Nel mondo ormai globalizzato del lavoro sempre più spesso si invia il proprio curriculum vitae in lingua. Sono numerose le aziende con sede legale o con l'ufficio human resource all'estero. Da qui la necessità di inviare un curriculum in inglese o in un'altra lingua straniera.

Modelli per redigere un curriculum vitae inglese

scrivere un curriculum vitae

Il web offre degli esempi da prendere come modello per redigere un curriculum inglese. Per reperire il modello è possibile consultare il sito di Europass Europa

SognandoLondra.com

Propone alcuni esempi di curriculum in lingua inglese: standard di curriculum Europeo creato da Europass. Il curriculum è stato migliorato di molto in confronto al vecchio standard europeo pur mantenendo sempre uno stile semplicissimo (è lungo solo 2 pagine). Il sito offre anche il modello curriculum in versione short, comunque efficace.

Il sito 4yougratis.it

Propone un esempio di curriculum vitae in inglese da poter scaricare gratuitamente.

Il sito Moduli.it

Offre, sia in formato word o PDF e in altre lingue straniere.

Il portale InformaGiovani-Italia

Indica la struttura che deve avere un curriculum inglese e offre un esempio di un curriculum vitae britannico.

Ricordiamo che il curriculum in lingua anglosassone presenta alcune differenze rispetto a quello in italiano. Il CV inglese, infatti, deve contenere le esperienze e le date. E' più sintetico del nostro curriculum e informazioni come: la motivazione, le qualità necessarie per il tipo di lavoro, ecc. vengono indicati nella lettera. Il curriculum sarà al massimo di 2 pagine e di solito viene proposto in formato A4.

Informazione importante nel curriculum inglese in Inghilterra, è quella relativa alle referenze. E' bene indicare nel curriculum inglese almeno due referenze con relativi: titoli, nominativi, indirizzi e numeri di telefono.

Scrivere il curriculum in lingua

Quando si risponde ad un colloquio di lavoro, la presentazione di un buon curriculum vitae è di vitale importanza per ottenere l'impiego: individuare le esigenze dell'azienda, comprendere quali siano le caratteristiche proprie che più possano interessare e metterle nero su bianco può essere considerata quasi un'arte.
Redigere un curriculum in inglese segue le stesse regole, con il presupposto che si richiede uno sforzo in più, che consiste nel cogliere gli aspetti peculiari della mentalità dei paesi di lingua anglosassone.

I contenuti del curriculum

Pur se con un diverso peso assegnato alle varie categorie, la struttura di un curriculum in inglese rispecchia in linea generale la nostra ed è la seguente:

  • informazioni generali sulla persona;
  • formazione: scuole frequentate e titoli di studio posseduti, non è richiesto indicare il voto;
  • conoscenze linguistiche;
  • esperienze lavorative: elencate a partire dall'ultima, devono essere corredate di precisi riferimenti temporali e indicare i risultati conseguiti;
  • hobby e interessi praticati al di fuori dello studio e del lavoro: delineano il carattere del candidato.

Le particolarità da prendere in considerazione

Nello scrivere un curriculum in inglese, cominciamo con il dire che il mercato del lavoro britannico predilige una forma abbreviata che fornisca, similmente ad una cronologia, le informazioni sulla vita del candidato.
Importanti risultano essere la descrizione delle attività praticate durante la formazione e gli hobby, tutti aspetti atti a delineare la personalità e le capacità del candidato; è bene utilizzare uno stile sintetico ma esaustivo, che mostri le qualità personali senza risultare esagerati o falsamente modesti.
Particolare attenzione va dedicata alle referenze, obbligatorie per circa il 74% delle imprese e largamente considerate dalle restanti: sempre senza dilungarsi troppo, è sufficiente elencare ciò che si è fatto, unitariamente ai contatti della persona che lo può confermare.

Scaricare il modello compilato di un curriculum

Una volta compresi i meccanismi da adottare per redigere un curriculum in inglese, ne possiamo scaricare il modello gratuitamente tramite numerosi siti; tra i vari segnaliamo il link del portale di Repubblica: http://miojob.repubblica.it/notizie-e-servizi/modelli-cv, attraverso il quale si possono reperire quello italiano, inglese, spagnolo, francese e tedesco.

Se cerchi una pratica guida, noi di AreaLavoro abbiamo realizzato l'eBook "Come scrivere un Curriculum" utile per apprendere al meglio le tecniche per compilare un curriculum vitae di successo! Qui di seguito troverete la copertina dell'ebook, cliccando su di essa scaricherete un estratto della guida e, se di vostro gradimento, potete procedere all'acquisto al prezzo di € 2,99 scegliento il metodo di pagamento da voi preferito!

