L'Istituto Nazionale per la Previdenza Sociale (Inps) italiano si occupa da tempo di tutte le dinamiche previdenziali, pensionistiche e assistenziale. L'Inps gestisce inoltre anche l'erogazione e l'emissione di tutte le tipologie comprese quelle legate ai superstiti, nonché indennizzi particolari. Tra le pensioni che è possibile riscuotere attraverso l'Inps c'è la pensione di reversibilità.

Cos'è la pensione di reversibilità Inps

Viene concessa sia ai lavoratori autonomi che dipendenti che siano in possesso di pensione o di una forma qualunque di assicurazione presso tale Istituto pensionistico.

E' tale se il deceduto era in possesso di una qualunque tipologia di pensione diretta, mentre si parla di pensione indiretta nel caso in cui il deceduto fosse assicurato ma non titolare di pensione.

I beneficiari e i requisiti per ottenerla

Può usufruire della pensione di reversibilità Inps il coniuge anche separato o divorziato, a patto che non si sia risposato. Hanno diritto a tale tipologia di pensione anche i figli: legittimi, legittimati, adottivi, affiliati, naturali, legalmente riconosciuti e anche quelli nati da un precedente matrimonio.

I figli possono riscuotere la pensione di reversibilità Inps se sono minorenni e sono dunque ancora a carico del genitore e non lavorano oppure se frequentano la scuola media superiore ed hanno tra i 18 e i 21 anni e se sono studenti universitari con età inferiore ai 26 anni.

La domanda e l'ammontare 

pensione di reversibiltà

La domanda di reversibilità di pensione può essere presentata direttamente presso una delle sedi nazionali dell'Inps, ma anche attraverso l'invio di una raccomandata con ricevuta di ritorno. La pensione di reversibilità Inps scatta dal primo mese successivo alla morte del pensionato, senza tener conto del giorno di presentazione della domanda.

Le percentuali previste ai superstiti ai sensi della Legge 335/95 sono le seguenti:

  • 60 % solo coniuge,
  • 70 % solo figlio,
  • 80% coniuge e figlio
  • 100% coniuge e due o più figli
  • 15% altri familiari.

Gli archivi INPS per i dati dell'estratto conto

Esistono dei certificati appositi, utili a verificare la propria posizione assicurativa e contributiva, in modo tale da consentire un corretto e giusto pagamento pensione inps al lavoratore.

Oltre all'estratto conto contributivo (o certificativo), che viene richiesto dal lavoratore vicino all'età pensionabile e rappresenta un certificato dettagliato contenete i contributi versati durante l'arco della vita lavorativa, è possibile richiedere all'Inps anche l'estratto conto assicurativo.

L'estratto conto assicurativo contiene tutti i contributi registrati all'interno degli archivi dell'Inps, compresi quelli da lavoro, da riscatto o figurativi. Esso può essere richiesto da tutti i lavoratori, sia autonomi che dipendenti, iscritti all'Inps.

L'estratto conto assicurativo sempre soprattutto per controllare che non ci siano errori o inesattezze registrate; è l'Inps stesso che richiede ai cittadini di segnalare eventuali sviste, al fine di migliorare il servizio stesso. Il documento rappresenta infatti anche una sorta di riepilogo storico degli assicurati registrati negli archivi dell'ente previdenziale.

Dal 1994 l'estratto conto assicurativo, viene inviato dall'Inps direttamente a casa a tutti i lavoratori iscritti e presenti all'interno dei suoi archivi.

Come richiedere l'estratto conto assicurativo

L'estratto conto assicurativo viene rilasciato su richiesta dell'assicurato, presso qualunque sede Inps o attraverso i servizi self service on line o in loco. L'assicurato potrà così verificare ogni tipo di errore, omissione e inesattezza, valutando anche eventuali prescrizioni di contributi non presenti e provvedendo eventualmente a versare i Contributi volontarimancanti.

