Chi si appresta a trovare un lavoro, soprattutto nei casi in cui si è giovani e si cerchi il primo impiego, deve conoscere bene tutte le dinamiche contrattuali presenti attualmente in Italia. Negli ultimi anni l'Italia ha imboccato un cammino difficile, in salita. Il lavoro scarseggia e non sempre la competenza paga a sufficienza. Ecco perchè occorre essere informati al 100% nel momento in cui si affronta un colloquio di lavoro e/o si viene assunti. Di seguito un approfondimento che speriamo vi schiarirà le idee.

Esistono infatti contratti di lavoro diversi quali autonomi, subordinati, co.co.pro, di collaborazione occasionale e anche contratti di lavoro parasubordinati. È bene dunque sapere prima a cosa si va incontro e firmare un contratto di lavoro che meglio si adatti alle esigenze e alle competenze lavorative del singolo.

Le caratteristiche del lavoro parasubordinato

I contratti di lavoro parasubordinati si collocano a metà strada tra le tipologie di lavoro autonomo e subordinato. Vengono dunque firmati soprattutto nei casi di lavoratori a progetto e di collaboratori occasionali, con tipologie di prestazione che abbiano la caratteristica principale della continuità.

Parasubordinato e INPS

I contratti di lavoro di questo tipo, prevedono inoltre l’iscrizione alla Gestione Separata dell’Inps e il versamente di un onere contributivo. La contribuzione dei lavoratori va pagata secondo l’aliquota del 26,72%; se non si possiede ancora la pensione o si è dei lavoratori non iscritti ad altre casse previdenziali; è invece del 17% nel caso in cui si fosse titolari di pensione o iscritti presso casse previdenziali.

Le indennità dei contratti parasubordinati

caratteristiche di un contratto parasubordinato

I lavoratori con contratti di lavoro parasubordinati e iscritti alla Gestione Separata dell’Inps hanno inoltre diritto all’indennità di maternità all’indennità di malattia, nonché agli assegni per il nucleo familiare.

Per concludere, questa tipologia di rapporto di lavoro viene regolamentata dal decreto legislativo numero 276 del. 10 settembre 2003 e dalla Legge numero 30 del 14 febbraio 2003. I lavoratori con contratti di lavoro parasubordinato devono inoltre possedere un’assicurazione presso l’Inail.

Per i collaboratori a progetto esistono infine alcune forme sperimentali di sostegno al reddito; da esse sono invece escluse le altre tipologie di lavoratori di cui stiamo parlando, e coloro che possiedono la partita IVA.

Lavoro parasubordinato e contratti a progetto

La riforma Fornero del mercato di lavoro, che ha preso corpo nella legge 92/2012, ha attuato delle modifiche su quello che è possibile considerare come la forma principale di lavoro subordinato, ovvero il cosiddetto contratto a progetto. Tale intervento è servito a disciplinare al meglio questa formula contrattuale, onde evitare un uso improprio dello stesso da parte di aziende e datori di lavoro.

Questo ha significato inserire delle norme che portassero i datori di lavoro a utilizzarlo il meno possibile (attraverso anche un maggior peso di contributi), nonché a darne una definizione migliore rispetto a quanto formulato dalla precedente riforma denominata Biagi, del 2003.
In questo modo, il progetto diventa il principale strumento per cui considerare il contratto di collaborazione parasubordinata.

La definizione di progetto

Stando dunque alla riformulazione della normativa, un lavoro di questo tipo viene considerato tale solo alla presenza di un determinato progetto (o anche più di uno) impostato dal committente e gestito, in maniera del tutto autonoma, dalla persona scelta per la collaborazione.

Le caratteristiche dunque di questa tipologia di lavoro parasubordinato devono essere innanzitutto l'individuazione di un risultato finale (obiettivo) a cui il contratto è direttamente connesso.

Durante il periodo di collaborazione, il lavoratore non è portato a svolgere una serie di compiti considerabili come puramente ripetitivi o esecutivi, e si deve coordinare con il responsabile dell'organizzazione che ha commissionato il lavoro.

Infine, un lavoro di questo tipo non è connesso a orari prestabiliti: il lavoro è del tutto legato all'obiettivo e non ai tempi necessari per la sua realizzazione (in pratica non esiste un preciso orario di lavoro).

Una volta definite le caratteristiche del progetto, il contratto può essere scritto e stipulato in forma scritta, e non deve mancare di una serie di requisiti.
Bisogna indicare la durate della collaborazione, descrivere il tipo di progetto partendo dal contenuto e dai risultati da ottenere.
Vanno indicati anche il corrispettivo economico e tutte le informazioni su tempi e modi di pagamento, nonché eventuali rimborsi.
Non devono mancare anche indicazioni sulla tutela della salute e della sicurezza del lavoratore parasubordinato.



