Il condono fiscale rappresenta un dispositivo di legge che si fissa l’obiettivo di andare a sanare dei comportamenti irregolari o illeciti dei contribuenti e, in particolare, riguarda gli errori fatti nelle dichiarazioni dei redditi.

Quest’anno la pace fiscale verrà inserita nel decreto fiscale connesso alla Legge di Bilancio 2019 con l’obiettivo, per il Governo, di incassare 3,5 miliardi di euro circa. La pace fiscale, che si può anche definire “flat tax-dichiarazione integrativa” è rivolta a coloro che non hanno dichiarato i redditi fra il 2013 e il 2017. In questo caso, si prevede la possibilità di effettuare una dichiarazione integrativa sino al 30 per cento e con un tetto fissato a centomila euro; l’aliquota, invece, sarà al 20% sul maggiore imponibile Irpef che è stato dichiarato nei precedenti cinque anni.

Questo decreto fiscale 2019 è veramente una delle misure fra le più importanti della Legge di Bilancio 2019 approvata dal governo Lega e Movimento 5 stelle.

Che cosa è prevista nella pace fiscale della manovra di governo 2019

Immagine esemplificativa che rimanda alla pace fiscale

Al Consiglio dei ministri, quindi, è stato raggiunto questo accordo sulla pace fiscale: ribadiamo che sarà prevista l’aliquota al 20% per sanare il pregresso di coloro che hanno già presentato una dichiarazione dei redditi. Inoltre, si potrà decidere per la suddetta dichiarazione integrativa per fare emergere sino ad un massimo del 30% in più rispetto alle cifre già dichiarate e, il tutto, comunque entro il tetto dei centomila euro.

Per far diminuire il contenzioso, inoltre, si potranno sanare le cause con il fisco versando senza sanzioni né interessi il 20% di ciò che non si dichiarato in 5 anni nel caso di vittoria dei contribuenti in secondo grado oppure il 50% per la vittoria in primo grado. È in arrivo anche un condono per le mini cartelle al di sotto dei mille euro fra il 2000 e il 2010.

Il premier Conte ha sostenuto che non ci sarà nessun condono, bensì delle definizioni agevolate che andranno a mantenere le promesse annunciate nel rispetto dei tempi previsti.

La pace fiscale, inoltre, prevede la rottamazione delle cartelle, una chiusura agevolata delle liti pendenti, e una sanatoria vera e propria per i redditi non dichiarati degli ultimi 5 anni.

Per quanto riguarda la rottamazione delle cartelle, questa dovrebbe riguardare i debiti sino a 500mila euro e prevede di pagare i debiti in 10 rate dilazionate su 5 anni.

Per le controversie pendenti con l’AdE, invece, il decreto prevede la possibilità di eliminare i contenziosi pendenti versando un valore pari a quello della controversia che si riduce in caso di una soccombenza in giudizio del Fisco.

I contribuenti che hanno contratto debiti con l’Agenzia delle Entrate potranno beneficiare della pace fiscale versando soltanto una percentuale della cartella. Lo specifico importo da pagare si calcola singolarmente su ogni soggetto che aderisce alla suddetta procedura.

In previsione ci sono anche tre differenti aliquote di pagamento: 6%, 10% e 25%, a seconda del reddito.

Le cartelle che sono ammesse alla nuova rottamazione si riferiscono al periodo fra il 2000 e il 31 dicembre 2017, invece, per quanto riguarda l’argomento della definizione agevolata delle controversie tributarie, in questo caso, saranno ammesse le liti fiscali dove è stato notificato alle controparti il ricorso di primo grado entro il 30/09/2018.

In sostanza, questo prevede che tale decreto fiscale, dia la possibilità di versare l’importo dovuto a delle condizioni più vantaggiose, prive di sanzioni e interessi.

La pace fiscale 2019 coinciderà altresì con una riduzione delle imposte ma la misura non avrà la finalità di condono ma lo scopo di andare incontro al contribuente che, seppur volendo, non potrebbe pagare il proprio debito a causa dei problemi economici o fallimenti.

Parliamo di tempistiche

La pace fiscale entrerà in vigore a partire dal 2019, in base alle tempistiche che saranno specificate nel decreto fiscale della Legge di Bilancio 2019.

Le entrate previste dal governo sono circa 3,5 miliardi di euro e serviranno per avviare la flat tax, che in questo 2019 riguarderà le partite IVA e le imprese, mentre dal 2020 sarà estesa anche alle famiglie.

Infine, entro il 30/04/2019 si dovrà presentare la domanda per la rottamazione delle cartelle ed entro il 16/05 si dovrà richiedere l’adesione alla definizione agevolata per le liti fiscali.



