Il conseguimento di una buona pensione è un aspetto importante e molto considerato da tutti i lavoratori italiani. Per tutelare il lavoratore in materia di pensione e invalidità; esiste infatti la previdenza sociale.

Che cosa è e a cosa serve la previdenza sociale

La previdenza sociale è una branca della legislazione sociale che si occupa proprio della tutela del lavoratore e dei familiari a carico dello stesso, soprattutto nei casi in cui si dovessero verificare incidenti sul lavoro che potrebbero compromette lo svolgimento dell'attività stessa.

La previdenza sociale fornisce validi aiuti a:

  • disoccupati,
  • lavoratori colpiti da malattie o incidenti sul lavoro,
  • donne in maternità

E' fondamentale anche per il conseguimento della pensione di vecchiaia, di invalidità, di servizio e per gli assegni familiari. Dalla previdenza sociale è però escluso il Servizio Sanitario Nazionale (SSN) che fa riferimento alla tassazione generale.

Enti della previdenza sociale in Italia

La previdenza sociale era precedentemente rivolta ai lavoratori dipendenti; attualmente invece possono usufruire di essa tutti i lavoratori che producono reddito lavorando. La previdenza sociale in Italia non fa capo ad un unico ente; esistono infatti diversi organi previdenziali che si differenziano in base al tipo di lavoro svolto.

Uno dei principali enti di previdenza sociale è sicuramente l'Inps (Istituto Nazionale per la Previdenza Sociale). L'Inps prevede: una speciale gestione per la previdenza dei lavoratori autonomi; l'assicurazione generale obbligatoria (A.G.O.) ai lavoratori dipendenti del settore privato, fondi integrativi e sostitutivi, per i lavoratori dipendenti. L'Inps ha inoltre una gestione separata per i lavoratori autonomi.

Le prestazioni legate alla previdenza sociale sono basate su attività di natura economica, realizzate mediante il pagamento sostitutivo del redditoscaturito dal lavoro definitivamente o temporaneamente perduto.

Casse di previdenza per i contributi di assistenza

Le casse di previdenza sono nate per determinate categorie di lavoratori autonomi e liberi professionisti e svolgono principalmente attività di gestione e riscossione dei contributi pensionistici e di assistenza di coloro che si iscrivono ad esse.

Come vengono riscossi i contributi?

Le casse di previdenza si occupano dunque di consegnare la pensione agli iscritti e di riscuotere i contributi relativi ad essa; esse si dedicano anche al pagamento delle prestazioni aggiuntive quali assegni familiari, gli assegni di disoccupazione, gli assegni comunali per la maternità, nonché di assicurare coperture assistenziali come quelle sanitarie.

Coloro che appartengono a un albo specifico sono obbligati ad iscriversi alle casse di previdenza e a versare i contributi; chi non ha il proprio ente di rifermento dovrà invece iscriversi alla Gestione Separata dell'Inps.

Cosa versare alla cassa di previdenza

I contributi da versare alle casse di previdenza sono due: contributi soggettivi, che vengono calcolati in base al reddito del professionista; contributi oggettivi, da versare in più per ogni fattura. È presente inoltre anche il contributo di maternità, per le lavoratrici che aspettano un bambino.

Le più importanti casse di previdenza italiane sono:

  • la Cassa Nazionale di Previdenza e Assistenza Forense
  • la Cassa Nazionale di Previdenza e Assistenza Dottori Commercialisti
  • la Cassa Nazionale di Previdenza dei Ragionieri
  • la Cassa Geometri
  • l'Inarcassa (Cassa Nazionale Previdenza e Assistenza Ingegneri ed Architetti)
  • l'Enpapi (Ente Nazionale di Previdenza e Assistenza della professione infermieristica)
  • l'EPAP ovvero l’Ente di previdenza e assistenza pluricategoriale (Attuari, dei Chimici , dei Dottori Agronomi e Dottori Forestali, dei Geologi)
  • la CASAGIT: Cassa Autonoma di Assistenza Integrativa dei Giornalisti Italiani
  • l'INPGI - Istituto Nazionale di Previdenza dei Giornalisti Italiani




Potrebbe interessarti

Scopri la carta ILA e come ottenerla!

La carta ILA (Individual Learning Account) è una carta di credito formativa prepagata nata per finanziare la formazione professionale. La carta è un buono utile a finanziare un iter formativo mirato e adatto alle esigenze e alle aspirazioni professionali di chi la richiede.

Leggi tutto...

