Il curriculum vitae è composto solitamente da più sezioni le quali non differiscono poi di molto tra il formato tradizionale, quello europeo o lo schema europass (che mostreremo più avanti nel corso del nostro approfonimento). Coloro che dunque si trovano nella situazione di dover compilare il proprio "documento di presentazione" potranno trovare utili le indicazioni che seguono. Cercheremo di illustrare cosa inserire nel proprio documento attraverso degli esempi pratici.

Siti da consultare prima di scrivere e impostare il proprio CV: trovare dei fac simile online

Una volta considerati i punti fondamentali necessari, è dunque possibile consultare vari siti web che propongono modelli già precompilati di cv. Di seguito proponiamo dei link che potranno esservi utili:

  • Per reperire un modello e/o un fac simile di curriculum vitae già compilato (per quanto riguarda le sue sezioni più importanti), scritto magari in varie lingue differenti, è possibile consultare il sito di Europass Europa
  • 4yougratis invece lo consigliamo in particolare per la lingua italiana, inglese e tedesca
  • Microsoft Office propone soluzioni specifiche per professione o per situazione, oltre ai modelli di cv base già compilati.
  • Europass.cedefop in cui trovare tantissimi esempi, copertine e commenti del modello europass.
  • Unipa è un sito molto utile per trovare un modello di cv europeo in formato .doc
  • Il sito Moduli offre infine diversi esempi in formato PDF o Word. Il modello in formato europeo è disponibile in inglese, francese, norvegese, svedese, tedesco e spagnolo.
  • Dopo aver letto la guida che segue avrai la possibilità di tornare a questo punto e cliccare qui per Creare online il tuo documento

Un buon modello da realizzare assieme: dati anagrafici al primo posto. Occhio alla Privacy e al trattamento dei dati

modello curriculum vitae

Le primissime informazioni da inserire sono i dati anagrafici. Questi includono:

  • nome e cognome
  • data e luogo di nascita
  • indirizzo (è sufficiente indicare il domicilio)
  • recapiti telefonici: fisso, mobile e telefono dell’ufficio (nel caso ci chiamassero per un colloquio motivazionale)
  • e-mail: indicare sempre la mail personale e non quella del lavoro
  • stato civile: può essere omesso tranquillamente
  • nazionalità: in caso di stranieri è utile indicare anche i riferimenti del permesso di soggiorno
  • fotografia (se richiesta): scegliere il formato tessera e allegarla direttamente sul cv

Le informazioni sulla propria formazione da inserire nel curriculum vitae e nella propria lettera di presentazione. Ecco qualche esempio

Successivamente è il turno della formazione e delle esperienze professionali. Cosa inserire dipende sia dal modello utilizzato sia dall'annuncio al quale si risponde. Per far fronte a queste domande puoi sempre affidarti a dei professionisti.

È consigliabile personalizzare il nostro documento a seconda del lavoro per il quale ci si candida. Nel caso in cui dovessimo rispondere ad un'offerta per un profilo più avanzato, allora sarebbe consigliabile inserire le proprie esperienze prima della formazione, dal momento che l'esaminatore certamente dedicherà molta attenzione a questa sezione. D'altro canto, se si dispone di poche esperienze lavorative (o quelle che si hanno non corrispondono al tipo d'offerta) allora è giusto porre più attenzione al percorso accademico, soprattutto se questo è ricco di stage o esperienze formative importanti.

Le informazioni che non possono mancare quando si descrive il percorso di studi sono:

  • Data e durata
  • Nome e località dell'istituto
  • Tipologia
  • Anno di conseguimento dell'attestato (diploma o laurea)
  • Tesi e/o voto dell'attestato

Nel caso in cui sia presente la voce relativa alla tesi, è consigliabile spendere alcune parole a riguardo illustrandone l'argomento e le finalità.

Esistono due modelli diversi da seguire per organizzare la sezione del nostro curriculum vitae dedicata agli studi: si parte dagli studi più recenti o da quelli più remoti. La prima tipologia è quella maggiormente usata. Nell’area formazione vanno indicati: il percorso di studi, i titoli conseguiti e anche i corsi di specializzazione e i master. Nel caso in cui volessi essere guidato al 100% nella creazione del tuo curriculum vitae ti consigliamo il sito CV Wizard.

Cosa scrivere nella sezione formazione. Facciamo degli esempi pratici

Lo scopo è quello di dimostrare che si è in possesso di capacità tali da poter affrontare la sfida lavorativa senza difficoltà. È quindi ovvio che un esaminatore che legge di esperienze coerenti sia più propenso a pensarla in questa maniera rispetto al cv di un candidato che nella sua vita si è sempre occupato di altro.

