Bisogna sottolineare che la tassazione e l'aliquota sul TFR è differente rispetto ad altre forme di pagamento, come ad esempio quello di natura retributiva ordinaria. La grande novità è il progetto del Governo Renzi che vuole trasferire questa somma all’interno della busta paga mensile: una misura che serve ad incentivare i consumi, dando più soldi freschi ai cittadini, vessati da una crisi economica che ha fortemente ridotto le spese e di conseguenza la crescita generale in Italia.

Quali sono le caratteristiche della Tassazione TFR

Le aliquote sul TFR è soggetta a tassazione separata, ovvero al calcolo delle imposte in modo diverso rispetto agli altri redditi imponibili. Dipende dalla durata del rapporto di lavoro appena terminato e dalla fine dello steso.

La tassazione sul TFR si calcola inoltre come reddito che ingloba al suo interno le indennità e le somme percepite periodicamente. Con l'articolo numero 11 del Decreto legislativo del 2000, numero 47, sono state inoltre effettuate delle variazioni sui metodi di tassazione del TFR.

Bisogna infatti tenere in considerazione la divisione e distinzione netta tra i profitti e gli utili di natura finanziaria e l'ammontare del Trattamento di Fine Rapporto stesso; tale metodo di tassazione è partito dal primo gennaio 2001. La cosiddetta base imponibile unica non è più costituita dalla rivalutazione e riduzione annua prima prevista.

Aliquote e imposte legate al trattamento di fine rapporto

Il calcolo dell'aliquota unica utile TFR si effettua in base all'anno nel quale avverrà la riscossione del Trattamento di Fine Rapporto e ai fini della determinazione è necessario conoscere il reddito e l'aliquota Irpef che è attiva durante l'anno di erogazione.

L'aliquota Irpef risulta invece ridotta, secondo le disposizioni dell’ articolo 19 TUIR in merito al TFR e alle indennità equipollenti nei seguenti casi: 70 euro , se il reddito non è superiore ai 7500 euro; 50 euro, se il redditto supera 28000 euro.

All'imposta si applicherà dunque l'aliquota calcolata alla base imponibile, sempre riferita all'anno nel quale è stato concesso e liquidato il Trattamento di Fine Rapporto.

Tutte le novità per le aliquote TFR

Il Trattamento di Fine Rapporto potrebbe essere una delle novità presenti nella Legge di Stabilità che il Governo Renzi è pronto ad emanare. Il progetto del Presidente del Consiglio è quello di destinare il Tfr mensile in busta paga in modo da incentivare i consumi, propedeutico ad un aumento della crescita. Dopo il bonus da 80 euro che sarà confermato anche per il 2015, con questa misura l’idea dell’esecutivo è di dare slancio alla ripresa, da troppo tempo ferma perchè le famiglie non possono più permettersi certe spese. Secondo le prime valutazioni, su uno stipendio lordo di circa 19mila euro, si avrebbero 75 euro in più al mese, che diventerebbero circa 800 all’anno.

Nelle scorse settimane sono iniziati i colloqui con le parti interessate, prima di tutto con le banche che verseranno in anticipo i soldi alle imprese ma con la garanzia dietro dello Stato. Si sa infatti che le aziende utilizzano i soldi del Trattamento di Fine Rapporto per avere più liquidità in cassa, cosa più accentuata per quanto riguarda le piccole imprese, quindi il Governo ha dovuto trovare un’altra soluzione per non penalizzare troppo le società. Le associazioni sindacali sono rimaste in un primo momento non convinte di questa soluzione, ribadendo che la misura adottata non significa che ai lavoratori saranno dati soldi in più, visto che sono soldi che appartengono comunque ai dipendenti stessi.

Secondo le ultime notizie, i lavoratori saranno liberi di accettare o meno la destinazione di questa somma nella busta paga mensile e questa misura dell’esecutivo riguarderà anche coloro che hanno spostato il Trattamento di Fine Rapporto ai fondi pensione.

Da questa norma resterebbero fuori i dipendenti pubblici ma potrebbero aggiungersi altre due categorie: agricoltura e badanti. Il problema sulle colf infatti riguarda il fatto di non penalizzare troppo le famiglie in una spesa che poi vedrebbe esaurito l’efficacia dei bonus, compreso quello da 80 euro.
Dopo diversi tentennamenti e diatribe, si aspettano le regole definitive per capire la portata di questo progetto e quanto esso porterà benefici ai cittadini e alle famiglie italiane.