Conoscere una nuova lingua per favorire le opportunità di lavoro

Ci sono tanti motivi che spingono una persona ad imparare una nuova lingua. Uno di questi è indubbiamente legato alle opportunità di lavoro che potrebbero farsi strada. Infatti, uno dei modi migliori per poter entrare nel mondo del lavoro, che sia dopo o durante gli studi, è avere un’ottima conoscenza di una o più lingue.

L’importanza di conoscere una nuova lingua incide fortemente sul piano delle offerte lavorative; spesso un corso di laurea non dà garanzie di successo nella ricerca lavorativa, così come anche master e corsi di specializzazione spesso tradiscono le aspettative degli studenti. Per questo, investire tempo e denaro in un corso di inglese a Roma può influire positivamente sulle opportunità di impiego: per chi possiede conoscenze specifiche su un determinato ambito e si presenta all’azienda presso cui si è candidato, la conoscenza di una lingua in più può aggiungere valore al proprio biglietto da visita e rappresentare un ottimo modo per farsi conoscere. Per chi ha già maturato esperienza nel proprio campo e ha un vasto range di conoscenze, la componente linguistica è quindi un tassello del puzzle che determina il completamento di un curriculum interessante.

L’importanza di conoscere una nuova lingua è quindi evidente sul piano lavorativo: l’italiano, ad esempio, nonostante si possa ipotizzare il contrario, è una lingua che si sta diffondendo molto e, che secondo alcune indagini mondiali, è tra le lingue più studiate, dopo l’inglese, il francese e lo spagnolo. Il numero di persone che decide di imparare la lingua italiana cresce a dismisura e una delle ragioni risiede proprio nella richiesta di opportunità lavorative in Italia o nei Paesi in cui si parla l’Italiano (Svizzera, Germania....): infatti, secondo uno studio condotto dal Ministero degli Affari Esteri, Italiano 2000, affidato al Dipartimento di Studi Linguistici e Letterari dell’Università La Sapienza di Roma, le opportunità di trovare lavoro all’interno di aziende italiane e la possibilità di confrontarsi con realtà del tutto diverse invoglia molte persone (straniere) a frequentare scuole di italiano di qualità.

Per alcuni studenti o professionisti stranieri che abbiano l’intenzione di imparare una nuova lingua per favorire un loro inserimento lavorativo nel nostro splendido Paese la scuola di Torre di Babele è specializzata proprio nell’insegnamento dell’italiano agli stranieri. Tra le più valide scuole di lingua presenti in Italia, l’istituto Torre di Babele si trova a pochi passi dall’Università La Sapienza e dalla Stazione Termini e rappresenta un ottimo punto di riferimento per tutti coloro che decidono di trasferirsi nella capitale di Roma soprattutto per la proposta didattico e formativa offerta. Torre di Babele offre svariate tipologie di corso di italiano: standard, intensivi, super intensivi, individuali, di gruppo e tutti organizzati in base al livello e alle necessità del singolo studente. Inoltre, Torre Di Babele offre un programma culturale, come integrazione ai corsi di lingua italiana proposti, corredato da diverse iniziative, come visite ai musei, gite e tour per la città, visite guidate nei parchi più belli di Roma, degustazioni dei vini del Lazio, tour eno-gastronomici e molto altro: un modo originale e divertente per coniugare l’impegno delle lezioni al divertimento e alla scoperta di nuovi usi e costumi.





Potrebbe interessarti

Abilitazione all'Insegnamento alla scuola secondaria: dalla SSIS al TFA

Come scegliere un master di abilitazione insegnamento scuola secondaria

E' ormai un dato certo il passaggio del testimone dell'abilitazione all'insegnamento da SISS al TFA: si parla dei tirocini formativi attivi, ovvero il corso che va ad abilitare l'insegnamento nelle scuole di 1 e 2 grado. Il tirocinio annulla definitivamente le Scuole di Specializzazione dell'Insegnamento Secondario, non più funzionanti dall'anno di corso 2008/2009.

Mobilità Scuola 2018/19: i corsi di perfezionamento per ottenere punteggio

mobilità del personale scolastico

Negli ultimi mesi si è discusso a lungo per il rinnovo del contratto sulla mobilità che interessa più di un milione di lavoratori tra docenti e personale ATA. A febbraio si è giunti, finalmente, alla sottoscrizione di un accordo tra MIUR e sindacati che ha visto la proroga integrale del Contratto sulla mobilità 2017/18 per l’anno scolastico 2018/19.

