L’acuirsi della crisi economica e la mancanza di lavoro, hanno negli ultimi anni ingenerato un forte aumento dell’interesse dei cittadini italiani verso l’imprenditoria femminile e i finanziamenti a fondo perduto. Indubbiamente, l’idea di aprire un’impresa è un’ottima opportunità per mettersi in gioco e lavorare di creatività, consentendo altresì al Bel Paese di innovarsi su più fronti.

Cosa sono i contributi a fondo perduto

Prima di addentrarci nel mondo dell’imprenditoria femminile e dei finanziamenti a fondo perduto, vediamo una definizione. Si tratta di finanziamenti comunitari, statali e regionali, predisposti ciclicamente per conseguire progetti di sviluppo delle imprese. Questi si possono ottenere in conto capitale ovvero a fondo perduto, oppure in conto interessi.

Come partecipare al bando?

Richiedere la partecipazione ai bandi è possibile presentando un business plan fornito di descrizione del progetto che si intende realizzare e di una sezione più dettagliata inerente a requisiti di fattibilità finanziaria del progetto. Le spese ammissibili per le agevolazioni riguardano solitamente l’acquisto di terreni, di impianti e macchinari, consulenze e corsi di formazione.

 

I requisiti di ammissibilità per l’imprenditoria femminile

Per ottenere i vantaggi dedicati all’imprenditoria femminile con finanziamenti a fondo perduto occorre possedere alcuni requisiti di ammissibilità. Sarà pertanto possibile ricevere le agevolazioni finanziarie nei casi di:

  • imprese individuali in cui il titolare sia una donna;
  • società di persone costituite in maggioranza, sia numerica che di capitale, da donne;
  • società di capitali costituite in maggioranza, sia numerica che di capitale da donne, e in cui l’organo di amministrazione sia costituito prevalentemente al femminile.

Vari tipi di agevolazioni a fondo perduto

Possono essere erogate diverse tipologie di contributi a fondo perduto, si tratta di contributi in conto impianti (il cui valore massimo può ammontare per le micro e piccole imprese fino al 50% delle spese), contributo in conto interessi, il cui valore massimo del finanziamento può arrivare al 75% dell’investimento per micro e piccole imprese.

Inoltre vi è la possibilità di richiedere una combinazione di contributi Per accedere ai finanziamenti a fondo perduto le imprese devono operare nei settori dell’industria, del commercio e dei servizi.

Imprenditoria femminile, finanziamenti a fondo perduto e i settori esclusi

Per vedersi agevolati nell’imprenditoria al femminile e poter usufruire dei finanziamenti a fondo perduto, è necessario rientrare in alcuni settori. Tra i settori ammessi vi sono quello manifatturiero e il settore dei servizi, mentre tra i settori esclusi emergono l’industria carboniera, il settore siderurgico e quello delle fibre sintetiche.

Bisogna sapere tuttavia alcune cose relativi a questi prestiti erogati:

  • Composizione della società: dal momento che il finanziamento è stato accettato, non deve cambiare la struttura della società relativa alla presenza delle donne;
  • Accumulo di finanziamenti: accedendo ai fondi riservati all’ìimprenditoria in rosa, non si possono fare domande per analoghe agevolazioni come quelli su base nazionale o regionale;
  • Cessione dei beni: è vietato cedere i beni relativi al finanziamento in oggetto nei cinque anni successivi al termine fissato come data di partenza del suddetto prestito. E’ necessario, altresì, dare comunicazione all’Amministrazione che sia competente in materia in caso di modifiche e cambiamenti

Da dove provengono i finanziamenti?

La maggior parte delle risorse destinate a questo mondo al femminile deriva dai fondi erogati dall’Unione Europea per progetti validi, di reale interesse ed innovativi. Ci sono diversi portali su Internet che si occupano di dare informazioni dettagliate in merito e chi fa parte di questo mondo (o vorrebbe entrarci) deve consultare spesso il sito del Ministero dello Sviluppo, quello di Unioncamere, quello delle Camere di Commercio, quello delle venti Regioni italiane e quelli relativi alle associazioni di categoria.

Spesso infatti i finanziamenti passano per la Regione a cui si appartiene e quindi i portali regionali risultato essere molto utili per scoprire la pubblicazione di nuovi bandi a cui partecipare e le risorse destinate per i progetti in questione.
Lo sviluppo di questo mondo ha aumentato la sensibilità pubblica verso questa tematica e non è un caso quindi che si sono moltiplicati stage di formazione e premi per le piccole e medie imprese.

