In quanti ambiscono un lavoro nel settore pubblico? Perché il tanto ambito posto fisso oggigiorno è così importante per la tranquillità lavorativa? I concorsi statali - pubblici rappresentano per molti un’occasione per accedere lavorativamente nella P.A e guadagnarsi così un contratto a tempo indeterminato. Inoltre è bene leggere scrupolosamente il bando di concorso poiché include informazioni dettagliate relative all'offerta di lavoro e i requisiti necessari per accedervi, come: durata, importo, criteri per la scelta e i requisiti, termini e documenti da presentare.

I concorsi statali della gazzetta ufficiale (occhio a quelli scaduti). Priorità al tempo indeterminato

I concorsi statali sulla Gazzetta Ufficiale rientrano nella Serie 4 della Gazzetta. Dalla home page del sito della Gazzetta è possibile visualizzare l'archivio completo dei concorsi Gazzetta Ufficiale dall'agosto 1999 per la serie Concorsi. Ci sono dei portali online che pubblicano informazioni e bandi apparsi sulla Gazzetta Ufficiale. 

In tutti questi siti, è possibile effettuare ricerche mirate impostando come parametro anche la scadenza e il numero di posti liberi. Un consiglio fondamentale è quello di non dar troppo peso a quest'ultimo valore: se è vero che in un concorso con migliaia di partecipanti le possibilità sono poche, le conoscenze che si accumulano possono servire per concorsi statali successivi.

Anticipando quanto si dirà a breve, è possibile individuare delle aree culturali comuni a tutti i bandi. Si parla, ad esempio, della cultura generale e del diritto: nella stragrande maggioranza dei concorsistatali sono presenti queste due materie.
Inoltre, partecipare a più concorsi permette di abbandonare pian piano la tensione che si accumula dinanzi il foglio bianco: una volta capiti i meccanismi, si potrà focalizzare l'attenzione sulle domande e nient'altro.

È infatti la tensione l'elemento che più di tutti destabilizza l'aspirante lavoratore pubblico: di certo il pensiero di competere con migliaia di colleghi non può non influenzare il proprio livello di autocontrollo. Sebbene difficile, si consiglia sempre di cercare di controllare l'ansia e di concentrare la propria attenzione solo e soltanto sulle domande.

Infine, partecipare a concorsi statali dove è in palio un solo posto è comunque in investimento: è possibile che lo stesso ente ricerchi altro personale utilizzando, magari, la graduatoria nata da un concorso precedente.

Le opportunità Regionali (categorie protette, invalidi, laureati o diplomati)

Quando si desidera e si ha la necessità di trovare il lavoro dei propri sogni, non sempre le cose sono facili. È infatti spesso necessario molto tempo per la ricerca dello stesso e per cercare di essere assunti e lavorare così all'interno del settore più congeniale alle competenze, ai desideri e agli studi portati a termine da chi si è messo alla ricerca.

Dopo essere riuscito a scovare l'annuncio desiderato, l'aspirante candidato dovrà inoltrare via mail il più delle volte oppure consegnandolo di persona, il curriculum vitae dettagliato allegandovi anche la lettera di accompagnamento.

Il passo successivo sarà quello di affrontare il temuto colloquio di lavoronel modo giusto per farsi selezionare ed ottenere così il tanto agognato lavoro. Molti individui scelgono però un altro excursus per trovare lavoro, ovvero puntando sulla scelta dei vari concorsi pubblici e regionali che vengono fatti durante il corso dell'anno in diverse città Italiane. Per chi invece vuole avanzare di carriera all'interno della pubblica amministrazione, ci sono invece i concorsi interni.

Regione: cosa sono e principali caratteristiche

cercare concorsi pubblici

Sono solitamente a carattere pubblico e sono rintracciabili facilmente perché vengono pubblicati ogni martedì e venerdì all'interno della Gazzetta Ufficiale. È possibile trovare tutti le gare per regione che fanno al caso vostro anche attraverso la rete e i numerosi siti dedicati a tale argomento.

I concorsi regionali sono spesso indirizzati alle candidature legate a posti di lavoro relativi alla Pubblica Amministrazione, ma ce ne sono di diverso tipo, come quelli per entrare nel settore scolastico come insegnante, segretaria/o, bidella/o ecc.

Per superare i concorsi regionali, è necessario rispondere a delle domante, solitamente di cultura generale, alle quali si aggiungono domande più specifiche legate al settore per il quale si sta partecipando al concorso stesso.

Per accedere agli esami, si deve aspettare la pubblicazione del bando sulla Gazzetta Ufficiale e si deve presentare l'apposita domanda. Una volta affrontato l'esame si dovranno poi aspettare le graduatorie

Dati necessari per l'ammissione ai concorsi statali

Per essere ammessi è necessario compilare una domanda che contiene solitamente i seguenti campi:

La domanda di partecipazione è composta da alcune informazioni comuni, quali: dati anagrafici, residenza, domicili, cittadinanza, la posizione nei confronti degli obblighi militari, iscrizione nelle liste elettorali del Comune di residenza, titoli di studio posseduti con eventuali abilitazioni alla professione.

