Calcolo della pensione Inpdap? Dalla riforma sul sistema previdenziale italiano, pure l'Inpdap si è conformata alla differenziazione fra la previdenza obbligatoria e la previdenza complementare. La pensione Inpdap può essere:

  • diretta (vecchiaia, anzianità, inabilità e privilegio),
  • ai superstiti (indirette e di reversibilità).

Nel tema pensione, l'Inpdap si occupa anche di servizi quali: il pagamento della pensione o dell'assegno per il nucleo familiare, assistenza fiscale e modello 730, operazione Red.

Pratiche di TFR

L'inpdap si occupa anche delle pratiche del TFR, liquidando ai dipendenti l'indennità di buonuscita e l'indennità premio di servizio e il trattamento di fine rapporto.

Di seguito le categorie legate al tema pensione Inpdap presenti sul sito ufficiale

  • di vecchiaia
  • di anzianità
  • di inabilità
  • di Provilegio
  • ai superstiti

In ciascuna sezione è possibile reperire la modulistica necessaria a presentare la domanda.
E' possibile trovare informazioni relative ai moduli da compilare.

Ottenere la pensione

L'accumulo contributivo utile per l'ottenimento della pensione è di vitale importanza per tutte le categorie di lavoratori. In Italia esistono degli istituti che sono nati propri per monitorare tutte le attività inerenti alla previdenza e alle pensioni.

L'istituto principale di previdenza italiano è L'Inps acronimo di “Istituto Nazionale per la Previdenza Sociale, al quale fanno capo le principali mansioni legate alla concessione della pensione.

Altro istituto particolarmente importante è l'Inail, ovvero l'Istituto Nazionale per l'Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro e le Malattie Professionali. Per i dipendenti dell'amministrazione pubblica è stato invece istituito L'Inpdap. L'Inpdap è nata nel 1994 e rappresenta l'acronimo di: “Istituto Nazionale per i Dipendenti dell'Amministrazione Pubblica”. Fanno capo all'Inpdap gli istituti di previdenza del Ministero del Tesoro, nonché l'ENPAS, l' ENPDEP e l'INADEL.

Pensioni Inpdap: caratteristiche

L'Inpdap gestisce dunque le pensioni rivolte ai dipendenti del settore pubblico attraverso due tipi di forme pensionistiche. La pensione Inpdap può essere diretta infatti, nel caso di pensione di vecchiaia, di anzianità, di privilegio oppure di inabilità, oppure indiretta qualora elargita a superstiti o nei casi di pensionw di reversibilità.

La pensione diretta e ordinaria di anzianità dell'Inpdap viene erogata, tramite compenso di natura economica, esclusivamente ai dipendenti del settore pubblico che sono iscritti all'Istituto. Essi dovranno aver inoltre raggiunto il limite di età e contributivo previsto dalla legge italiana. Il calcolo della pensione di anzianità viene effettuato mediante metodologia mista, contributiva o retributiva.

Calcolo dell'Età pensionabile

calcolo pensione inpdap

Mediante sistema misto o retributivo sono necessari, ai fini dell'ottenimento della pensione Inpdap, 60 anni per le donne e 65 per gli uomini e 20 anni di servizio o anzianità contributiva. Attraverso la metodologia contributiva gli uomini devono aver compiuto 65 anni e maturato 5 anni di contributi, mentre le donne devono raggiungere i 60 anni e i 5 di contributi. Dal 2013 dovrebbero però entrare in vigore nuove disposizioni di leggi che aumenteranno il livello di età pensionabile.

Effettura la domanda di pensionamento

Per ottenere il vitalizio è necessario fare una richiesta presso l'Istituto che fornirà il modello apposito da compilare che sarà di volta in volta diverso in base al tipo di vitalizio che si richiede. I tipi di pensione possono infatti essere diversi e sono: di vecchiaia, di anzianità, ai superstiti, di privilegio e di inabilità.

Come funziona il sistema di calcolo?

Prima di operare in tal senso, è opportuno conoscere a grandi linee come funziona il sistema per calcolare le pensioni per i dipendenti della pubblica amministrazione italiana. Stando alla normativa attuale, il sistema di calcolo delle pensioni Inpdap può essere effettuato secondo un sistema retributivo, un sistema contributivo, ed un sistema misto.

Sistema retributivo

Per quanto riguarda il calcolo della pensione Inpdap con sistema retributivo, si opera prendendo in considerazione il numero totale di contributi versati in ogni settimana della carriera lavorativa. Oltre a tale dato, va considerata la retribuzione media della settimana relativa agli ultimi dieci anni o relativa all'ultimo mese della retribuzione. Questi due dati servono per calcolare il valore delle quote di pensione precedenti al 31 dicembre 1995.

Va sottolineato il fatto che tale sistema retributivo può venire applicato solo a delle particolari categorie di dipendenti pubblici, ovvero:

  • tutti i lavoratori che alla data del 31 dicembre 1995 avessero già minimo 18 anni di contributi versati;
  • parzialmente a tutti i lavoratori che, al 31 dicembre 1995 avessero versato meno di 18 anni di contributi; tutti gli altri contributi successivi vengono calcolati col sistema contributivo

Per tutte le altre categorie di lavoratori dipendenti, vale solamente il sistema di calcolo .