Tuttavia neppure i “buchi temporali" danno un buon segnale. La domanda, in caso di colloquio, non tarderebbe di certo ad arrivare: “Cos’ha fatto negli anni che intercorrono fra la laurea e il primo impiego?”.

Per quanto riguarda il corso di laurea, è necessario inserire il livello (primo o secondo) e la durata del corso, oltre alla specifica di vecchio o nuovo ordinamento. Anche nel caso in cui si sia interrotto il percorso di studi universitario può essere utile indicare nella nostra scheda il corso di laurea scelto e gli esami sostenuti.

Allo stesso modo se si è cambiato il percorso universitario è bene fornire informazioni che giustifichino i “tempi lunghi” tra la maturità e la laurea. Attenzione però a menzionarli nel curriculum vitae solo se si è ottenuto un voto almeno discreto.

Erasmus e/o esperienze all'estero: rispettare sempre un ordine cronologico

Chi ha svolto il proprio periodo formativo all’estero o l’Erasmus deve annotarlo. E’ utile segnalare anche l’equiparazione del titolo conseguito con i titoli italiani.

Le stesse informazioni possono essere specificate anche nell’area dedicata alle esperienze lavorative.

La griglia delle esperienze lavorative e dei datori di lavoro

La seconda area del curriculum vitae (nel classico formato europeo) è dedicata alle esperienze lavorative. E' bene ricordare di personalizzare il proprio cv in base al destinatario e mettere in evidenza le esperienze che maggiormente sono in linea con il profilo ricercato.

Abilità professionali per trovare lavoro dopo un buon colloquio di lavoro

E’ importante non dimenticare di menzionare eventuali esperienze all’estero o il periodo di erasmus. È possibile inserire veramente di tutto, ma occorre fare attenzione al rapporto fra la capacità scelta e il lavoro per il quale si manda il curriculum: se non c’è un nesso fra i due, allora è meglio glissare.

Le informazioni che possono essere inserite sono:

  • competenze relative a lingue straniere
  • capacità relazionali. Oggi è sempre più importante lavorare in team e sapersi confrontare con altri, lavorando insieme per raggiungere obiettivi comuni
  • capacità e competenze:
    •  organizzative
    • tecniche (macchinari, attrezzature); includere anche eventuali conoscenze informatiche. In questa sezione è bene evidenziare tutti i pacchetti, i linguaggi di programmazione ed i tool specifici che si conoscono ed il grado di competenza per ciascuno.
    • artistiche (Musica, scrittura, disegno ecc).

Competenze linguistiche in un esempio di curriculum vitae

In questa sezione sono da inserire eventuali corsi di lingua, esperienze di studio all’estero, certificazioni ufficiali che attestino le competenze linguistiche possedute. E’ questa la sezione del curriculum in cui indicare anche le esperienze di vita o di lavoro all’estero; oltre ovviamente alle esperienze Erasmus.

Autovalutazione delle competenze linguistiche

Nel modello europeo o Europass è previsto un Quadro Comune Europeo che consenta di auto valutare le proprie competenze linguistiche.

  • Ascolto
  • Lettura
  • Interazione
  • Produzione orale
  • Produzione scritta

Come segnalare le competenze informatiche nel CV

L’area in cui apporre informazioni sulle conoscenze informatiche può essere più o meno dettagliata. Il criterio di scelta si basa sulla posizione per cui ci si candida. La sezione sarà più dettagliata nel documento di un informatico o un ingegnere piuttosto che nel nostro documento di carriera di un semplice utilizzatore del pc.

Specificare ECDL

Si possono attestare le proprie conoscenze informatiche se si possiede il diploma ECDL. Questo è l’acronimo per European Computer Driving Licence detta anche patente europea per l’uso del computer che può essere conseguita in ben 17 paesi nel mondo e che certifica le conoscenze informatiche che vanno dalle più comuni applicazioni di un PC all’uso di internet e della posta elettronica.

I moduli che compongono l’ECDL e che permettono di attestare le proprie conoscenze informatiche sono:

  1. Concetti teorici di base
  2. Uso del Computer
  3. Elaborazione testi
  4. Foglio elettronico
  5. Basi di dati
  6. Strumenti di presentazione
  7. Reti informatiche

Hobby e interessi

La sezione destinata ai propri hobby e interessi è di certo meno importante rispetto ad altre, ma comunque necessaria a fornire un quadro più completo del candidato. Gli hobby dovrebbero essere inseriti in una sezione utilizzata come argomento e/o spunto da approfondire in fase di colloquio.