Le informazioni richieste per partecipare

La domanda di partecipazione è composta da alcune informazioni comuni, quali:

  • informazioni anagrafiche
  • residenza
  • iscrizione nelle liste elettorali
  • indicazione dei titoli richiesti
  • servizi prestati nella Pubblica Amministrazione
  • posizione nei confronti degli obblighi militari.

Scopri come affrontare con successo le gare relative ai concorsi statali

concorsi statali

I concorsi statali rappresentano per un’occasione per candidarsi a posti di lavoro nel settore della Pubblica Amministrazione

Poiché queste prove rappresentano infatti l’unico modo per accedere al posto fisso statale, non sorprende che i bandi di queste selezioni ricevano centinaia, se non migliaia) di adesioni per singolo posto; vedremo, in questa breve guida, come affrontare al meglio tali ostacoli.

  • Studiare. Sembrerà banale, ma per ottenere buoni punteggi è necessario studiare molto e bene. Non serve mettersi sui libri un mese prima della data: si consiglia di organizzare il proprio iter di studio almeno tre mesi prima. In questa maniera la preparazione potrà coesistere con altre attività personali (magari, un lavoro part time) e vari imprevisti.
  • Esistono, inoltre, moltissime guide che grandi editori (come Maggioli o De Simone) pubblicano ad hoc per i diversi concorsi. Queste sono ottimi punti di partenza perché contengono elementi di diritto, di cultura generale e anche una terza parte relativa alla materia peculiare del posto di lavoro.
  • Partecipare a più concorsi statali possibile permette, come si è accennato, di accumulare la giusta esperienza e vincere l'ansia. L'essere inseriti comunque in graduatoria, anche se il concorso è perso, può sbloccare possibilità future.
  • Ricordare scadenze e documenti richiesti. Perché può essere frustrante non poter accedere al concorso per via di una dimenticanza relativa alla domanda o ai documenti da presentare in sede d'esame. Questi, di solito, si limitano ad essere un documento d'identità e una copia della domanda d'ammissione.
  • Non copiare. Durante la prova, è inutile tentare di copiare o di ricevere suggerimenti: spesso il tempo non è abbondante ed è meglio mettere a frutto le proprie conoscenze che rischiare di vedere il proprio lavoro annullato.
  • Non portare nulla da casa. Neppure fogli bianchi o penna: in sede d'esame, sarà la commissione che fornirà il necessario ai candidati. Tutto il resto è bandito.

A chi presentare la domanda di partecipazione

La domanda di partecipazione di solito viene fornita dall'ente che propone un facsimile della domanda per partecipare. Se non dovesse far parte del bando, la domanda può essere presentata in carta semplice, firmata e spedita con raccomandata con ricevuta di ritorno.
La domanda deve essere spedita o consegnata all'ente entro 30 giorni dalla data di pubblicazione del bando o entro la data fissata dallo stesso.

La documentazione da portare il giorno della prova

Il giorno del concorso il candidato deve:

  • portare un valido documento d'identità;
  • utilizzare solo i fogli forniti dall'ente e con il timbro dell'ufficio;
  • evitare, pena l'esclusione, di portare appunti, libri, testi o “sussidi” similari.

Come avviene la pubblicazione delle graduatorie?

laptop 3087585 640

Le graduatorie dei concorsi statali pubblici sono pubblicate nella Gazzetta Ufficiale e nel Bollettino ufficiale della Presidenza del Consiglio dei Ministri o dell'amministrazione interessata. I risultati dei concorsi pubblici e le relative graduatorie sono efficaci per 18 mesi dalla pubblicazione.

Lavorare al Comune: ecco quando non serve fare il concorso

Il periodo di difficoltà economica che stiamo vivendo anche a causa della pandemia ha determinato la necessità, per molti italiani, di reinventarsi e di cercare lavoro magari altrove, anche lontano dai propri sogni.

Questo ha determinato un maggiore interesse nei confronti dei lavori pubblici o statali per poter ottenere un lavoro fisso e alleggerire il peso delle difficoltà.
Come abbiamo già detto, però, riuscire ad ottenere un lavoro in questo settore non è sempre facile, anzi, spesso possono mancare dei requisiti  o si può arrivare impreparati alle prove o semplicemente non si riesce ad entrare in graduatoria e per questo una domanda sorge spontanea: ma è possibile lavorare al Comune senza però fare il concorso?
La risposta generale è sì, ma lo è solo in tre casi perché per il resto non è valida e occorre stringere i denti e provare il concorso.

