere gli ostacoli alla mobilità e libera circolazione dei lavoratori in Europa. È uno dei modelli più completi oltre che complessi che non sempre incontra il favore delle aziende quando lo esaminano, tuttavia resta l’unico importante strumento per lavorare all'estero.

Potrebbe interessarti

Come presentarsi ad un colloquio di lavoro? Occhio all'abbigliamento

come presentarsi ad un colloquio

Che avvenga per email o per telefono, la prima comunicazione con l'azienda costituisce il primissimo momento della valutazione del candidato. È opportuno, durante queste comunicazioni, essere esaustivi e non dimenticare tutti i dati relativi a contatti e dati anagrafici.

Colloquio motivazionale: vi sveliamo il segreto per affrontarlo!

Immagine per colloquio motivazionale

Dopo aver inviato centinaia di curriculum (per i più fortunati solo decine), è possibile che qualche azienda decida di contattarci per un colloquio motivazionale. E’ importante seguire delle piccole linee guida che possono sembrare banali per qualcuno, ma che per i tipi più ansiosi è meglio tenere a mente.

Reddito riparametrato (equivalente): come si calcola

In periodo di iscrizione all'università, molti studenti sentono parlare la prima volta di reddito riparametrato, o detto reddito equivalente. Ma di cosa si tratta?

I più condivisi

Nido aziendale: vi sveliamo quali sono i vantaggi di questi Asili

Nido aziendali: vi sveliamo quali sono i vantaggi di questi Asili

Anche nella nostra società "moderna", nella coppia la cura dei figli è affidata quasi sempre alla madre, che si trova costretta a scegliere un lavoro part-time o a rinunciare al proprio lavoro fuori casa. Per tali ragioni, sempre più spesso, le neo-mamme affidano la propria prole a nonni, famigliari o amici. Anche se a volte con non poche preoccupazioni.Durante la propria assenza, una mamma vorrebbe lasciare il proprio figlio in strutture gestite da personale specializzato particolarmente attento all’aspetto pedagogico e al rapporto con i genitori.

Ricerca per singolo codice tributo: i modelli di versamento F23 e F24

immagine per ricerca per singolo codice tributo

In questa pagina cercheremo di fornirvi tante più informazioni possibili circa la ricerca per singolo codice tributo da inserire nei modelli di versamento F23 e F24. Per dichiarare e pagare le imposte e le tasse, il contribuente infatti deve identificarle attraverso il codice tributo.

Stipendio col contratto di apprendistato: tutte le formule possibili

Immagine d'esempio usata nell'articolo Lo stipendio con un contratto di apprendistato: tutte le formule possibili

Secondo la legge italiana, ovvero secondo il Testo Unico sull’Apprendistato (decreto legislativo 167/2011), il contratto di apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato per giovani. Si tratta quindi una forma contrattuale propedeutica, nelle intenzioni, all’assunzione. 

Leggi anche...

Creazione del Curriculum? Ti aiutano gli esperti di OnlineCV!

come scrivere un curriculum vitae

I selezionatori e gli HR impiegano in media solo 7 secondi per valutare un curriculum vitae; durante questi sette secondi, ciò che serve perché il Curriculum possa essere preso in considerazione è che metta subito in evidenza i dati e le informazioni salienti: anagrafica, contatti, esperienza e competenze linguistiche o informatiche, hobby e interessi. La creazione del Curriculum richiede anche la capacità di interpretare le esigenze dell’azienda presso cui ci si sta proponendo e di far combaciare le proprie competenze con quelle che sono le necessità di un’azienda che assume.

Leggi anche...

Finanziamenti europei a fondo perduto: come orientarsi

finanziamenti europei a fondo perduto

La prima cosa da chiarire parlando di finanziamenti europei è che l’Europa eroga fondi in base alle esigenze territoriali inoltrate dai singoli stati membri divisi nelle loro amministrazioni regionali, provinciali, comunali. La gestione dei fondi è sia diretta (bandi di gara pubblicati sulla GUCE – Gazzetta Ufficiale Commissione europea) o indiretta (attraverso enti degli Stati Membri). I finanziamenti a fondo perduto non sono quasi mai erogati nella loro totalità.