Il documento termina dunque con la liberatoria all'utilizzo dei dati personali.

Il modello Europass: uno standard europeo solo da compilare

Più nel dettaglio, è stato creato al fine di rendere più facilmente fruibili le competenze, il percorso di studi, i titoli dei candidati, rendendoli chiari grazie ad un formato approvato e condiviso a livello europeo. Questo si basa su caratteristiche standard riconosciute in tutto il vecchio continente. Tutti coloro che desiderano presentare la propria candidatura in Europa possono compilare l'Europass, come una sorta di autodichiarazione.

Il Sito Europass, a cura della Comunità Europea, ha un’intera sezione dedicata al documento Europass in cui sono incluse tre opzioni possibili:

  • Create adesso il vs. CV seguendo istruzioni ed esempi on-line. Riceverete poi elettronicamente il documento completo
  • Documenti Europass. Userete poi tali informazioni per creare il vostro.
  • Aggiornate il vostro Europass. Clicca qui per compiere queste operazioni.

Può essere utile anche dare un’occhiata alle informazioni presenti nel sito del Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale che indica i contatti a cui è possibile rivolgersi per ottenere tutte le informazioni inerenti i dispositivi del portafoglio Europass.

Centro nazionale Europass (NEC)
Tel. 06.445901
Fax 06.44590510

Sito web: http://europass.isfol.it/
e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. ; Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Ecco un video per ricapitolare il tutto

 

Le regole principali per preparare e per inviare il documento via rete internet

Quando si scrive un cv vi sono delle regole di base da seguire, ma vi sono anche alcuni aspetti specifici da tenere in considerazione se il documento è da inviare online.

  • Chiarezza e capacità di sintesi. Come detto il cv non dovrebbe avere una lunghezza superiore alle 2 pagine. E’ preferibile fornire informazioni sulle proprie esperienze e competenze che saranno eventualmente approfondite da un colloquio motivazionale, se il reclutatore sarà interessato al vostro profilo.
  • Inviate il documento in un formato compatibile con i diversi sistemi applicativi e programmi di lettura. Meglio salvare il cv anche in formato testo .txt.
  • Non preoccuparsi dell’aspetto grafico del documento inviato online
  • Utilizzare font e caratteri semplici, evitando effetti grafici come cornici, grassetto, sottolineato, ecc..
  • Inserire nel documento i propri dati personali, compreso l’indirizzo mail.
  • Stampare una copia del curriculum inviato online (questo per consegnarlo eventualmente durante il colloquio motivazionale).
  • Se possedete l’indirizzo mail, il cv può anche essere inviato online direttamente al responsabile della sezione aziendale per la quale proponete la vostra candidatura. Se inviate il vostro documento a più destinatari, ricordate di far in modo che ciascun ricevente non veda anche gli indirizzi degli altri destinatari (utilizzate dunque la funzione CCN del vostro client di posta elettronica, piuttosto che il classico CC).

Il cv può essere inviato attraverso diverse modalità presenti nel web. Vi sono dei portali online che permettono l’iscrizione degli aspiranti candidati e che registrano i curricula in base alle caratteristiche in database. Oggi, molte aziende prevedono una sezione (Job opportunities, lavora con noi, ecc..) nel loro sito internet aziendale, in cui gli interessati possono inviare il proprio cv. Solitamente le aziende richiedono la compilazione del documento online attraverso delle form.

Quando inviare il proprio CV?

Può essere inoltrato:

  • per rispondere ad un annuncio
  • per candidarsi direttamente presso un'azienda della quale nutriamo particolare stima
  • ai servizi di consulenza che fanno selezione del personale
  • alle Agenzie per il lavoro
  • nelle banche dati on-line

E' consigliabile evitare l’invio a pioggia e selezionare con estrema attenzione i destinatari; tutto questo per fare in modo che il target risulti in linea col il proprio profilo. Dopo aver inviato il proprio biglietto da visita via mail si può contattare l'azienda telefonicamente per sapere se il curriculum è arrivato.

E' possibile trovare i contatti giusti a cui mandare il proprio cv con:

Consigliamo infine di partecipare a eventi e fiere dove le aziende incontrano direttamente i candidati. Di solito questi eventi sono organizzati da enti di formazione nazionali. 
Di seguito segnaliamo alcuni di queste fiere:

Da Word a .pdf, da html a CSS: quale formato scegliere?