Il primo caso riguarda le categorie protette e se ne fate parte sappiate che l’articolo 35 del Decreto Legislativo del 2001 sancisce che, in quanto disabili, si ha il diritto ad essere assunti nella Pubblica Amministrazione soprattutto perché, per legge ormai, sia nelle aziende del settore pubblico che nelle aziende del settore privato ci deve essere un certo numero di lavoratori con queste caratteristiche nel tentativo di promuoverne, com’è giusto che sia, l’inserimento in società

In genere il numero è proporzionato a quello totale dei dipendenti aziendali: se un’azienda ha più di 50 dipendenti allora il 7% di questi deve appartenere alle categorie protette, se ne ha da 36 a 50 allora i lavoratori della categoria devono essere almeno 2 e l’obbligo non sussiste per le aziende con meno di 15 lavoratori.
Un altro caso in cui si può ricevere una “chiamata nominativa” e quindi ottenere il lavoro senza effettuare il concorso è quello delle vittime di terrorismo o della criminalità organizzata, ma anche gli orfani e i coniugi dei morti sul lavoro, le vittime del dovere e i testimoni di giustizia.

Occorre però precisare che per queste categorie l’assunzione non può andare oltre i ruoli appartenenti fino al quinto livello retributivo nella Pubblica Amministrazione e fino all’ottavo livello nei Ministeri.

Se non appartenete a nessuna di queste categorie allora l’unico modo per poter lavorare senza fare il concorso sono le esternalizzazioni, si tratta di servizi che vengono affidati a ditte o singoli lavoratori che finiscono con l’essere lavoratori autonomi con specifiche attività o progetti da svolgere per un tempo limitato senza essere assunti direttamente.

Potrebbe interessarti

Patto di prova, orientamento della giurisprudenza: di cosa si tratta

Immagine di patto di prova

Il patto di prova è il F precedente al vero e proprio inizio del contratto di lavoro. In questo periodo entrambe le parti hanno la possibilità di recedere dal contratto. 

Mobilità nelle Scuole: i corsi di perfezionamento per ottenere punteggio

mobilità del personale scolastico

Negli ultimi mesi si è discusso a lungo per il rinnovo del contratto sulla mobilità che interessa più di un milione di lavoratori tra docenti e personale ATA. A febbraio si è giunti, finalmente, alla sottoscrizione di un accordo tra MIUR e sindacati che ha visto la proroga integrale del Contratto sulla mobilità 2017/18 per l’anno scolastico 2018/19.

Lo stipendio con un contratto di apprendistato: tutte le formule possibili

Immagine d'esempio usata nell'articolo Lo stipendio con un contratto di apprendistato: tutte le formule possibili

Secondo la legge italiana, ovvero secondo il Testo Unico sull’Apprendistato (decreto legislativo 167/2011), il contratto di apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato per giovani. Si tratta quindi una forma contrattuale propedeutica, nelle intenzioni, all’assunzione. 

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

I più condivisi

Calcolo del TFR: ti sveliamo nel dettaglio come procedere

Il calcolo del TFR

Vuoi lasciare il tuo lavoro? Allora ti consigliamo di leggere i nostri approfondimenti su come scrivere un curriculum vitae e su come presentare la lettera di dimissioni. Dopo queste letture potrai concentrarti sulla tua buona uscita.

Riforma del lavoro: la storia degli interventi che hanno cambiato l'Italia

Immagine esemplificativa di un contratto dopo la riforma del lavoro

Il Governo Monti ha presentato, dopo delle riunioni con partiti e associazioni sindacali, la sua riforma per il lavoro. Si prevedono modifiche per l’articolo 18, ammortizzatori sociali, contratti di lavoro e cassa integrazione.

Immediate Edge: quanto è sicuro? Ecco il nostro parere

Il sogno di parecchie persone e’ quello di riuscire a guadagnare molto denaro in poco tempo o col minimo sforzo. Grazie poi alla tecnologia di internet, adesso e’ possibile effettuare investimenti in diversi mercati finanziari e relativi prodotti.

Leggi anche...

Sacchetti personalizzati: un nuovo modo di creare valore per il tuo brand

shopping.jpg

Da quando le tradizionali buste di plastica sono diventate a pagamento, i brand hanno capito di poter sfruttare questo evento per produrre dei sacchetti personalizzati, spesso riutilizzabili, per poter aumentare la visibilità della propria azienda. Sacchetti personalizzati per le aziende: non solo un vezzo, ma un vero e proprio strumento di marketing, in grado di veicolare già dalla confezione la qualità e le caratteristiche di un prodotto.

Leggi anche...

Green job: come lavorare nella Green Economy e aiutare il nostro pianeta

green job lavorare per l'ambiente

Il fenomeno della green economy, ovvero dell'economia verde, sta apportando delle modifiche nelle tecniche produttive di beni e servizi e nel mercato del lavoro.