Chi si appresta a trovare un lavoro, soprattutto nei casi in cui si è giovani e si cerchi il primo impiego, deve conoscere bene tutte le dinamiche contrattuali presenti attualmente in Italia. Negli ultimi anni l'Italia ha imboccato un cammino difficile, in salita. Il lavoro scarseggia e non sempre la competenza paga a sufficienza. Ecco perchè occorre essere informati al 100% nel momento in cui si affronta un colloquio di lavoro e/o si viene assunti. Di seguito un approfondimento che speriamo vi schiarirà le idee.

Esistono infatti contratti di lavoro diversi quali autonomi, subordinati, co.co.pro, di collaborazione occasionale e anche contratti di lavoro parasubordinati. È bene dunque sapere prima a cosa si va incontro e firmare un contratto di lavoro che meglio si adatti alle esigenze e alle competenze lavorative del singolo.

Le caratteristiche del lavoro parasubordinato

I contratti di lavoro parasubordinati si collocano a metà strada tra le tipologie di lavoro autonomo e subordinato. Vengono dunque firmati soprattutto nei casi di lavoratori a progetto e di collaboratori occasionali, con tipologie di prestazione che abbiano la caratteristica principale della continuità.

Parasubordinato e INPS

I contratti di lavoro di questo tipo, prevedono inoltre l’iscrizione alla Gestione Separata dell’Inps e il versamente di un onere contributivo. La contribuzione dei lavoratori va pagata secondo l’aliquota del 26,72%; se non si possiede ancora la pensione o si è dei lavoratori non iscritti ad altre casse previdenziali; è invece del 17% nel caso in cui si fosse titolari di pensione o iscritti presso casse previdenziali.

Le indennità dei contratti parasubordinati

caratteristiche di un contratto parasubordinato

I lavoratori con contratti di lavoro parasubordinati e iscritti alla Gestione Separata dell’Inps hanno inoltre diritto all’indennità di maternità all’indennità di malattia, nonché agli assegni per il nucleo familiare.

Per concludere, questa tipologia di rapporto di lavoro viene regolamentata dal decreto legislativo numero 276 del. 10 settembre 2003 e dalla Legge numero 30 del 14 febbraio 2003. I lavoratori con contratti di lavoro parasubordinato devono inoltre possedere un’assicurazione presso l’Inail.

Per i collaboratori a progetto esistono infine alcune forme sperimentali di sostegno al reddito; da esse sono invece escluse le altre tipologie di lavoratori di cui stiamo parlando, e coloro che possiedono la partita IVA.

Lavoro parasubordinato e contratti a progetto

La riforma Fornero del mercato di lavoro, che ha preso corpo nella legge 92/2012, ha attuato delle modifiche su quello che è possibile considerare come la forma principale di lavoro subordinato, ovvero il cosiddetto contratto a progetto. Tale intervento è servito a disciplinare al meglio questa formula contrattuale, onde evitare un uso improprio dello stesso da parte di aziende e datori di lavoro.

Questo ha significato inserire delle norme che portassero i datori di lavoro a utilizzarlo il meno possibile (attraverso anche un maggior peso di contributi), nonché a darne una definizione migliore rispetto a quanto formulato dalla precedente riforma denominata Biagi, del 2003.
In questo modo, il progetto diventa il principale strumento per cui considerare il contratto di collaborazione parasubordinata.

La definizione di progetto

Stando dunque alla riformulazione della normativa, un lavoro di questo tipo viene considerato tale solo alla presenza di un determinato progetto (o anche più di uno) impostato dal committente e gestito, in maniera del tutto autonoma, dalla persona scelta per la collaborazione.

Le caratteristiche dunque di questa tipologia di lavoro parasubordinato devono essere innanzitutto l'individuazione di un risultato finale (obiettivo) a cui il contratto è direttamente connesso.

Durante il periodo di collaborazione, il lavoratore non è portato a svolgere una serie di compiti considerabili come puramente ripetitivi o esecutivi, e si deve coordinare con il responsabile dell'organizzazione che ha commissionato il lavoro.

Infine, un lavoro di questo tipo non è connesso a orari prestabiliti: il lavoro è del tutto legato all'obiettivo e non ai tempi necessari per la sua realizzazione (in pratica non esiste un preciso orario di lavoro).

Una volta definite le caratteristiche del progetto, il contratto può essere scritto e stipulato in forma scritta, e non deve mancare di una serie di requisiti.
Bisogna indicare la durate della collaborazione, descrivere il tipo di progetto partendo dal contenuto e dai risultati da ottenere.
Vanno indicati anche il corrispettivo economico e tutte le informazioni su tempi e modi di pagamento, nonché eventuali rimborsi.
Non devono mancare anche indicazioni sulla tutela della salute e della sicurezza del lavoratore parasubordinato.