Potrebbe interessarti

Contratto a progetto: le caratteristiche

firmare un contratto a progetto

Il contratto a progetto (co.co.pro.) sono anche detti contratti di collaborazione per programma e sono una tipologia di contratto di lavoro disciplinata dal D. Lgs. n. 276/2003, c.d. Legge Biagi. I co.co.pro. definiscono il lavoratore non come un dipendente, ma un collaboratore autonomo.

Leggi tutto...

Autocandidatura: come proporre la propria candidatura di lavoro

come fornire un autocandidatura

L’era di internet permette diverse modalità di candidatura delle offerte di lavoro. Nel caso la propria candidatura sia in risposta ad un annuncio di lavoro è possibile inviare il proprio curriculum vitae e la lettera di accompagnamento via mail.

Leggi tutto...

Calcolo della tredicesima per la badante

Coloro che svolgono lavori domestici, come le colf e le badanti devono essere regolarizzate, soprattutto se provenienti da Paesi esteri, per poter esercitare tale professione senza problemi.

Leggi tutto...

Tredicesima mensilità: come si calcola (in base alla tassazione)

calcolare la tredicesima

La tredicesima mensilità è nata con il con il contratto collettivo nazionale di lavoro 5 agosto 1937 e nel 1960, con il Decreto Presidente della Repubblica n. 1070, è diventato un diritto di tutti i lavoratori dipendenti, sia con contratto a tempo indeterminato che a tempo determinato.

Leggi tutto...

Modello curriculum tedesco: per chi cerca lavoro in Germania

bandiera tedescaCome scrivere un curriculum? Quanti di voi si pongono questa domanda? Non è difficile scrivere un curriculum vitae se si tengono a mente delle semplici regole di base, la difficoltà sta nel saper comunicare di essere la persona ideale per la posizione ricercata, esprimere il proprio interesse e far emergere le proprie competenze attraverso un foglio. Scrivere un buon curriculum, questo è difficile.

Leggi tutto...

I più condivisi

Lavoro Cuoco: le mansioni, i requisiti e le offerte di lavoro online

Non si tratta di un lavoro in cui si svolge semplicemente un'attività...il cuoco è anche un pò un'artista che colpisce i commensali tra combinazioni speciali di gusti e una straordinaria mes en place.

Leggi tutto...

Contratto a progetto: le caratteristiche

firmare un contratto a progetto

Il contratto a progetto (co.co.pro.) sono anche detti contratti di collaborazione per programma e sono una tipologia di contratto di lavoro disciplinata dal D. Lgs. n. 276/2003, c.d. Legge Biagi. I co.co.pro. definiscono il lavoratore non come un dipendente, ma un collaboratore autonomo.

Leggi tutto...

Sedi sindacati Roma: CGIL CISL e UIL

In questa pagina riportiamo la testimonianza di una nostra lettrice. Salve, mi chiamo Loredana, ho 31 anni , sono stata assunta a parole tramite un annuncio che avevo inserito a maggio su un portale di annunci di lavoro, io vengo da Palermo, la persona che mi ha contattata mi ha chiesto di trasferirmi a settembre.

Leggi tutto...

Globalizzazione economica: positiva o negativa?

Anche le dinamiche lavorative e i rapporti di lavoro stessi sono ormai cambiati vertiginosamente, per stare al passo con i tempi. Uno dei fattori sicuramente dominanti in questo periodo di grossi cambiamenti a livello globale è sicuramente la globalizzazione economica, che porta ad un aumento repentino degli scambi e delle fusioni economiche tra tutte le Nazioni del Mondo.

Leggi tutto...

Mobilità dei lavoratori: disciplina e normative

La mobilità è disciplinata dalla legge 223/91 e rappresenta un particolare tipo di allontanamento dall'attività lavorativa che riguarda un gruppo di lavoratori. La Riforma Fornero, tuttavia, prevede una modifica della normativa: dal 2016, quest'istituto sarà sostituito dall'Assicurazione Sociale per l'Impiego (Aspi) che tenta di livellare tutte le distinzioni fra i vari livelli di tutela sul lavoro.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Il patto di prova: orientamento della giurisprudenza

Il patto di prova è il periodo antecedente all'inizio vero e proprio del contratto di lavoro. Durante questo periodo entrambe le parti possono recedere dal contratto. 

Leggi tutto...

Leggi anche...

Il periodo di prova: conosci questa opportunità?

In un momento anteriore o contestuale all'inizio del rapporto di lavoro, le parti possono definire per iscritto un periodo di prova. Lo scopo è quello di consentire al datore di lavoro e al dipendente di valutare il rapporto di lavoro.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Trovare lavoro sul web? Ecco dove e come cercare

La ricerca del lavoro è una missione, un’attività importante che conduce al sondare, vagliare e verificare tutte le offerte di lavoro che si trovano su inserzioni, giornali e canali specializzati, e – nell’era digitale – la ricerca si estende sul web. Ma come trovare lavoro sul web in modo efficace, ma anche rapidamente?

Leggi tutto...
Go to Top