Lavorare come promoter può rappresentare la soluzione lavorativa ideale per chi cerca un’attività non a tempo pieno. Solitamente le offerte di lavoro promoter durano qualche giorno o al massimo 1 o 2 settimane. Le offerte di lavoro promoter sono ben remunerati, circa 6 – 7 euro l’ora e la durata media di lavoro è di 8 ore al giorno.

Quali sono i compiti del promoter

lavorare come promoter: un'immagine di questa professione

Il promoter ha il compito di promuovere prodotti presso Centri Commerciali o negozi specializzati. Di solito il ruolo della promoter consiste nel proporsi cortesemente ai clienti, presentando loro un determinato prodotto, informandoli su sconti o promozioni e invitandoli all'acquisto.

Le offerte di lavoro di promoter aumentano con l’avvicinarsi del periodo natalizio, quando le promozioni aumentano in occasioni delle feste. In tale momento dell’anno le agenzie interinali cercano maggiormente i promoter quindi è bene iniziare a inviare il proprio cv allegando 1 o 2 foto in autunno.

Requisiti richiesti 

I requisiti per le offerte di lavoro online sono:

  • Ottime capacità persuasive
  • Buone capacità relazionali poiché il lavoro si svolge a contatto con la gente
  • Pazienza e disponibilità. Come tutti i lavori in cui si sta al contatto con il pubblico è importante avere tali caratteristiche.

Il compenso previsto per le offerte di lavoro promoter è corrisposto a 30-60-90 giorni attraverso un bonifico bancario o tramite assegno. Il lavoro è identificato come "collaborazione temporanea" e deve essere disciplinato da un contratto che ne definisce tempi, modalità di esecuzione e di pagamento.

Siti web che promuovono le offerte di lavoro promoter

Il sito Job Rapido ha una sezione interamente dedicata alle offerte di lavoro per promoter o informatori in campo alimentare, medico e delle nuove tecnologie. E’ possibile visualizzare l’annuncio e proporre la propria candidatura online, dopo essersi registrati al portale.

Il portale Italia Promoter è dedicato alle offerte di lavoro come: promoter, le hostess ed ai merchandiser. Tali figure sono ricercate all’interno di: centri commerciali, supermercati e canali specializzati (profumerie, centri telefonia, farmacie, etc.) di tutta Italia, oltre a molte le agenzie di marketing operativo (in store promotion, merchandising, eventi immagine).

Lavorare come addetto alle vendite per le onlus

Una figura come quella che abbiamo descritto finora, potrebbe essere importante anche per le onlus e le organizzazione no profit: infatti è fondamentale, soprattutto per riuscire a raggiungere gli obiettivi attraverso determinati eventi, avere a disposizione un professionista del settore.

In alcuni casi, questo professionista viene definito come dialogatore face to face, e si serve delle migliori strategie di marketing per assicurare alle organizzazioni di ottimizzare al massimo le raccolte di fondi previste.

Il Face to face è fondamentale per far conoscere al pubblico l'attività specifica delle onlus e garantire ai vari progetti di trovare la degna conclusione, in modo che le organizzazioni no profit restino al centro dell'attenzione e non rischino di dover dipendere da enti esterni in caso di mancato raggiungimento dei fondi necessari al sostentamento del progetto stesso.

Il promoter in questo caso è un elemento della massima importanza, che deve essere in grado di sensibilizzare gli interlocutori sulla gravità del problema che il progetto conta di risolvere, e deve avere come obiettivo principale quella di acquisire nel tempo nuovi sostenitori attivi che possano ogni anno contribuire attraverso donazioni “automatiche” (prelievi da carta di credito o rid bancario) alla crescita delle realtà di questo tipo.

Una figura di questo tipo, dunque, non può prescindere dal possedere, oltre alle caratteristiche fondamentali del promoter, anche la passione per le cause sociali e l'ottima dote comunicativa in grado di convincere influenti donatori a partecipare all'evento.