Turni di lavoro e del riposo settimanale: parte integrante di un piano d'Impresa

turni di lavoro

In base all’art. 1, comma 2, lett. b), D.Lgs. n. 66/2003 si intende per “periodo di riposo” qualsiasi periodo che non rientra nell’orario di lavoro (pause, riposi giornalieri, riposi settimanali, ferie). Il riposo giornaliero, in base a tale decreto legislativo, consiste nel diritto del lavoratore a 11 ore di riposo consecutivo ogni 24 ore, ad eccezione:

Leggi tutto...

Il distacco del lavoratore: conoscere le norme

il distacco del lavoratore

Il distacco del lavoratore è, in modo molto semplice, “il prestito” di un lavoratore da un’azienda ad un altro datore di lavoro. Le parti sono cosi denominate:

Leggi tutto...

Autorizzazione trattamento dati personali: dichiarazione liberatoria nel curriculum

Chi intende trovare lavoro sa benissimo che bisogna seguire un iter canonico molto importante ai fini dell'assunzione stessa. Come fare un curriculum vitae, quindi, diventa un’abilità essenziale nel mercato degli annunci. Tutti i datori di lavoro, sia che si decida di entrare nel settore pubblico oppure in ambito privato, richiedono infatti un curriculum dettagliato al candidato e possibile futuro lavoratore. 

Leggi tutto...

Formazione permanente: perché è importante?

La formazione permanente (detta anche Lifelong learning) è l'insieme dei processi di apprendimento che si verificano dopo la prima fase di formazione scolastica, all'università o sul lavoro, atti ad arricchire le competenze, migliorando le qualifiche professionali.

Leggi tutto...

I più condivisi

Tour Leader: ecco il lavoro dell'hostess di terra

La Tour Leader è un'hostess di terra che prende un gruppo in partenza per un viaggio dal proprio paese d’origine, lo accompagna, assiste e segue in un viaggio all’estero e lo riaccompagna nel paese d’origine senza mai lasciarlo.

Leggi tutto...

Calcolo pensione INPS: i criteri e l'estratto conto personale

Immagine esemplificativa di assistente sociale per calcolo pensione inps

Il calcolo pensione INPS si fa in base all'anzianità contributiva e all'età pensionabile dal lavoratore maturata al 31 dicembre 1995. I criteri per determinare la pensione INPS può essere: contributivo, retributivo o misto. Alla base di questi tre sistemi di calcolo vi è il numero di anni di contributi versati fino al 1995 e cioè più o meno di 18 anni o alcuna anzianità contributiva.

Leggi tutto...

Il contratto Co.co.pro.: tutte le caratteristiche

Il contratto co.co.pro. è nato dalla Legge Biaggi come sostituzione del contratto di collaborazione coordinata e continuativa (altrimenti detto co.co.co.).

Leggi tutto...

Trasferte di lavoro: caratteristiche e indennità di trasferta

lavoratore in trasferta con indennità di trasferta

Le trasferte di lavoro comportano un cambiamento provvisorio, rispetto a quanto scritto nel contratto, del luogo in cui il lavoratore svolge le sue mansioni.

Leggi tutto...

Lettera di richiamo: in cosa consiste l'ammonimento scritto

La lettera di richiamo è uno dei provvedimenti disciplinari che il datore di lavoro può impugnare per far rispettare gli accordi contrattuali al proprio dipendente. Oggi daremo uno sguardo più dettagliato su uno dei provvedimenti che spesso causa delle vere e proprie diatribe sul posto di lavoro.

Leggi tutto...

Leggi anche...

CCNL studi professionali: le caratteristiche

Il CCNL: ecco tutti i dettagli

Riguardo ai rapporti di lavoro avere un contratto collettivo nazionale del lavoro per studi professionali è importante perché  aiuta a definire le modalità lavorative e i diritti e doveri del datore di lavoro e del lavoratore. I CCNL esistono per ogni categoria lavorativa e sono suddivisi in vari livelli per meglio definire la dinamica interna relativa al singolo settore. Anche i dipendenti degli studi professionali hanno il loro specifico contratto collettivo nazionale del lavoro. 

Leggi tutto...

Leggi anche...

Tredicesima mensilità: come si calcola (in base alla tassazione)

calcolare il pagamento della tredicesima

La tredicesima mensilità nasce con il con il CCNL, ovvero il contratto collettivo nazionale di lavoro 5 agosto 1937 e nel 1960, con il Decreto Presidente della Repubblica n. 1070, è diventato un diritto di tutti i lavoratori dipendenti, sia con contratto a tempo indeterminato che a tempo determinato.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Offerte lavoro in Basilicata

trovare lavoro in basilicata

Ampliamo la nostra sezione dedicata alle offerte di lavoro sul territorio nazionale, regione per regione. In questa pagina suggeriamo alcuni dei link utili per chi è interessato alle offerte di lavoro in Basilicata.

Leggi tutto...
Go to Top