Guida 2019 alla gestione separata INPS

La gestione separata dell’INPS è una forma di regime contributivo che interessa i professionisti che non appartengono ad alcuna cassa previdenziale autonoma e i lavoratori parasubordinati. I soggetti tenuti all’applicazione di questo regime devono versare i contributi in percentuale rispetto al reddito generato da attività autonome o parasubordinate.

Per il 2019 le aliquote previste sono:

  • 25,72 % per i cosiddetti “professionisti senza cassa”;
  • 34,23 % per i lavoratori parasubordinati.

I soggetti tenuti all’iscrizione alla gestione separata INPS sono:

  1. Lavoratori a progetto titolari di contratti in essere al 25 giugno 2015 e che non presentino gli indici di non genuinità come previsti dal D. Lgs. 81/2015;
  2. Collaboratori coordinati e continuativi (Co.Co.Co) anche occasionali e titolari di rapporti di lavoro esclusi dall’applicazione della disciplina sul lavoro subordinato.
  3. Spedizionieri doganali non dipendenti;
  4. Titolari di borsa di studio per dottorati di ricerca;
  5. Associati in partecipazione;
  6. Lavoratori autonomi occasionali e di vendita a domicilio che raggiungono un reddito annuo superiore a 5.000 € derivante dalle suddette attività;
  7. Lavoratori autonomi professionali titolari di partita IVA ma senza cassa previdenziale. A quest’ultima categoria appartengono coloro che:
    1. Svolgono attività il cui esercizio non è subordinato all’iscrizione di albi o elenchi professionali;
    2. Svolgono attività per cui è prevista l’iscrizione all’albo ma non hanno casse previdenziali di categoria in base ai rispettivi statuti o regolamenti.

Onere contributivo e ripartizione

L’onere contributivo per chi si iscrive alla gestione separata non è sempre e totalmente a carico del lavoratore; vi sono casi in cui esiste una ripartizione dell’onere tra lavoratore e datore di lavoro:

  • Co.Co. e lavoro occasionale: nei casi di collaborazioni coordinative e continuative, occasionali, dei venditori a domicilio e assimilati, l’obbligo del versamento dei contributi è ripartito nel modo seguente
    • In capo al committente, sia la quota di 2/3 a proprio carico, sia la quota a carico del lavoratore pari a 1/3. L’onere si assolve con modello F24 entro il 16 del mese successivo la corresponsione dei compensi.
  • Lavoratori autonomi occasionali per somme superiori a 5000 € annui:
    • 1/3 del contributo a carico del lavoratore;
    • 2/3 a carico del datore di lavoro. Il lavoratore che supera la soglia dei 5000 € è tenuto a informare i propri committenti affinché operino la ritenuta fiscale sul compenso e anche quella previdenziale.
  • Associati in partecipazione: per coloro che apportano solo lavoro, l’onere contributivo è ripartito per il 45% a carico dell’associato e per il 55% a carico dell’associante.
  • Professionisti senza cassa professionale: l’obbligo di versamento dei contributo è a capo esclusivamente del lavoratore, fatta salva la facolta di rivalsa nella misura del 4% dei compensi lordi.

Come si effettua l’iscrizione alla gestione separata

L’iscrizione alla Gestione separata deve essere svolta dal lavoratore autonomo da se stesso, mentre per i lavoratori parasubordinati, l’iscrizione è a cura del datore di lavoro. L’iscrizione avviene esclusivamente per via telematica accedendo attraverso le proprie credenziali INPS. Per ottenere le credenziali INPS occorre registrarsi al sito. All’interno della sezione “Servizi per il cittadino” si trova la voce Iscrizione Gestione Separata INPS; una volta effettuato l’accesso occorre indicare la tipologia d attività svolta (autonoma o parasubordinata). Il lavoratore autonomo deve indicare la data di inizio dell’attività e il codice dell’attività, lo stesso comunicato in fase di apertura della partita IVA.

Il lavoratore parasubordinato, invece, deve indicare solo la data di inizio dell’attività. L’iscrizione è automatica e viene subito rilasciata una ricevuta attestante l’avvenuta iscrizione. L’iscrizione si effettua una sola volta anche se l’attività viene interrotta e ripresa più volte.

L’iscrizione alla gestione separata INPS deve essere effettuata entro 30 giorni dall’inizio dell’attività lavorativa.