Potrebbe interessarti

Astensione obbligatoria: un diritto delle mamme lavoratrici

Futura mamma lavoratrice: l'astensione obbligatoria

L’astensione obbligatoria è un diritto a tutela delle lavoratrici in “dolce attesa”.

Leggi tutto...

La Comunicazione di Licenziamento della Colf

comunicazione di licenziamento alla colf

I lavoratori addetti ai servizi domestici sono denominati colf, ovvero collaboratori familiari. Possono svolgere varie mansioni presso il datore di lavoro domestico: camerieri, badanti, cuochi, giardinieri, baby sitter, precettori.

Leggi tutto...

Calcolo della pensione contributiva: chi ne ha diritto? A quale età?

Il precedente tipo di calcolo, basato su una formula retributiva, considerava unicamente la media delle somme versate negli ultimi 5-10 anni di attività lavorativa (solitamente le più alte), ha portato come risultato alla messa in crisi del meccanismo, con la collettività che si è trovata a sostenere spese difficilmente quantificabili.

Leggi tutto...

Calcolo dello stipendio netto: saper interpretare la tua retribuzione

Il calcolo del nostro stipendio (il valore netto) è un'attività da compiere in fase preventiva rispetto alla firma di un qualsiasi contratto di lavoro. Può succedere infatti che, durante il colloquio di lavoro o addirittura al momento della firma del protocollo d'intesa, i termini contrattuali non siano del tutto chiari. 

Leggi tutto...

Contratto nazionale edilizia: retribuzione e ferie

contratto nazionale edilizia

Il CCNL relativo ai lavoratori edili è stato rinnovato . Vediamo in sintesi quali sono le caratteristiche principali relative al contratto nazionale di questo settore, nato dall'accordo fra ANCE, Feneal UIL, Filca CISL e Fillea CIGL. Ogni triennio è prevista chiaramente una nuova riformulazione, per cui si rimanda al triennio in questione per verificare tutti gli aggiornamenti del caso.

Leggi tutto...

I più condivisi

Modulo Social Card: tutte le informazioni

Per i cittadini che ne fanno domanda e che hanno i requisiti di legge (D.L. n. 112 del 2008) è disponibile una Carta Acquisti utilizzabile per il sostegno della spesa alimentare, sanitaria e il pagamento delle bollette della luce e del gas.

Leggi tutto...

Disoccupazione: requisiti ridotti

Si definisce disoccupazione, la condizione in cui si trovi un soggetto in età di lavoro che non sia una forza attiva nel mondo del lavoro.

Leggi tutto...

Lavoro occasionale: conosciamone la normativa

ricerca di un lavoro occasionale

Rispetto al lavoro di tipo accessorio, il lavoro di questo genere prevede l'assenza di continuità e coordinamento lavorativi; non è previsto il versamento di contributi e non è indispensabile istituire la partita IVA, perché la retribuzione dipende da una ritenuta d'acconto pari al 20%.

Leggi tutto...

Gestione stabilimento balneare

Con l'arrivo dell'estate, sono molti, soprattutto giovani, che decidono di affidarsi ai lavori stagionali per guadagnare qualcosa almeno durante il periodo estivo. Un lavoro molto richiesto e interessante è infatti quello della gestione di uno stabilimento balneare.

Leggi tutto...

Concorsi statali, pubblici e regionali: una guida davvero completa che non puoi perdere!

cercare concorsi pubblici

In quanti ambiscono un lavoro nel settore pubblico? Perché il tanto ambito posto fisso oggigiorno è così importante per la tranquillità lavorativa? I concorsi statali - pubblici rappresentano per molti un’occasione per accedere lavorativamente nella P.A e guadagnarsi così un contratto a tempo indeterminato.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Permesso di lavoro: tipologie e richieste

Per motivi di diversa natura, il lavoratore è spesso costretto a richiedere dei determinati periodi di assenza dal lavoro, al di fuori delle ferie stabilite e che gli spettato. Questo tipo di astensioni dall’attività lavorativa vengono chiamati permessi lavoro.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Mediatori Creditizi

Il compito dei mediatori creditizi è quello di mettere in contatto istituti di credito, come le banche e gli intermediari finanziari, con il cliente sia esso persona fisica o giuridica. Solitamente l’utente si rivolge ai mediatori creditizi al fine di ricevere un aiuto per ottenere un finanziamento, un prestito o un mutuo.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Dichiarazione redditi: 730 o modello Unico? Scopri le differenze

La dichiarazione dei redditi è lo strumento fiscale con cui il contribuente dichiara i propri redditi e ne corrisponde i tributi al fisco. In base al D.P.R. 600/73, la dichiarazione redditi è un atto pubblico che può essere consultato gratuitamente. 

Leggi tutto...
Go to Top