Chi si appresta a trovare un lavoro, soprattutto nei casi in cui si è giovani e si cerchi il primo impiego, deve conoscere bene tutte le dinamiche contrattuali presenti attualmente in Italia. Negli ultimi anni l'Italia ha imboccato un cammino difficile, in salita. Il lavoro scarseggia e non sempre la competenza paga a sufficienza. Ecco perchè occorre essere informati al 100% nel momento in cui si affronta un colloquio di lavoro e/o si viene assunti. Di seguito un approfondimento che speriamo vi schiarirà le idee.

Esistono infatti contratti di lavoro diversi quali autonomi, subordinati, co.co.pro, di collaborazione occasionale e anche contratti di lavoro parasubordinati. È bene dunque sapere prima a cosa si va incontro e firmare un contratto di lavoro che meglio si adatti alle esigenze e alle competenze lavorative del singolo.

Le caratteristiche del lavoro parasubordinato

I contratti di lavoro parasubordinati si collocano a metà strada tra le tipologie di lavoro autonomo e subordinato. Vengono dunque firmati soprattutto nei casi di lavoratori a progetto e di collaboratori occasionali, con tipologie di prestazione che abbiano la caratteristica principale della continuità.

Parasubordinato e INPS

I contratti di lavoro di questo tipo, prevedono inoltre l’iscrizione alla Gestione Separata dell’Inps e il versamente di un onere contributivo. La contribuzione dei lavoratori va pagata secondo l’aliquota del 26,72%; se non si possiede ancora la pensione o si è dei lavoratori non iscritti ad altre casse previdenziali; è invece del 17% nel caso in cui si fosse titolari di pensione o iscritti presso casse previdenziali.

Le indennità dei contratti parasubordinati

caratteristiche di un contratto parasubordinato

I lavoratori con contratti di lavoro parasubordinati e iscritti alla Gestione Separata dell’Inps hanno inoltre diritto all’indennità di maternità all’indennità di malattia, nonché agli assegni per il nucleo familiare.

Per concludere, questa tipologia di rapporto di lavoro viene regolamentata dal decreto legislativo numero 276 del. 10 settembre 2003 e dalla Legge numero 30 del 14 febbraio 2003. I lavoratori con contratti di lavoro parasubordinato devono inoltre possedere un’assicurazione presso l’Inail.

Per i collaboratori a progetto esistono infine alcune forme sperimentali di sostegno al reddito; da esse sono invece escluse le altre tipologie di lavoratori di cui stiamo parlando, e coloro che possiedono la partita IVA.

Lavoro parasubordinato e contratti a progetto

La riforma Fornero del mercato di lavoro, che ha preso corpo nella legge 92/2012, ha attuato delle modifiche su quello che è possibile considerare come la forma principale di lavoro subordinato, ovvero il cosiddetto contratto a progetto. Tale intervento è servito a disciplinare al meglio questa formula contrattuale, onde evitare un uso improprio dello stesso da parte di aziende e datori di lavoro.

Questo ha significato inserire delle norme che portassero i datori di lavoro a utilizzarlo il meno possibile (attraverso anche un maggior peso di contributi), nonché a darne una definizione migliore rispetto a quanto formulato dalla precedente riforma denominata Biagi, del 2003.
In questo modo, il progetto diventa il principale strumento per cui considerare il contratto di collaborazione parasubordinata.

La definizione di progetto

Stando dunque alla riformulazione della normativa, un lavoro di questo tipo viene considerato tale solo alla presenza di un determinato progetto (o anche più di uno) impostato dal committente e gestito, in maniera del tutto autonoma, dalla persona scelta per la collaborazione.

Le caratteristiche dunque di questa tipologia di lavoro parasubordinato devono essere innanzitutto l'individuazione di un risultato finale (obiettivo) a cui il contratto è direttamente connesso.

Durante il periodo di collaborazione, il lavoratore non è portato a svolgere una serie di compiti considerabili come puramente ripetitivi o esecutivi, e si deve coordinare con il responsabile dell'organizzazione che ha commissionato il lavoro.

Infine, un lavoro di questo tipo non è connesso a orari prestabiliti: il lavoro è del tutto legato all'obiettivo e non ai tempi necessari per la sua realizzazione (in pratica non esiste un preciso orario di lavoro).

Una volta definite le caratteristiche del progetto, il contratto può essere scritto e stipulato in forma scritta, e non deve mancare di una serie di requisiti.
Bisogna indicare la durate della collaborazione, descrivere il tipo di progetto partendo dal contenuto e dai risultati da ottenere.
Vanno indicati anche il corrispettivo economico e tutte le informazioni su tempi e modi di pagamento, nonché eventuali rimborsi.
Non devono mancare anche indicazioni sulla tutela della salute e della sicurezza del lavoratore parasubordinato.



