L'Istituto Nazionale per la Previdenza Sociale (Inps) italiano si occupa da tempo di tutte le dinamiche previdenziali, pensionistiche e assistenziale. L'Inps gestisce inoltre anche l'erogazione e l'emissione di tutte le tipologie di pensione comprese quelle legate ai superstiti, nonché indennizzi particolari. Tra le pensioni che è possibile riscuotere attraverso l'Inps c'è la pensione di reversibilità.

Cos'è la pensione di reversibilità Inps

La reversibilità di pensione Inps è quella somma pensionistica che viene erogata al coniuge di un lavoratore pensionato che è deceduto. La pensione di reversibilità Inps viene infatti definita “ai superstiti” del lavoro ed è dunque una tipologia di prestazione indirizzata a alle famiglie dei pensionati deceduti.

La pensione di reversibilità Inps viene concessa sia ai lavoratori autonomi che dipendenti che siano in possesso di pensione o di una forma qualunque di assicurazione presso tale Istituto pensionistico.

La pensione di reversibilità Inps è tale se il deceduto era in possesso di una qualunque tipologia di pensione diretta, mentre si parla di pensione indiretta nel caso in cui il deceduto fosse assicurato ma non titolare di pensione.

I beneficiari e i requisiti per ottenerla

Può usufruire della pensione di reversibilità Inps il coniuge anche separato o divorziato, a patto che non si sia risposato. Hanno diritto a tale tipologia di pensione anche i figli: legittimi, legittimati, adottivi, affiliati, naturali, legalmente riconosciuti e anche quelli nati da un precedente matrimonio.

I figli possono riscuotere la pensione di reversibilità Inps se sono minorenni e sono dunque ancora a carico del genitore e non lavorano oppure se frequentano la scuola media superiore ed hanno tra i 18 e i 21 anni e se sono studenti universitari con età inferiore ai 26 anni.

La domanda e l'ammontare della pensione di reversibilità Inps

pensione di reversibiltà

La domanda di reversibilità di pensione può essere presentata direttamente presso una delle sedi nazionali dell'Inps, ma anche attraverso l'invio di una raccomandata con ricevuta di ritorno. La pensione di reversibilità Inps scatta dal primo mese successivo alla morte del pensionato, senza tener conto del giorno di presentazione della domanda.

Le percentuali previste ai superstiti ai sensi della Legge 335/95 sono le seguenti:

  • 60 % solo coniuge,
  • 70 % solo figlio,
  • 80% coniuge e figlio
  • 100% coniuge e due o più figli
  • 15% altri familiari.

Gli archivi INPS per i dati dell'estratto conto

Esistono dei certificati appositi, utili a verificare la propria posizione assicurativa e contributiva, in modo tale da consentire un corretto e giusto pagamento pensione inps al lavoratore.

Oltre all'estratto conto contributivo (o certificativo), che viene richiesto dal lavoratore vicino all'età pensionabile e rappresenta un certificato dettagliato contenete i contributi versati durante l'arco della vita lavorativa, è possibile richiedere all'Inps anche l'estratto conto assicurativo.

L'estratto conto assicurativo contiene tutti i contributi registrati all'interno degli archivi dell'Inps, compresi quelli da lavoro, da riscatto o figurativi. Esso può essere richiesto da tutti i lavoratori, sia autonomi che dipendenti, iscritti all'Inps.

L'estratto conto assicurativo sempre soprattutto per controllare che non ci siano errori o inesattezze registrate; è l'Inps stesso che richiede ai cittadini di segnalare eventuali sviste, al fine di migliorare il servizio stesso. Il documento rappresenta infatti anche una sorta di riepilogo storico degli assicurati registrati negli archivi dell'ente previdenziale.

Dal 1994 l'estratto conto assicurativo, viene inviato dall'Inps direttamente a casa a tutti i lavoratori iscritti e presenti all'interno dei suoi archivi.

Come richiedere l'estratto conto assicurativo

L'estratto conto assicurativo viene rilasciato su richiesta dell'assicurato, presso qualunque sede Inps o attraverso i servizi self service on line o in loco. L'assicurato potrà così verificare ogni tipo di errore, omissione e inesattezza, valutando anche eventuali prescrizioni di contributi non presenti e provvedendo eventualmente a versare i Contributi volontari mancanti.