Quale formato scegliere? La domanda è assolutamente legittima: ogni modello e formato racconta la stessa storia in maniera differente. Da sottolineare tuttavia che il nostro documento è preso in considerazione dal recruiter in soli 10 – 15 secondi. Questo è il tempo medio che il selezionatore impiega per analizzare un cv e scegliere se approfondire la conoscenza del profilo del candidato o cestinarlo.

Il classico strumento di Microsoft Word: qualche esempio di utilizzo

La maggior parte delle persone utilizza Microsoft Word (ovvero l’estensione .doc) come formato del curriculum vitae; le ragioni sono:

  • la maggior praticità con un programma già conosciuto e spesso utilizzato anche al lavoro o per usi personali
  • la facilità di reperire tale programma (quasi tutti i possessori di un PC hanno installato Microsoft Office), ecc.

Optare per Word per il formato del cv può però provocare diversi problemi di compatibilità. Ad esempio è possibile che versioni di Word differenti mostrino il testo con – più o meno grandi – divergenze. Oppure, visto che il testo è modificabile esiste l’eventualità che l’esaminatore cancelli in maniera indelebile alcune informazioni.

Salvare come pdf

In alternativa è possibile, anche attraverso i più noti programmi di video-scrittura, salvare in formato .pdf. Questo formato ha il vantaggio di non essere modificabile. Viene preferito da molti esaminatori, visto che i pdf vengono visualizzati alla stessa maniera da tutti i programmi utilizzati per processarli. Se il software utilizzato per redigere il documento non permette di salvarlo in questa maniera, è possibile utilizzare uno dei tanti strumenti gratuiti disponibili in rete.

Personalizzazione estrema: Html e CSS

Un investimento (di tempo) utile può essere la redazione del proprio documento di carriera in formato Html con l’aggiunta di Css o fogli di stile. L’Html da solo permette ben poca iniziativa, ma è un formato che, come il pdf, viene visualizzato in maniera sempre costante e un curriculum vitae così scritto può essere inserito direttamente in una pagina web. Tramite i fogli di stile, inoltre, è possibile modificarne tutti gli elementi creando template ricchi ma efficaci che colpiscano positivamente l’attenzione dell’esaminatore.

Come salvare i documenti (a prescindere dal formato) e come presentare degli allegati di presentazione

Una regola generale da seguire è quella di salvare il file del nostro curriculum con nomi tipo “CV_Nome_Cognome” (nome che va aggiunto anche all'oggetto dell'eventuale mail che si invia per candidarsi): questo permette all’esaminatore di poter sempre identificare il documento del candidato che ha di fronte senza perdersi in una marea di file. È comunque opportuno allegare al documento una lettera di presentazione di natura quasi esclusivamente motivazionale, ovvero che indichi perché il candidato ha risposto all’annuncio in questione oppure perché vorrebbe lavorare nell’azienda alla quale scrive.

Se vuoi, in alternativa al fai da te, puoi affidarti ad aziende che si occupano di revisione curriculum in maniera professionale o acquistare delle guide che, in maniera guidata, ti illustrano nel dettaglio come procedere nella compilazione di un Cv di successo. Noi di AreaLavoro abbiamo creato un pratico eBook per guidarti in questa sfida: si tratta dell'eBook "Come scrivere un Curriculum".

Clicca sulla copertina che trovi qui sotto per scaricare e leggere un estratto dell'eBook! Se desideri acquistare il docuemento non ti rimane che scegliere la modalità di pagamento e seguire le istruzioni (il suo prezzo? Soli € 2,99).

Una volta completati tutti i passaggi di pagamento tramite la piattaforma Paypall riceverai via mail il documento (in formato ePub).





Potrebbe interessarti

Lettera di dimissioni: modulo ed iter da seguire

persona intenta a scrivere una lettera di dimissioni

Da qualche anno è entrato in vigore un decreto Interministeriale relativo alle procedure per presentare le dimissioni volontarie. 

CCNL per i pubblici servizi: vediamo di cosa si tratta

CCNL per i pubblici servizi: vediamo di cosa si tratta

Il Contratto Collettivo Nazionale del Lavoro dei Pubblici Servizi è un documento fondamentale che definisce i rapporti lavorativi tra datori di lavoro, lavoratori e categorie sindacali che operano in questo settore.

