Bisogna sottolineare che la tassazione e l'aliquota sul TFR è differente rispetto ad altre forme di pagamento, come ad esempio quello di natura retributiva ordinaria. La grande novità è il progetto del Governo Renzi che vuole trasferire questa somma all’interno della busta paga mensile: una misura che serve ad incentivare i consumi, dando più soldi freschi ai cittadini, vessati da una crisi economica che ha fortemente ridotto le spese e di conseguenza la crescita generale in Italia.

Quali sono le caratteristiche della Tassazione TFR

Le aliquote sul TFR è soggetta a tassazione separata, ovvero al calcolo delle imposte in modo diverso rispetto agli altri redditi imponibili. Dipende dalla durata del rapporto di lavoro appena terminato e dalla fine dello steso.

La tassazione sul TFR si calcola inoltre come reddito che ingloba al suo interno le indennità e le somme percepite periodicamente. Con l'articolo numero 11 del Decreto legislativo del 2000, numero 47, sono state inoltre effettuate delle variazioni sui metodi di tassazione del TFR.

Bisogna infatti tenere in considerazione la divisione e distinzione netta tra i profitti e gli utili di natura finanziaria e l'ammontare del Trattamento di Fine Rapporto stesso; tale metodo di tassazione è partito dal primo gennaio 2001. La cosiddetta base imponibile unica non è più costituita dalla rivalutazione e riduzione annua prima prevista.

Aliquote e imposte legate al trattamento di fine rapporto

Il calcolo dell'aliquota unica utile TFR si effettua in base all'anno nel quale avverrà la riscossione del Trattamento di Fine Rapporto e ai fini della determinazione è necessario conoscere il reddito e l'aliquota Irpef che è attiva durante l'anno di erogazione.

L'aliquota Irpef risulta invece ridotta, secondo le disposizioni dell’ articolo 19 TUIR in merito al TFR e alle indennità equipollenti nei seguenti casi: 70 euro , se il reddito non è superiore ai 7500 euro; 50 euro, se il redditto supera 28000 euro.

All'imposta si applicherà dunque l'aliquota calcolata alla base imponibile, sempre riferita all'anno nel quale è stato concesso e liquidato il Trattamento di Fine Rapporto.

Tutte le novità per le aliquote TFR

Il Trattamento di Fine Rapporto potrebbe essere una delle novità presenti nella Legge di Stabilità che il Governo Renzi è pronto ad emanare. Il progetto del Presidente del Consiglio è quello di destinare il Tfr mensile in busta paga in modo da incentivare i consumi, propedeutico ad un aumento della crescita. Dopo il bonus da 80 euro che sarà confermato anche per il 2015, con questa misura l’idea dell’esecutivo è di dare slancio alla ripresa, da troppo tempo ferma perchè le famiglie non possono più permettersi certe spese. Secondo le prime valutazioni, su uno stipendio lordo di circa 19mila euro, si avrebbero 75 euro in più al mese, che diventerebbero circa 800 all’anno.

Nelle scorse settimane sono iniziati i colloqui con le parti interessate, prima di tutto con le banche che verseranno in anticipo i soldi alle imprese ma con la garanzia dietro dello Stato. Si sa infatti che le aziende utilizzano i soldi del Trattamento di Fine Rapporto per avere più liquidità in cassa, cosa più accentuata per quanto riguarda le piccole imprese, quindi il Governo ha dovuto trovare un’altra soluzione per non penalizzare troppo le società. Le associazioni sindacali sono rimaste in un primo momento non convinte di questa soluzione, ribadendo che la misura adottata non significa che ai lavoratori saranno dati soldi in più, visto che sono soldi che appartengono comunque ai dipendenti stessi.

Secondo le ultime notizie, i lavoratori saranno liberi di accettare o meno la destinazione di questa somma nella busta paga mensile e questa misura dell’esecutivo riguarderà anche coloro che hanno spostato il Trattamento di Fine Rapporto ai fondi pensione.

Da questa norma resterebbero fuori i dipendenti pubblici ma potrebbero aggiungersi altre due categorie: agricoltura e badanti. Il problema sulle colf infatti riguarda il fatto di non penalizzare troppo le famiglie in una spesa che poi vedrebbe esaurito l’efficacia dei bonus, compreso quello da 80 euro.
Dopo diversi tentennamenti e diatribe, si aspettano le regole definitive per capire la portata di questo progetto e quanto esso porterà benefici ai cittadini e alle famiglie italiane.