Potrebbe interessarti

Astensione obbligatoria: un diritto delle mamme lavoratrici

Futura mamma lavoratrice: l'astensione obbligatoria

L’astensione obbligatoria è un diritto a tutela delle lavoratrici in “dolce attesa”. In caso di parto prematuro, la legge 53/2000 stabilisce che l’astensione obbligatoria debba comunque essere di 5 mesi. Quindi se la lavoratrice- mamma non ha goduto del periodo pre-parto di 2 mesi, potrà aggiungere ai tre mesi post-parto i giorni non goduti prima del parto, nel limite massimo di cinque mesi. In caso di parto prematuro la lavoratrice dovrà presentare il certificato attestante la data del parto entro un mese dal lieto evento. 

Permesso di lavoro: tipologie e richieste

Per motivi di diversa natura, il lavoratore è spesso costretto a richiedere dei determinati periodi di assenza dal lavoro, al di fuori delle ferie stabilite e che gli spettato. Questo tipo di astensioni dall’attività lavorativa vengono chiamati permessi lavoro.

Requisiti per il Reddito di cittadinanza: eccoli elencati in modo chiaro

La gioia di ottenere il reddito di cittadinanza

Il reddito di cittadinanza è uno strumento di sostegno economico a favore delle famiglie che hanno il reddito inferiore alla soglia di povertà. Queste famiglie, si vedranno integrare il reddito dovuto con una specifica somma che permetterà di arrivare fino alla cifra prestabilita checambia a seconda del numero di componenti del proprio nucleo familiare.

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

I più condivisi

Marcatura industriale: quali sono le sue applicazioni?

Marcatura industriale

La marcatura industriale è un sistema di identificazione univoca dei prodotti e dei componenti industriali. Questa tecnologia è fondamentale per l'industria meccanica italiana d'eccellenza. Le tipologie di marcatura industriale sono diverse ma la più innovativa e performante sul mercato attuale è sicuramente la marcatura laser.

Diventare medico: l'iter formativo in Italia ed alcuni consigli

Immagine esemplificativa utilizzata all'interno dell'articolo Diventare medico: l'iter formativo in Italia

Essere medico è un sogno per tanti giovani e giovanissimi. L'iter formativo da seguire è abbastanza complesso e probabilmente solo se si è spinti da una grande passione si porta a termine il percorso di studi entro i tempi prefissati. 

Fattura elettronica: traguardo di innovazione e digitalizzazione

Fattura_elettronica

Una piaga, quella dell’evasione fiscale, che non ha mai (o quasi) accennato ad arrestarsi, o a diminuire. L’Italia è il primo degli Stati Membro dell’Unione Europea, per evasione fiscale. Un triste e spregevole primato, di cui non doversi assolutamente vantare.

Leggi anche...

Agente di commercio: come specializzarsi per questa professione?

Come diventare agente di commercio

Per poter accedere a questa professione è necessario che l'interessato disponga di una serie di caratteristiche e competenze; vedremo a seguire in cosa consistono.

Leggi anche...

Lavorare in asilo: tutte le opportunità (dalle maestre alle tagesmutter)

Immagine esemplificativa contenuta nell'articolo Lavorare in asilo: tutte le opportunità (dalle maestre alle tagesmutter)

Nutrire una sana propensione per la cura dei bambini, passione e predisposizione per l’educazione infantile non è sufficiente per convincere un genitore ad affidare la propria prole a mani estranee.

Leggi anche...

Regime fiscale agevolato: come funziona questo tipo di Partita IVA

Nel panorama lavorativo italiano ci sono ancora oggi poche prospettive per i giovani, soprattutto in alcune zone del paese e in alcuni settori commerciali. Sono molti i ragazzi, con età inferiore ai 35 anni, che avviano un’impresa individuale, lavorando come collaboratori non assunti per aziende di varia tipologia.