Il lavoratore potrà infine, assieme all'estratto conto assicurativo, richiedere anche il calcolo totale della pensione tenendo conto dei Contributi previdenzialii già versati e informandosi su quelli ancora da versare per conseguire la pensione.

Potrebbe interessarti

Regime fiscale “forfettino”: tutti i vantaggi!

 

Il regime fiscale agevolato riconosciuto ai possessori di Partita IVA è anche detto forfettino.

Come calcolare la pensione INPS: i criteri e l'estratto conto personale

Immagine esemplificativa di assistente sociale per calcolo pensione inps

Il calcolo pensione INPS si fa in base all'anzianità contributiva e all'età pensionabile dal lavoratore maturata al 31 dicembre 1995. I criteri per determinare la pensione INPS può essere: contributivo, retributivo o misto. Alla base di questi tre sistemi di calcolo vi è il numero di anni di contributi versati fino al 1995 e cioè più o meno di 18 anni o alcuna anzianità contributiva.

Autocertificazione della laurea: quando è possibile?

Immagine usata per illustrare l'articolo Autocertificazione della laurea: quando è possibile?

Soprattutto nell’ambito dei colloqui di lavoro, capita di dover fornire una serie di dati personali legati, spesso e volentieri, alla nostra esperienza professionale e ai titoli di studio da noi conseguiti.

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

I più condivisi

Calcolo della busta paga: a mano o con i software online?

Calcolo della busta paga

La busta paga è un prospetto economico che il datore di lavoro si preoccupa di fornire al proprio dipendente e che comprende l’importo al netto, percepito in un determinato periodo di lavoro.

CCNL studi professionali: le caratteristiche

Il CCNL: ecco tutti i dettagli

Riguardo ai rapporti di lavoro avere un contratto collettivo nazionale del lavoro per studi professionali è importante perché  aiuta a definire le modalità lavorative e i diritti e doveri del datore di lavoro e del lavoratore. I CCNL esistono per ogni categoria lavorativa e sono suddivisi in vari livelli per meglio definire la dinamica interna relativa al singolo settore. Anche i dipendenti degli studi professionali hanno il loro specifico contratto collettivo nazionale del lavoro. 

Curriculum vitae in spagnolo: come scriverlo?

immagine per Curriculum vitae in spagnolo

Tra le varie località europee molto in voga per la ricerca del lavoro molti italiani, negli ultimi 15-20 anni, si sono avventurati nella penisola iberica in cerca di una occupazione: chi ancora volesse tentare questa esperienza, deve naturalmente concentrarsi al momento di stilare il Curriculum vitae in spagnolo.

Leggi anche...

Calcolo pensione Inarcassa: come fare?

calcolo della pensione inarcassa

In materia di pensione e di previdenza esistono delle strutture pensionistiche apposite chiamate casse di previdenza. Le casse di previdenza sono degli organismi ben precisi ai quali fanno riferimento specifiche categorie di lavoratori: vediamo come muoversi per il calcolo pensione Inarcassa.

Leggi anche...

Dichiarazione redditi: 730 o modello Unico? Scopri le differenze

Immagine esemplificativa utilizzata all'interno dell'articolo Dichiarazione redditi: 730 o modello Unico? Scopri le differenze

La dichiarazione dei redditi rappresenta uno strumento fiscale con il quale il contribuente va a dichiarare i propri redditi e corrisponde i relativi tributi al fisco. Sulla base del D.P.R. 600/73, le dichiarazioni dei redditi sono un atti pubblici che possono essere consultati gratuitamente. 

Leggi anche...

Come aprire una tipografia?

Prima di aprire una tipografia è necessario valutare con la massima attenzione i costi e gli oneri economici che possono essere connessi a un'attività imprenditoriale di questo tipo. L'evoluzione tecnologica del settore ha indotto i professionisti di questo ambito a mettere da parte i vecchi macchinari a inchiostro per fare posto a strumentazioni digitali che promettono risultati decisamente migliori anche dal punto di vista della velocità di esecuzione.