Potrebbe interessarti

Requisiti per aprire un asilo nido: conosci le normative al riguardo?

aprire un asilo nido

Aprire un asilo nido? Oggi l'iter burocratico per aprire quest'attività è abbastanza chiaro e significa l'inizio di una attività imprenditoriale a tutti gli effetti. In primis è bene considerare la domanda per tale tipo di servizio. Oggi in Italia si registrano più di 3000 asili nido pubblici, oltre alcune centinaia di strutture per l'infanzia convenzionate; ciò nonostante sono numerosi i bimbi sotto ai 3 anni esclusi dalla graduatoria dagli asili nido pubblici.

Permesso parentale: tutte le informazioni di cui hai bisogno

Permesso parentale

Il permesso parentale è un diritto che viene dato ad entrambi i genitori per ogni bimbo. Si tratta in definitiva della possibilità di astenersi dal lavoro.

Tirocini formativi attivi: scopri i requisiti e le prove di esame

Tirocini formativi attivi

La riforma d'insegnamento voluta dal Ministro Gelmini, prevede i Tirocini Formativi Attivi (TFA), utili a ottenere l'abilitazione all'insegnamento, che sarà a numero chiuso accedendovi mediante un concorso nazionale. Scopriamo cosa sono attraverso questo approfondimento.

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

I più condivisi

Lo stipendio di una Commessa: il contratto, la retribuzione, le offerte online

Lo stipendio di una Commessa

Il lavoro di commessa è sicuramente uno dei più difficili. Non serve una formazione di studi particolare per essere assunta, ma contano molto la personalità e la predisposizione ai rapporti interpersonali. Questo lavoro può diventare anche stagionale magari per determinati periodi dell’anno, come può essere sotto le feste natalizie o in periodi di saldi.

Noleggio auto a lungo termine per partita IVA: vantaggi e come funziona

auto-mercedes.jpg

La formula del noleggio auto a lungo termine, alternativa virtuosa sia all’acquisto di una vettura che al leasing, è sempre più apprezzata da un pubblico trasversale. Che è composto sia da privati che da aziende e professionisti titolari di una partita IVA. Questi ultimi in modo particolare possono beneficiare di una serie di opportunità (clicca qui), utili a supportare lo sviluppo armonico del business e a incrementare l’autorevolezza nei confronti dei diretti competitor. I tempi del contratto? In genere si va da un minimo di 24 a un massimo di 60 mesi.

Diventare pilota di linea in Italia: licenze, scuole e requisiti

diventare pilota di linea

Alzi la mano chi, almeno una volta, da piccolo non ha sognato di diventare pilota di linea! Certo, magari stregati da qualche film il nostro sogno si focalizzava sull'essere piloti di caccia militari, capaci di escursioni spericolate come quelle di Tom Cruise in "Top Gun", ma ora non sottilizziamo troppo: in fondo, che si tratti di diventare piloti di un F14 Tomcat, oppure di un aereo di linea come il tecnologico Boeing 787, il sogno è lo stesso, e avere l'abilità di pilotare un aereo è un desiderio umanissimo, visto che volare è da sempre una delle massime aspirazioni umane. 

Leggi anche...

Lavorare nel cinema: scopri tutte le opportunità!

Al giorno d'oggi sono tantissimi i giovani che desiderano lavorare nel mondo del cinema ed entrare a far parte di un giro che ha confidenza con la macchina cinematografica (a pieno titolo).

Leggi anche...

Cassa integrazione: ecco come funziona davvero. Scoprilo con noi

Immagine esemplificativa di soldi della cassa integrazione

La cassa integrazione è un intervento dello Stato richiesto dalle aziende o dalle società che hanno gravi difficoltà finanziare e si concede per un periodo di tempo limitato. Il fine della cassa integrazione è quello di aiutare il titolare dell'azienda a risanare la sua situazione economica, in maniera da evitare la chiusura dell’attività e una conseguente perdita del lavoro, di coloro che avevano impiego nell’azienda. Esistono 2 differenti tipi di cassa integrazione, l'ordinaria e la straordinaria.