Il Contratto Collettivo Nazionale del Lavoro dei Pubblici Servizi è un documento fondamentale che definisce i rapporti lavorativi tra datori di lavoro, lavoratori e categorie sindacali che operano in questo settore.
Ogni ambito lavorativo presente in Italia ha il suo specifico CCNL, spesso articolato in diversi livelli; vedremo a seguire quali sono le caratteristiche di quello preso in esame.

I contenuti del CCNL

Il CCNL dei Pubblici Servizi contiene tutto quello che concerne tale settore lavorativo a partire dagli orari di lavoro previsti alle ferie (26 giorni lavorativi previsti) e ai congedi per maternità, paternità o malattia.
Il testo disciplina inoltre le modalità contrattuali e di assunzione, definendo le linee guida per stabile un rapporto tra datore di lavoro equo e senza problemi.

Le mensilità nel Contratto Collettivo dei Pubblici Servizi

Le mensilità previste nel Contratto Collettivo Nazionale del Lavoro sono 14 per un totale di 40 ore divise su cinque giornate e mezzo e l'orario di lavoro giornaliero deve essere di massimo otto ore con possibilità di straordinario del 30 % di giorno, del 60 % di notte e del 20 % durante i giorni festivi.

La sentenza della Corte di Cassazione

Con una recente sentenza, la Cassazione ha ritenuto valido il rifiuto da parte di un dipendente comunale di partecipare a un consiglio indetto per la sera, fermandosi sul posto di lavoro oltre il suo orario consentito con un turno straordinario. Al dipendente era stata comminata una sanzione disciplinare per non aver partecipato alla suddetta seduta comunale. Se i contratti di lavoro non dispongono di ulteriori dettagli, lo straordinario è ammesso solo tramite accordo tra datore di lavoro e dipendente. Nel caso in questione, la Corte di Cassazione ha ritenuto che non vi fosse la condizione della straordinarietà del consiglio perchè le riunioni erano convocate sempre più spesso, considerando quindi non illegittimo il rifiuto di parteciparvi da parte del dipendente.

Le tipologie contrattuali nel settore dei Pubblici Servizi

A livello normativo il CCNL dei Pubblici Servizi comprende il contratto di lavoro a tempo indeterminato e quelli a tempo determinato comprese le tipologie lavorative interinali e i contratti part-time.
Il Contratto Nazionale prevede inoltre anche i contratti di formazione al lavoro e di apprendistato.

Le ore previste dal CCNL

Il contratto di lavoro part-time settimanale prevede un tetto massimo di ore che parte dalle 15 per arrivare alle 28 ore; quello mensile varia dalle 64 alle 124 ore, mentre quello annuale prevede un intervallo che va dalle 600 alle 1352 ore.

Il periodo di prova per gli apprendisti

Il contratto di apprendistato deve avere un periodo di prova di almeno 25 giorni di lavoro, mentre le ore di formazione sono di: 120 per chi frequenta la scuola dell'obbligo; 100 per i diplomati di scuola media superiore; 80 per i laureati.

I contratti di formazione del CCNL dei Pubblici Servizi prevedono inoltre una durata massima di 24 mesi e di 12 se è previsto il successivo inserimento nell'azienda; il periodo di prova dura 30 giorni.

I termini del contratto a tempo determinato

La durata del contratto a tempo determinato e interinale è invece di massimo sei mesi con dei limiti a livello di lavoratori assunti con tale tipologia contrattuale che variano a seconda della grandezza dell'azienda nel modo seguente: 4 lavoratori per aziende di massimo quattro dipendenti; 5 per quelle tra 5 e 9 dipendenti; 6 per le imprese tra 10 e 25 dipendenti; 7 per unità produttive da 26 a 35; 10 per le aziende da 36 a 50 dipendenti.

Jobs Act: le ferie solidali

Il Governo Renzi punta a riformare il mercato del lavoro tramite il famoso Jobs Act, che punta a inserire un contratto unico a tutele crescenti per diminuire la disoccupazione e stimolare gli imprenditori e i datori di lavoro ad assumere più personale tramite agevolazioni ed incentivi fiscali. Potrebbero però cambiare le cose anche per quanto riguarda le ferie, aggiungendo una postilla di solidarietà: tra lavoratori di una stessa azienda si potranno cedere giorni di ferie, eccedenti quelli previsti dal CCNL, per coloro che hanno figli minori a carico che hanno bisogno di assistenza, presenza fisica e cure. Le ferie solidali, così sono state denonimate, aiuterebbero di conseguenza quei lavoratori che hanno bisogno di dividersi tra casa e lavoro per motivi familiari.

La riforma della scuola

Tema a parte la meritano i docenti della scuola, al centro di una corposa riforma che dovrebbe partire a settembre 2015. Il Presidente del Consiglio Renzi vuole rivoluzionare l’intero sistema, annullando le graduatorie ad esaurimento e portando in servizio i precari, per una cifra di 150 mila docenti. Tutto ciò cambiando gli orari delle scuole per portare una maggiore efficienza negli istituti attraverso un cambiamento delle materie studiate. Per l’anno 2014-15 tutto invece resterà invariato così come prescritto dall’accordo nazionale agli articoli 28/29: 25 ore per i maestri d’infanzia, 22 per quelli di prima elementare e 18 per gli istituti di livello secondario. A ciò si aggiungono le attività funzionali all’insegnamento e le ore dedicate agli scrutini e degli esami. Per adesso ancora non è stato stabilito dal Governo e dal Ministro all’Istruzione Giannini come cambieranno questi orari. Si aspetta quindi l’inizio del nuovo anno per conoscere i dettami della riforma e capire quanto queste novità influiranno sulla buona scuola, come Renzi l’ha definita lanciando l’apposito hashtag su Twitter.



