Calcolo della pensione Inpdap? Dalla riforma sul sistema previdenziale italiano, pure l'Inpdap si è conformata alla differenziazione fra la previdenza obbligatoria e la previdenza complementare. La pensione Inpdap può essere:

  • diretta (vecchiaia, anzianità, inabilità e privilegio),
  • ai superstiti (indirette e di reversibilità).

Nel tema pensione, l'Inpdap si occupa anche di servizi quali: il pagamento della pensione o dell'assegno per il nucleo familiare, assistenza fiscale e modello 730, operazione Red.

Pratiche di TFR

L'inpdap si occupa anche delle pratiche del TFR, liquidando ai dipendenti l'indennità di buonuscita e l'indennità premio di servizio e il trattamento di fine rapporto.

Di seguito le categorie legate al tema pensione Inpdap presenti sul sito ufficiale

  • di vecchiaia
  • di anzianità
  • di inabilità
  • di Provilegio
  • ai superstiti

In ciascuna sezione è possibile reperire la modulistica necessaria a presentare la domanda.
E' possibile trovare informazioni relative ai moduli da compilare.

Ottenere la pensione

L'accumulo contributivo utile per l'ottenimento della pensione è di vitale importanza per tutte le categorie di lavoratori. In Italia esistono degli istituti che sono nati propri per monitorare tutte le attività inerenti alla previdenza e alle pensioni.

L'istituto principale di previdenza italiano è L'Inps acronimo di “Istituto Nazionale per la Previdenza Sociale, al quale fanno capo le principali mansioni legate alla concessione della pensione.

Altro istituto particolarmente importante è l'Inail, ovvero l'Istituto Nazionale per l'Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro e le Malattie Professionali. Per i dipendenti dell'amministrazione pubblica è stato invece istituito L'Inpdap. L'Inpdap è nata nel 1994 e rappresenta l'acronimo di: “Istituto Nazionale per i Dipendenti dell'Amministrazione Pubblica”. Fanno capo all'Inpdap gli istituti di previdenza del Ministero del Tesoro, nonché l'ENPAS, l' ENPDEP e l'INADEL.

Pensioni Inpdap: caratteristiche

L'Inpdap gestisce dunque le pensioni rivolte ai dipendenti del settore pubblico attraverso due tipi di forme pensionistiche. La pensione Inpdap può essere diretta infatti, nel caso di pensione di vecchiaia, di anzianità, di privilegio oppure di inabilità, oppure indiretta qualora elargita a superstiti o nei casi di pensionw di reversibilità.

La pensione diretta e ordinaria di anzianità dell'Inpdap viene erogata, tramite compenso di natura economica, esclusivamente ai dipendenti del settore pubblico che sono iscritti all'Istituto. Essi dovranno aver inoltre raggiunto il limite di età e contributivo previsto dalla legge italiana. Il calcolo della pensione di anzianità dell'Inpdap viene effettuato mediante metodologia mista, contributiva o retributiva.

Età pensionabile

Mediante sistema misto o retributivo sono necessari, ai fini dell'ottenimento della pensione Inpdap, 60 anni per le donne e 65 per gli uomini e 20 anni di servizio o anzianità contributiva. Attraverso la metodologia contributiva gli uomini devono aver compiuto 65 anni e maturato 5 anni di contributi, mentre le donne devono raggiungere i 60 anni e i 5 di contributi. Dal 2013 dovrebbero però entrare in vigore nuove disposizioni di leggi che aumenteranno il livello di età pensionabile.

Effettura la domanda di pensionamento

Per ottenere la pensione Inpdap è necessario fare una richiesta presso l'Istituto che fornirà il modello apposito da compilare che sarà di volta in volta diverso in base al tipo di pensione che si richiede all'Inpdap. I tipi di pensione Inpdap possono infatti essere diversi e sono: di vecchiaia, di anzianità, ai superstiti, di privilegio e di inabilità.

Come funziona il sistema di calcolo?

Prima di operare in tal senso, è opportuno conoscere a grandi linee come funziona il sistema per calcolare le pensioni per i dipendenti della pubblica amministrazione italiana. Stando alla normativa attuale, il sistema di calcolo delle pensioni Inpdap può essere effettuato secondo un sistema retributivo, un sistema contributivo, ed un sistema misto.

Sistema retributivo

Per quanto riguarda il calcolo della pensione Inpdap con sistema retributivo, si opera prendendo in considerazione il numero totale di contributi versati in ogni settimana della carriera lavorativa. Oltre a tale dato, va considerata la retribuzione media della settimana relativa agli ultimi dieci anni o relativa all'ultimo mese della retribuzione. Questi due dati servono per calcolare il valore delle quote di pensione precedenti al 31 dicembre 1995.

Va sottolineato il fatto che tale sistema retributivo può venire applicato solo a delle particolari categorie di dipendenti pubblici, ovvero:

  • tutti i lavoratori che alla data del 31 dicembre 1995 avessero già minimo 18 anni di contributi versati;
  • parzialmente a tutti i lavoratori che, al 31 dicembre 1995 avessero versato meno di 18 anni di contributi; tutti gli altri contributi successivi vengono calcolati col sistema contributivo

Per tutte le altre categorie di lavoratori dipendenti, vale solamente il sistema di calcolo pensione Inpdap contributivo.

Sistema contributivo

A partire dal 1996, è entrato in vigore anche il sistema contributivo per calcolare la pensione Inpdap. Per effettuare questo calcolo, vanno considerati i montanti di ogni anno, che andrà a sommarsi a quello degli anni precedenti, dopo averne effettuato una rivalutazione in base a determinati coefficienti che compensano la perdita di potere di acquisto conseguente l'inflazione.

