Il Contratto Collettivo Nazionale del Lavoro dei Pubblici Servizi è un documento fondamentale che definisce i rapporti lavorativi tra datori di lavoro, lavoratori e categorie sindacali che operano in questo settore.
Ogni ambito lavorativo presente in Italia ha il suo specifico CCNL, spesso articolato in diversi livelli; vedremo a seguire quali sono le caratteristiche di quello preso in esame.

I contenuti del CCNL

Il CCNL dei Pubblici Servizi contiene tutto quello che concerne tale settore lavorativo a partire dagli orari di lavoro previsti alle ferie (26 giorni lavorativi previsti) e ai congedi per maternità, paternità o malattia.
Il testo disciplina inoltre le modalità contrattuali e di assunzione, definendo le linee guida per stabile un rapporto tra datore di lavoro equo e senza problemi.

Le mensilità nel Contratto Collettivo dei Pubblici Servizi

Le mensilità previste nel Contratto Collettivo Nazionale del Lavoro sono 14 per un totale di 40 ore divise su cinque giornate e mezzo e l'orario di lavoro giornaliero deve essere di massimo otto ore con possibilità di straordinario del 30 % di giorno, del 60 % di notte e del 20 % durante i giorni festivi.

La sentenza della Corte di Cassazione

Con una recente sentenza, la Cassazione ha ritenuto valido il rifiuto da parte di un dipendente comunale di partecipare a un consiglio indetto per la sera, fermandosi sul posto di lavoro oltre il suo orario consentito con un turno straordinario. Al dipendente era stata comminata una sanzione disciplinare per non aver partecipato alla suddetta seduta comunale. Se i contratti di lavoro non dispongono di ulteriori dettagli, lo straordinario è ammesso solo tramite accordo tra datore di lavoro e dipendente. Nel caso in questione, la Corte di Cassazione ha ritenuto che non vi fosse la condizione della straordinarietà del consiglio perchè le riunioni erano convocate sempre più spesso, considerando quindi non illegittimo il rifiuto di parteciparvi da parte del dipendente.

Le tipologie contrattuali nel settore dei Pubblici Servizi

A livello normativo il CCNL dei Pubblici Servizi comprende il contratto di lavoro a tempo indeterminato e quelli a tempo determinato comprese le tipologie lavorative interinali e i contratti part-time.
Il Contratto Nazionale prevede inoltre anche i contratti di formazione al lavoro e di apprendistato.

Le ore previste dal CCNL

Il contratto di lavoro part-time settimanale prevede un tetto massimo di ore che parte dalle 15 per arrivare alle 28 ore; quello mensile varia dalle 64 alle 124 ore, mentre quello annuale prevede un intervallo che va dalle 600 alle 1352 ore.

Il periodo di prova per gli apprendisti

Il contratto di apprendistato deve avere un periodo di prova di almeno 25 giorni di lavoro, mentre le ore di formazione sono di: 120 per chi frequenta la scuola dell'obbligo; 100 per i diplomati di scuola media superiore; 80 per i laureati.

I contratti di formazione del CCNL dei Pubblici Servizi prevedono inoltre una durata massima di 24 mesi e di 12 se è previsto il successivo inserimento nell'azienda; il periodo di prova dura 30 giorni.

I termini del contratto a tempo determinato

La durata del contratto a tempo determinato e interinale è invece di massimo sei mesi con dei limiti a livello di lavoratori assunti con tale tipologia contrattuale che variano a seconda della grandezza dell'azienda nel modo seguente: 4 lavoratori per aziende di massimo quattro dipendenti; 5 per quelle tra 5 e 9 dipendenti; 6 per le imprese tra 10 e 25 dipendenti; 7 per unità produttive da 26 a 35; 10 per le aziende da 36 a 50 dipendenti.

Jobs Act: le ferie solidali

Il Governo Renzi punta a riformare il mercato del lavoro tramite il famoso Jobs Act, che punta a inserire un contratto unico a tutele crescenti per diminuire la disoccupazione e stimolare gli imprenditori e i datori di lavoro ad assumere più personale tramite agevolazioni ed incentivi fiscali. Potrebbero però cambiare le cose anche per quanto riguarda le ferie, aggiungendo una postilla di solidarietà: tra lavoratori di una stessa azienda si potranno cedere giorni di ferie, eccedenti quelli previsti dal CCNL, per coloro che hanno figli minori a carico che hanno bisogno di assistenza, presenza fisica e cure. Le ferie solidali, così sono state denonimate, aiuterebbero di conseguenza quei lavoratori che hanno bisogno di dividersi tra casa e lavoro per motivi familiari.