Potrebbe interessarti

Livello CCNL: tutto quello che devi sapere!

Ciascun CCNLsi basa su l’accordo di diversi soggetti in merito a determinate materie. In base al livello del CCNL vengono prese decisioni diverse, ma significative per la contrattazione stessa.

Leggi tutto...

Contratti parasubordinati: tutte le caratteristiche

caratteristiche di un contratto parasubordinato

Chi si appresta a trovare un lavoro, soprattutto nei casi in cui si è giovani e si cerchi il primo impiego, deve conoscere bene tutte le dinamiche contrattuali presenti attualmente in Italia. 

Leggi tutto...

Contratto commercio terziario: tutte le informazioni!

Il CCNL commercio o terziario è legato alle categorie dei lavoratori aziendali di questo tipo e comprende tutti quei lavori che si occupano di beni industriali, alimentari, fiori, piante e affini, nonché ti tutto quello che concerne il commercio italiano e straniero e i servizi alle Imprese/Organizzazione, i Servizi di rete e i Servizi alle persone.

Leggi tutto...

Contributi previdenziali: un approfondimento che non puoi perderti

I contributi previdenziali sono pagamenti obbligatori che in Italia si effettuano all'INPS (Settore privato) e all'INPDAP (settore pubblico), al fine di successivamente una prestazione pensionistica.

Leggi tutto...

Borse di studio in USA: un’occasione per crescere

Il sogno americano non è un mito, ma una realtà che resiste nel tempo. Le opportunità di ottenere borse di studio per lavorare o studiare e dottorati post laurea negli Stati Uniti sono concreti, basta saper cercare.

Leggi tutto...

Offerta del giorno su Amazon

I più condivisi

Voucher lavoro occasionale: scopriamo come funzionano

giovani e lavori occasionali

In questi ultimi anni, a causa della Jobs Act attuata dal Governo Renzi, si sente sempre più spesso parlare dei cosidetti voucher lavoro occasionale, chiamati anche buoni, un particolare sistema di compenso delle prestazioni di lavoro occasionale, ossia tutte quelle attività che non superano i 7.000 euro netti nella durata dell’intero anno solare.

Leggi tutto...

Lavorare come hostess: ecco alcuni spunti

ragazza che lavora ocme hostess

Chi ancora studia o coloro che hanno già un impiego full o part time possono trovare interessanti le offerte di lavoro come hostess o promoter.

Leggi tutto...

Calcolo pensione Inarcassa: come fare?

calcolo della pensione inarcassa

In materia di pensione e di previdenza esistono delle strutture pensionistiche apposite chiamate casse di previdenza. Le casse di previdenza sono degli organismi ben precisi ai quali fanno riferimento specifiche categorie di lavoratori: vediamo come muoversi per il calcolo pensione Inarcassa.

Leggi tutto...

Il contratto a intermittenza: in cosa consiste questo contratto?

tipologia di contratto ad intermittenza

Il contratto di lavoro a intermittenza (detto anche “a chiamata” oppure “job on call”) è regolamentato dagli articoli 33-40 del decreto legislativo 276/03 modificato in parte dalla legge 92/2012. Il lavoratore si presta a offrire le proprie prestazioni per periodi specifici e stabiliti durante la settimana, il mese o l'anno, dedicandosi ad attività di natura saltuaria.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Disoccupati in Italia: statistiche dal mondo del lavoro

 

In Italia la ricerca di un lavoro, che soddisfi le esigenze del singolo e che sia conforme alle sue competenze, è davvero difficile. Mantenere inoltre lo stesso posto di lavoro risulta davvero complicato. Per non parlare poi dei tanti lavoratori che offrono le loro prestazioni senza contratto e in nero.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Pagamento in ritardo dello stipendio: cosa fa il lavoratore?

Il diritto alla retribuzione del lavoro è disciplinato dall'art. 36 della Costituzione e dell'art. 2099 del Codice Civile. Con tali articoli si impone al datore di lavoro di rispettare i vincoli contrattuali, compresa la data di erogazione dello stipendio, imposti per legge o dai CCNL a livello nazionale o locale.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Guardiano del faro: un mestiere romantico e ancora oggi tanto ambito

Essere il guardiano del faro, un sogno romantico per molti, una professione che non può essere svolta senza passione e dedizione da chi svolge questo mestiere.

Leggi tutto...
Go to Top