Potrebbe interessarti

Lavoro interinale: normativa e giurisprudenza

contratto di lavoro interinale

Le Agenzie per il lavoro sono imprese private dedicate alla somministrazione di lavoro interinale, ovvero prestazioni lavorative di carattere temporaneo. Questa tipologia è stata introdotta in Italia nel 1977; la normativa per il lavoro interinale ha subito svariate modifiche sino alla cosiddetta Legge Biagi . La L. 30/2003, inoltre, è quella che autorizza proprio queste agenzie.

Leggi tutto...

Pensione Inpdap: come effettuare il calcolo e come richiederla?

Dal momento di riforma del sistema previdenziale italiano, anche l'Inpdap si è adeguata alla grande differenziazione tra previdenza obbligatoria e previdenza complementare.

Leggi tutto...

Regime fiscale “forfettino”: tutti i vantaggi!

 

Il regime fiscale agevolato riconosciuto ai possessori di Partita IVA è anche detto forfettino.

Leggi tutto...

Come presentarsi ai colloqui di lavoro? Non solo consigli sull'abbigliamento!

Che avvenga per email o per telefono, la prima comunicazione con l'azienda costituisce il primissimo momento della valutazione del candidato. È opportuno, durante queste comunicazioni, essere esaustivi e non dimenticare tutti i dati relativi a contatti e dati anagrafici.

Leggi tutto...

Licenziamento a tempo indeterminato: conosci i casi e le procedure per attivarlo?

Prima di parlare del licenziamento a tempo indeterminato è necessario ricordare che il contratto a tempo indeterminato è disciplinato dall'art. 2094 del Codice Civile che, all’Art. 2094, definisce questo tipo di lavoratore come “prestatore di lavoro subordinato chi si obbliga mediante retribuzione a collaborare nell'impresa, prestando il proprio lavoro intellettuale o manuale alle dipendenze e sotto la direzione dell'imprenditore”.

Leggi tutto...

I più condivisi

Il recupero crediti: come funziona?

il lavoro del recupero crediti

L'attività di recupero crediti consente ad aziende e privati di essere tutelati nei loro diritti, consentendo infatti l'incasso di un credito che non è stato possibile ottenere.

Leggi tutto...

Libero professionista: scopriamo questa figura lavorativa

Il libero professionista è colui che, dopo aver acquisito determinate nozioni di natura pratica e intellettuale mediante specifici percorsi di studio e formazione, offre le sue prestazioni professionali per uno o più committenti.

Leggi tutto...

Testo Legge Biagi: la piaga dei contratti a progetto

testo di legge biagi

La legge 30, nota anche come Legge Biagi in riferimento ad uno dei giuslavoristi che hanno contribuito alla sua stesura, è stata promulgata nel febbraio del 2003, e si occupa di Delega al Governo in materia di occupazione e mercato del lavoro.

Leggi tutto...

Quota 100: tutto sul progetto rilanciato dal M5s

Imagine esemplificativa che rimanda alla quota 100

Con il termine Quota 100 si intende la proposta diretta ad anticipare l'età pensionabile dei lavoratori che sono regolarmente iscritti ai fondi di previdenza che gestisce l'assicurazione generale obbligatoria, ovvero l’AGO; alle gestioni speciali dei lavoratori autonomi, alla gestione separata per i fondi sostitutivi e per quelli esclusivi dell'assicurazione generale obbligatoria. 

Leggi tutto...

Turni di lavoro e del riposo settimanale: parte integrante di un piano d'Impresa

turni di lavoro

In base all’art. 1, comma 2, lett. b), D.Lgs. n. 66/2003 si intende per “periodo di riposo” qualsiasi periodo che non rientra nell’orario di lavoro (pause, riposi giornalieri, riposi settimanali, ferie). Il riposo giornaliero, in base a tale decreto legislativo, consiste nel diritto del lavoratore a 11 ore di riposo consecutivo ogni 24 ore, ad eccezione:

Leggi tutto...

Leggi anche...

Rinnovo contratto bancari: cosa cambia

rinnovo contratti bancari

Sono tante le persone alla ricerca di un lavoro ogni giorno; tutti puntano a trovare quello idoneo alle proprie esigenze, alle proprie competenze e affine agli studi effettuati in precedenza. 

Leggi tutto...

Leggi anche...

Il contratto collettivo nazionale per i pubblici servizi

Il Contratto Collettivo Nazionale del Lavoro dei Pubblici Servizi è un documento fondamentale che definisce i rapporti lavorativi tra datori di lavoro, lavoratori e categorie sindacali che operano in questo settore.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Rinnovo contratto bancari: cosa cambia

rinnovo contratti bancari

Sono tante le persone alla ricerca di un lavoro ogni giorno; tutti puntano a trovare quello idoneo alle proprie esigenze, alle proprie competenze e affine agli studi effettuati in precedenza. 

Leggi tutto...
Go to Top