La riforma della scuola

Tema a parte la meritano i docenti della scuola, al centro di una corposa riforma che dovrebbe partire a settembre 2015. Il Presidente del Consiglio Renzi vuole rivoluzionare l’intero sistema, annullando le graduatorie ad esaurimento e portando in servizio i precari, per una cifra di 150 mila docenti. Tutto ciò cambiando gli orari delle scuole per portare una maggiore efficienza negli istituti attraverso un cambiamento delle materie studiate. Per l’anno 2014-15 tutto invece resterà invariato così come prescritto dall’accordo nazionale agli articoli 28/29: 25 ore per i maestri d’infanzia, 22 per quelli di prima elementare e 18 per gli istituti di livello secondario. A ciò si aggiungono le attività funzionali all’insegnamento e le ore dedicate agli scrutini e degli esami. Per adesso ancora non è stato stabilito dal Governo e dal Ministro all’Istruzione Giannini come cambieranno questi orari. Si aspetta quindi l’inizio del nuovo anno per conoscere i dettami della riforma e capire quanto queste novità influiranno sulla buona scuola, come Renzi l’ha definita lanciando l’apposito hashtag su Twitter.



Potrebbe interessarti

Il lavoro e la Legge Biagi

Ci sono alcune leggi e articoli della Costituzione italiana che sono nati appositamente per definire e regolamentare il lavoro nel nostro Paese. La Legge 30 ad esempio e l'articolo 18 sono solo alcune delle legislazioni emesse a livello lavorativo.

Leggi tutto...

Il video curriculum: sfrutta questo strumento!

video curriculum

Negli ultimi due anni, il video curriculum ha modificato profondamente l’incontro tra domanda e offerta di lavoro, negli USA. Anche in Italia, le grandi aziende affermano che la fase di recruiting sarà influenzata dalle nuove video-candidature.

Leggi tutto...

Formazione permanente: perché è importante?

La formazione permanente (detta anche Lifelong learning) è l'insieme dei processi di apprendimento che si verificano dopo la prima fase di formazione scolastica, all'università o sul lavoro, atti ad arricchire le competenze, migliorando le qualifiche professionali.

Leggi tutto...

Domanda maternità obbligatoria: come ottenere il congedo?

la domanda per il congedo di maternità obbligatoria

Il congedo per la maternità è obbligatorio per una serie di categorie di lavoratori dipendenti: occupate, lavoratrici a domicilio, colf, lavoratrici sospese, badanti, agricole, ecc.

Leggi tutto...

Dichiarazione redditi: 730 o modello Unico? Scopri le differenze

La dichiarazione dei redditi è lo strumento fiscale con cui il contribuente dichiara i propri redditi e ne corrisponde i tributi al fisco. In base al D.P.R. 600/73, la dichiarazione redditi è un atto pubblico che può essere consultato gratuitamente. 

Leggi tutto...

I più condivisi

Il calcolo per la ritenuta d'acconto: una guida completa

Cosa deve compilare un lavoratore dipendente per dichiarare le ritenute fiscali? Quali moduli deve presentare? Nel diritto tributario italiano, e dunque in area fiscale, con il termine ritenuta d'acconto si intende una trattenuta effettuata dallo Stato su di un compenso assoggettato a tassazione, corrisposto dal soggetto sostituto di imposta nei confronti di un altro soggetto, denominato percipiente. Di seguito una guida dettagliata su come si calcola e su come si dichiara la ritenuta d'acconto.

Leggi tutto...

Aliquota tassazione TFR: caratteristiche, imposte

Bisogna sottolineare che la tassazione e l'aliquota sul TFR è differente rispetto ad altre forme di pagamento, come ad esempio quello di natura retributiva ordinaria. La grande novità è il progetto del Governo Renzi che vuole trasferire questa somma all’interno della busta paga mensile: una misura che serve ad incentivare i consumi, dando più soldi freschi ai cittadini, vessati da una crisi economica che ha fortemente ridotto le spese e di conseguenza la crescita generale in Italia.

Leggi tutto...

Master in Lingue e Master Digital: scopri la nuova offerta ICOTEA

Il mondo del lavoro è sempre più complesso. Per questo motivo, diventa necessario farsi trovare pronti con una preparazione adeguata e, soprattutto mirata alle nuove esigenze del mercato.

Leggi tutto...

Offerte di lavoro Campania: scopri dove cercare!

trovare lavoro in campania

Continua la nostra sezione dedicata alle offerte di lavoro sul territorio nazionale, regione per regione. In questa pagina suggeriamo alcuni dei link utili per chi cerca offerte di lavoro in Campania. Di seguito la lista per le offerte di lavoro in questa regione.

Leggi tutto...

Front Office e Back Office

lavoro front office in un albergo

Con il termine Front Office ci si riferisce all'insieme delle strutture, dei servizi e delle mansioni di un’azienda volti a gestire il Customer relationship management, cioè i rapporti con la clientela.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Aprire un'officina: scopri come cominciare!

lavorare come meccanico in officina

Una professione che certamente non avrà mai problemi di carenza di lavoro è sicuramente quella del meccanico per auto o per moto.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Aprire un'officina: scopri come cominciare!

lavorare come meccanico in officina

Una professione che certamente non avrà mai problemi di carenza di lavoro è sicuramente quella del meccanico per auto o per moto.

Leggi tutto...

Leggi anche...

ICOTEA: la formazione innovativa in risposta al mondo del lavoro

Inserirsi nel mondo del lavoro oggi non è facile. Per essere assunti il diploma di laurea sembra non bastare più, ma occorrono sempre più esperienze e competenze extra scolastiche che formino una figura professionale versatile e adattabile a diversi contesti lavorativi.

Leggi tutto...
Go to Top