Si possono fare tantissimi esempi, da Nord a Sud Italia, passando per la Capitale Roma. Questi premi spesso sono soldi in denaro destinati alle migliori idee e prospetti sulla piccola e media impresa. Un modo quindi di stimolare questo mercato, spesso bloccato dalle troppe tasse o dall’impossibilità di dar vita a un proprio progetto per mancanza di liquidità. Un sostegno a questo mondo dell’imprenditoria è necessario per far emergere personalità eccelse che non sono solo maschili.





Potrebbe interessarti

Corsi singoli: la nuova offerta Icotea

I corsi singoli sono un’opportunità messa a disposizione di chi, per motivi di aggiornamento culturale e professionale, intende seguire insegnamenti universitari, senza però iscriversi ad un corso di laurea.

Tredicesima mensilità: come si calcola (in base alla tassazione)

calcolare il pagamento della tredicesima

La tredicesima mensilità nasce con il con il CCNL, ovvero il contratto collettivo nazionale di lavoro 5 agosto 1937 e nel 1960, con il Decreto Presidente della Repubblica n. 1070, è diventato un diritto di tutti i lavoratori dipendenti, sia con contratto a tempo indeterminato che a tempo determinato.

Libretto Formativo del cittadino: scopriamo cos'è

Il Libretto Formativo del cittadino raccoglie e documenta le diverse esperienze di apprendimento e le competenze dei cittadini lavoratori, acquisite in ambito lavorativo e scolastico.

Master/Diploma di Specializzazione Biennale: scopri i Master ICOTEA

Studiare per conseguire un master biennale

La laurea oggi è diventata un titolo non più sufficiente quando ci si trova con la necessità di acquisire delle competenze e conoscenze nuove in un settore. Per rispondere a questa esigenza, in pratica, si è resa necessaria la creazione di Master, cioè dei percorsi formativo post-laurea, di solito connessi a una o più materie, con lo scopo di trattare o approfondire alcune tematiche della stessa.

Calcolo busta paga: a mano o con i software online?

La busta paga è un prospetto che il datore di lavoro fornisce al proprio dipendente e che contiene l’importo al netto, percepito in un determinato periodo di lavoro.

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

Offerta del giorno su Amazon

I più condivisi

Lavoro segretaria: conosci i requisiti?

In ogni ufficio o azienda che si rispetti, la presenza di una segretaria è quantomeno indispensabile per gestire e organizzare l'agenda quotidiana. L'attività che deve svolgere è legata naturalmente agli impegni del datore di lavoro: essa infatti ha come compito quello di organizzare la giornata lavorativa del "capo".

Cassa integrazione: ecco come funziona davvero

Immagine esemplificativa di soldi della cassa integrazione

La cassa integrazione è un intervento dello Stato richiesto dalle aziende o dalle società che hanno gravi difficoltà finanziare e si concede per un periodo di tempo limitato. Il fine della cassa integrazione è quello di aiutare il titolare dell'azienda a risanare la sua situazione economica, in maniera da evitare la chiusura dell’attività e una conseguente perdita del lavoro, di coloro che avevano impiego nell’azienda. Esistono 2 differenti tipi di cassa integrazione, l'ordinaria e la straordinaria.

Piano ferie: norme regolatrici e calcolo

Ecco come divertirsi nella settimana del piano ferie

Il piano ferie matura durante tutto l’arco dell’anno. Il piano ferie ha lo scopo di consentire al lavoratore l’effettivo recupero delle energie dal lavoro.

Master e laurea: primo o secondo livello?

Oggi la formazione post universitaria è curata da enti ed aziende pubbliche e private. La varietà dell’offerta dei master postlaurea può rendere più difficile la scelta.

Green jobs: lavorare nella Green Economy

green job lavorare per l'ambiente

Il fenomeno della green economy, ovvero dell'economia verde, sta apportando delle modifiche nelle tecniche produttive di beni e servizi e nel mercato del lavoro.

Jobs Act in sintesi: capiamo brevemente cos’è!

Si sente molto parlare di Jobs Act, ma ancora oggi difficilmente si conosce con precisioni quali sono stati e saranno i cambiamenti che tale disegno di legge apporterà in Italia. 

Leggi tutto...

Lavorare in Abruzzo: conosci queste opportunità?

lavorare in abruzzo

Ampliamo la nostra sezione dedicata alle offerte di lavoro sul territorio nazionale, regione per regione. In questa pagina suggeriamo alcuni dei link utili per chi è interessato alle offerte per lavorare in Abruzzo.

Leggi tutto...
Go to Top