Potrebbe interessarti

Cos’è e come funziona il Pin INPS online

Pin per le pensioni on line

Il Pin INPS Online è un codice personale di identificazione con il quale il cittadino può accedere telematicamente ai servizi online dell’INPS. Per ottenere il codice PIN occorre seguire una procedura che trasforma il PIN ordinario e in PIN dispositivo. Cosa significa? Approfondisci la lettura per saperne di più.

Leggi tutto...

Turni di lavoro e del riposo settimanale: parte integrante di un piano d'Impresa

turni di lavoro

In base all’art. 1, comma 2, lett. b), D.Lgs. n. 66/2003 si intende per “periodo di riposo” qualsiasi periodo che non rientra nell’orario di lavoro (pause, riposi giornalieri, riposi settimanali, ferie). Il riposo giornaliero, in base a tale decreto legislativo, consiste nel diritto del lavoratore a 11 ore di riposo consecutivo ogni 24 ore, ad eccezione:

Leggi tutto...

Contratto a progetto e maternità

Il rapporto di lavoro sancito da un contratto a progetto è sospeso nel caso di malattia o infortunio del lavoratore o durante la gravidanza attraverso l’aspettativa per maternità. 

Leggi tutto...

La retribuzione del contratto di apprendistato: tutte le formule possibili

Secondo la legge italiana, ovvero secondo il Testo Unico sull’Apprendistato (decreto legislativo 167/2011), il contratto di apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e all’occupazione dei giovani. Si tratta quindi una forma contrattuale propedeutica, nelle intenzioni, all’assunzione. 

Leggi tutto...

Aprire asilo nido: conosci le normative al riguardo?

aprire un asilo nido

Aprire un asilo nido? Oggi l'iter burocratico per aprire quest'attività è abbastanza chiaro e significa l'inizio di una attività imprenditoriale a tutti gli effetti. In primis è bene considerare la domanda per tale tipo di servizio. Oggi in Italia si registrano più di 3000 asili nido pubblici, oltre alcune centinaia di strutture per l'infanzia convenzionate; ciò nonostante sono numerosi i bimbi sotto ai 3 anni esclusi dalla graduatoria dagli asili nido pubblici.

Leggi tutto...

I più condivisi

Compilazione della busta paga: gli elementi da indicare sul cedolino

Nella compilazione della busta paga, l’intestazione dei dati dell’azienda e l’intestazione dei dati del lavoratore, la posizione INPS e la posizione INAIL, dovranno essere riportati nella parte superiore o testa del documento.

Leggi tutto...

Sanzioni disciplinari sul lavoro

provvedimenti disciplinari del lavoro rappresentano gli atti che il datore di lavoro può compiere e i procedimenti da impugnare qualora il lavoratore adotti dei comportamenti scorretti. In questo modo il datore tutela i suoi diritti e sanziona il lavoratore affinchè egli rispetti gli obblighi e gli impegni presi. Accanto a questi, verrà poi approfondito il tema dei licenziamenti illegittimi che sono al centro dell’agenda politica del Presidente del Consiglio Renzi.

Leggi tutto...

Lavoro Receptionist: accoglienza e professionalità

Il lavoro di receptionist nel campo del turismo è una figura importante. Il ruolo del personale della receptionist è fondamentale perché sono i primi ad accogliere i clienti.

Leggi tutto...

Offerte lavoro geometra: come candidarsi online

I requisiti sono il superamento dell'esame di abilitazione professionale e l'iscrizione, da almeno due anni, nel registro provinciale dei praticanti della località di residenza o domicilio.

Leggi tutto...

Domanda maternità obbligatoria: come ottenere il congedo?

la domanda per il congedo di maternità obbligatoria

Il congedo per la maternità è obbligatorio per una serie di categorie di lavoratori dipendenti: occupate, lavoratrici a domicilio, colf, lavoratrici sospese, badanti, agricole, ecc.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Mobilità dei lavoratori: disciplina e normative

La mobilità è disciplinata dalla legge 223/91 e rappresenta un particolare tipo di allontanamento dall'attività lavorativa che riguarda un gruppo di lavoratori. La Riforma Fornero, tuttavia, prevede una modifica della normativa: dal 2016, quest'istituto sarà sostituito dall'Assicurazione Sociale per l'Impiego (Aspi) che tenta di livellare tutte le distinzioni fra i vari livelli di tutela sul lavoro.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Il congedo matrimoniale per l'INPS: conosci questo diritto?

ottenere il congedo matrimoniale

La legge prevede che in occasione del matrimonio, alcune categorie di lavoratori, abbiano diritto al congedo matrimoniale e dell’assegno ad esso relativo. Il congedo matrimoniale corrisponde ad un periodo di astensione al lavoro di 15 giorni consecutivi che non possono essere goduti durante il periodo delle ferie o nel preavviso del licenziamento.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Aspettativa maternità: caratteristiche e novità per farne richiesta

L’aspettativa per maternità consiste in un periodo di tre mesi di aspettativa aziendale dal lavoro di cui la madre lavoratrice può fruire per assistere il figlio fino ai 3 anni di età.

Leggi tutto...
Go to Top