Sulla base di questi dati e sul numero di settimane lavorative, viene poi calcolata la pensione definitiva prevista dall'Inpdap.





Potrebbe interessarti

Il contratto Co.co.pro.: tutte le caratteristiche

Il contratto co.co.pro. è nato dalla Legge Biaggi come sostituzione del contratto di collaborazione coordinata e continuativa (altrimenti detto co.co.co.).

Tirocini formativi attivi: scopri i requisiti e le prove di esame

ragazzi pronti per il tirocinio

La riforma d'insegnamento voluta dal Ministro Gelmini, prevede i Tirocini Formativi Attivi (TFA), utili a ottenere l'abilitazione all'insegnamento, che sarà a numero chiuso accedendovi mediante un concorso nazionale. Scopriamo cosa sono attraverso questo approfondimento.

Abilitazione all'Insegnamento alla scuola secondaria: dalla SSIS al TFA

Come scegliere un master di abilitazione insegnamento scuola secondaria

E' ormai un dato certo il passaggio del testimone dell'abilitazione all'insegnamento da SISS al TFA: si parla dei tirocini formativi attivi, ovvero il corso che va ad abilitare l'insegnamento nelle scuole di 1 e 2 grado. Il tirocinio annulla definitivamente le Scuole di Specializzazione dell'Insegnamento Secondario, non più funzionanti dall'anno di corso 2008/2009.

Scopri la carta ILA e come ottenerla!

La carta ILA (Individual Learning Account) è una carta di credito formativa prepagata nata per finanziare la formazione professionale. La carta è un buono utile a finanziare un iter formativo mirato e adatto alle esigenze e alle aspirazioni professionali di chi la richiede.

Perfezionarsi nella metodologia ABA

Perfezionarsi nella metodologia aba

Il corso di perfezionamento di Metodologia ABA, erogato da ICOTEA, ha come obiettivo quello di approfondire e fornire gli strumenti per l’applicazione di tale metodo in vari contesti sociali, educativi e di sviluppo. Il metodo ABA è composto da tecniche che si basano sull’uso dei principi relativi alla Scienza del Comportamento con il fine di cambiare delle condotte non proprio adeguate o di imparare nuove abilità.

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

Offerta del giorno su Amazon

I più condivisi

Nido aziendali: vi sveliamo quali sono i vantaggi di questi Asili

Nido aziendali: vi sveliamo quali sono i vantaggi di questi Asili

Anche nella nostra società "moderna", nella coppia la cura dei figli è affidata quasi sempre alla madre, che si trova costretta a scegliere un lavoro part-time o a rinunciare al proprio lavoro fuori casa. Per tali ragioni, sempre più spesso, le neo-mamme affidano la propria prole a nonni, famigliari o amici. Anche se a volte con non poche preoccupazioni.Durante la propria assenza, una mamma vorrebbe lasciare il proprio figlio in strutture gestite da personale specializzato particolarmente attento all’aspetto pedagogico e al rapporto con i genitori.

Outplacement individuale: conosci questo strumento di supporto al lavoro?

L'outplacement è il servizio offerto da alcune imprese autorizzate che si occupano della ricollocazione professionale dei dipendenti usciti da una azienda. Si tratta quindi di uno strumento moderno di supporto per il dipendente nel passaggio da un'azienda all'altra.

Ape Social: l’anticipo pensionistico a carico dello Stato

Imagine sull'anticipo pensionistico

La Pensione, come tutti noi ben sappiamo, è l’insieme di contributi che abbiamo versato nel corso dei decenni che ci vengono riconosciuti in parte e ci permettono nella vecchiaia di avere un sussidio economico per continuare ad avere uno stile di vita quanto meno dignitoso. 

Licenziamento per giusta causa: quali sono gli estremi?

Immagine esemplificativa di licenzoamento per giusta causa

L’articolo 2119 del Codice Civile dice che il licenziamento per giusta causa avviene quando mancano i presupposti per la continuazione del rapporto di lavoro.

Invalidità mentale INPS: scopri chi ha diritto a questa pensione

Immagine usata nell'articolo Pensione d'invalidità mentale: scopri chi ne ha diritto e per quali importi

La legge n. 222 del 12 giugno 1984, entrata in vigore il 1° luglio dello stesso anno, ha istituito il diritto alla pensione d’invalidità.

Leggi anche...

Lavoro congruo: scopriamo insieme le norme a favore dei lavoratori

La circolare del ministero del lavoro nr. 39 del 19 novembre 2010 esige, mediante l'articolo 19 del decreto legge 185/2008, l'obbligo per il lavoratore che percepisce una prestazione di sostegno al reddito di dichiararsi disponibile a una nuova attività, nota anche come lavoro congruo, oppure a un percorso di riqualificazione professionale, per percepire gli incentivi statali.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Incubatore d'impresa: supporto per nuovi imprenditori

Immagine di incubatore di impresa

L’incubatore d’impresa comprende lo spazio fisico nel quale sono offerti diversi beni o servizi a delle neo imprese locali.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Aprire asilo nido: conosci le normative al riguardo?

aprire un asilo nido

Aprire un asilo nido? Oggi l'iter burocratico per aprire quest'attività è abbastanza chiaro e significa l'inizio di una attività imprenditoriale a tutti gli effetti. In primis è bene considerare la domanda per tale tipo di servizio. Oggi in Italia si registrano più di 3000 asili nido pubblici, oltre alcune centinaia di strutture per l'infanzia convenzionate; ciò nonostante sono numerosi i bimbi sotto ai 3 anni esclusi dalla graduatoria dagli asili nido pubblici.

Leggi tutto...
Go to Top