Il lavoratore potrà infine, assieme all'estratto conto assicurativo, richiedere anche il calcolo totale della pensione tenendo conto dei Contributi previdenzialii già versati e informandosi su quelli ancora da versare per conseguire la pensione.



Potrebbe interessarti

Contratto di lavoro: ecco quali sono le varie tipologie

Il contratto è un negozio giuridico cioè “una manifestazione di volontà atta a produrre effetti giuridici riconosciuti dall’ordinamento giuridico”.

Leggi tutto...

Lavoro interinale: normativa e giurisprudenza

contratto di lavoro interinale

Le Agenzie per il lavoro sono imprese private dedicate alla somministrazione di lavoro interinale, ovvero prestazioni lavorative di carattere temporaneo. Questa tipologia è stata introdotta in Italia nel 1977; la normativa per il lavoro interinale ha subito svariate modifiche sino alla cosiddetta Legge Biagi . La L. 30/2003, inoltre, è quella che autorizza proprio queste agenzie.

Leggi tutto...

Come scegliere un master: una guida per trovare il più adatto!

Come scegliere un master? Considerata la durata e il costo di un master, scegliere quello sbagliato può significare perdere tempo e denaro.

Leggi tutto...

Disoccupazione agricola: soggetti e procedura per richiederla

Anche chi lavora nel settore agricolo ha diritto a delle indennità in caso di perdita del lavoro; a tal proposito infatti l'Inps ha stabilito un compenso speciale detto di disoccupazione agricola.

Leggi tutto...

Compilazione della busta paga: gli elementi da indicare sul cedolino

Nella compilazione della busta paga, l’intestazione dei dati dell’azienda e l’intestazione dei dati del lavoratore, la posizione INPS e la posizione INAIL, dovranno essere riportati nella parte superiore o testa del documento.

Leggi tutto...

Offerta del giorno su Amazon

I più condivisi

Contributi co.co.pro: chi, come e quando versarli

I contributi co.co.pro sono versati in parte dal datore di lavoro e in parte dal lavoratore con contratto a progetto. Come i contributi degli altri lavoratori autonomi o dipendenti, i contributi co.co. pro vengono versati per 2/3 della contribuzione Inps dall’azienda, mentre la restante parta (1/3) è versata direttamente dal dipendente.

Leggi tutto...

Lavoro per infermieri: ecco le diverse possibilità

Lavorare nell'area infermieristica coincide con le figure professionali del campo sanitario: le mansioni in questo campo sono diverse, ma tutte puntano all'assistenza del malato.

Leggi tutto...

Fondi per l’imprenditoria femminile: ecco come richiederli

fondi per l'imprenditoria femminile

La domanda per i fondi destinati all’imprenditoria femminile devono essere presentate nel periodo di apertura del bando, le cui modalità e termini sono definiti ogni volta attraverso decreti ministeriali.

Leggi tutto...

Prestiti per giovani imprenditori

La legge prevede per chi volesse mettersi in proprio, aprire una piccola attività o un franchising delle agevolazioni sotto forma di prestiti d'onore. La legge 608 1996 ha introdotto delle agevolazioni per incentivare l'apertura di nuove piccole imprese.

Leggi tutto...

Dichiarazione Red per i contributi agevolati alla pensione

dichiarazione red

Esistono alcune agevolazioni pensionistiche, quali gli assegni familiari, la pensione minima, di reversibilità o invalidità, che necessitano di determinati requisiti per essere ottenute.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Istat, a giugno frena l'occupazione

A giugno torna a crescere la disoccupazione, in Italia, soprattutto tra i lavoratori con più di 35 anni, e si registra il record di contratti a termine. 

Leggi tutto...

Leggi anche...

Trovare lavoro sul web? Ecco dove e come cercare

La ricerca del lavoro è una missione, un’attività importante che conduce al sondare, vagliare e verificare tutte le offerte di lavoro che si trovano su inserzioni, giornali e canali specializzati, e – nell’era digitale – la ricerca si estende sul web. Ma come trovare lavoro sul web in modo efficace, ma anche rapidamente?

Leggi tutto...

Leggi anche...

Lavorare nelle risorse umane: come gestire il personale

Un lavoro molto interessante e remunerativo, che richiede elevate capacità organizzative, è legato alla gestione delle risorse umane.

Leggi tutto...
Go to Top