Laurea in Scienze della Mediazione Linguistica: uno sbocco verso il futuro

l'importanza di avere una laure nell'ambito della mediazione linguistica

In un’epoca sempre più caratterizzato dalla multiculturalità, la conoscenza delle lingue straniere diventa sempre più una prerogativa imprescindibile per l’accesso nel mondo del lavoro.

Requisiti per aprire un asilo nido: conosci le normative al riguardo?

aprire un asilo nido

Aprire un asilo nido? Oggi l'iter burocratico per aprire quest'attività è abbastanza chiaro e significa l'inizio di una attività imprenditoriale a tutti gli effetti. In primis è bene considerare la domanda per tale tipo di servizio. Oggi in Italia si registrano più di 3000 asili nido pubblici, oltre alcune centinaia di strutture per l'infanzia convenzionate; ciò nonostante sono numerosi i bimbi sotto ai 3 anni esclusi dalla graduatoria dagli asili nido pubblici.

Contratto a progetto: le caratteristiche nel dettaglio

firmare un contratto a progetto

Il contratto a progetto (co.co.pro.) sono anche detti contratti di collaborazione per programma e sono una tipologia di contratto di lavoro disciplinata dal D. Lgs. n. 276/2003, c.d. Legge Biagi. I co.co.pro. definiscono il lavoratore non come un dipendente, ma un collaboratore autonomo.

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

I più condivisi

Infermieristica: lavoro e possibilità legate alla professione

Infermieristica: lavoro e possibilità legate alla professione

Lavorare nell'area infermieristica coincide con le figure professionali del campo sanitario: le mansioni in questo campo sono diverse, ma tutte puntano all'assistenza del malato.

Provini per la pubblicità: indicazioni per i casting

diventare attori per pubblicità

Tra le varie professioni legate al mondo dello spettacolo, quella dell'attore pubblicitario fa gola a molti. Soprattutto agli inizi, gli aspiranti artisti che intendono diventare famosi, farsi conoscere e successivamente ottenere parti più importanti in televisione, a teatro e al cinema, intraprendono questa carriera e decidono spesso di fare casting per attori.

L'Ufficio di Collocamento dello Spettacolo di Roma

Fino all'anno 2008, i romani che avessero aspirato a lavorare come attori professionisti o semplici comparse, avrebbero dovuto registrarsi presso l'Ufficio di Collocamento dello Spettacolo di Roma: superato l'iter burocratico il richiedente si sarebbe ritrovato iscritto in un'apposita lista unica.

Disoccupazione agricola: soggetti e procedura per richiederla

Immagine d'esempio usata nell'articolo Disoccupazione agricola: soggetti e procedura per richiederla

Anche chi lavora nel settore agricolo ha diritto a delle indennità in caso di perdita del lavoro; a tal proposito infatti l'Inps ha stabilito un compenso speciale detto di disoccupazione agricola.

Riforma del lavoro: la storia degli ultimi interventi

Immagine esemplificativa di un contratto dopo la riforma del lavoro

Il Governo Monti ha presentato, dopo delle riunioni con partiti e associazioni sindacali, la sua riforma per il lavoro. Si prevedono modifiche per l’articolo 18, ammortizzatori sociali, contratti di lavoro e cassa integrazione.

Leggi anche...

Mancato pagamento dello stipendio: come comportarci?

Immagine d'esempio usata nell'articolo Le ultime novità di Mancato pagamento dello stipendio: come comportarci?

Uno dei motivi principali di conflitto fra azienda/datore di lavoro e lavoratore è sicuramente la mancata retribuzione, ovvero il mancato pagamento dello stipendio mensile o l'eventuale ritardo dello stesso Secondo il diritto del lavoro, è pacifico che il datore di lavoro, secondo quanto stabilito dal contratto, debba corrispondere a fine mese o quando indicato dal contratto stesso, lo stipendio concordato. Se vuoi avere delle delucidazioni sul calcolo del tuo stipendio netto leggi l'articolo che abbiamo preparato per te: clicca qui.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Contratto a progetto: le caratteristiche nel dettaglio

firmare un contratto a progetto

Il contratto a progetto (co.co.pro.) sono anche detti contratti di collaborazione per programma e sono una tipologia di contratto di lavoro disciplinata dal D. Lgs. n. 276/2003, c.d. Legge Biagi. I co.co.pro. definiscono il lavoratore non come un dipendente, ma un collaboratore autonomo.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Nullità e annullabilità di un Contratto: sai come muoverti?

contratto nullo

Un contratto è invalido quando presenta anomalie, alterazioni, vizi di rilevante gravità, al punto che le parti non sono costrette a rispettare il regolamento che esse hanno dato a quel contratto ai propri rapporti reciproci.

Leggi tutto...
Go to Top