Sistema contributivo

A partire dal 1996, è entrato in vigore anche il sistema contributivo per calcolare la pensione Inpdap. Per effettuare questo calcolo, vanno considerati i montanti di ogni anno, che andrà a sommarsi a quello degli anni precedenti, dopo averne effettuato una rivalutazione in base a determinati coefficienti che compensano la perdita di potere di acquisto conseguente l'inflazione.

Sulla base di questi dati e sul numero di settimane lavorative, viene poi calcolato il vitalizio definitivo prevista dall'Inpdap.

Potrebbe interessarti

Autocertificazione della laurea: quando è possibile?

Immagine usata per illustrare l'articolo Autocertificazione della laurea: quando è possibile?

Soprattutto nell’ambito dei colloqui di lavoro, capita di dover fornire una serie di dati personali legati, spesso e volentieri, alla nostra esperienza professionale e ai titoli di studio da noi conseguiti.

Come si calcola la tredicesima in base alla tassazione?

calcolare il pagamento della tredicesima

La tredicesima mensilità nasce con il con il CCNL, ovvero il contratto collettivo nazionale di lavoro 5 agosto 1937 e nel 1960, con il Decreto Presidente della Repubblica n. 1070, è diventato un diritto di tutti i lavoratori dipendenti, sia con contratto a tempo indeterminato che a tempo determinato.

Domanda maternità obbligatoria: come ottenere il congedo?

la domanda per il congedo di maternità obbligatoria

Il congedo per la maternità è obbligatorio per una serie di categorie di lavoratori dipendenti: occupate, lavoratrici a domicilio, colf, lavoratrici sospese, badanti, agricole, ecc.

Contratto a progetto: la riforma spiegata bene

riforma contratti a progetto

Fra le novità proposte nella riforma del mercato del lavoro da parte del Governo Monti, particolare rilevanza hanno le modifiche previste per le tipologie contrattuali.

La comunicazione di licenziamento alla Colf: ecco come e quando farla

comunicazione di licenziamento alla colf

I lavoratori addetti ai servizi domestici sono denominati colf, ovvero collaboratori familiari. Possono svolgere varie mansioni presso il datore di lavoro domestico: camerieri, badanti, cuochi, giardinieri, baby sitter, precettori.

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

Contenuti correlati 

I più condivisi

Lavorare nel mondo della musica: guadagna per mezzo della tua passione!

il sogno di lavorare con la musica

Non tutti siamo nati per essere degli impiegati o per fare gli operai. C'è chi ha un'indole di artista e desidera lavorare nel settore musica- danza. Oggi il mercato del lavoro è complesso a prescindere dal settore, ma chi è spinto da una grande passione “sopporta” più facilmente la gavetta e il periodo di formazione.

Straordinari non pagati: sai cosa fare?

In questa pagina cerchiamo di rispondere ad un nostro lettore che ci chiede delucidazioni sui Straordinari non pagati.

Lavoro sul web? Trovarlo non sarà poi così difficile

trovare lavoro sul web

La ricerca del lavoro è una missione, un’attività importante che conduce al sondare, vagliare e verificare tutte le offerte di lavoro che si trovano su inserzioni, giornali e canali specializzati, e – nell’era digitale – la ricerca si estende sul web. Ma come trovare lavoro sul web in modo efficace, ma anche rapidamente?

Sanzioni disciplinari sul luogo lavoro: quando si rischia

sanzione disciplinare

provvedimenti disciplinari del lavoro rappresentano gli atti che il datore di lavoro può compiere e i procedimenti da impugnare qualora il lavoratore adotti dei comportamenti scorretti. In questo modo il datore tutela i suoi diritti e sanziona il lavoratore affinchè egli rispetti gli obblighi e gli impegni presi. Accanto a questi, verrà poi approfondito il tema dei licenziamenti illegittimi che sono al centro dell’agenda politica del Presidente del Consiglio Renzi.

Diventare consulente del lavoro: come fare?

come diventare consulente del lavoro

Questa professione lavorativa trova una sua regolamentazione giuridica grazie alla legge del 1964 che istituisce l’apposito Albo mentre dal 1979 può godere del riconoscimento da parte dell’Ordine professionale.

Leggi anche...

Libero professionista: scopriamo questa figura lavorativa

Il libero professionista è colui che, dopo aver acquisito determinate nozioni di natura pratica e intellettuale mediante specifici percorsi di studio e formazione, offre le sue prestazioni professionali per uno o più committenti.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Lavoro nella Regione Sicilia: trova le offerte sul web!

Partiamo dal Sud Italia per suggerirvi alcuni portali dedicati alle offerte di lavoro in Sicilia. Così come fatto per CalabriaBasilicataCampaniaSardegna e Puglia, oggi vi presenteremo un approfondimento che certamente catturerà il vostro interesse.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Tesi master universitario: struttura, obiettivi e contenuti

Si denomina Tesi o report, il dattiloscritto finale che va solitamente redatto alla fine di un master universitario. Il lavoro di una tesi richiede molto tempo, pazienza e ricerca accurata delle fonti.

Leggi tutto...
Go to Top