Potrebbe interessarti

Istat, a giugno frena l'occupazione

A giugno torna a crescere la disoccupazione, in Italia, soprattutto tra i lavoratori con più di 35 anni, e si registra il record di contratti a termine. 

Leggi tutto...

Mepa, cos'é e come funziona

Le pubbliche amministrazioni per poter funzionare a dovere devono ovviamente sapersi organizzare in modo strutturato, ordinato ma soprattutto in modo esauriente. I servizi che sono offerti dalle varie PA sono tantissimi ed essi si basano sulla semplice compravendita: la popolazione chiede una prestazione, un bene o un servizio e la pubblica amministrazione, mediante terzi, elargisce il tutto. 

Leggi tutto...

L'assunzione di lavoratori comunitari: sai come funziona?

Immagine dell'assunzione lavoratore dal mondo

Sempre più di recente nel nostro Paese, le ditte assumono i cittadini comunitari (cioè che risiedono nell'Unione Europea). Per questo motivo, in Italia vi sono degli iter per accedere al mercato del lavoro se non si ha la cittadinanza italiana. 

Leggi tutto...

Domande colloquio: quali aspettarsi dal selezionatore

Durante un incontro motivazionale, l’esaminatore tende a fare numerosissime domande al suo interlocutore. A volte ci si chiede se alcune siano domande per un colloquio di lavoro? Non si tratta di conoscere la vostra vita privata o cose banali, l’obiettivo è quello di far emergere dalle domande la personalità oltre al profilo del candidato.

Leggi tutto...

Master e laurea: primo o secondo livello?

Oggi la formazione post universitaria è curata da enti ed aziende pubbliche e private. La varietà dell’offerta dei master postlaurea può rendere più difficile la scelta.

Leggi tutto...

I più condivisi

Offerte di lavoro in Puglia: come orientarsi?

trovare lavoro in puglia

Ampliamo la nostra sezione dedicata alle offerte di lavoro sul territorio nazionale, regione per regione. In questa pagina suggeriamo alcuni dei link utili per chi cerca lavoro in Puglia. Di seguito la lista dei siti web proposta da AreaLavoro per le offerte di lavoro in Puglia.

Leggi tutto...

I livelli del contratto dei metalmeccanici

Per assumere un lavoratore le suddette imprese devono rispettare quanto stabilito dalla legge e dal CCNL Metalmeccanici.

Leggi tutto...

Facoltà di Scienze Umanistiche

La Facoltà di Scienze Umanistiche mira ad offrire una formazione umanistica aggiornata con l’ausilio delle metodologie più moderne, con l'intenzione di condurre gli studenti ad attivare un occhio critico per guardare il mondo contemporaneo in tutta la sua complessità e in tutte le sue metamorfosi.

Leggi tutto...

Perfezionarsi nella metodologia ABA

Perfezionarsi nella metodologia aba

Il corso di perfezionamento di Metodologia ABA, erogato da ICOTEA, ha come obiettivo quello di approfondire e fornire gli strumenti per l’applicazione di tale metodo in vari contesti sociali, educativi e di sviluppo. Il metodo ABA è composto da tecniche che si basano sull’uso dei principi relativi alla Scienza del Comportamento con il fine di cambiare delle condotte non proprio adeguate o di imparare nuove abilità.

Leggi tutto...

Contratti parasubordinati: tutte le caratteristiche

caratteristiche di un contratto parasubordinato

Chi si appresta a trovare un lavoro, soprattutto nei casi in cui si è giovani e si cerchi il primo impiego, deve conoscere bene tutte le dinamiche contrattuali presenti attualmente in Italia. 

Leggi tutto...

Leggi anche...

Chi paga l'indennità di maternità: conosci i tuoi diritti di mamma?

Quando una lavoratrice è in stato interessante, oppure è riuscita ad avere in adozione o affidamento un bambino, può richiedere l'indennità di maternità. Sostanzialmente la neo mamma ha il diritto a una sostituzione della normale retribuzione durante il periodo in cui è non può recarsi a lavoro.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Benefit aziendali: cambia la politica delle aziende

Immagine esemplificativa di benefit aziendali

Gli incentivi ai dipendenti aiutano a tenere alta la motivazione nel posto di lavoro, che rappresenta uno fra i fattori determinanti per il buon successo di un progetto e di una impresa; per questo motivo, in questi ultimi anni, stiamo assistendo ad un incremento di questa pratica da parte di numerose aziende, che ne hanno capito l'importanza.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Operaio specializzato: definizione del suo lavoro

La figura dell'operaio è una delle quattro tipologie di lavoro subordinato insieme al ruolo di quadri, dirigenti e impiegati. La caratteristica principale di questa categoria è quella di essere legata allo svolgimento di mansioni di tipo manuale o tecnico.

Leggi tutto...
Go to Top