Ultimissime novità sulle pensioni di anzianità e sulla quota 96

le nuove normative sulle pensioni di anzianità

Ultimissime novità sulla pensione di anzianità: negli scorsi anni rispetto a quella di vecchiaia, veniva percepita indipendentemente dall'età pensionabile. Si ottiene prima del raggiungimento dell'età pensionabile, o del limite massimo di anzianità di servizio, e in presenza di determinati requisiti assicurativi e anagrafici.

Ape Social: l’anticipo pensionistico a carico dello Stato

Imagine sull'anticipo pensionistico

La Pensione, come tutti noi ben sappiamo, è l’insieme di contributi che abbiamo versato nel corso dei decenni che ci vengono riconosciuti in parte e ci permettono nella vecchiaia di avere un sussidio economico per continuare ad avere uno stile di vita quanto meno dignitoso. 

Esclusione dagli studi di settore: approfondiamo l'argomento

immagine per esclusione studi di settore

Gli studi di settore sono strumenti statistici realizzati in funzione dei diversi fattori economici riguardanti l’attività di alcune categorie di lavoratori autonomi. 

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

I più condivisi

Riforma pensioni 2012: novità del calcolo contributivo

Immagine usata nell'articolo Riforma pensioni 2012: novità del calcolo contributivo

La riforma pensioni varata dal Governo Monti prevede che dal 1° gennaio 2012, le anzianità raggiunte dopo il 31 dicembre 2011 saranno calcolate con il sistema di calcolo contributivo.

Lavorare nell’agenzia di comunicazione: di cosa si occupa un centro media

L’agenzia di comunicazione è anche definita centro media ed è un intermediario tra impresa e media ed ha il compito di ideare, ottimizzare e monitorare il media planning dell’impresa o dell’istituzione.

Identità aziendale: perché è importante per una società?

l'importanza dell'identità aziendalein 

In un momento nel quale molte imprese lavorano sullo stesso settore, quella dell'identità aziendale è la caratteristica che contraddistingue una dall'altra. Tale concetto, di suo è piuttosto vasto: comprende le politiche dell'attività, i rapporti con i dipendenti e i fornitori e la cultura lavorativa dell'azienda. Analizzeremo, nell'articolo seguente, le diverse sfaccettature che comprendono il tessuto d'impresa.

Tempi per la liquidazione del TFR: termini e omissioni

Tempi per la liquidazione del TFR: termini e omissioni

E' spesso possibile che, per motivi di varia natura, il lavoratore si trovi a dover mettere fine a un rapporto di lavoro. Succede che il datore di lavoro effettui il licenziamento che va a riguardare il singolo lavoratore o più di uno; in questo ultimo caso si dice licenziamento collettivo, il quale si verifica specialmente nelle situazioni in cui un'azienda vive particolari periodi di difficoltà di carattere economico o produttivo.

Le mansioni del cameriere: tutto ciò che c'è da sapere per la professione

Le mansioni del cameriere: tutto ciò che c'è da sapere per la professione

Se non avete paura di turni piuttosto lunghi e vi piace stare in mezzo alla confusione e alla gente, allora troverete di vostro gradimento l'articolo che presentiamo oggi.

Leggi anche...

Dichiarazione redditi: 730 o modello Unico? Scopri le differenze

Immagine esemplificativa utilizzata all'interno dell'articolo Dichiarazione redditi: 730 o modello Unico? Scopri le differenze

La dichiarazione dei redditi rappresenta uno strumento fiscale con il quale il contribuente va a dichiarare i propri redditi e corrisponde i relativi tributi al fisco. Sulla base del D.P.R. 600/73, le dichiarazioni dei redditi sono un atti pubblici che possono essere consultati gratuitamente. 

Leggi tutto...

Leggi anche...

Lavoro ripartito: diritti e doveri

Immagine esemplificativa utilizzata all'interno dell'articolo Calcolo della Quattordicesima: come funziona?

Il contratto di lavoro ripartito, anche detto Job Sharing, è stato introdotto dalla Riforma Biagi ed è disciplinato dal D. Lgs. n. 276/2003, art. 41 – 45. Con un contratto di lavoro ripartito si intende quello nel quale due lavoratori si impegnano ad adempiere solidalmente ad un'unica e identica obbligazione lavorativa.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Aspettativa maternità: caratteristiche e novità per farne richiesta

L’aspettativa per maternità consiste in un periodo di tre mesi di aspettativa aziendale dal lavoro di cui la madre lavoratrice può fruire per assistere il figlio fino ai 3 anni di età.

Leggi tutto...
Go to Top